Ch 9 Atti

Atti di l'Apòstuli 9

9:1 avà Saul, rispirendu sempre minacce è ancu duvìani contru à i so discìpuli di u Signore,, si n'andò à u suvranu sacrificadore,
9:2 e cci ficiru prissioni di lettere di l 'sinagoghe, in Damascu, cusì, s'ellu ùn trova ogni omi o donne, appartèniri a sta sempre, Ghjesù li putìa cumannari cum'è prigiuneri à Ghjerusalemme.
9:3 E comu cci fici lu viaggiu, memoria ch'ellu era digià Damascu. è di colpu,, una luce da u celu ddu vecchiareddu intornu à ellu.
9:4 È si lampò à a terra,, si 'ntisi' na vuci dicendu à u, "Saul, Saul, perchè sò à mè tù parsicuteghji?"
9:5 È li disse:, "Quale sì, Lord?"È: "Sò Ghjesù, cui vi sò parsicuteghji. Hè difficiuli di voi à arpià contru à i spinzoni ".
9:6 Eppo, trimannu e spaventu, dissi, "Signuri, chi voli à mè à fà?"
9:7 È u Signore li disse:, "Arrìzzati, è vai in la cità, è ùn vi sarà dettu ciò chì vi devu a fari. "Avà a ghjente chì èranu accumpagnavanu u foru si tense stupefied, sente veramente una voce, Ma postu chì nimu.
9:8 Allora Saul s'arrizzò di a terra,. È nantu à crea i so ochji, vitti nenti. So ellu, mener, da a manu, si purtò in Damascu.
9:9 È in chì locu, ch'ellu era senza a vista di trè ghjorni, è si nè manghjatu nè betu.
9:10 Avà ùn ci hè statu un Damascu unu discipulu, nomini Ananias. È u Signore li disse in una visione, "Ananias!"È li disse:, "Ccà sugnu, Signuri. "
9:11 È u Signore li disse:: "Arrìzzati, è vai in lu carrughju chì hè chjamata Tintarella, è cercanu, in a casa di Ghjuda, l 'unu chjamatu Saul di Tarsu. Perchè eccu, ch'ellu hè pricava. "
9:12 (È Paul vide un omu chjamatu Ananias intria è imponi manu nantu ad ellu, tantu ca si putissi riceve i so ochji.)
9:13 Ma Ananias emi: "Signuri, Aghju intesu da parechji di st'omu, quantu u male ch'ellu hà fattu à a vostra santi in Ghjerusaleme.
9:14 È ch'ellu hà autorità quì da i capi di i sacrificadori per lià tutti quelli chì invoke u vostru nomu. "
9:15 Allora u Signore li disse:: "Vai, per issu unu hè un strumentu sceltu da mè à pòrtanu mio nome nanzu nazioni è rè è i figlioli di Israele.
9:16 For I vi palesani a iddu quantu si deve soffre u nomi di u mio nome. "
9:17 E Ananias partutu. È Ghjesù intrì in la casa. È imposta u so manu nantu ad ellu, dissi: "Fradi miu Saul, u Signore Ghjesù, quellu chì affaccatu à voi nantu à a strada da quali vo capiti, m'hà mandatu cusì chì vo vi ghjunghjerà u to ochji è esse pienu di u Spìritu Santu. "
9:18 e subitu, era comu si sfarenti avia falatu da i so ochji, e si pigghiau a so ochji. E svighjatu, ch'ellu fù battezu.
9:19 E quannu iddu avia pigliatu un piattu, ch'ellu fù cunfurtà. Avà ch'ellu hè cù i so discìpuli chì era in Damascu per qualchi ghjorni,.
9:20 È ch'ellu fù permanenza annunziava à Ghjesù in le sinagoghe: ch'ellu hè u Figliolu di Diu.
9:21 È tutte e chi sintì era u spaventu, e iddi rissiru:, "Ghjè stu micca quellu chì, in Ghjerusaleme, fù a lotta contr'à quelli chì invoking stu nomu, è chi vinni cca di stu: tantu ca si li putissi purtari via di i capi di i sacrificadori?"
