Ch 5 Mark

Mark 5

5:1 E si n'andonu à traversu u strettu di u mare, in a rigioni di u Girasiniani.
5:2 E comu fu movendi de la varcuzza, ch'ellu fù subitu scontra, da mezu à u tombi, da un omu cù un spiritu malignu,
5:3 chì avia u so locu abitanti cù i tombi; nè qualchissia avia statu capaci di lià u, ancu incù i farri.
5:4 Per avè liatu à spessu incù i pedi è i farri, iddu avia ruttu la catene è smashed i pedi; è nimu avia statu capaci à ammansà u.
5:5 È ch'ellu era sempre, ghjornu è a notte, à mezu à i tombi, o in i muntagni, briunendu, è ellu stessu dava cu piatra.
5:6 E vidennu Cristu da luntanu, Cchiù curriva e cci curato.
5:7 È briunendu incù una voce alta:, dissi: "Cosa socu à voi, Ghjesù,, u Figliolu di u Diu Altìssimu? Vi dumandu da Diu, chì ùn mi turmintà. "
5:8 Per ellu disse:, "Départ da l 'omu, tu spiritu malignu. "
5:9 E cci sta dumanda:: "Cumu ti chjami?"È li disse:, "Mi chjamu a Legione, per noi sò tanti. "
5:10 E cci pricò assai, tantu ch'ellu ùn ci avissi espelliri da u rughjonu.
5:11 È in chì locu, vicinu à a muntagna, ci era un gran banda di porci, manghjatoghja.
5:12 È i spiriti u pricò, dicendu:: "À noi Send in li porci, cusì chì noi pò entre in elli. "
5:13 È Cristu promptly dete pirmissu. È i spiriti maligni, movendi, intrinu in li porci. E la banda di circa dui mila pricipitò cu gran forza in u mare, e iddi vìnniru cummigghiati a lu mari.
5:14 Allora à quelli chì li pastured fughjita, è si hà dettu chì si in la cità è à la campagne. E tutti si n'andò fora per vede ciò chì fù in corso.
5:15 E arrivaru a Cristu. E vittiru l 'omu chì era statu frasturnati da u dimoniu, à pusà, vistutu è incù una menti Saner, e avìanu a paura.
5:16 E chiddi chi avia vistu si spiega a li cum'ellu avia cusì cù l 'omu chì avia u dimòniu, e circa li porci.
5:17 E accuminciaru a pitizioni ellu, tantu ch'ellu si ritirava da a so 'cunfini.
5:18 E comu fu arrampicata in la barca, l 'omu chì era statu frasturnati da i demonii accuminciò a carità cci, tantu ch'ellu pudia esse cun ellu.
5:19 È ch'ellu ùn ci hè micca, ma li disse:, "Vai à u vostru propriu populu, in a vostra propria casa,, è annuncià a iddi comu granni sò ciò chì Lord hè fattu per voi, è cum'ellu hà pigliatu di cumpassione à voi ".
5:20 È si n'andò, è si messe à pridicà in le Ten Cities, quantu granni era lu ciò chì Ghjesù avia fattu per u. E tutti fùbbenu.
5:21 È quandu Ghjesù avia tagliatu in la barca, nantu à u strettu di novu, un gran fudda cuncorse davanti ad ellu. È ch'ellu hè vicinu à u mare,.
5:22 È unu di i dirigenti di a sinagoga, chjamatu Ghjàiru, s'avvicinò. E iddu vidennu, si lampò prostrate à i so pedi.
5:23 E cci si assai, dicendu:: "Per me figliola hè vicinu à a fine. Veni e mittaraghju a to manu in u so, tantu ca idda pò esse sano, è pò campà. "
5:24 È si n'andò cù u. È un gran fudda iddu seguita, è si stringhjia à u.
5:25 È ci era una donna, chì avia un flussu di u sangue di dodici anni.
5:26 È ch'ella avia entrì assai da parechji duttori, è ch'ella avia spesu tuttu ciò ch'ella tinia cù ùn prò à tutti i, ma 'nveci idda addivintò peggiu.
5:27 Allora, quannu idda avia intesu di Ghjesù, idda si avvicina à a ghjente daretu, è hà toccu u so vistimentu.
5:28 Per Rispose: "Picchì se I tuccari ancu u so vistimentu, I vi esse salvu. "
5:29 e subitu, i surghjenti di u so sangu era secca, e idda furiusa in u so corpu, chi idda era stata guarita da u ferita.
5:30 E subitu à Ghjesù, capiscia nella ellu stessu chì a putenza chì era andatu fora da u, si vultò à a ghjente, dissi, "Quale hè toccu mio panni?"
5:31 È i so discìpuli, li disse:, "You vede chì a ghjente aduprati intornu à voi, è ancu vi dicu, Quale m'hà toccu?' "
5:32 Eppo arretu à vede a donna chì avia fattu stu.
5:33 ma in verità, la donna, in lu scantu e trimannu, sapendu ciò chì era accadutu in u so, si n'andò è cascò prostrate davanti ad ellu, e idda cci cuntò tutta la verità.
5:34 È disse à u so: "Figliola, u to fede t'hà salvu. Vai in pace, e pò guarì di u to ferita ".
5:35 Mentre ch'ellu era sempre in lingua spagnola, Arrivati ​​da u capu di a sinagoga,, dicendu:: "U vostru figliola hè morta. Perchè datti u Maestru di più?"
5:36 ma Ghjesù, avendu intesu a parolla chì fù dettu, disse à u capu di a sinagoga,: "Ùn àbbia paura. Vi tuccherà solu crede ".
5:37 È ch'ellu ùn ci permette à qualchissia à seguità u, francu Peter, è James, è John u fratellu di Ghjacumu.
5:38 E si n'andonu à a casa di u capu di a sinagoga,. E vitti un tamantu, e s'ammazza tuttu, è assai lamentu.
5:39 è chì intria, Ghjesù li disse:: "Perchè sò vo ostaculatu è pienti? A donna ùn hè micca mortu, Ma hè sempri. "
5:40 È si ne ridìanu. ma in verità, ad avè li tutti messi fora, Pigliò u babbu è a mamma di u ragazza, è quelli chì èranu cun ellu, e trasiu a induve l 'ragazza statu curcatu.
5:41 E pigghiannu la ragazza da a manu, Ghjesù disse à i so, "Talitha koumi,"Ca significa, "Little ragazza, (A vi dicu à voi) zitella.
5:42 E subitu la picciotta s'arrizzò è viaghjava. Avà ch'ella hè à dodici anni. E si di colpu, un colpu cù un gran meraviglia.
5:43 Eppo li dissi urdinatu, tantu ca nuddu saparia avvinta. E cci dissi li dà u so qualcosa à manghjà.