Ch 13 Matthew

Matthew 13

13:1 In quellu ghjornu, Ghjesù,, in partenza da a casa, pasà accantu à u mari.
13:2 È accussì granni massi participonu à ellu ch'ellu pichjò in una barca, è si messe à pusà. È u web folla, vitti supra la riva.
13:3 E iddu parrava assai cose à elli in paràbule, dicendu:: "Eccu!, un suminava fora di suminatu sumente.
13:4 E mentri iddu era caprini, Un altra parte cascò accantu à a strada, è l'acelli di u celu fù è manghjatu u.
13:5 Allora altri cascatu in un locu rocheux, induve ch'elli ùn hannu assai tarra. Allora fù crisciuta promptly, pirchi avìanu micca tremenda di tarra.
13:6 Ma quandu u sole, s'arrizzò, fùbbenu strinatura, è perchè ùn avia nè radiche, si secca.
13:7 àutri ancora, cascatu à mezu à i tanghi, è i tanghi cresce è li suffocated.
13:8 Eppuru certi altri, cascò nantu à bona, è si pruduce frutta: qualchi centu volte, qualchi sissanta volte, qualchi trenta volte.
13:9 Quellu chì hà l'arechje per sente, làssalu à sente. "
13:10 È i so discìpuli, s'avvicinò à ellu è disse:, "Perchè ùn si parla di li in paràbule?"
13:11 rispunniri, Ghjesù li disse:: "A causa hè statu datu à voi di cunnosce i misteri di u regnu di i celi, Ma ùn hè statu datu à elli.
13:12 Per quellu chì hà, si sarà datu à ellu, è ellu resterà in abbunnanza. Ma quellu ùn hà, ancu ciò ch'ellu hà sarà livatu da ellu.
13:13 Per stu mutivu, I più parlà à elli in paràbule: perchè videndu, ch'elli ùn vede, e sintennu ca nun senti, nè fà si capisce.
13:14 e accussi, in li hè ghjuntu à cumpiimentu la prufezia de Isaia, chì disse:, 'Protesi, tu ti senti, ma ùn capisce; e vidennu, tù ti vede, Ma ùn sò avvistu.
13:15 Per u core di stu pòpulu hè cultivata grassu, è cù a so 'aricchi si sente assai, è ch'elli sò chjusi i so ochji, paura chì à ogni volta chì pudia vede cù i so ochji, è à sente cù u so zitellu, è capisce cù u so core, è esse cunverta, e poi li I avissi guarì. '
13:16 È benedettu sò i vostri ochji, perchè si vede, è u to 'aricchi, perchè sèntenu.
13:17 Amen a vi dicu à voi, di sicuru, chì parechji di i prufeti, è u ghjustu Bramati à vede ciò chì vo vidite, e ancu si ùn vecu, è à sente ciò chì tù senti, è ancu ch'elli ùn sente si.
13:18 Listen, tandu, à l 'paràbula di u Cum'ellu.
13:19 Incù qualchissia chì sente a parolla di u regnu, è ùn capisce, male veni e porta luntanu ciò chì fù siminari e in lu so core. Ghjè quellu chì ricevutu u cummerciu da u latu di a strada.
13:20 Allora quellu chì hà ricevutu a sumente nantu à un locu rocheux, issu hè quellu chì sente a parolla è promptly accunsentu cun aligria.
13:21 Ma ellu hà ràdica in sè stessu, tantu hè solu per un tempu; tandu, quandu tribulazione è pirsicuzzioni esempiu, per via di a parolla, si stumbles promptly.
13:22 È quellu chì hà ricevutu u cummerciu à mezu à e spine, issu hè quellu chì sente a parolla, ma lu pinseri di stu sèculu e l 'perfidy di ricchizzi outmanoeuvre a parolla, e iddu è effittivamenti senza frutti.
13:23 ma in verità, quellu chì hà ricevutu u cummerciu in terra bona, issu hè quellu chì sente a parolla, è capisce u, e accussi cci fannu mai fruttu, e pruduci: certi un centu volte, è un altru sissanta volte, è un altru trenta per ripiegamentu. "
13:24 Prupuni altru paràbula di li, dicendu:: "U regnu di i celi hè cum'è un omu chì suminatu bona pusterità à u so campu di.
13:25 Ma, mentri l '' omi eranu durmendu, ghjunse è suminatu erbaccia ammenzu u granu u so nimicu, e poi si n'andò.
13:26 E quandu i pianti avia cultivata, è avia pruduce frutta, tandu i erbaccia apparsu dinù.
13:27 So i servitori di u Babbu di a famiglia, toltu, li disse:: 'Lord, tù ùn hà suminatu bona pusterità à u vostru campu? Tandu cumu hè chì si hà erbaccia?'
13:28 È li disse:, 'Un omu chì hè un nimicu hà fattu sta.' So i servitori, li disse:, 'Serà a to vulintà chì noi ci vai è li incascià u?'
