Ch 14 Luke

Luke 14

14:1 E lu successu chì, when Jesus entered the house of a certain leader of the Pharisees on the Sabbath to eat bread, they were observing him.
14:2 Ed eccu, a certain man before him was afflicted with edema.
14:3 e rispunniri, Jesus spoke to the experts in the law and to the Pharisees, dicendu:, “Is it lawful to cure on the Sabbath?"
14:4 But they kept silent. ma in verità, taking hold of him, he healed him and sent him away.
14:5 E rispunniri a iddi, dissi, “Which of you will have a donkey or an ox fall into a pit, and will not promptly pull him out, on the day of the Sabbath?"
14:6 And they were unable to respond to him about these things.
14:7 Then he also told a parable, to those who were invited, noticing how they chose the first seats at the table, dicendu à elli:
14:8 “When you are invited to a wedding, do not sit down in the first place, lest perhaps someone more honored than yourself may have been invited by him.
14:9 And then he who called both you and him, toltu, may say to you, ‘Give this place to him.’ And then you would begin, with shame, to take the last place.
14:10 But when you are invited, andà, sit down in the lowest place, cusì, when he who invited you arrives, he may say to you, 'Amica, go up higher.’ Then you will have glory in the sight of those who sit at table together with you.
14:11 For everyone who exalts himself shall be humbled, and whoever humbles himself shall be exalted.”
14:12 Eppo dinù disse à l 'unu cu l' avia invitatu: "Quandu tù priparà una merenda, o russu, ùn sceglie a chiamari tuoi amici, o di u to fratelli, o di u vostru parenti, o di u vostru circondu ricchi, paura chì forse si pudia tandu vi vene in canciu e repayment avissi fattu à voi.
14:13 Ma quandu vi priparà una festa, chiamari lu mischinu, u cacciatu, lu zoppu, è i cechi.
14:14 È voi vi esse benedettu perchè ch'elli ùn hannu un modu à rende micca voi. So dunque, u vostru ricumpensa hà da esse à a risurrezzione di i ghjusti ".
14:15 Quandu calchissia à pusà à tàvula cun ellu avia intesu sti cosi, Ghjesù li disse:, "Benedettu hè quellu chì hà da manghjà u pane in lu regnu di Diu."
14:16 Allura iddu cci dissi: "Un omu preparatu una gran festa, e si invitatu parechji.
14:17 È li mandò u so servitore, à l 'ora di a festa, à dì à u invitatu à vene; per avà tuttu hè prontu.
14:18 E subbitu si tutte e messe à scusassi. U prima disse:: 'I compru una tinuta, è aghju bisognu di andà fora, è vidarete. Vi dumandu a scusi mi '.
14:19 È un altru disse:: 'I compru cinque pastoghje di boi, è chè vocu à studià li. Vi dumandu a scusi mi '.
14:20 È un altru disse:, 'Aghju pigliatu una mòglia, e dunque ùn sò capaci di vai '.
14:21 è vultà, u servitore dettu ste cose à u so maestru. Allora u babbu, di a famiglia di, diventà arrabbiatu, disse à u so servitore: 'Andà fora prestu in i carrughji è quartieri di a cità. E purtari ccà, a lu poviru, e lu cacciatu, è i cechi, e lu zoppu '.
14:22 È u servitore disse:: 'It hè stata fatta, cum'è voi urdinatu, signore, è ci hè sempre stanza di '.
14:23 È u Signore disse à u servu: 'Andà fora di l' àutu e mure, e compel elli à entre, tantu chi la mio casa pò esse pienu.
14:24 Per ti dicu, chì nimu di quelli omi chì eranu invitati tastarà di a mio festa. "
14:25 Avà granni massi di viaggiu cun ellu. E girannusi versu, Ghjesù li disse::
14:26 "Sì qualchissia vene à mè, è ùn voglia u so babbu:, e mamma, è moglia, è i zitelli, è fratelli, e so surelle, è iè, ancu a so vita, Ghjesù ùn hè micca pudè esse u mio discìpulu.
14:27 È quellu chì ùn pò purtà a so croce, è vene dopu à mè, ùn hè capaci à esse u mio discìpulu.
14:28 Per chì à mezu à voi, liberà à custruì una torra, Ùn si prima pusà è definisce i spesi chì sò nicissarii, à vede s'ellu ùn hà i mezi à compie si?
14:29 altrimenti, dopu vi sò cuminciatu u fundamentu è micca stata capaci pi finiri lu, quellu chì vede si pò principià à mock ellu,
14:30 dicendu:: 'Stu' omu si messe à fà ciò ch'ellu ùn hè capaci à finiri. '
14:31 o, ciò chì, rè, avanzavanu à impegnà in a guerra contr'à un altru rè, Ùn si prima pusà è guardà s'ellu si pò esse in gradu, cù deci mila, à scuntrà quellu chì vene contr'à ellu incù vinti milla?
14:32 sè ùn, tandu, mentri l 'àutri hè sempre luntanu, mandà un imbasciata, cci avissi a dumanda di u nivellu di a pace.
14:33 dunque, ugnunu di voi chì ùn disprezza à tutti ch'ellu pussedi ùn hè capaci à esse u mio discìpulu.
14:34 Salt is good. But if the salt has lost its flavor, with what will it be seasoned?
14:35 It is useful neither in soil, nor in manure, so instead, it shall be thrown away. Quellu chì hà l'arechje per sente, làssalu à sente. "