Ch 2 Mark

Mark 2

2:1 È dopu à qualchi ghjorni,, Ghjesù intrì prima vota in Cafarnau.
2:2 E lu statu intesu ch'ellu era in la casa,. E tanti accolta chì ùn ci era nimu stanza di lassaru, mancu à a porta. E iddu parrava a parolla à quelli.
2:3 E arrivaru a lu, avvicinendu un paralìticu, chì fù esse rializatu da quattru omi.
2:4 È quand'elli ùn era in gradu di u prisenti à u perchè di a ghjente, iddi, scuprutu lu tettu, induve ch'ellu era. È crea lu, si sciogghi falà u lettu in u quali l 'paralìticu statu curcatu.
2:5 Allora, quandu Ghjesù avia vistu a so fede, Ghjesù disse à i paralìticu, "Figliolu, u to piccati ti sò pirdunati. "
2:6 Ma certi di i scribi, eranu à pusà in chì locu, è pinsendu in lu so core:
2:7 "Perchè hè issu omu di parlà in ssa manera? Iddu hè inghjuliosi. Quale pò pardunà i piccati, ma Diu solu?"
2:8 Subitu, Ghjesù,, capiscia in u so spiritu chì si pinsava issu nella elli, li disse:: "Perchè sò vi pinsava sti cosi a li vostri cori?
2:9 Chì hè più faciuli, à dì à u paralìticu, 'I to piccati ti sò pardona,'O to say, 'Rise su, pigli u to lettu, è marchjà?'
2:10 Ma tantu chì vi pò sapè chì u Figliolu di l'omu hà autorità nantu à a terra di pardunà i piccati,"Disse à u paralìticu:
2:11 "A vi dicu à voi: Arrìzzati, pigli u to lettu, è vai in la vostra casa. "
2:12 E subitu si livò, e si misiru a so lettu, si n'andò in a vista di tutti, tantu ca si tutti i stupiti. Allora unuratu à Diu, da dicendu:, "Avemu vistu mai nunda like this."
2:13 È si n'andò di novu à u mari. È u web ghjente ghjunse à u, e si li insignatu.
2:14 E mentri passava da, vitti Levi de Alfeu, à pusà à l 'ufficiu abbitùdini. Eppo li disse:, "Viniti apprìassu a mia." È svighjatu, cci seguita.
2:15 E lu successu chì, comu si messe à tàvula in la so casa, parechji publicani è a ghjente si messe à tàvula cun Ghjesù, è i so discìpuli. Per quelli chì seguita ellu era assai.
2:16 È i scribi è i Farisei, postu ch'ellu manghjò cù i publicani è i piccatori, disse à i so discìpuli, "Perchè ùn a vostra Maestru manghjà è beie cù i publicani è i piccatori?"
2:17 Ghjesù,, avè intesu sta, li disse:: "The sano, hannu bisognu di un dutturi, ma chiddi chi hannu malattia fà. micca per I vinni a chiamari lu ghjustu, ma i piccatori. "
2:18 È i discepuli di San Giovanni, è i Farisei, stati fasting. È si ghjuntu e li disse:, "Perchè fà i so discìpuli di Ghjuvanni è di i Farisei, viloci, ma u vostru discepuli ùn viloci?"
2:19 È Ghjesù li disse:: "Cumu pò i figlioli di u matrimoniu viloci, mentri l 'canadese groom hè sempre cun elli? Duranti tuttu ciò tempu iddi hannu lu canadese groom cun elli, ch'elli ùn sò capaci à dighjunu.
2:20 Ma i ghjorni vi ghjunghjini quandu u canadese groom hà da esse pigliatu da li, e allura si ti dighjunu, in quelli ghjorni.
2:21 No unu sews un pezzu di novu Insignia nant'à un vechju vistimentu. altrimenti, u novu Campu Tondu giovanni luntanu da i vechji, e la lacrima diventa peggiu.
2:22 È nimu mette vinu novu in otri vechji. altrimenti, u vinu crepa lu vechji, è u vinu sparghjaraghju fora, è i vechji seranu persi. inveci, vinu novu tocca à esse messi in novu vechji. "
2:23 è dinò, mentri lu Signuri caminava pi lu grana Maturo u ghjornu di u sàbatu, i so discìpuli, Mentre ch'elli avanzati, cuminciau a siparari li gricchi di maltu.
2:24 Ma i Farisei, li disse:, "Eccu!, perchè sò chì fate ciò chì ùn hè micca permessu u sabbatu?"
2:25 È li disse:: "Ti voi mai leghje ciò chì David fattu, quand'ellu avia bisognu è fù a fame, sia ellu è quelli chì èranu cun ellu?
2:26 Come si n'andò in a casa di Diu,, sottu à u suvranu sacrificadore Abiathar, è manghjatu u pani di u Turchinu, chì ùn hè permessu à manger, fora di li parrini, e comu cci detti a lu à quelli chì èranu cun ellu,?"
2:27 È li disse:: "U ghjornu era fattu per man, è ùn omu di u sàbatu.
2:28 e accussi, u Figliolu di l'omu hè Lord, ancu di u sàbatu. "