Ch 7 Luke

Luke 7

7:1 E quannu iddu avia compiu tutte e so parolle in lu sente di u populu, Ghjesù intrì in Cafarnau.
7:2 Avà u servu di na certa cinturione muriennu, à causa di una malatia. È ch'ellu era assai caru à ellu.
7:3 E quannu iddu avia intesu parlà di Ghjesù, mandò anziani di i Ghjudei in u, ellu ANTITRAGI, tantu ch'ellu vinissi à guarì u so servitore.
7:4 È quandu si nn'avìa vinutu à Ghjesù, si cci ficiru prissioni premura, dicendu à u: "Iddu hè degnu chì tù ùn derà sta à ellu.
7:5 Per ch'ellu ama a nostra nazione,, è ch'ellu hà custruitu una sinagoga, per noi. "
7:6 Allora Ghjesù andò cun elli. E quannu ora era micca luntanu da a casa, u cinturione mandatu amichi à u, dicendu:: "Signuri, Ùn fà datti tantu fastìdiu. For I nun sugnu degnu chì tù ùn entre sutta lu mio tettu.
7:7 A causa di stu, I dinù ùn hà cridutu indegnu di vene à voi. Ma dì a parolla, è u mo servitore sarà guarita.
7:8 For I dinù sò un omu pusatu à superiori, avè suldati sottu à mè. È vi dicu à unu, 'Aller,'E si và; è à un antru, Veni,'E iddu veni; è à u mo servitore, Fà issa,'È ch'ellu accunsenti. "
7:9 È nantu à sente stu, Ghjesù hè culpitu. È vultò à a multitùdine cummigliati, dissi, "Amen a vi dicu à voi, mancu in Israele aghju trovu cusì grande fede. "
7:10 È quelli chì èranu stati mandati, nantu à u ritornu à la maison, trovu chì u servu, chi avia statu malatu, hè avà sano.
7:11 E si jiu dopu chì si n'andò à una cità, chì hè chjamata Nain. È i so discìpuli, è una mansa di bona, si cun ellu.
7:12 Allora, quandu ch'ellu avia tiratu vicinu à a porta di a cità, eccu, na pirsuna avi statu esse purtatu fora, lu solu, figliolu di a so mamma, è ch'ella hè una vedova. È 'na gran fudda di a cità hè cù i so.
7:13 È quandu u Signore, u so avia vistu, esse cummossu da pietà di più di u so, Ghjesù disse à i so, "Ùn pienghje micca."
7:14 Eppo s'avvicinò, è tuccò lu tabbutu. Allora à quelli chì facianu u si firmonu. È li disse:, "Young omu, A vi dicu à voi, zitella. "
7:15 E la giuvintù mortu messe à pusà, è si mèssenu à parlà. E iddu cci detti a so mamma.
7:16 Allura lu scantu cascò nantu à tutte e di li. Allora glurificatu à Diu, dicendu:: "Per un gran prufeta hè pricatu campatu,"è, "Per Diu hà visitatu u so pòpulu."
7:17 E sta parolla circa ellu si n'andò fora à tutti di a Ghjudea è à i rughjoni vicini.
7:18 And the disciples of John reported to him concerning all these things.
7:19 And John called two of his disciples, and he sent them to Jesus, dicendu:, "Sì tù quellu chì hè à vene, or should we wait for another?"
7:20 But when the men had come to him, dìssenu: “John the Baptist has sent us to you, dicendu:: ‘Are you he who is to come, or should we wait for another?' "
7:21 Now in that same hour, he cured many of their diseases and wounds and evil spirits; and to many of the blind, he gave sight.
7:22 e rispunniri, Ghjesù li disse:: "Vai è cuntate à Ghjuvanni ciò chì vo avete intesu è vistu: that the blind see, lu caminu zoppu, u ghjùnsenu sò nucente, i cionchi sèntenu, dinò i morti, lu poviru sò evangelized.
7:23 And blessed is anyone who has not taken offense at me.”
7:24 And when the messengers of John had withdrawn, he began to speak about John to the crowds. "Cosa hà tù vai fora di u disertu di vede? A canna scuzzulata da u ventu?
