Ch 1 Mark

Mark 1

1:1 U principiu di u Vangelu di Ghjesù Cristu, lu Figliolu di Diu.
1:2 Comu hè statu scrittu da u prufeta: Isaiah: "Eccu!, I mandà mio Angel davanti à a to fàccia, chì ti priparà u vostru modu davanti à voi.
1:3 A voce di quellu chì briona in lu desertu:: Preparate a via di u Signore,; fà addirizzatu u so stradelli. "
1:4 John era in u disertu, battèsimu è annunziendu u battèsimu di pintimentu, cum'è un rimissione di i piccati.
1:5 È ci si n'andò fora à ellu tutti i rigioni di a Ghjudea è tutti quelli di Ghjerusalemme, e si facia battizà da ellu in lu fiume di u Ghjurdanu, cunfissà i so piccati,.
1:6 È Ghjuvanni avia un vistimentu di peli di cammellu, è incù una cinta pelle intornu à a so vita,. E si nutria di grilli è di mele salvàticu.
1:7 Eppo pridicatu, dicendu:: "Unu forte chè à mè vene dopu à mè. I nun sugnu degnu di righjunghja falà è chjusu i lacci di i so scarpi.
1:8 I, v'aghju battezu d'acqua. ma in verità, ellu vi battezu voi cun su Spiridu Santu. "
1:9 E lu successu chì, in quelli ghjorni, Ghjesù ghjunse da Nazaretta in Galilea,. È ch'ellu fù battezu da Ghjuvanni in lu Ghjurdanu.
1:10 e subitu, nantu à u castigu di l 'acqua, vitti lu celu apertu e lu Spìritu Santu, cum'è una culomba, scinnunu, è dì cun ellu.
1:11 È ci hè una voce da u celu: "Sì u mio Figliolu benamatu; in tè aghju messu tutta a mo affezzione. "
1:12 E subitu u Spìritu Santu ci pruvucatu in u disertu.
1:13 È ch'ellu era in u disertu per quaranta ghjorni è quaranta notti. È ch'ellu fù tentatu da Satanassu. È ch'ellu era cù l 'animali salvatichi, e lu Angels sirvìanu.
1:14 Allora, dopu à Ghjuvanni fù datu, Ghjesù andò in la Galilea, annunziendu a bona nova di u regnu di Diu,
1:15 è disse:: "Per u tempu hè stata à cumpiimentu è u regnu di Diu hè tiratu vicinu à. Scuntu cca è crede in u Vangelu. "
1:16 E passari la spiaggia di lu mari di a Galilea,, vide à Simone, è u so fratellu Andrew, fusione reta in lu mare,, di eranu piscadori.
1:17 È Ghjesù li disse:, "Veni, dopu à mè, è vi faraghju piscadori d'omi. "
1:18 E subbitu abbannunannu e so rete, ch'elli ci seguita.
1:19 E cuntinuari nantu un pocu manere da a ci, vide à Ghjacumu di Zebedeu e so fratellu Ghjuvanni, è ch'elli eranu ricusgìanu e so rete in una barca.
1:20 E subitu si chjamò. È sumena daretu à u so babbu Zebedeu in la barca cun e so mani ind'è, ch'elli ci seguita.
1:21 È si intria in Cafarnau. È chì intria in la sinagoga promptly u sabbatu, Ghjesù li insignatu.
1:22 È eranu maravigliati, più di a so duttrina. Per ch'ellu insignava cum'è quellu chì hà autorità, è ùn piace i scribi.
1:23 È in la so sinagoga, ci era un omu cù un spiritu malignu; e gridava,
1:24 dicendu:: "Cosa sò avemu à voi, Ghjesù di Nazaretta? Hannu vi vene à lampà à noi? I sapè quale tù sì: u Santu di Diu. "
1:25 È Ghjesù li ammunitu, dicendu:, "Stà zittu, è chì partenu da l 'omu ".
1:26 È u spiritu malignu, scuzzulèndulu cun viulenza, è briunendu incù una voce alta:, s'alluntanò da ellu.
1:27 È eranu tutti accussì maravigliati ch'elli ci addumannau trà di elli, dicendu:: "Chì ghjè stu? È ciò chì hè issa nova duttrina? Per cun auturità ancu à i spìriti impuri, e si cci cadu cchiù. "
1:28 È a so rinoma si sparse subitu, tutta l 'au rughjonu di a Galilea,.
1:29 È subitu dopu in partenza da a sinagoga, si n'andò in a casa di Simone è Andrew, cù Ghjacumu è Ghjuvanni.
1:30 Ma la matri-in-lege di Simon ripone gestu cù una frebba. E subbitu cci si cuntò circa u so.
1:31 E dicimi vicinu à a so, iddu u so risuscitatu, ripiglià u so da a manu. E istante a freba smarrì, e idda sirvìanu a iddi.
1:32 Allora, quandu sera ghjuntu, dopu à u sole era tramuntatu, si purtò a iddu tutti quelli chì avianu malattia è à quelli chì avianu i dimònii.
1:33 È u web a cità fù accolta davanti à a porta.
1:34 Eppo guaritu tanti chì èranu frasturnati incù parechji illnesses. Eppo scunvià parechji dimònii, ma iddu nun avissi a permette micca di parlà, pirchi iddu sapia.
1:35 E svighjatu assai principiu, movendi, si n'andò fora à un locu desertu, è à pricà.
1:36 è Simon, è quelli chì èranu cun ellu, seguita dopu à u.
1:37 E quannu si cci avia trovu, ch'elli li disse:, "Per tutti hè à inventà vo."
1:38 È li disse:: "Andemu in la cità vicina è cità, tantu ca mi pò pridicà ci dinù. diffunnutu, era per stu mutivu chì ùn aghju avutu. "
1:39 È ch'ellu fù annunziendu in le sinagoghe, è tutta a Galilea,, e scàccia i dimònii.
1:40 È un liparosu à ellu, u patruna. E ghjinochji, Ghjesù li disse:, "Sì tù sì vuluntaria, vi sò capaci pi lavari à mè. "
1:41 Allora Ghjesù, presa di cumpassione à ellu, allungau la manu. E doppu aviricci tuccatu, Ghjesù li disse:: "Sugnu vuluntaria. Esse nucente. "
1:42 È dopu ch'ellu avia parlatu, Di colpu a lèpara s'alluntanò da ellu, è ch'ellu era nucente.
1:43 E cci ammunitu, è ch'ellu promptly u mandò via.
1:44 Eppo li disse:: "Guarda à lu chi vi dicu à nimu. Ma vai è se mostra à u suvranu sacrificadore, è prupostu di a to purificazione ciò chì Mosè hà urdinatu, cum'è una tistimunianza di li ".
1:45 Ma quand'ella si lasciò, cuminciò à pridicà e to disseminate a parolla, tantu ch'ellu ùn più hè capaci à entre publicamente in una cità, ma avianu a arrestanu fora, in lochi desertu. E iddi eranu 'nsìami a iddu da ogni direzzione.