Ch 10 Mark

Mark 10

10:1 E svighjatu, si n'andò da culà in u spaziu di a Ghjudea, u Ghjurdanu. è dinò, a ghjente cuncorse davanti ad ellu. E comu iddu era abbituatu a fari, dinò ellu li insignatu.
10:2 è avvicinà, i Farisei, ellu dumanda, ellu alessandria: "Hè permessu di un omu chì a salutari a so moglia?"
10:3 Ma a risposta, Ghjesù li disse:, "Cosa hà Moses tù ch'iddu?"
10:4 E iddi rissiru:, "Moses desi lu pirmissu à scrive una legi di divorziu è a salutari a so."
10:5 Ma Ghjesù, emi da dicendu:: "Era par via di a durezza di u to core chi scrissi iddu chi precept per voi.
10:6 Ma da u principiu di a creazione, Diu hà fattu li masculi e fimmini.
10:7 A causa di stu, un omu chì ti lascià daretu à u so babbu è mamma, è ch'ellu sarà mpinci a so moglia.
10:8 E sti dui sarà unu in carne. e accussi, ch'elli sò avà, ùn dui, ma una carne.
10:9 dunque, ciò chì Diu hà riuniti, chì nimu separà. "
10:10 è dinò, in a casa, i so discìpuli li dumanda circa lu sicuramenti.
10:11 È li disse:: "Quellu chì dismisses a so moglia, è sposa un altru, cummette un adultèriu contru à u so.
10:12 È s'è una mòglia dismisses u so maritu, è sposata con di un altru, idda cummette un adultèriu. "
10:13 E si purtaru a lu pocu i zitelli, tantu ca si putissi li tocchi. Ma i discìpuli ammunitu à quelli chì li purtò.
10:14 Ma quandu Ghjesù, videndu issu, Pigliò occasione, è li disse:: "Lascialu a picca passi di vene à mè, è ùn li si drammaturgu. For di cume sti hè u regnu di Diu.
10:15 Amen a vi dicu à voi, chì quellu chì ùn vi accittari lu regnu di Diu cum'è un zitillùcciu, Ùn vi entre in lu ".
10:16 E li abbraccia, è imposta u so mani addossu, benedisse.
10:17 È quandu era partutu nant'à a strada, un certu unu, avvicinannusi è addinucchiatu davanti ad ellu, cci dumannò, "Bona Maestru, ciò chì ti fazzu, tantu ca mi pò uttèniri a vita eterna?"
10:18 Ma Ghjesù li disse:, "Perchè mi chjamate bona? Nuddu è bonu fora di l 'unu à Diu.
10:19 Sapete i urdunanze: "Ùn rimettu adultère. Ùn tumbà. Ùn arrubbari. Ùn parlà falzi tistimunianza. Ùn burlatu. Glòria a to 'patri e matri ".
10:20 Ma a risposta, Ghjesù li disse:, "Maestru, tutte ste 'aghju osservata da a mio ghjuventù ".
10:21 Allora Ghjesù, girannu fissu, cci vuliva, è li disse: à u: "Una cosa hè mancava à voi. andà, vendi tuttu ciò chì vo avete, e dugnu a lu mischinu, e poi ti hannu tesoru in celu,. è vene, seguita mi."
10:22 Ma si n'andò pienghje, avè statu assai Oghji da a parolla. Per ch'ellu avia tanti casteddi.
10:23 è à Ghjesù, girannusi, disse à i so discìpuli, "Comu difficiule hè di quelli chì sò ricchi à entre in lu regnu di Diu!"
10:24 È i so discìpuli stati maravigliati da a so parolle. ma Ghjesù, risponde dinò, li disse:: "Little figlioli, cumu difficiule hè di quelli chì fidàrisi in soldi, per entre in lu regnu di Diu!
10:25 Hè più faciuli di u cammellu à passà à traversu l 'occhiu di un rulli, cà per i ricchi à entre in lu regnu di Diu. "
10:26 È si dumandava ancu di più, dicennu tra d 'iddi, "Quale, tandu, pò esse salvatu?"
10:27 è à Ghjesù, girannu in li, dissi: "Cù l 'omi è mpussìbbili; Ma micca cun Diu,. Di cu Diu, tutti i cosi sò pussibuli. "
10:28 E Petru si messe à dì à u, "Eccu!, avemu lassatu tutti li cosi e vi sò seguita ".
