Ch 5 Luke

Luke 5

5:1 Avà hè accadutu chì, quandu a ghjente cuntinuò versu u, tantu ca si putissi à sente a parolla di Diu,, ch'ellu fù stannu accantu à u lavu di Genesaret.
5:2 E vitti dui battelli debout accantu à u lavu. Ma lu piscaturi avia percorsu falà, è si lavà e so rete.
5:3 e accussi, arrampicata in unu di i battelli, chì facìani parte di Simon, cci dumannò à piglià torna un pocu da u paese. È à pusà davanti, Insignava a ghjente da a barca.
5:4 Allora, quandu avia cessatu di parlà, Ghjesù disse à Simone:, "À noi Oghje in acqua, spechju, è publicava u vostru rete per piscà. "
5:5 È in risposta, Simone li disse:: "Maestru, travaglià tutta la notti, avemu pigliatu nunda. Ma in u vostru parolla, I vi publicava i riti ".
5:6 E quannu si avia fattu stu, piglionu una mansa di ghjente cum'è copious di pisci chi a so riti fù rupturing.
5:7 Allora aiutu à i so associa, chì era in l 'altri, barca, tantu ca si vinissi è li aiuta. E arrivaru è pienu di tutti i battelli, cusì ch'elli eranu quasi liquid.
5:8 Ma quandu Simon Petru avia vistu issu, si lampò à i pedi di Ghjesù,, dicendu:, "Départ da mè, Lord, di Socu un omu chì piccatu ".
5:9 Per meraviglia ellu avia enveloped, è tutti quelli chì èranu cun ellu, à u spaventu di pisci chi avìanu pigghiatu.
5:10 Avà u listessu hè vera di Ghjacumu è Ghjuvanni, i figlioli di Zebedeu, chì èranu associa di Simon. È Ghjesù li disse à Simone:: "Ùn àbbia paura. From avà nantu, vi sarà piscadore l 'omi. "
5:11 È, avendu purtatu i so battelli a sbarcari, Chì sumena daretu à ogni cosa, ch'elli ci seguita.
5:12 E lu successu chì, mentre ch'ellu era in una certa cità, eccu, ùn ci hè un omu pienu di lèpara chì, nantu à veda à Ghjesù è si lampò à i so facci, cci ficiru prissioni, dicendu:: "Signuri, s'è tù sì vuluntaria, vi sò capaci pi lavari à mè. "
5:13 E allarga a so manu, cci tuccò, dicendu:: "Sugnu vuluntaria. Esse nucente. "È sùbitu, u lèpara s'alluntanò da ellu.
5:14 E cci urdinatu ch'ellu duvia dì à nimu, "Ma vai, mòstrati à u prete, è fà u offerta di a to purificazione, cum'è à Mosè ha priscrittu, cum'è una tistimunianza di li ".
5:15 Eppuru parolla di u giru di tutti i più. È gran ghjente cuncorse, tantu ca si putissi sente è esse purcina da ellu da a so malatie.
5:16 E iddu si ritirò in u desertu è pricatu.
5:17 E si jiu, nant'à un certu ghjornu, ca iddu dinò pusò, insignamentu. È ci era Farisei è duttori di a lege à pusà à proximité, chì èranu vinuti da tutti i cità di a Galilea, è a Ghjudea è in Ghjerusalemme. È a putenza di u Signore, hè prisente, a sanari li.
5:18 Ed eccu, qualchi omi purtavanu in u lettu di un omu chì paralìticu. È si circava una manera di purtà u in, è à locu ellu davanti à ellu.
5:19 E nun truvannu un certu modu da ch'elli ci putissi purtari a, per via di a ghjente, acchianaru à u tettu,, e si cci lamparaghju attraversu lu canali tettu cù u so lettu,, in mezu à i so, in fronte, di Ghjesù.
5:20 E quannu vitti a so fede, dissi, "Man, u to piccati ti sò pirdunati. "
5:21 È i scribi, è Farisei, cuminciau a pinzari, dicendu:: "Quale hè stu, quale hè cusì parlà? Quale hè capaci à pardunà i piccati, francu à Diu solu?"
5:22 Ma quandu Ghjesù avvisti i so pinsamenti, rispunniri, Ghjesù li disse:: "Cosa ci vo pinzari in u vostru core?
5:23 Chi hè più faciuli à dì: 'I to piccati ti sò pardona,'O to say, 'Arrìzzati, è marchjà?'
5:24 Ma tantu chì vi pò sapè chì u Figliolu di l'omu hà autorità nantu à a terra di pardunà i piccati,"Disse à u paralìticu, "A vi dicu à voi à: Arrìzzati, pigli u to lettu, è vai in la vostra casa. "
5:25 E subbitu, svighjatu in i so ochji, Pigliò u lettu in u quali iddu era curcatu, è si n'andò à a so casa,, Diu magnifying.
5:26 E meraviglia pigliò pussessu di tutti, è ch'elli eranu magnifying à Diu. È pieni cun timore, dicendu:: "Perchè avemu vistu miraculi oghje."
5:27 È dopu à ste cose, si n'andò fora, e vitti un publicanu, chjamatu Levia, à pusà à l 'ufficiu abbitùdini. Eppo li disse:, "Seguita mi."
5:28 È sumena daretu à ogni cosa, svighjatu, cci seguita.
5:29 E Levi fatta una gran festa per ellu in a so casa,. E ci fu un gran fudda di i publicani è altri, chì èranu à pusà à tàvula cun elli.
5:30 Ma i Farisei è i scribi stati murmuriànnusi, disse à i so discìpuli, "Perchè ùn vi manghjate è biite cù i publicani è i piccatori?"
5:31 e rispunniri, Ghjesù li disse:: "Ùn Hè quelli chì sò bè ​​chì bisognu di un dutturi, ma chiddi chi hannu malattia.
5:32 I Ùn sò vinutu a chiamari lu ghjustu, ma piccatori. "
5:33 Ma si li disse:, "Perchè fà i discìpuli di San Giovanni viloci friquintimenti, è fà dighjunu, è quelli di i Farisei, cuntu similaire, mentre a toia manghjà è beie?"
5:34 È li disse:: "Comu pò tù causari i figlioli di u canadese groom à dighjunu, mentri li canadese groom hè sempre cun elli?
5:35 Ma i ghjorni vinaranu quandu u canadese groom hà da esse pigliatu da li, è tandu staranu, in quelli tempi. "
5:36 Eppo dinù fattu una regina per elli: "Perchè ùn unu sews un france da una vistura nova nantu à un vechju vistimentu. altrimenti, ch'ellu sia disrupts u novu unu, e la france da u novu unu ùn junciu nsemmula cu i vechji unu.
5:37 È nimu mette vinu novu in otri vechji. altrimenti, u vinu novu ruptures i vechji, e si sarà spartu, è i vechji seranu persi.
5:38 inveci, u novu vinu hè mette in novu vechji, e dui sò stati tocchi.
5:39 È nimu chì hè nemmenu lu vecchiu, vularà prestu di u novu. Per ch'ellu dice, 'I vechji hè megliu.' "