I Muvrini

I Muvrini 1

1:1 In u principiu di, Diu creò i celi è a terra.
1:2 Ma la terra, hè viotu è elpa, e darknesses era più di u visu di l 'abissu; è tantu di u Spìritu di Diu fù purtatu nantu à l'acque.
1:3 È Diu li disse, "Chì ci hè di luce". È di luce addivintò.
1:4 E Diu, vitti la luci, chì hè bonu; e accussi iddu divisi a luce da u darknesses.
1:5 È chjamò u lume, 'Ghjornu,'È l' darknesses, Notte. 'È divinni sira e la matina, un ghjornu.
1:6 Diu dinù dettu, "Chì ci hè un firmamentu in l 'internu di l' acqui, e lassai sparte acque da acque. "
1:7 È Diu hà fattu un firmamentu, è si divide l 'acqui chì eranu sottu lu firmamentu, da quelli chì eranu sopra à u firmamentu. E accussì addivintau.
1:8 E Diu, chiamatu lu firmamentu 'u fracicume.' E divinni sira e la matina, lu secunnu jornu.
1:9 Fideltà à Diu disse:: "Si rallègrinu l 'acque chì sò sottu à u celu esse riunì in unu locu; è chì cumparisci la terra ferma. "È cusì, divinni.
1:10 E Diu, chiamatu la terra ferma, 'Terra,'È chjamò u veniri di l'acque, 'Ioniu.' E Diu vide chì era bona.
1:11 È li disse:, "Chì i pianti, verde, terra, primavera nasciri, tutti quelli chì sumente pruducia, e 'arburi di frutta-trip, pruduzzioni di frutta, secondu a so 'bona, pusterità quale hè nella stessa, nantu à tutta a terra. "È cusì, divinni.
1:12 È u paese fattu nasciri, piante verde, tutti quelli chì sumente pruducia, secondu a so 'bona, è arburi pruduzzioni di frutta, cu iddi avè a so manera di calzature, secondu a so spezia. È Diu vide chì era bona.
1:13 E divinni sira e la matina, u terzu ghjornu.
1:14 Dopu à Diu disse:: "Chì ci hè luci in lu firmamentu di u celu. È chì li fàcenu ghjornu da a notti, è ch'elli li divintatu signa, tramindui di i staghjoni, è di i ghjorni è anni,.
1:15 Chì li làcrimi a lu firmamentu di u celu è suciale di a terra. "È cusì, divinni.
1:16 È Diu hà fattu dui gran luci: un grande lume, a cuvirnari più di u ghjornu, è un lume minuri, a rignari supra la notte,, rilazione cù i stiddi.
1:17 E si li misi a lu firmamentu di u celu, à dà lume nantu à tutta a terra,
1:18 è a rignari supra lu iornu oltri a notte, è a fàcenu luce da a bughjura. È Diu vide chì era bona.
1:19 E divinni sira e la matina, u quartu ghjornu.
1:20 È tandu à Diu disse:, "Chì l'acque prudùcinu l 'animali cù un' anima vivant, e vulannu castità, sopra à a terra, sottu à u firmamentu di u celu ".
1:21 È Diu c'avia criatu lu granni castità, mare, è tuttu cù un 'anima vivant è i mezi à spustà chì l' acqui pruduciutu, secondu a so spezia, è tuttu u so vulannu, secondu a so 'bona. È Diu vide chì era bona.
1:22 Eppo i benedisse, dicendu:: "Rinfurzà è multiplicate, e chini di l 'acqui di lu mari. È: Chì l 'acelli esse multiplicate, sopra u paese ".
1:23 E divinni sira e la matina, u quintu ghjornu.
1:24 Diu dinù dettu, "Chì i prudutti tarra animi vivant à a so bona: vaccina, e 'animali, è animali salvatichi di a terra,, secondu a so spezia. "È cusì, divinni.
1:25 E Diu, fattu l 'animali salvatichi di a tarra secondu a so spezia, è i boi, è ogni animale di a terra, secondu a so bona. È Diu vide chì era bona.
1:26 È li disse:: "Chì ci fari l 'omu di a nostra maghjina è ritrattu. E làssalu stò più li pisci di lu mari, è lu criaturi aceddi di l 'aria, è u animali salvatichi, è u web in terra, è ogni animale chì si movi nantu à a terra ".
1:27 È Diu c'avia criatu 'omu à a so maghjina; à l 'imagine di Diu, cci creatu; masculu e fimmina, li criati.
1:28 È Diu i benedisse, è li disse:, "Rinfurzà è multiplicate, e chini di a terra,, e suttamèttirisi lu, e hannu dicenu più li pisci di lu mari, è lu criaturi aceddi di l 'aria, è nantu à tutti i rèttili vivant chì movi nantu à a terra. "
1:29 È Diu li disse: "Eccu!, I vi sò datu ogni pianta, sumente-carchi nantu à a terra,, è tutte e l 'arburi chì hannu a iddi la capacità di suminatu u so significatu, à esse pastu per voi,
1:30 è per tutti l 'animali di u paese, è di tutte e cose aceddi di l 'aria, è di tuttu ciò chì movi nantu à a terra, è in chì ci hè un 'arma vivant, tantu ca si pò hannu sti su chi à nutriscia. "È cusì, divinni.
1:31 È Diu vide tuttu ciò ch'ellu avia fattu. È eranu assai boni. E divinni sira e la matina, u sestu ghjornu.