10:29 in risposta, Ghjesù li rispose:: "Amen a vi dicu à voi, Ùn ci hè nimu chì hà manca daretu à a casa, o fratelli, o surelle, o babbu, o mamma, o zitelli, o paese, per via mio è di u Vangelu,
10:30 chì ùn vi ghjunghjerà centu volte cum'è assai, avà in stu tempu: case, è fratelli, e so surelle, e li matri, è i zitelli, è tarra, cù pirsicuzzioni, è in a vita eterna avvene età.
10:31 Ma assai di u prima sarà noms, è l 'urtima sarà prima. "
10:32 Avà eranu nantu a via u castigu in Ghjerusalemme. È Ghjesù intrì anticipu di l ', è ch'elli èranu da u spaventu. È quelli chì seguenti ellu era a paura. è dinò, presa di latu i dòdeci, cuminciò à dì li ciò chì hè circa à succede à ellu.
10:33 "Perchè eccu, noi cullemu in Ghjerusaleme, è u Figliolu di l'omu serà messu in manu à i capi di i sacrificadori, è à i scribi,, è l 'anziani. È si u cundanneranu à morte, e si cci vi in ​​manu à i pagani.
10:34 Allora ellu vi mock, e jttari nantu ad ellu, è ellu Susini, è u messe à a morte. È u terzu ghjornu, si sùsinu di novu. "
10:35 È à Ghjàcumu, è Ghjuvanni, i figlioli di Zebedeu, s'avvicinò à u, dicendu:, "Maestru, ci voli chì tuttu ciò chì no vi dumandu, tu avissi a fari di nuatri. "
10:36 Ma iddu dissi a iddi, "Chi vuliti à mè di fà per voi?"
10:37 E iddi rissiru:, "Micciulla à noi chì avemu pò pusà, unu in u vostru dirittu è l 'altru a vostra manca, in a to gloria. "
10:38 Ma Ghjesù li disse:: "Tu nun sacciu zoccu vi sò dumandemu. Sì tù capaci di vìviri da u sœur da ch'e vivu, o à esse battizatu cù u battèsimu cu cui sugnu per esse battezi?"
10:39 Ma si li disse:, "Avemu pò". Allora Ghjesù disse à elli: "N effetti, vi sarà vivu da u sœur, da ch'e vivu; è vi sarà battezu cù u battèsimu, cu cui sugnu per esse battezi.
10:40 Ma à pusà à u mio drittu, o di a mio manca, ùn hè micca a meia à dà à voi, Ma si tratta di quelli chì per quellu chì si hè statu preparatu. "
10:41 È i dece, nantu à sente stu, cuminciò à esse scandalizatu versu Ghjacumu è Ghjuvanni.
10:42 ma Ghjesù, li chiacchiari, li disse:: "Sa beridadi chi quelli chì parenu esse i capi à mezu à i pagani li dominai, è i so capi fari atorità supra li.
10:43 Ma si tratta micca à esse sta strada à mezu à voi. inveci, quellu chì diventa più sarà u vostru Ministru;
10:44 è quellu chì hà da esse a prima à mezu à voi sarà u servu di tutti i.
10:45 So, troppu, u Figliolu di l'omu ùn hè ghjuntu cusì chì si avissi un ministru di u, ma tantu ca iddu avissi ministru è vi dà a so vita cum'è una liberazione di tanti. "
10:46 È si n'andonu di Jericho. E comu iddu vinni scinni fora da a cità cù i so discìpuli, è una assai numerosi a multitùdine, Bartimaeus, u figliolu di Timaeus, un cecu chì cerca, Sat patruna accantu à u modu.
10:47 E quannu iddu avia intesu chì era Ghjesù di Nazaretta, accuminciò a chianciri, fora è à dì, "Gesù, Figliolu di David, piglià pietà nantu à mè. "
10:48 E tanti iddu ammunitu à esse tranquillu. Ma gridava tuttu u più, "Figghiu di David, piglià pietà nantu à mè. "
10:49 è à Ghjesù, si prisintò ancora, urdinatu ellu à esse chjamatu. È si chjama u cecu, dicendu à u: "Stà à a pace. Additta. Iddu hè chiacchiari vo. "
10:50 E fusione di latu u so vistimentu, si leapt ochji è si n'andò à ellu.
10:51 È in risposta, Ghjesù li disse:, "Chì voli, chì I deve fà per voi?"È lu cecu, li disse:, "Master, chi mi pò vede. "
10:52 Allora Ghjesù disse:, "Vai, u to fede vi hà fattu tuttu. "E subitu, vitti, e cci seguita u modu.