7:25 Allora ciò chì site andati à vede? A man clothed in soft garments? eccu, those who are in costly apparel and finery are in the houses of kings.
7:26 Allora ciò chì site andati à vede? Un prufeta? sicuru, I vi dicu,, e di più cà un prufeta.
7:27 This is he of whom it is written: "Eccu!, I mandà mio Angel davanti à a to fàccia, who shall prepare your way before you.”
7:28 Per a vi dicu à voi, à mezu à quelli chì sò nati di donne,, no one is greater than the prophet John the Baptist. But he who is least in the kingdom of God is greater than he.”
7:29 È nantu à sente stu, all the people and the tax collectors justified God, by being baptized with the baptism of John.
7:30 But the Pharisees and the experts in the law despised the counsel of God concerning themselves, by not being baptized by him.
7:31 Allora u Signore disse:: "Cusì, à ciò chì sarà I parauni di l '' omi di sta generazione? È à ciò chì sò ch'elli listessu?
7:32 Ci sò i zitelli à pusà in u pùblica, parlu cu unu altru, è disse:: 'V'avemu à voi, è tù ùn hà ballatu. avemu chianciu, è tù ùn hà pientu. '
7:33 Di San Giovanni Battista ghjunse, nè manciari pani nè betu lu vinu, è vi dicu, 'Hà un dimòniu.'
7:34 U Figliolu di l'omu si, manghjendu è biendu, è vi dicu, Eccu, un omu cunnilingus è un biaccione di vinu, un amicu di i publicani è di i piccatori.
7:35 Ma a saviezza hè ghjustificata da tutti i so figlioli ".
7:36 Allora certi Farisei ellu prissioni, tantu ca si putissi manghjà cun ellu. È si n'andò in la casa di u Fariseu,, è si messe à tàvula.
7:37 Ed eccu, una donna, chì era in la cità, un piccatu, trovu fora chì era à tavulinu in la casa di u Fariseu,, cusì hà purtatu un saccu vasettu di prufume.
7:38 È si tense daretu, accantu à i so pedi, ch'ella si messe à lavà i so pedi cù lacrimi, e idda li asciugau cù i capelli di u so capu, e idda basgiò i so pedi, e idda li untu cù prufume.
7:39 Allora u Fariseu, quale ellu avia invitatu, nantu à veda issu, parrava nella sè stessu, dicendu:, "St'omu, s'ellu era un prufeta, si sicuru sacciu ca è u significatu di a donna hè issu, quale ellu hè tuccatu: ch'edda hè un piccatu. "
7:40 È in risposta, Ghjesù li disse:, "Simon, Aghju qualcosa à dì à voi ". So li disse:, "Làbanu, Maestru. "
7:41 "Un omu duga avia dui dibitori: unu li duvia cinque centu dinari, è l 'altru cinquanta.
7:42 E siccomu nun hannu la capacità à pacà u, ch'ellu li hà rimessu à tempu. So dunque, ca di li ci voli più?"
7:43 in risposta, Simon disse:, "Pensu ch'ellu sarà chì ghjè ellu a quale ellu hà rimessu u più." È li disse:, "Avete bè bè."
7:44 E girannusi versu la donna, Ghjesù disse à Simone:: "Nun ti vede sta donna? I intrutu in a vostra casa,. mi detti senza acqua, di u mio pedi. Ma ella, hà incrusciati cu lacrimi, è li hà sguassati cù i so capelli.
7:45 Vi deti micca basgiatu à mè. ma idda, da u tempu chì si intria in, ùn hà cessatu di basgià i mo pedi,.
7:46 Ùn vi hà versatu a mo testa, cu ogghiu. Ma ella, hà untu mio pedi incù prufume.
7:47 A causa di stu, I vi dicu,: tanti piccati i so sò pardona, perchè ch'ella hà assai amatu. Ma quellu chì hè pardunatu menu, ama menu ".
7:48 Allora Ghjesù disse à i so, "I to piccati ti sò pirdunati."
7:49 E chiddi chi si messe à tàvula cun ellu si mèssenu à dì in elli, "Quale hè stu, chì pardona ancu i piccati?"
7:50 Allora Ghjesù disse à a donna: "U vostru fede vi hà purtatu a salvezza. Vai in pace. "