I Muvrini 2

2:1 E accussi i celi è a terra, sò compie, incù tutti i so adornment.
2:2 È nantu à u sèttimu ghjornu, Diu cumpiì u so travagliu, ch'ellu avia fattu. È nantu à u sèttimu ghjornu ch'ellu si firmò da tutti i so travagliu, ch'ellu era duvuta.
2:3 Eppo benedisse u sèttimu ghjornu, è u santificò. Per in lu, ch'ellu avia cessatu da tutti i so travagliu: u travagliu quale Diu c'avia criatu ciò ch'ellu duvia fà.
2:4 Quessi sò i sèculi di i celi è a terra, quand'elli fùbbenu creati, in u ghjornu quandu u Signore, Diu hà fattu u celu è a terra,
2:5 e ogni sapling di u campu di, nanzu si avissi Arrìzzati in u paese, e ogni pianta, salvatichi, nanzu si avissi girmoglia. Di u Signore, Diu, ùn avia purtatu arcusgi nantu à a terra,, è ùn ci hè nimu à u travagliu di a tarra.
2:6 Ma 'na funtana cullate da a terra,, irrigating u web a superficia di a terra.
2:7 E poi, u Signore Diu furmò 'omu da u serpente di a terra,, e quannu rispirava, in a so faccia u soffiu di a vita, è omu diventa un 'anima vivant.
2:8 Avà u Signore, Diu avia postu una Paradise di gioia da u principiu. in lu, si misi 'omu ch'ellu avia furmatu.
2:9 È da u pratu, u Signore Diu di qualità ogni àrburu chi era bella à Satanassu è salla à manger. È ancu l 'arvulu di la vita era in l' internu di Paradise, e lu àrburu di a cunniscenza di u bè è di u male.
2:10 È un fiume, iscì da a lu postu di gioia accussì comu a irrigate Paradise, chì hè spartuta da culà in quattru testi.
2:11 U nomu di unu è l 'Phison; hè ciò chì si sbucina in tuttu u paese di Hevilath, induve d 'oru hè natu;
2:12 e li muniti di chì paese hè la più bedda. In chi locu si trova quellu chì circonda tuttu u naturale lucida.
2:13 È lu nomu di la secunna, fiume, hè a Gehon; hè ciò chì si sbucina in tuttu u paese d 'Etiopia.
2:14 cambiatu, u nomu di u terzu fiumu hè u Tigri; si ancianos cuntrariu u Assyrians. Ma lu quartu, fiume,, hè u Euphrates.
2:15 cusì, u Signore Diu purtatu l 'omu, è u messe in u Paradisu di gioia, tantu ca si avissi a èssiri friquintau e cunsirvatu da ellu.
2:16 E cci urdinatu, dicendu:: "Da ogni àrburu di Paradise, vi sarà Mangiare.
2:17 Ma da u àrburu di a cunniscenza di u bè è di u male, tù ùn ti manghjà. Per a sicondu ghjornu tù manghjarè da lu, tu vi more una morti. "
2:18 U Signore Diu disse: "Ùn Hè bona di l 'omu a essiri sulu. Femu un aiutu di u listessu à ellu stessu. "
2:19 dunque, u Signore Diu, aviri furmatu da u pratu tutti l 'animali di a terra, è tutta a cintura aceddi di l' aria, li purtò a Adam, in ordine per vede ciò ch'ellu li avissi a chiamari. Per ciò chì Adam si chjama ogni criatura vivant, chi saria u so nomu.
2:20 E Adam chjama ogni di i cosi vivant da i so nomi: tutti i rèttili aceddi di l 'aria, è tuttu u animali salvatica di u paese. ma in verità, di Adam, ci micca statu trovu un aiutu simuli à sè stessu.
2:21 E accussì lu Signore, Diu m'hà mandatu un sonnu spechju nantu à Adam. E quannu iddu era comu un ghiru, Pigliò una di i so cùasti, è si compie cù carne di lu.
2:22 È u Signore Diu, custruitu supra lu agnellu, ch'ellu pigliò da Adam, in una donna,. Eppo i so purtatu à Adam.
2:23 E Adam disse:: "Ora chistu è bon da a mio osse, è carne da a mio carne. Stu unu sarà chjamata a donna, parchì ch'ella hè stata da a omu. "
2:24 Per stu mutivu, un omu chì ti lascià daretu à u so babbu è mamma, è ch'ellu sarà mpinci a so moglia; è i dui sarà cum'è una carne.
2:25 Avà eranu tramindui nudi: Adam, ben intesu, è a so moglia. È ch'elli ùn eranu di falli.

