Ch 4 Mark

Mark 4

4:1 è dinò, cuminciò ad insignà da u mare,. È un affullanza maiò fù riunitu à u, tantu chì, arrampicata in una barca, era assittata supra lu mari. È u web ghjente era u paese lungo u mari.
4:2 Eppo insignatu li tanti cosi in paràbule, è li disse:, in a so duttrina:
4:3 "Listen. eccu, lu suminava fora di suminatu.
4:4 E mentri iddu era caprini, Un altra parte cascò longu u stradellu, è l'acelli di u celu fù è manghjatu u.
4:5 ma in verità, àutri cascò in terra mpitratu, induve hè micca hannu assai tarra. E lu s'arrizzò prestu, perchè ùn avia micca tremenda di tarra.
4:6 È quandu u sole fù santu, hè statu strinatura. È perchè ùn avia ràdica, siccò.
4:7 È qualchi cascatu à mezu à i tanghi. È i tanghi criscinu è suffocated lu, è ùn hà elaburazione di frutti.
4:8 Un altra parte cascò nantu à bona. E lu fattu nasciri, frutta, chi crisciutu, è cresce, è livata: trinta, qualchi sissanta, è qualchi centu ".
4:9 È li disse:, "Quellu chì hà l'arechje per sente, làssalu à sente. "
4:10 È quand'ellu hè solu, i dòdeci, chì èranu cun ellu,, ellu dumanda circa la paràbula.
4:11 È li disse:: "Per tè, hè statu datu à cunnosce i misteri di u regnu di Diu. Ma à quelli chì sò fora di, tuttu hè prisintatu in paràbule:
4:12 'cusì, vidennu, si pò vede, è ùn sò avvistu; e sintennu, si pò sente, è ùn capisce; paura chì à ogni volta chì pò esse cunverta, è i so piccati, si li pirduna. ' "
4:13 È li disse:: "Nun vi micca capisce sta paràbula? e accussi, quantu vi vi capisce tutte e paràbule?
4:14 Quellu chì troii, troii a parolla.
4:15 Avà ci sò quelli chì sò longu u stradellu, induve a parolla hè siminari. È, quand'elli sò intesu, Satanassu veni e pigghia via a parolla subitu, chì fù siminari e in lu so core.
4:16 e similaire, Ci sò quelli chì sò siminari supra terra mpitratu. issi, quand'elli sò intesu a parolla, Di colpu accittari lu cun aligria.
4:17 Ma iddi hannu ràdica in elli, e accussì si sò per un tempu limitata. È quandu suivant tribulazione è pirsicuzzioni Nasci a causa di a parolla, si subitu arrassarisi.
4:18 È ci sò altri, chì sò siminari à mezu à e spine. Quessi sò quelli chì stanu à sente a parolla,
4:19 ma fatti inghjuste, e lu ngannu di ricchezze, e primure di avutri cosi entre in e outmanoeuvre a parolla, e ghjè effittivamenti senza frutti.
4:20 È ci sò quelli chì sò siminari supra la terra bona, chì stanu à sente a parolla è accittari lu; è issi frutti: trinta, qualchi sissanta, è qualchi centu ".
4:21 È li disse:: "Cosa calchissia entre cù una lumera in ordine à locu si sottu un panaru, o sottu à u lettu? Avissi ùn esse posti nantu à un lampstand?
4:22 Per ùn ci hè nunda di piattu chì ùn devi esse rivilatu. Nè statu qualcosa fatta in sicretu, francu chì si pò esse fatta publicu.
4:23 Sì qualchissia hà l'arechje per sente, làssalu à sente. "
4:24 È li disse:: "Guarda ciò chì tù senti. Cù tuttu ciò chì misura vi sò misura fora, si sarà misurata daretu à voi, e di più sarà aghjuntu à voi.
4:25 Per quellu chì hà, à ellu si sarà datu. È quellu chì ùn hà, da ellu ancu ciò ch'ellu hà sarà livatu. "
4:26 È li disse:: "U regnu di Diu hè cum'è issu: ghjè cum'è s'è un omu chì era à scaccià sumente nantu à a tarra.
4:27 È ch'ellu andessi è ch'ellu Nasci, notte è ghjornu. E lu germinates sumente e crisci, eddu ùn sapè lu in.
4:28 Pè a terra, u fruttu famusu: prima lu pianta, tandu i arechja, dopu la grana piena in l 'arechja.
4:29 È quandu u fruttu hè statu pruduttu, subbitu si manna fora la fauci, perchè l 'racolta hè ghjuntu. "
4:30 È li disse:: "Per ciò chì ùn avemu quì sottu u regnu di Diu? O à ciò chì ciò ch'ella duvia noi parauni di lu?
4:31 Hè cum'è una granella di sènapa chì, quandu si hè stata siminari a la terra, hè menu cà tutti i graneddi chì sò in a terra.
4:32 È quandu si siminari, si sviluppa è diventa più cà tutti i pianti, e si produci un arvulu, tantu chì l 'acelli di u celu sò capaci di campari sutta lu so ombra. "
4:33 E cun tanti tali paràbule iddu parrava a parolla à quelli, cum'è assai mentre ch'elli eranu capaci à sente.
4:34 Ma ellu ùn hà più parlà à elli, senza una paràbula. Eppuru traballat, ch'ellu ci spiega tutti i cosi à i so discìpuli.
4:35 E su chi ghjornu, quandu sera, era ghjuntu, Ghjesù li disse:, "Chì ci passà più."
4:36 E dismissing la fudda, si purtò, tantu ch'ellu era in una barca, è altri battelli era cun ellu.
4:37 E na granni timpesta ventu successa, è l 'acqua s'hè lampatu nantu à a barca, tantu chi a barca, chì ghjera pienu.
4:38 È ch'ellu era à u tintu di la barca, addurmintati nant'à un cuscinu. È si u svighjonu è li disse:, "Maestru, ùn hè micca cuncèrnanu tù chì noi sò pessi?"
4:39 E svighjatu, minacciò u ventu, è li disse: à u mari: "Silence. Esse stilled. "E lu ventu cessatu. È un gran tranquillità successa.
4:40 È li disse:: "Perchè sì tù a paura? Hai sempre mancatu a fede?"È si un colpu cù un gran scantu. E iddi rissiru: a unu altru, "Chi ne pensate stu hè, chi sia ventu è mare, u stanu à sente?"