Ch 5 Atti

Atti di l'Apòstuli 5

5:1 But a certain man named Ananias, with his wife Sapphira, sold a field,
5:2 and he was deceitful about the price of the field, with his wife’s consent. And bringing only part of it, he placed it at the feet of the Apostles.
5:3 Ma Petru disse:: "Ananias, why has Satan tempted your heart, so that you would lie to the Holy Spirit and be deceitful about the price of the land?
5:4 Did it not belong to you while you retained it? And having sold it, was it not in your power? Why have you set this thing in your heart? You have not lied to men, but to God!"
5:5 Then Ananias, upon hearing these words, fell down and expired. And a great fear overwhelmed all who heard of it.
5:6 And the young men rose up and removed him; and carrying him out, they buried him.
5:7 Then about the space of three hours passed, and his wife entered, not knowing what had happened.
5:8 And Peter said to her, "Dimmi, woman, if you sold the field for this amount?"È Rispose, "Iè, for that amount.”
5:9 And Peter said to her: “Why have you agreed together to test the Spirit of the Lord? eccu, the feet of those who have buried your husband are at the door, and they shall carry you out!"
5:10 subitu, she fell down before his feet and expired. Then the young men entered and found her dead. And they carried her out and buried her next to her husband.
5:11 And a great fear came over the entire Church and over all who heard these things.
5:12 And through the hands of the Apostles many signs and wonders were accomplished among the people. And they all met with one accord at Solomon’s portico.
5:13 And among the others, no one dared to join himself to them. But the people magnified them.
5:14 Now the multitude of men and women who believed in the Lord was ever increasing,
5:15 so much so that they laid the infirm in the streets, placing them on beds and stretchers, cusì, as Peter arrived, at least his shadow might fall upon any one of them, and they would be freed from their infirmities.
5:16 But a multitude also hurried to Jerusalem from the neighboring cities, carrying the sick and those troubled by unclean spirits, who were all healed.
5:17 Allora u suvranu sacrificadore, è tutti quelli chì èranu cun ellu, hè, u setta uiui di u sadduceus, s'arrizzò è pieni incù ghjilosu.
5:18 È si chjinò e mani nantu à i dei, e si li misi a lu carciari cumune.
5:19 Ma in la notte,, un ànghjulu di u Signore, rapiu li porti di lu carciari e li purtau fora, dicendu:,
5:20 "Vai è tengu in lu tèmpiu, parlà à u pòpulu, tutte ste parolle di a vita ".
5:21 È quandu ch'elli avìanu intesu stu, si intria in lu tèmpiu, a prima di luce, è ch'elli eranu insignava. Allora u suvranu sacrificadore, è quelli chì èranu cun ellu, s'avvicinò, è si chjama nsemmula lu cunzigghiu è tutti l'anziani di i figlioli d'Israele. È u mandonu à a prigiò a sò li purtò.
5:22 Ma quandu i amici avianu ghjuntu, e, nantu à crea u prigiò, Ùn li avia trovu, si ne vultonu, è hà dettu chì a li,
5:23 dicendu:: "Avemu trovu a prigiò di sicuru scoppu su incù tutti i cosa, è i guardi, standing nanzu à a porta. Ma nantu à crea lu, avemu trovu nimu ind'a ".
5:24 Allora, quandu u magistratu di u tèmpiu, è i principali sacrificadori intesu ste parolle, eranu ncertu circa li, comu a chiddu ca avissi a succediri.
5:25 Ma un omu ghjuntu è hà dettu chì a li, "Eccu!, l '' omi chì tù trovi in ​​prigiò sò in u tempiu, standing, è insignava à u pòpulu ".
5:26 Allura lu jurici, incù l 'amici, si n'andò, è li purtò senza forza. Per ch'elli èranu a paura di u pòpulu, paura chì si pò ali.
5:27 È, quand'elli li avia purtatu, ch'elli li vitti davanti à u tribunale. E lu suvranu sacrificadore li dumanda,
5:28 è disse:: "Avemu assai vi dicu micca à insignà in stu nomu. Perchè eccu, vi sò pienu di Ghjerusalemme, cù u vostru duttrina, è voi vulete à fà u sangue di issu omu nantu à noi. "
5:29 Ma Petru è i apóstuli emi da dicendu:: "Hè necessaria à ubbidì, à Diu, più tantu di l 'omi.
5:30 U Diu di i nostri babbi, hà risuscitatu à Ghjesù, cui vi mette à a morte da attaccatu nant'à un arvulu.
5:31 Hè iddu chì Diu hè innalzatu à a so manu destra comu supremu e Sarvaturi, accussì comu a offre lu pintimentu e lu rimissione di i piccati a Israel.
5:32 È noi sò tistimonii di sse cose, cu lu Spiritu Santu, chì Diu hà datu à tutti quelli chì sò ubbidienti a iddu. "
5:33 Quandu ch'elli avìanu intesu ste cose, ch'elli eranu assai ferita, e si preparanu a li mette à a morte.
5:34 Ma calchissia in lu cunzigghiu, un Fariseu, chjamatu Gamaliel, un maestru di u drittu unuratu da tutti i populi, s'arrizzò è urdinò a ghjente à esse messi fora di tempu.
5:35 È li disse:: "Men di Israel, tu avissi attenti à a vostra scopi circa sti omi.
5:36 Per davanti à sti ghjorni,, Theudas pistari avanti, affirmannu ellu stessu à esse calchissia, è un numeru di l'omi, circa quattru centu, in intro cun ellu. Ma ellu fù ammazzatu, è tutti quelli chì crèdenu in lu sò stati, e si riduci à nudda.
5:37 Dopu à issu unu, Judas a Galileu pistari avanti, in i ghjorni di u cuntrollu, e si girava u pòpulu versu sè stessu. Ma ellu dinù cadiri, è tutte e di li, cum'è tanti comu avia in intro cun ellu, vènunu caricati.
5:38 È avà dunque, A vi dicu à voi, ritirava da issi omi è li lasciarà solu. Per se stu pinseri, o travagliu è di l'omi, si vi pò ruttu.
5:39 ma in verità, s'ellu si tratta di Diu, tù ùn sarà capaci di a rumpiri lu, e forse vi pudia esse trovu a sò luttò contru à Diu. "È si accordu cun ellu.
5:40 E li chiacchiari in i apóstuli, ad avè li sbattuta, si liticava micca di parlà à tutti in u nome di Ghjesù. E iddi li licinziau.
5:41 è infatti, ch'elli iscì da la prisenza di u tribunale, aligria ch'elli eranu degni di soffre favurizatu u nomi di u nome di Ghjesù.
5:42 È ogni ghjornu, in lu tèmpiu, è à mezu à a campagna, ch'elli ùn finisci à insignà è di evangelize Cristu.