I Muvrini 3

3:1 Tuttavia, lu sirpenti era cchiù ntilligenti chè ogni di i rèttili di a terra, chì u Signore, Diu avia fattu. È li disse à a donna, "Perchè ha à Diu vi urdinatu, chì ùn vi duvite manghjà da ogni àrburu di Paradise?"
3:2 A donna, tantu a iddu: "Da u fruttu di l 'arburi chì sò in Paradise, avemu Mangiare.
3:3 ma in verità, da u fruttu di l 'arvulu chi hè in i media di Paradise, Diu ci hà urdinatu chì ùn avemu deve manghjà, è chì noi ùn deve tuccari, paura chì forsi avemu pò more ".
3:4 Allura lu sirpenti disse à a donna: "By: Innò chì tù mori una morte.
3:5 Di Diu, lu sapi chi, u sicondu ghjornu tù manghjarè da lu, i to ochji da esse apertu; e voi sarete cum'è dii, sapendu bè è u male. "
3:6 E accussì la donna vide chì u àrburu era bonu à manghjà, è beddu à l 'ochji, e ridenti à guardà. E idda pigghiò da u so fruttu, è hà manghjatu. È hà datu à u so maritu, chì avemu manghjatu.
3:7 E l 'occhi di li dui stati aperti. E quannu si intra avvisti à esse nudu, ch'elli riuniti ficu fogli è villamagna fatta per elli.
3:8 È quandu ch'elli avìanu intesu a voce di u Signore, Diu, pigliò un caminu in Paradise in lu ventu di dopu meziornu, Adam è a so moglia si piatte da a fàccia di u Signore, Diu, in l 'internu di l' arburi di Paradise.
3:9 È u Signore Diu, chjamatu Adam è li disse:: "Induve si?"
3:10 È li disse:, "Aghju intesu a to voce in Paradise, e Aviu a paura, perchè I hè nudu, e accussi pi mmia I sicretu. "
3:11 Ghjesù li disse:, "Allora chi vi dissi chi vi era nudu, s'è ùn vi aghju manghjatu di l'àrburu da chì tù aghju urdinatu chì ùn vi duvite manghjà?"
3:12 E Adam disse:, "A donna,, cui vo deti di mè cum'è un cumpagnu di, dete à mè da a l 'arvulu, è aghju manghjatu ".
3:13 È u Signore Diu disse à a donna, "Perchè sò vo fattu stu?"È ch'ella emi, "A sarpe m'hà arrubatu, è aghju manghjatu ".
3:14 È u Signore Diu disse à a sarpe: "Pirchì vi aghju fattu stu, vi sò Maladettu à mezu à tutte e cose vivant, ancu l 'animali salvatichi di a terra,. Nantu à u to pettu ti voi pass, e la terra, ti voi manciari, tutti i ghjorni di a to vita.
3:15 I vi mette enmities trà voi è a donna,, trà u vostru niputi è a so discindenza. Idda vi sfracicà u vostru capu, è voi vi si trovani in Agincourt di u so passage ".
3:16 À a donna, ch'ellu dinù dettu: "I vi multiplica u vostru fatichi è a vostra conceptions. In lu duluri ti dugnu a nascita à i figlioli, è vi sarà sottu à a putenza di u vostru maritu, è ch'ellu ti hannu dicenu più di tè. "
3:17 ma in verità, à Adam, dissi: "Pirchì vi sò à sente à a voce di a to mòglia, è aghju manghjatu di l'àrburu, da chì tù aghju urdinatu chì ùn vi duvite manghjà, ànnu hè u paese chì vo u travagliu. In hardship ti voi manciari da lu, tutti i ghjorni di a to vita.
3:18 E spine e thistles ti lu elaburazione di voi, e tu ti manghjà u piante, di a terra,.
3:19 By u sudore di a to fàccia chì tù manghjà u pane, sinu à voi di vultà à a terra, da quali vo ieru. Di pruvulazzu tù sì, è disse: pòlvara tù ti turnari. "
3:20 E Adam chjamatu u nomu di a so moglia, 'Eve,'Parchì ch'ella hè a mamma di tutti i vivi.
3:21 U Signore Diu dinù fattu per Adam è i so panni, moglia da a pelle, e si li rivistutu.
3:22 È li disse:: "Eccu!, Adam hè divintatu cum'è unu di noi, sapendu bè è u male. dunque, avà forse si pò stese a manu, è ancu piglià da u àrburu di vita, è manghja, è campà in eternità. "
3:23 È cusì, u Signore Diu, u mandò via di u Paradisu di gioia, in ordini di u travagliu di a terra, da ch'ellu fù livatu.
3:24 Eppo scunvià Adam. È in fronte di u Paradisu di gioia, si misi a Cherubini cù una spada fiamme, si vultò, inseme, di surviglià a strada di l 'arvulu di a vita.

