Ch 7 Matthew

Matthew 7

7:1 "Ùn ghjudicà, affinchì vo ùn pò esse ghjudicati.
7:2 Per cù qualunque tribunale vi ghjudicherà, cusì ti vi serà ghjudicata; è cù tuttu ciò chì misura vi italian fora, accussì ti lu pò misurata daretu à voi.
7:3 È cumu pò vi vede u splinter in ochju di u to fratellu, è ùn vede u bordu à u to ochju?
7:4 Or quantu pò dite à u vostru fratellu,, Chì mi piglià u splinter da u to ochju,'mentri, eccu, un bordu hè in u vostru ochju?
7:5 Ipòcritu, prima caccià u bordu da u to ochju, e poi ti vede abbasta decisi à caccià u splinter da ochju di u to fratellu.
7:6 Do not give what is holy to dogs, and do not cast your pearls before swine, lest perhaps they may trample them under their feet, è dopu, turning, they may tear you apart.
7:7 Paghjella, e si sarà datu à voi. circà, è voi truvarete. pichjà, e si sarà apertu à voi.
7:8 Per quellu chì dumanda, riceve; and whoever seeks, truvà; and to anyone who knocks, it will be opened.
7:9 Or what man is there among you, chì, if his son were to ask him for bread, would offer him a stone;
7:10 or if he were to ask him for a fish, would offer him a snake?
7:11 dunque, si tù, though you are evil, know how to give good gifts to your sons, how much more will your Father, chì hè in lu celu, give good things to those who ask him?
7:12 dunque, all things whatsoever that you wish that men would do to you, do so also to them. For this is the law and the prophets.
7:13 Enter through the narrow gate. For wide is the gate, and broad is the way, which leads to perdition, and many there are who enter through it.
7:14 How narrow is the gate, and how straight is the way, which leads to life, and few there are who find it!
7:15 Talìati di falzi prufeti, chì vene à voi in panni di pecuri, ma sapia sò Loups suppurtari.
7:16 Vi li saperà da i so frutti. uva, si pò accolta da i tanghi, o fichi da thistles?
7:17 So dunque, ogni àrburu bonu fruttu bonu, è lu pinu u male chì pruduce frutta, u male.
7:18 A àrburu bonu ùn hè in gradu di pruducia, frutta, u male, è un arvulu u male ùn hè in gradu di pruducia bonu fruttu.
7:19 Ogni àrburu chi ùn pruducia frutti boni sarà tagliatu è ghjittatu in lu focu.
7:20 dunque, da i so frutti vo vi li canuscemu.
7:21 Micca tutti quelli chì dice à mè, 'Lord, Lord,'Hà da entre in u regnu di i celi. Ma quellu chì ùn la vuluntà di u mio Babbu, chì hè in lu celu, lu stissu ti entre in u regnu di i celi.
7:22 Parechje vi dicu à mè in quellu ghjornu, 'Lord, Lord, noi ùn prufitizaranu in u vostru nomu, e scacciò i dimònii, in u vostru nomu, è di fà assai boni putenti in u vostru nomu?'
7:23 E poi vi I ùn dice di elli: 'Aghju mai tù noti. Chì partenu da mè, tu i travagliadori di cascà.
7:24 dunque, quellu chì sente ste parolle di u mio è li faci ti esse paragunatu à un omu saggiu, chì custruitu a so casa nantu à u scogliu.
7:25 È u mai esciuti, e intarrottu l'inundazioni s'arrizzò, è i venti tirava, è falava nantu à ssa casa, ma ùn innamurà, di lu fù fundata nantu à u scògliu.
7:26 È quellu chì sente ste parolle di u mio è ùn fà li sarà cum'è un omu scimproriu, chì custruitu a so casa nantu à i capeddi.
7:27 È u mai esciuti, e intarrottu l'inundazioni s'arrizzò, è i venti tirava, è falava nantu à ssa casa, è si feci innamurà, e granni era u so ruvina. "
7:28 E si jiu, quandu Ghjesù era compie ste parolle, chi a ghjente si stupia di a so duttrina.
7:29 Per ch'ellu insignava cum'è quellu chì hà autorità, è micca cum'è i scribi è Farisei.