Ch 10 Matthew

Matthew 10

10:1 E Chjamò assemi a so dodici discepuli, Ci desi li auturitati impuri, a pusau li fora è à livaritìlli ogni malatia e ogni fiacchezza.
10:2 Avà i nomi di i dòdeci Apòstuli sò issi: u Nome, Simon, chì hè chjamatu à Petru, è Andria u so fratellu,,
10:3 Ghjacumu di Zebedeu, è John u so fratellu, Filippu, è Bartulumeu, Thomas e Matthew u publicanu, è James di Alfeu, e Thaddaeus,
10:4 Simon i Cananiani, è Judas Ischariot, chì dinù ellu tradutu.
10:5 Ghjesù mandò sti dudici, li instructing, dicendu:: "Ùn viaghju da a strada di i pagani, è ùn entre in la cità di u samaritanu,
10:6 ma 'nveci vai à i pecuri chi sò falatu luntanu da a casa d'Israele.
10:7 È ne vanu, predicà, dicendu:: 'Per u regnu di i celi hè tiratu vicinu.'
10:8 Cure i malati, addivà i morti, lavari ghjùnsenu, scaccià i dimònii. Avete ricevutu in libertà, tantu dugnu libertà.
10:9 Ùn sceglie à pussede d'oru, nè argentu, nè soldi in u vostru Cinture,
10:10 nè manghjà per u viaghju, nè dui mantelli, nè scarpi, nè un bastone. Di l 'labourer merita a so parte.
10:11 Now, in tuttu ciò chì a cità, o cità vo vi entre, cerca, cum'è à chì hè degnu in lu. E stari ddà finu à voi chì partenu.
10:12 Allora, quandu vi entre in la casa di, fannu lu, dicendu:, 'Paci di sta casa.'
10:13 è s'ellu, diffunnutu, chì a casa hè degnu, a vostra pace ti cuprarà di lu. Ma s'ella ùn hè micca degnu, vostru a pace vi torna à voi.
10:14 È quellu chì hà nè vo ricevutu, nè sente a to parolle, in partenza da a ssa casa o di a cità, scuzzulate a pòlvara di a to 'pedi.
10:15 Amen a vi dicu à voi, si sarà più tolerable di u paese di Sodoma è di Gomorra in u ghjornu di a ghjustìzia, cà per chì a cità.
10:16 eccu, Ti mandu voi pecure in u mezu di lupi. dunque, esse cum'è prudenti cum'è serpents è com'è simplici comu palummi.
10:17 Ma accura di l'omi. Per ch'elli vi deranu voi più di a cuncili, e si vi Susini tù in le sinagoghe.
10:18 È voi sarà purtatu nanzu à tempu magistrati è rè di palu u mio, cum'è una tistimunianza à elli, è à i pagani.
10:19 Ma quand'elli vi in ​​manu, ùn sceglie a pensu cumu, o ciò chì à parlà. Per ciò chì à parlà sarà datu à voi à chì ora.
10:20 Per lu ùn hè micca voi chì serà parlà, ma lu Spiritu di u vostru Babbu, chì hà da parlà à voi.
10:21 È u fratellu hà dirittu nantu à u fratellu à a morte, e babbu vi in ​​manu, figliolu. È i zitelli si sùsinu, su contra, genitori è purtà a so morti.
10:22 È voi vi esse odiatu da tutti per u nome di u mo nome. Ma quellu chì vi sò stati, ancu à a fine, u listessu sarà salvatu.
10:23 Avà, quand'elli mi persighis in una cità, fughje in un altru. Amen a vi dicu à voi, voi ùn vi sò tutti tutti li cità di Israel, davanti à u Figliolu di l'omu torna.
10:24 U discìpulu ùn hè sopra à u maestru, nè hè u servu, sopra u so patrone.
10:25 Hè cusì per u discìpulu chi iddu sia cum'è u so maestru, è u servu, cum'è u so maestru. S'elli sò chjamati u Babbu di a famiglia, 'Belzebù,'How much più quelli di i soi?
10:26 dunque, Ùn li ùn teme. Per nunda hè cupartu chì ùn sarà rivilatu, nè piattu chì ùn devi esse cunnisciutu.
10:27 Cosa vi dicu, in lu bughju, parlà in u lume. È ciò chì tù senti avvicinau a la bouche, pridicà, sopra i tetti,.
10:28 È ùn avè paura di quelli chì tumbà u corpu, Ma ùn sò capaci à tumbà i anima. Ma invece ellu teme chì hè in gradu di lampà tutti anima e corpu in Hell.
10:29 ùn sò micca dui pàsseri per una piccula munita? È ancu micca unu di li vi caduta di l 'nterra, senza u vostru Babbu.
10:30 Per sò tutte state contu ancu i capelli di u vostru capu.
10:31 dunque, ùn avè paura. Vi sò valuri di più cà assai pàsseri.
10:32 dunque, everyone who acknowledges me before men, I also will acknowledge before my Father, chì hè in lu celu.
10:33 But whoever will have denied me before men, I also will deny before my Father, chì hè in lu celu.
10:34 Ùn pensu chì aghju avutu à mandà in pace nantu à a terra,. aghju avutu, micca à mandà a pace, ma la spata.
10:35 For I ghjunse à sparte un omu contru à u so babbu:, è una figliola contru à a so mamma, e na figghia-in-lege contr'à a so mamma-a-lege.
10:36 È i nemichi di un omu chì hà da esse quellu di a so casa.
10:37 Quellu chì ama patri o matri di più chè à mè ùn hè micca degnu di mè. È quellu chì ama, figliolu, o figlia, sopra à mè ùn hè micca degnu di mè.
10:38 È quellu chì ùn pigli a so croce, è seguità à mè ùn hè micca degnu di mè.
10:39 Quellu chì ritrova a so vita, pirdarà. È quellu chì vi hà persu a so vita per via di mè, truvarete lu.
10:40 Quellu chì vi riceve, mi ricevi. È quellu chì mi ricevi, ellu riceve chì m'hà mandatu.
10:41 Quellu chì riceve un prufeta, in u nomu di un prufeta, ti ghjunghjerà u ricumpensa di un prufeta. È quellu chì riceve i just in lu nomu di l 'sulu ti ghjunghjerà a ricumpenza di u ghjustu.
10:42 È quellu chì vi dà, mancu à unu di u più chjucu di issi, una cuppa di acqua à beie, solu à u nomu di una discìpulu: Amen a vi dicu à voi, ch'ellu ùn pirdarà u so ricumpensa. "