I Muvrini 4

4:1 cambiatu, Adam sapia a so moglia Eve, chì anch'ella è datu nascita à Cain, dicendu:, "Aghju acquistatu un omu chì à traversu à Diu."
4:2 È dinò idda desi a nascita di u so fratellu, Abel. Ma Abel hè un military di pecuri, e Cainu era un paisanu.
4:3 Allora si hè accadutu, dopu à parechji ghjorni,, chi Cain uffertu doni à u Signore,, da i frutti di a terra,.
4:4 Abel listessa uffertu da i maiò di a so banda, è da e so grassu. È u Signore, taliaru cu favuri u Giappone è i so doni.
4:5 Ma in verità,, ch'ellu ùn hà mancu cun favore su Cainu è i so doni. E Cainu era viulenza arraggiatu, è a so fàccia cascatu.
4:6 È u Signore li disse:: "Perchè sò voi sìate? È perchè hè a vostra faccia falatu?
4:7 Sè vo cumportanu bè, vi vo ùn ghjunghjerà? Ma s'è vo cumportanu malamenti, Ùn vi piccatu sùbitu esse prisente durante à a porta? È cusì u so disideriu sarà nella tù, e voi sarete duminata da lu ".
4:8 E Cainu disse à u so fratellu, Abel, "Andemu fora." È, quand'elli eranu in lu campu di, Cain s'arrizzò contru à u so fratellu, Abel, e si cci misi a morte.
4:9 È u Signore disse à Cainu, "Induva hè u vostru fratellu, Abel?"È li tantu: "Ùn a sò micca. Sò I masse di u mo fratellu,?"
4:10 Eppo li disse:: "Cosa ci vo fattu? A voce di u sangue di u to fratellu di briunà à mè da u paese.
4:11 Now, dunque, vi sarà Maladettu nantu à a tarra, chì apre u so bocca, è ricevutu u sangue di u to fratellu, a to manu.
4:12 Quandu voi travagghiari lu, ùn vi darà u so fruttu; un vagrants è un scappatu ti voi sia nantu à a terra. "
4:13 E Cainu dissi a lu Signuri: "I mo iniquità, hè troppu maiò a meritu nostru Ridinturi.
4:14 eccu, mi sò scunvià stu ghjornu davanti à u visu di a terra,, è da u vostru visu I vi pò piatte; e I sarà una vagrants è un scappatu nant'à a terra,. dunque, qualchissia chi mi trova à mè vi tumbà. "
4:15 È u Signore li disse:: "By: Innò chì hè esse cusì; piuttostu, quellu chì avia tombu in legno, ùn esse punitu sevenfold. "E lu Signuri ci misi un segnu nantu à Cainu, tantu chì qualchissia chì trova iddu avissi micca u messe à a morte.
4:16 E accussì Cain, in partenza da a fàccia di u Signore,, vissutu cum'è una scappatu nant'à a terra,, versu i rughjoni urientali di Eden.
4:17 Allora Cain sapia a so moglia, è firmò incinta, è datu nascita à Enoch. Eppo custruitu una cità, è chjamò u so nomu da u nomu di u so figliolu, Enoch.
4:18 N sèquitu, Enoch incinta irad la, e irad la incinta Mahujael, e Mahujael incinta Mathusael, e Mathusael incinta Lamech.
4:19 Lamech pigghiau dui altre: lu nomu di unu statu Ada, è lu nomu di l '' altri hè Zillah.
4:20 E Ada incinta Gampará, chi era lu patri di quelli chì càmpanu in tende, è sò i pastori.
4:21 È u nome di u so fratellu era Jubal; iddu era u babbu di quelli chì canta à l 'arpa è l' organi.
4:22 Zillah dinò incinta Tubalcain, chì era una hammerer è artighjanali, à tutti i travagli di bronzu e di ferru. In fattu, l 'soru di Tubalcain hè Noema.
4:23 E Lamech dissi a so 'muggheri Ada è Zillah: "Listen a mio voce, tu e mòglie di Lamech, pacà attinzioni a mio discursu. Per aghju tombu un omu chì a mio propriu male, è un adulescente di u me propriu bruising.
4:24 Sevenfold vinnitta vi sarà datu per Cain, ma di Lamech, settanta-sette volte ".
4:25 Adam ancu capitu dinò a so moglia, e idda desi a nascita di un figliolu, è hà chjamatu u so nomu Seth, dicendu:, "Diu m'hà datu un altru prole, in locu di Abel, quale Cain tombu. "
4:26 Ma a Seth dinù hè natu un figliolu, quale ellu chjamò Enos. Stu unu si messe à invoke u nomu di u Signore,.