9:22 Ma Saul hè crisciuta à una grande arrìvanu a capacità, e accussì fu cunfusi i Ghjudei chì stàvanu in Damascu, da rinfurzà ch'ellu hè u Cristu.
9:23 È quandu sò compie parechji ghjorni, i Ghjudei, pigliò u cunsìgliu cum'è una, tantu ca si cci putissi mette à a morte.
9:24 Ma u so Rusulaghju fù cunnisciuta a Saul. Avà ch'elli sò dinù veghjanu da i porti, ghjornu è a notte, tantu ca si cci putissi mette à a morte.
9:25 Ma i discìpuli, ripiglià u luntanu da a notte, mandò più di u muru da ellu lasciava falà in un spurtellu.
9:26 È quandu era ghjuntu in Ghjerusaleme, si cuntinuava pruvari a abbuliassi à i so discìpuli. È eranu tutti a paura di u, micca cridutu ch'ellu era un discìpulu.
9:27 Ma Barnaba pigliavanu di latu e ci purtò à i apóstuli. Eppo ci spiega a iddi comu cci avia vistu u Signore,, è chì avia parlatu à u, è cumu, in Damascu, ch'ellu avia agitu distingués in lu nomu di Cristu.
9:28 È ch'ellu era cun elli, intrendu e movendi Jerusalem, è agiscenu distingués in lu nome di u Signore,.
9:29 Fù dinù di parlà cù i nazioni è litichendu cu li greci. Ma ch'elli circonu à tumballu.
9:30 E quandu i fratelli erani avvisti stu, si purtò a Cesarea, è u mandò via di Tarsu.
9:31 sicuru, la Cresia avutu a pace in tutta a Ghjudea è a Galilea, e Samària, e lu statu fù custruitu u, mentri caminava in lu timore di u Signore,, e lu statu esse pienu di a cunsulazione di u Spiritu Santu.
9:32 Allora si hè accadutu chì Petru, mentri lu giru di ddà, ghjuntu à i santi chì èranu vivant Lidda.
9:33 Ma ellu ùn ci trovu un omu, nomini Enea, chì era una paralìticu, chì era statu messu in lettu, di ottu anni.
9:34 È à Petru li disse:: "Enea, u Signore Ghjesù Cristu ti guarisce. Arrìzzati, è acconcianu u to lettu. "E 'istante s'arrizzò.
9:35 È tutti quelli chì èranu vivono in Lidda e Sharon vide, è ch'elli eranu cunverta à u Signore,.
9:36 Avà in cità ùn ci hè statu un discipulu de nomini Tabitha, chì a traduzzione hè chjamata facia. Idda era china cu lu bonu travagghi e almsgiving ch'edda fù accomplishing.
9:37 E lu successu chì, in quelli ghjorni, idda addivintò mali e muriu. E quand'elli so lavò, ch'elli a so messa in una stanza suprana.
9:38 Ora siccomu Lidda hè vicinu a cità, i so discìpuli, nantu à sente chì Petru ùn ci, mandò dui omi à u, chirendu: "Ùn si lenta à venir à noi."
9:39 tandu à Petru, svighjatu, si n'andò cù elli. È quandu era ghjuntu, ch'elli ci hà purtatu à una stanza suprana. È tutte e vèduve stati stannu attornu a iddu, pienti è mustrà u mantelli e panni chì facia avia fattu per elli.
9:40 E quannu si appi tuttu statu mandatu fora, Petru, ghjinochji, pricatu. È vultò à u corpu, dissi: "Tabitha, zitella. "È ch'ella aprì u so 'occhi e, nantu à veda à Petru, messe à pusà dinò.
9:41 È apre u so manu, iddu u so pisendu. E quannu iddu avia chjamatu à i santi è e vèduve, si prisintò viva.
9:42 Ora stu divintò cunnisciuta da tutti vinuti. E tanti cridutu à u Signore,.
9:43 E lu successu ch'ellu statu di parechji ghjorni, in cità, cù una certa Simon, un Tanner.