Ch 6 Luke

Luke 6

6:1 Avà hè accadutu chì, u sicondu prima Sabbath, mentri passava à traversu u campu di a grana, i so discepuli sò quant'è i gricchi di grana è li mangiare, da li passannu in i so mani,.
6:2 Allora certi Farisei, li disse:, "Perchè vi sò fate ciò chì ùn hè micca permessu u sabbatu?"
6:3 E rispunniri a iddi, Ghjesù li rispose:: "Ti vo ùn leghje stu, ciò chì David fattu quandu era a fame, è quelli chì èranu cun ellu?
6:4 How Ghjesù intrì in la casa di Diu,, è pigliò u pane di u Turchinu, e mangiau lu, è dete à quelli chì èranu cun ellu, s'è ùn hè permessu di qualchissia à manghjà si, francu, sulu li parrini?"
6:5 È li disse:, "Per u Figliolu di l'omu hè Lord, ancu di u sàbatu. "
6:6 E lu successu chì, nant'à un altru ghjornu, Ghjesù intrì prima in la sinagoga,, e avvucatu. È ùn ci hè un omu chì ci, è a so manu dritta hè secca.
6:7 È i scribi, è Farisei osservatu s'ellu avissi guarì u ghjornu di u sàbatu, tantu ca si putissi thereby truvà un qualcosa contr'à ellu.
6:8 ma in verità, ch'ellu cunniscia i so pinsamenti, e accussi cci dissi a l'omu chì avia a manu secca, "Rise è tengu in u mezzu." È svighjatu, iddu si firmonu.
6:9 Allora Ghjesù disse:: "Vi dumandu s'ella hè permessa à u sabbatu, à fà u bè, , o à fà u male? Dà à a salute à una pratica, o à lampà si?"
6:10 E girannusi a tutti, Ghjesù disse à l'omu, "Elargir a to manu." È si allargà si. È a so manu, fu ristabbilutu.
6:11 Allora pieni cun sea lunacy, è ch'elli discutitu cun unu altru, ciò chì, in particulare, si putissi fari circa di Ghjesù.
6:12 E lu successu chì, in quelli ghjorni, he went out to a mountain to pray. And he was in the prayer of God throughout the night.
6:13 And when daylight had arrived, he called his disciples. And he chose twelve out of them (whom he also named Apostles):
6:14 Simon, whom he surnamed Peter, è Andria u so fratellu,, Ghjacumu è Ghjuvanni, Filippu, è Bartulumeu,
6:15 Matthew and Thomas, James of Alphaeus, and Simon who is called the Zealot,
6:16 e Jude di James, è Judas Ischariot, who was a traitor.
6:17 And descending with them, he stood in a level place with a multitude of his disciples, and a copious multitude of people from all of Judea and Jerusalem and the seacoast, and Tyre and Sidon,
6:18 who had come so that they might listen to him and be healed of their diseases. And those who were troubled by unclean spirits were cured.
6:19 And the entire crowd was trying to touch him, because power went out from him and healed all.
6:20 E si misiru i so ochji à i so discìpuli, dissi: "Beati voi lu poviru, per fàlla, hè u regnu di Diu.
6:21 Beati voi chì site a fame avà, per voi sarà cuntentu. Benedettu sò voi chì sò pienti avà, per voi ti ridiri.
6:22 Beatu serà tù esse quandu l 'omi vi vi sò prumessi, è, quand'elli vi sò vo siparatu è voi, sopr'à, e ittatu fora u vostru nomu, comu si u male, per via di u Figliolu di l'omu.
6:23 Pling in quellu ghjornu è manc'unu. Perchè eccu, a vostra ricumpenza hè maiò in lu celu. Di sti stissi e cose i so babbi di i prufeti.
6:24 ma in verità, guai à voi chì sò ricchi, di avete u vostru cunsulazione.
6:25 Guai à voi chì sò cuntentu, per voi vi esse a fame. Guai à voi chì ride avà, per voi vi lu dolu è pientu.
6:26 Guai à voi quandu l 'omi vi sò vo benedettu. Di sti stissi e cose i so babbi di i falzi prufeti.
6:27 Ma vi dicu chì sò à sente: Love to nimici. Fà u bè à quelli chì vi noia.