I Muvrini 5

5:1 Hè u libru di u sangu di Adam. In lu ghjornu chì Diu c'avia criatu 'omu, cci fici a lu ritrattu di Diu.
5:2 Li criati, masculu e fimmina; è ellu i benedisse. È chjamò u so nomu Adam, à u ghjornu, quand'elli fùbbenu creati.
5:3 Allora Adam vissutu per centu è trenta anni. E allura iddu anch'ella un figliolu in la so fiura è ritrattu, è chjamò u so nomu Seth.
5:4 E doppu si incinta Seth, i ghjorni di Adam chì passava eranu ottu centu anni. Eppo anch'ella i figlioli è figliole.
5:5 È tutte e lu tempu chi passau, mentri Adam vissutu hè nove centu è trenta anni, e allura iddu muriu.
5:6 Seth listessa vissutu per centu è cinque anni, e allura iddu incinta Enos.
5:7 E doppu si incinta Enos, Seth vissutu per ottu centu è sette anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
5:8 È tutti i ghjorni di Seth chì passava eranu nove centu è dodici anni, e allura iddu muriu.
5:9 in verità, Enos vissutu novanta anni,, e allura iddu incinta Cainan.
5:10 Dopu à a so nascita, stesi ottu centu è dece anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
5:11 È tutti i ghjorni di Enos chì passava eranu nove centu è cinque anni, e allura iddu muriu.
5:12 listessa, Cainan vissutu settanta, e allura iddu incinta Mahalalel.
5:13 E doppu si incinta Mahalalel, Cainan vissutu per ottu centu è di quaranta anni,, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
5:14 È tutti i ghjorni di Cainan chì passava eranu nove centu è dece anni, e allura iddu muriu.
5:15 E Mahalalel vissutu sissanta-cinqui anni, e allura iddu incinta Jared.
5:16 E doppu si incinta Jared, Mahalalel vissutu per ottu centu è trenta anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
5:17 È tutti i ghjorni di Mahalalel chì passava eranu ottu centu e novanta cinqui anni, e allura iddu muriu.
5:18 And Jared vissutu per centu è sissanta-dui anni, e allura iddu incinta Enoch.
5:19 E doppu si incinta Enoch, Jared vissutu per ottu centu anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
5:20 È tutti i ghjorni di Jared chì passava eranu nove centu è sissanta-dui anni, e allura iddu muriu.
5:21 Enoccu vissutu per sessanta-cinqui anni, e allura iddu incinta beurre.
5:22 E Enoch caminava cu Diu,. E doppu si incinta beurre, si campava di trè centu anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
5:23 È tutti i ghjorni di Enoch chì passava eranu trè centu sessanta-cinqui anni.
5:24 E mentri caminava cu Diu,, e poi vinni vistu nè di più, perchè à Diu iddu pigghiò.
5:25 listessa, Beurre vissutu per centu è uttanta-sette anni, e allura iddu incinta Lamech.
5:26 E doppu si incinta Lamech, Beurre vissutu per sette centu ottanta-dui anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
5:27 È tutti i ghjorni di beurre chì passava eranu nove centu è sissanta-nove anni, e allura iddu muriu.
5:28 Allora Lamech vissutu per centu è ottanta-dui anni, è ch'ellu anch'ella un figliolu.
5:29 È chjamò u so nome Noè, dicendu:, "Sta unu noi vi Retour da l 'òpiri è ncontru di i nostri mani, in u paese chì u Signore hà benedettu ".
5:30 E doppu si incinta Noè, Lamech vissutu per cinque centu è novanta cinqui anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
5:31 È tutti i ghjorni di Lamech chì passava eranu setti centu è settanta-sette anni, e allura iddu muriu. in verità, quandu Noè hè cinque centu anni, si incinta Semme, Ham, è Ghjafettu.

I Muvrini 6

6:1 E quandu l 'omi si messe à esse multiplicate nantu à a terra,, e figliole eranu nati à elli,
6:2 i figlioli di Diu,, postu chì e figliole di l 'omi era bella, pigliò a iddi e mòglie da tutti i quali si scigghiu.
6:3 È Diu li disse: "I mo spiritu ùn ti stà in omu sempre, perchè hè carne. E accussì i so ghjorni sarà centu è vinti anni. "
6:4 Avà li gicanti era nantu à a terra, in quelli ghjorni. Per dopu à i figlioli di Diu, si n'andò in a l e figliole di l 'omi, è ch'elli incinta, sti addivintau lu putenti chiddi di li tempi antichi, l 'omi di rinomina.
6:5 dopu à Diu, virennu chi la a gattivera di l 'omi era maiò nantu à a terra, è chì tutti i pinseri di u so core hè scopu nantu à u male à tutti i tempi,
6:6 cridìu ch'ellu avia fattu 'omu nant'à a terra,. È esse toccu sapia cu un duluri di cori,
6:7 dissi, "I vi eliminari omu, qual'e aghju creatu, da u visu di a terra,, da omu à avutri cosi vivant, da l 'animali ancu à i cosi veni di l' aria. Di lu mè n'angustia ch'e li aghju fattu ".
6:8 ma in verità, Noè trovu grazia davanti à u Signore,.
6:9 Quessi sò i sèculi di Noè. Noè fù un omu ghjustu, è ancu ch'ellu fù predominate à mezu à i so generazioni, di caminava cu Diu,.
6:10 Eppo incinta di trè figlioli,: Semme, Ham, è Ghjafettu.
6:11 Eppuru a terra fù currutti davanti à l 'ochji di Diu,, e lu statu pienu di cascà.
6:12 È quandu Diu, avia vistu chì a terra avia statu currutti, (diffunnutu, tutte e carne era currutti u so modu nantu à a terra,)
6:13 Ghjesù disse à Noè: "A fine di tutte e carne, hè ghjuntu à u mio ochji. A terra hè statu pienu di cascà da a so presenza, e mi li vi lampà, nsemi a la terra.
6:14 Fate présenter un arca di legnu smoothed. Tù ti fari pocu lochi casa in l 'arca, è vi sarà Room Afghanistan nant'à l 'internu è esterno.
6:15 E accussì ti voi fàrilu: A lunghizza di l 'arca sarà di trè centu cubits, u so larghezza cinquanta cubits, è u so altu trenta cubits.
6:16 Tù ti fari 'na finestra, in l' arca, è vi sarà compie si ind'a un cubit di a cima,. Allora vi metterà a la porta di l 'arca à u so latu. Tù ti fà in lu: una frazzioni, chambres suprana, e un terzu livellu.
6:17 eccu, I ti vene l 'acqui di na granni piena nantu à a terra,, accussì comu a messi à morte ogni carne chì ci hè u soffiu di a vita sottu à u celu. Tutte e cose chì sò nantu à a terra sarà cunsumà.
6:18 È I ti dà a mo allianza cun voi, e tu ti entre l 'arca, voi è i vostri figlioli, u to mòglia è e mòglie di i vostri figlioli, cù voi.
6:19 È da ogni cosa vivant di tuttu ciò chì hè carne, tù ti portanu paghje in l 'arca, tantu ca si pò parmetta cù voi: da u sessu maschili è i fimmina,
6:20 da a 'acelli, secondu a so 'bona, è da a armari, in lu so bonu, è da mezu à tutti l 'animali nant'à a terra, secondu a so 'bona; paghje da ognunu ti entre cun voi, tantu ca si pò esse in gradu di campà.
6:21 dunque, tù ti piglià cun voi da a tutti i cibi chì sò capaci à esse manghjatu, è vi sarà a purtari sti cun voi. E sti sarà usatu comu pastu, certi di voi, e lu restu di li ".
6:22 E accussì Noah hà tutte e cose cum'è Diu, ellu avia urdinatu.

