Ch 11 Matthew

Matthew 11

11:1 E lu successu chì, quandu Ghjesù era compie instructing so dodici discepuli, si n'andò da culà in ordine per insignà è à pridicà in a so cità di.
11:2 Avà quandu Ghjuvanni avia intesu, in prigiò, circa l 'òpiri di u Cristu, di mandà dui di i so discìpuli, Ghjesù li disse:,
11:3 "Sì tù quellu chì hè à vene, o s'è no duvimu altru?"
11:4 è à Ghjesù, rispunniri, li disse:: "Vai è cuntate à Ghjuvanni ciò chì vo avete intesu è vistu.
11:5 U Sm orbi, lu caminu zoppu, u ghjùnsenu sò nucente, i cionchi sèntenu, dinò i morti, lu poviru sò evangelized.
11:6 È benedettu sia quellu chì hà trovu senza offisa a mia ".
11:7 Allora, dopu à Partinu, Ghjesù, si messe à parlà di a ghjente circa Giuvanni: "Cosa hà tù vai fora di u disertu di vede? A canna scuzzulata da u ventu?
11:8 So Ce site andati à vede? Un omu in panni preziosi? eccu, quelli chì sò vestite in panni preziosi sò in i casi di i rè.
11:9 Allora ciò chì site andati à vede? Un prufeta? Iè, I vi dicu,, e di più cà un prufeta.
11:10 Per stu hè ch'ellu, di quellu chì hè scrittu: Eccu, I mandà mio Angel davanti à a to fàccia, chì ti priparà u vostru modu davanti à voi.
11:11 Amen a vi dicu à voi, à mezu à quelli chì sò nati di donne,, ci hà ghjuntu à nimu più cà Ghjuvan Battista. Eppuru u più chjucu à u regnu di i celi hè più grande chè ellu.
11:12 Ma da u ghjornu di San Giovanni Battista, ancu finu à avà, u regnu di i celi hè entrì viulenza, è i viulenti purtarla luntanu.
11:13 Per tutti i prufeti, è la liggi profettant, ancu, finu Ghjuvanni.
11:14 È s'ellu vi sò vuluntà di accittari lu, Ghjesù hè u Elia, chì hè à vene.
11:15 Quellu chì hà l'arechje per sente, làssalu à sente.
11:16 Ma à ciò chì sarà I parauni di sta generazione? Hè cum'è i zitelli à pusà in u pùblica,
11:17 chì, chiacchiari fora di i so cumpagni,, dì: Avemu sunatu mùsica di voi, è tù ùn hà ballatu. avemu chianciu, è tù ùn hà dolu. '
11:18 Per Ghjuvanni ghjunse nè, mangiare, nè bere; è si pò dì, 'Hà un dimòniu.'
11:19 U Figliolu di l'omu ghjunse, mangiare e bere; è si pò dì, Eccu, un omu chì manghja voraciously e chi allura lu vinu, un amicu di i publicani è i piccatori. 'Ma a saviezza hè ghjustificata da i so figlioli ".
11:20 Allora cuminciò à castichi la cità in u quali molti di i so miraculi stati duvuta, per ch'elli sempre ùn avia cridìu.
11:21 "Guai à voi, Chorazin! Guai à voi, Betsàida! Per sè i miraculi chì sò accadute à voi era statu fattu in Tiru è di Sidone, si avissi cridìu longa fà in haircloth e cinari.
11:22 ma in verità, A vi dicu à voi, Tiru è di Sidone sarà pardunatu di più cà voi, nantu à u ghjornu di a ghjustìzia.
11:23 È tù, Cafarnau, si tu pò innalzatu tuttu u modu di u celu? Tù ti scinni tutte e lu modu di Hell. Per sè i miraculi chì sò accadute à voi era statu fattu in Sodoma, forse si avissi ristatu, ancu à stu ghjornu.
11:24 ma in verità, A vi dicu à voi, chi u paese di Sodoma sarà pardunatu di più cà voi, nantu à u ghjornu di u dirittu ".
11:25 À chì tempu, Ghjesù, tantu è disse:: "Tu I ricunnosce, Babbu, Signore, di fracicume, è a terra, perchè tù sò piatte sse cose da i maghi è i meddu, e li sò à palesu a sò pocu.
11:26 Iè, Babbu, di chistu era piacenti davanti à voi.
11:27 Tutti i cosi sò statu mandatu à mè da u mio Babbu. È nimu cunnosce u Figliolu, francu u Patre, nè ùn qualchissia cunnosce u Patre, francu u Figliolu, è quelli chì à quellu chì u Figliolu hè vuluntaria à palesani u.
11:28 Veni à mè, tutti voi chì fatica è sò state burdened, è ti ricaricà tù.
11:29 Piglià a mo pastoghje nantu à voi, è amparà da mè, per sugnu mansu è umili di cori; è voi truvarete restu di a vostra animi.
11:30 Per mio pastoghje hè dolce, e mio sorte hè di luce ".