Ch 15 Matthew

Matthew 15

15:1 Allora i scribi è i Farisei, ghjunse à ellu da Ghjerusalemme, dicendu::
15:2 "Perchè ùn a to discìpuli ch i tradizioni di l'antichi? Per ch'elli ùn lava li manu quannu si manghjà. "
15:3 ma rispunniri, Ghjesù li disse:: "E picchì ti voi ch u cumandamentu di Diu, di u nome di u vostru tradizione? Di Diu, disse::
15:4 'Onuri di u vostru babbu è mamma,'è, 'Quellu chì vi sò Maladettu babbu o di mamma ti mori un morti.'
15:5 Ma vi dicu: 'Sì qualchissia vi aghju dettu à babbu o di mamma, "Hè didicatu, cusì chì tuttu ciò chì hè da a mia vi prufittà tù,"
15:6 tandu ùn sarà onurari lu so 'patri o di a so mamma.' So hannu voi nullified u cumandamentu di Diu, di u nome di u vostru tradizione.
15:7 forse! Come bè fattu Isaia prufezia circa tù, dicendu::
15:8 'Sta ghjente à mè unurari incù e so labbre, ma u so core hè luntanu da mè.
15:9 Per in vanu Ùn si mi timite, insignava à i duttrini è cumandamenti di l'omi. "
15:10 È avè chjamatu a ghjente à ellu, Ghjesù li disse:: "Tu è capisce.
15:11 Un omu ùn hè imbruttata da ciò chì t'avissi in bocca, Ma par ciò chì bon da a bocca. Ghjè ciò chì Défilés un omu ".
15:12 Tandu i so discìpuli, s'avvicinò è li disse:, "Nun sai chì i Farisei, nantu à sente issa parolla, stati fattu?"
15:13 Ma a risposta li disse:: "Ogni pianta chì ùn hè statu piantatu da u mio paradisu Babbu sarà Sradichèghjati.
15:14 Lascià li sulu. Iddi sò cecu, è si portanu i cechi. Ma si lu cecu, sò in u cumandante di u cecu, tramindui Per buccali in u teatru. "
15:15 e rispunniri, Petru li disse:, "Spiegari sta paràbula di nuatri."
15:16 Ma li disse:: "Sì, ancu avà, senza intelligenza?
15:17 Nun voi ùn capisce chì tuttu ciò chì entri a bocca, andat in lu mal, è hè ghjittatu in lu Discovery?
15:18 Ma ciò chì bon da a bocca, va esce da u core, è quelli chì sò i cosi chì def un omu.
15:19 Per da u cori andati pinsamenti u male, esicuzzioni, adulteries, fornications, thefts, falzi accolti, cusì.
15:20 Quessi sò i cosi chì def un omu. Ma a manciari senza manu à laver ùn def un omu ".
15:21 È in partenza da a ci, Ghjesù, si ritirò in lu rughjoni di Tiru è di Sidone.
15:22 Ed eccu, una donna di Cananu, sorte da a ghjenti di, gridava, dicendu à u: "I Pagliacci part nantu à mè, Lord, Figliolu di David. Mio figliola hè malamenti affrittu da un demoniu ".
15:23 Ghjesù ùn dì una parolla di a so. È i so discìpuli, dicimi vicinu à, cci ficiru prissioni, dicendu:: "Salutari a so, perch'ella hè chì briona fora, dopu à noi. "
15:24 e rispunniri, dissi, "I micca statu mandatu fora à i pecuri chi sò falatu luntanu da a casa di Israel."
15:25 Ma ella, s'avvicinò è ci curato, dicendu:, "Signuri, aiuta mi."
15:26 e rispunniri, dissi, "Ùn Hè bè di piglià u pane di i zitelli è lu pusau a lu cani."
15:27 Ma Rispose, "Iè, Lord, ma i ghjovani cani Mangiare dinù da i pistìcciuli chì falà da u tavulinu di i so patroni. "
15:28 Allora Ghjesù, rispunniri, disse à u so: "A donna O, hè maiò a to fede. Chì hè esse fattu per voi cum'è vo vulete. "È a so figliola fù guaritu da a listessa ora.
15:29 È quandu Ghjesù avia passatu da a ci, ch'ellu ghjunghjì accantu à u mare di Galilea,. È castigu di supra 'na muntagna, si pusò ci.
15:30 È gran mansa di ghjente ghjunse à u, avè cun elli lu mutu, u cecu, lu zoppu, u cacciatu, e tanti àutri. E iddi li pusau davanti à i so pedi, e si li purcina,
15:31 tantu chi a ghjente dumandava, vidìannu lu lusso mutu, i spassighjati zoppu, u guida orbi. Allora glurificatu u Diu di Israel.
15:32 è à Ghjesù, chiacchiari inseme i so discìpuli, dissi: "I me cumpassione u ghjente, perchè ch'elli sò stati cun mè avà per trè ghjorni, e iddi nun hannu nenti di mangiari. È ùn stò qua a salutari li, dighjuni, per paura ch'elli muriri, lungo la via. "
15:33 È i so discìpuli li disse:: "Da induve, tandu, in u disertu, avissi a noi ottene basta u pane à suddisfà cusì una affullanza maiò?"
15:34 È Ghjesù li disse:, "Quanti pani di u pane ùn avete?"Ma dìssenu, "Sette, è un pocu pisci pocu. "
15:35 Eppo urdinatu a ghjente à mittaranu nantu à a terra,.
15:36 E pigghiannu li setti pani e lu pisci, e ludava, u spizzò, è dete à i so discìpuli, è i so discìpuli datu à u populu.
15:37 E tutti manciavanu e saziera. e, da ciò chì fù manca più di i pezzi, Piglionu su sette curbelle.
15:38 Ma quelli chì anu manghjatu era di quattru mila omini, pluma i zitelli è e donne.
15:39 È avè licinziau la fudda, ch'ellu pichjò in una barca. È si n'andò in i custere di Magadan.