I Muvrini 7

7:1 È u Signore li disse:: "Rinsignate l 'arca, tu è tutti i to casa,. For I avete vistu voi à esse appena a mio ochji, ind'a sta generazione.
7:2 From tuttu l 'animali puri, piglià e sette e sette, u masciu è a femina. ma in verità, da l 'animali chì sò impuru, piglià dui e dui, u masciu è a femina.
7:3 Ma ancu da l 'acelli di u celu, piglià e sette e sette, u masciu è a femina, tantu chi prole pò esse salvatu nantu à a fàccia di tutta a terra,.
7:4 Per da a chi puntu, è dopu à sette ghjorni, I vi chioviri nantu à a terra, per quaranta ghjorni è quaranta notti. È ti asciugare ogni sustanza chì aghju fattu, da a superficia di a terra ".
7:5 dunque, Noah hà tutte e cose cum'è u Signore, ellu avia urdinatu.
7:6 È ch'ellu era sei centu anni, quandu l'acque di u gran piena inundates a terra.
7:7 È Noè intrì in l'arca, è i so figlioli, a so moglia, è e mòglie di i so figlioli, cù u, causa di l 'acqui di u gran piena.
7:8 È da l 'animali è puri è bruttu, è da l 'acelli, è da tuttu ciò chì movi nantu à a terra,,
7:9 dui par dui si purtò in l 'arca di Noè, masculu e fimmina, cum'è u Signore avia urdinatu di Noè.
7:10 È quandu e sette ghjorni, avia passatu, l 'acqui di u gran piena inundates a terra.
7:11 In i sei annata Musculus di a vita di Noè, in u secondu mese, in lu XVII ghjornu di u mese, tutti i funtani di u gran 'abissu sò isciutu, e lu floodgates di u celu si rapiu.
7:12 E pioggia ghjuntu nantu à a terra, per quaranta ghjorni è quaranta notti.
7:13 U listessu ghjornu, Noè è i so figlioli, Semme, Ham, è Ghjafettu, è a so moglia è i trè e mòglie di i so figlioli cun elli, intrinu in l'arca.
7:14 Iddi è ogni bestia secondu u so significatu, è tuttu u bistiame in u so significatu, e tuttu chiddu chi movi nantu à a terra, in u so significatu, è ogni cosa, voler, secondu a so 'bona, Tutti l 'acelli, è tuttu ciò chì pò vulari,
7:15 intrinu in l'arca di Noè, dui par dui fora di tuttu ciò chì hè carne, à quali ci era u soffiu di a vita.
7:16 È quelli chì intria si n'andò in masculu e fimmina, di tuttu ciò chì hè carne, cum'è à Diu iddu avìa urdinatu. E poi u Signore, ellu chjusu in da u fora,.
7:17 E lu gran piena mannu per quaranta ghjorni nantu à a terra,. E l 'acqui foru cresce, è si fece u altu arca, sopra u paese.
7:18 Per ch'elli trabuccò assai, e si inchiu di tuttu nantu à a superficia di a terra,. E poi l 'arca statu purtatu à traversu l' acqui.
7:19 E l 'acqui vintu fora di misura, attraverso la terra. E tutte e muntagne àutu sottu u friscalette, u celu era cupartu.
7:20 L'acqua hè quindici cubits supiriuri e muntagne chì si cupria.
7:21 È tutte e carne hè cunsumata chì si nantu à a terra,: aceddi e cose, animali, animali salvatichi, è tutte e cose chì nasce nantu à u tarrenu, camminare. È tutte e ghjente,
7:22 è tuttu ciò chì ci hè u soffiu di a vita nantu à a terra, muriu.
7:23 E s'asciucau tutti i bè chì hè nantu à sta terra, da a 'omu a bestia, e cose rossu cum'è assai comu li cosi volu di l'aria. È ch'elli eranu asciuvati luntanu da a terra,. Ma solu Noè ristau, è quelli chì èranu cun ellu in l'arca.
7:24 E l 'acqui chì avia a terra, per centu è una cinquantina di ghjorni.