13:29 È li disse:: 'Innò, paura chì forse in vedere i erbaccia, tu putissi puru latina fora u furmentu, insieme cù lu.
13:30 Permette à tempu à a crisciri finu à i vindemii, è à u tempu di a racolta, Dicu à i reapers: Incascià prima u erbaccia, e li lià nta fasci d 'abbruciari, Ma u granu incascià in u mio Storehouse. ' "
13:31 Prupuni altru paràbula di li, dicendu:: "U regnu di i celi hè cum'è una granella di sènapa, chì un omu pigliò è ghjittatu in lu campu di.
13:32 Hè, diffunnutu, u più chjucu di tutti i graneddi, Ma quandu si hè crisciutu, hè più chè tutti i pianti, è si ne diventa un àrburu, tantu chì l 'acelli di u celu vene è stia in u so currente. "
13:33 Iddu parrava altru paràbula di li: "U regnu di i celi hè cum'è u lèvitu, chì una donna, pigliò, è piatte à trè misure di farina di granu a grana, nzinu a lu statu sanu impastu. "
13:34 Tutte sse cose di Ghjesù parlava in paràbule a ghjente. È ch'ellu ùn parla di i sfarenti da paràbule,
13:35 in ordine di rializzari ciò chì era statu dettu à u prufeta:, dicendu:: "I vi aprire la mio bocca in paràbule. I pruclama ciò chì hè statu piattu dipoi u fundamentu di u mondu ".
13:36 Allora, dismissing the crowds, he went into the house. And his disciples drew near to him, dicendu:, “Explain to us the parable of the weeds in the field.”
13:37 rispunniri, Ghjesù li disse:: “He who sows the good seed is the Son of man.
13:38 Now the field is the world. And the good seeds are the sons of the kingdom. But the weeds are the sons of wickedness.
13:39 So the enemy who sowed them is the devil. e criu, the harvest is the consummation of the age; while the reapers are the Angels.
13:40 dunque, just as weeds are gathered up and burned with fire, so shall it be at the consummation of the age.
13:41 The Son of man shall send out his Angels, and they shall gather from his kingdom all who lead astray and those who work iniquity.
13:42 And he shall cast them into the furnace of fire, where there shall be weeping and gnashing of teeth.
13:43 Then the just ones shall shine like the sun, in the kingdom of their Father. Quellu chì hà l'arechje per sente, làssalu à sente.
13:44 U regnu di i celi hè cum'è un tesoru piattu in un campu. Quandu un omu trovi, si cartoons lu, e, per via di a so cuntintezza, iddu va e vinni tuttu ciò ch'ellu hà, è ch'ellu Buys chi campu.
13:45 Nannuccia, u regnu di i celi hè cum'è un mircanti circava bè ci scinnia.
13:46 Avè trovu una perla di granni valuri, Si ne vultò è vindutu tuttu ciò ch'ellu avia, e iddu accattò.
13:47 Nannuccia, u regnu di i celi hè cum'è un rugby reta in lu mare,, chì si avvicinanu inseme tutti i tipi di pisci.
13:48 Quandu si hè statu pienu, dicimi it out è à pusà accantu à u riva, ch'elli sceltu u bè in robba, Ma u tintu si jittò luntanu.
13:49 So ti lu esse à u PARTICULARITY di l 'età. The Angels ti ne vanu è siparari li mali da l 'internu di l' appena.
13:50 E iddi li ti pusau ni la high di u focu, induve ci sarà pienti è trizinimi di denti.
13:51 Sò vo capiri tutti sti cosi?"Li diciaraghju, "Iè."
13:52 Ghjesù li disse:, "Cusì, ogni sigritariu beni-insignanti di u regnu di i celi, Ghjè sìmulu à un omu, lu patri di na famigghia, chì prupone da u so Storehouse tramindui u novu e lu vecchiu ".
13:53 E lu successu chì, quandu Ghjesù era compie sti paràbule, si n'andò da a ci.
13:54 È entri in u so paese, Ghjesù insignava in le sinagoghe, tantu ch'elli fùbbenu, è disse:: "Comu pò com'è a saviezza è a putenza esse cun issu una?
13:55 Hè micca issu figliolu di un Workman? ùn hè micca a so mamma chjama Santa Maria, è i so fratelli, Ghjacumu, è Ghjiseppu, è Simon, e Jude?
13:56 E so surelle, sò ch'elli ùn tutte e cun noi? dunque, da induve hè stu unu pigghiau tutti sti cosi?"
13:57 Allora pigliò un occasione à ellu. Ma Ghjesù li disse:, "Un prufeta, ùn hè micca senza unuri, fora di a so casa, è in a so casa ".
13:58 È ch'ellu ùn hà travagliu assai miraculi ca ci, per via di a so unbelief.