6:28 Benedisci quelli chì vi tia, e prega di quelli chì vi maldicenza.
6:29 È à quellu chì vi culpisci u mort, offre u altre dinù. E da quellu chì pìglia u to stemma, ùn impedì ancu u vostru Maddalena.
6:30 Ma puru distribuisce à tutti quelli chì dumanda di voi. È ùn dumandu torna di quellu chì porta luntanu ciò chì hè a toia.
6:31 È appuntu cum'è tù vulissi pòpulu à curà tù, li scioglie dinù u listessu.
6:32 È s'è vo tinite caru à quelli chì vo tinite caru, chì gratitùdine hè duvuta à voi? Per ancu i piccatori 'amuri chiddi chi àmanu.
6:33 È s'è vo vi fate u bè à quelli chì fà bè à voi, chì gratitùdine hè duvuta à voi? diffunnutu, Ancu i piccatori picciottu sta manera.
6:34 È s'è vo vi Loan à quelli da i quali vi speru di riceve, chì gratitùdine hè duvuta à voi? Per ancu i piccatori prèstanu à i piccatori, in ordine à riceve u listessu in ritornu.
6:35 So cambiatu, amuri i vostri nimici. fà u bè, è fatti, sperandu per nunda in ritornu. E poi a vostra ricumpenza sarà maiò, e voi sarete i figlioli di l'Altìssimu, per ellu stessu hè bonu à u ingrati è di i gattivi.
6:36 dunque, esse misericurdiosu, cum'è u vostru Babbu hè dinù misericurdiosu.
6:37 Ùn ghjudicheghju, è voi ùn vi serà ghjudicata. Ùn cundannate, è voi ùn vi esse cundannati. pardunà, è vi sarà pardunatu.
6:38 Vogliu, e si vi sarà datu à voi: una bona misura, pretta e scuzzulata è funtani, ch'elli vi postu nantu à u vostru ventri. sicuru, la stessa misura chì vo aduprà a misurari fora, hà da esse usatu pi misurari daretu à voi dinò. "
6:39 Avà si cuntò li altru regina: "Comu pò u cecu portanu i cechi? Avissi ch'elli ùn sia cascata in un fossu?
6:40 U discìpulu ùn hè sopra à u so maestru. Ma ognuna sarà pirfiziunatu, s'ellu hè cum'è u so maestru.
6:41 È perchè ùn vi vede i pagghia, chì hè in ochju di u to fratellu, mentri la strada chì hè in u vostru ochju, tù ùn guardà?
6:42 Or quantu pò dite à u vostru fratellu,, 'Fratellu, permette à mè per caccià u paglia da u to ochju,'Mentri tu se nun vidi la strada in u vostru ochju? Ipòcritu, prima di sguassà i strada da u vostru ochju, e poi vi vi vede chjaramente, tantu chi pudeti cumannari fora la paglia da ochju di u to fratellu.
6:43 Per ùn ci hè nimu àrburu bonu chì porta male fruttu, nè ùn un arvulu male elaburazione di frutti boni.
6:44 Per ogni è ogni àrburu hè cunnisciutu da u so fruttu. Per ch'elli ùn incascià u ficu da i tanghi, nè ùn si incascià i capi da i lamaghjoni.
6:45 Un omu di bè, da u bon Storehouse di u so core, prupone ciò chì hè bonu. È un omu gattivu, da u Storehouse u male, prupone ciò chì hè male. Di fora di l 'abbunnanza di u core, a bocca parla.
6:46 Ma perchè ùn mi chjamate, 'Lord, Lord,'È micca fà ciò ch'e dicu?
6:47 Qualchissia chì vene à mè, è à sente a mio parolle, è li faci: I vi palesani à voi ciò ch'ellu hè cum'è.
6:48 Iddu è comu un omu custruì una casa, chì hà zappatu è hà cuminciatu u fundamentu nantu à u scogliu. Allora, quandu l 'acqua funnuta ghjunse, u fiume, hè quellu contr'à chi, casa, e si nun era capaci à spiazzate. Per fù fundata nantu à u scogliu.
6:49 Ma quellu chì sente è ùn fà: ch'ellu hè cum'è un omu custruisce a so casa, nantu à a tarra, senza un fundamentu. U fiume falava contru à u, e lu prestu lampò, e la ruina di ssa casa hè gran ".