I Muvrini 8

8:1 Dopu à Diu s'arricurdò di Noè, è tutte e cose vivant, è tuttu u bistiame, chì èranu cun ellu in l'arca, è ch'ellu purtò un ventu à traversu à a terra, e l 'acqui stati diminished.
8:2 È i funtani di l 'abissu, è u floodgates di lu celu eranu chiusi. È u prighjuneru da u celu fù ne falò.
8:3 E l 'acqui fôru risturati a lu so vinuta è andava da a terra,. E accuminciaru a perdita dopu à centu è una cinquantina di ghjorni.
8:4 È l 'arca ripusava in lu settimu mese, nant'à l 'na vintina di-sèttimu ghjornu di u mese, nantu à i muntagni di l 'Armenia.
8:5 Ma in verità,, l 'acque èranu movendi e avìssiru finu à u dicèsimu mese. Per in u dicèsimu mese, u primu ghjornu di u mese, lu punte di i monti apparsu.
8:6 È quandu quaranta ghjorni, avia passatu, Noè, apertura la finestra ch'ellu avia fattu in l 'arca, lintò un corbu,
8:7 chì iscì, è micca di vultà, sinu à l 'acque èranu asciuvata nantu à traversu à a terra.
8:8 listessa, Lintò una culomba dopu ad ellu, in ordine per vede s'ellu l 'acqui avia avà cessatu nantu à a fàccia di a terra,.
8:9 Ma quandu ella ùn hà trovu un locu induve u so pede pè u riposu, idda riturnò à ellu in l'arca. Di l 'acqui era nantu à tutta a terra,. E iddu si stindia a so manu, è u so 'ngagliatu, è si i so purtò in l 'arca.
8:10 È dopu, avè persu u più sette ghjorni, iddu dinò lintò a culomba fora di l 'arca.
8:11 È ghjunse à ellu in la sera, porta in a so bocca, un ramu d'aliva cù foglie verde. Noè tandu anu capitu chì l 'acqui avianu cessatu nantu à a terra,.
8:12 e campavanu, ch'ellu aspittava altru sette ghjorni. Eppo lintò a culomba, chi turnaru cchiù à ellu.
8:13 dunque, in i sei centu è prima annata, in u primu mese, u primu ghjornu di u mese, l 'acque èranu diminished nantu à a terra,. è Noè, crea u Cover di l 'arca, gazed fora e vitti ca l 'a superficia di a terra, era diventatu seccu.
8:14 In u secondu mese, nant'à l 'na vintina di-sèttimu ghjornu di u mese, la terra fu fatta asciuttu.
8:15 Allora Diu parlò à Noè, dicendu::
8:16 "Vai fora di l 'arca, voi è a vostra moglia, vostri figlioli è e mòglie di i vostri figlioli, cù voi.
8:17 Purtà fora cun voi tutti i cosi vivant chì sò cun voi, tuttu ciò chì hè carne: cum'è cù l 'acelli, accussì puru cu l 'animali salvatichi, è tutti l' animali chì spustà nantu à a terra,. È entre nantu à a tarra: cresce è multiplicate supra lu ".
8:18 È Noè è i so figlioli, si n'andò fora, è a so mòglia è e mòglie di i so figlioli, cù u.
8:19 Poi dinù tutte e cose vivant, è i boi, è l 'animali chì movi nantu à a terra,, secondu a so sorti, s'alluntanò da l 'arca.
8:20 Allora Noè custruitu un altare à u Signore,. e, presa da ognunu di i boi è acelli chì era puri, ch'ellu offra holocausts nantu à l 'altare.
8:21 È u Signore, sintì u ciauru, dolce, è disse:: "I vi ùn anu più a terra, per via di l'omu. Di l 'Certu è pinsamenti di u core di l'omu sò acostumaus à u male da a so ghjuventù. dunque, I vi ùn anu nfilanu ogni èssere cum'è aghju fattu.
8:22 Tutti i ghjorni, di a terra,, suminera è a racolta, fretu è u caldu, estate è inguernu, notte è ghjornu, Ùn sarà cchiù. "

I Muvrini 9

9:1 È Diu benedisse Noè è i so figlioli. È li disse:: "Rinfurzà, è multiplicate, e chini di a terra,.
9:2 È chì i scantu e trimannu di tù sia nantu à tutti l 'animali di a terra,, è nantu à tutti l'acelli di u celu, rilazione cù tuttu ciò chì movi à traversu à a terra. Tutti i pesci di u mare, sò statu mandatu in a to manu.
9:3 E tuttu chiddu chi si movi e vita sarà da manghjà per voi. Cum'è incù i pianti Castagne, I li tutti sò messu à voi,
9:4 francu chì carne cù u sangue tù ùn ti manghjà.
9:5 For I vi esaminà u sangue, di a vostra vita à a manu di tutti l 'animali. So dinù, à a manu di l'umanità, à a manu, di ogni omu è u so fratellu, I vi studià a vita di l'umanità.
9:6 Quellu chì vi hangar, sangue umanu, lu so sangue, sarà spartu. Di l 'omu era veramenti fatti à i imagine di Diu.
9:7 Ma cum'è per voi: cresce è multiplicate, è vai isciuta nantu à a terra, è rializzari lu ".
9:8 À Noè è à i so figlioli, cù u, Diu, macari li disse sta:
9:9 "Eccu!, I vi dà a mo allianza cun voi, è cù u vostru niputi dopu à voi,
9:10 e cu tutti li èssere chi hè cun voi: cum'è assai cu l 'acelli cum'è cù u bistiame è tutti l' animali di a terra, chì anu surtita da l 'arca, e cu tuttu l 'animali salvatichi di a terra,.
9:11 I vi dà a mo allianza cun voi, e cchiù vi tuttu ciò chì hè carne esse cundannati à morte da l 'acqui di na granni piena, e, oramai, ci ùn sarà un gran piena à perde quandu a terra ".
9:12 È Diu li disse: "Chistu è lu signu di lu pattu ca mi dà trà mè è voi, è à ogni èssere chi hè cun voi, per sparghje parpetuu.
9:13 I vi dugnu a me arcu in i nivuli, e si vi esse u segnu di u pattu trà seriu è a terra,.
9:14 È quandu I Découvrir lu celu cu le nuvole, u mio arcu Cumpariscerà à i nivuli.
9:15 È ti ricordu u mo allianza cun voi, e cu tutti li èssere chi enlivens carne. È ci sarà più esse acque da un gran piena à asciugare tuttu ciò chì hè carne.
9:16 E lu arco sarà in li nuvuli, e mi vi viu, è ti ricordu u allianza eterna chì fù pubbricò trà Diu è tutti l 'anima vivant di tuttu ciò chì hè carne nantu à sta terra ".
9:17 È Diu disse à Noè, "Sta serà u segnu di l'allianza ch'e sò stabbilutu trà mmia è tuttu ciò chì hè carne nantu à a terra."
9:18 E accussi i figlioli di Noè, chi vinni fora di l 'arca, era Semme, Ham, è Ghjafettu. Avà Ham ellu stessu hè u babbu di Cananu.
9:19 Sti tri sò i figlioli di Noè. È da ste tuttu a famiglia di l 'fù sparse più di tutta a terra,.
9:20 è Noè, una bona agricultori, cuminciò à cultivà a tarra, è si piantò una vigna.
9:21 È da bere, u so vinu, addivintau inebriated è hè nudu in a so tenda.
9:22 A causa di stu, quandu Ham, u babbu di Cananu, era veru, vistu u privates di u so babbu à essa nudu, Ghjesù hà dettu chì a so dui fratelli, dehors.
9:23 e criu, Semme, è Ghjafettu mette un mantellu, nantu à i so braccia, e, avanzavanu fruit, cupertu u privates di u so babbu,. È lu so 'facci era sviatu, tantu ch'elli ùn vede manhood di u so babbu,.
9:24 Allora Noè, Sera di u vinu, quandu ch'ellu avia amparatu chì u so figliolu più giòvanu avia fattu à u,
9:25 dissi, "Maladetta sia Cananu, un servitore di grazia vi ch'ellu sia à a so frati. "
9:26 È li disse:: "Benedettu sia u Signore, Diu di Semme, chì Cananu sia u so servitore.
9:27 Pò Diu allargarla Ghjafettu, e pò si càmpanu in a tende di Semme, è chì Cananu sia u so servitore. "
9:28 E doppu lu granni piena, Noè abitanti di trè centu cinquanta anni.
9:29 È tutti i so ghjorni sò compie in nove centu cinquanta anni, e allura iddu muriu.

I Muvrini 10

10:1 Quessi sò i sèculi di i figlioli di Noè: Semme, Ham, è Ghjafettu, è di i figlioli, chì sò nati à elli, dopu lu granni piena.
10:2 I figlioli di Ghjafettu era Gomer, e Magog, e Madai, e Javan, e Tubal, Meschec, e Tiras.
10:3 È tandu i figlioli di Gomer era Askenaz, e Riphath, e Togarmah.
10:4 È i figlioli di Javan era Elischa, Tarsissu, Chittim, e Rodanim.
10:5 L'isuli di i pagani sò divisi da sti in i so rughjoni, ugnunu sicondu a so 'lingua,, è e so famiglie in a so nazione.
10:6 E lu Sulla di Ham era Cush, e ss'aghja, e Mittitivi, e Canaan.
10:7 È i figlioli di Cush era Seba, e Seba, e Sabtah, e Raema, e Sabteca. I figlioli di Raema era Sheba è Dadan.
10:8 E poi Cush incinta Nimrod; cuminciò à esse putente nantu à a terra.
10:9 È ch'ellu era un cacciadore capaci davanti à u Signore,. da issu, un pruverbiu hè isciuta: 'Just piace Nimrod, un cacciadore capaci davanti à u Signore.
10:10 e accussi, u principiu di u so regnu fu Babylon, Erec, e Accad, e Chalanne, in u paese di Schinear.
10:11 Da chì paese, Assur vense, è ch'ellu custruitu Nineveh, è i carrughji di a cità, e Calah,
10:12 è dinù Resen, trà Nineveh è Calah. Quissa hè una grande cità.
10:13 e criu, Ss'aghja incinta Ludim, e Anamim, e Lehabim, Naphtuhim,
10:14 e Patrusimi, e Casluimi, da a quale vense u Philistins è i Caftorimi.
10:15 Allora Cananu incinta Sidone so primunatu, u Hittite,
10:16 è i Ghjebusiani, e lu Amoreanu, u Girgashite,
10:17 u Eviani, e lu Arkite: u Siniani,
10:18 e lu Arvadian, u Samarite, e lu Hamatiani. È dopu à sta, i populi di i Cananiani addivintau diffusa.
10:19 È i cunfini di Chanaan si n'andò, cum'è una viaghji, da Sidone à Guerar, ancu à Gaza, sinu à unu t'avissi Sodoma è Gomorra, è da Adma è Zeboiim, ancu à Lesa.
10:20 Quessi sò i figlioli di Sciame in i so parenti, e lingue, e leve, e li terri, e nazione.
10:21 listessa, da Semme, u babbu di tutti i figlioli di Heber, u fratellu, a più vechja di Ghjafettu, i figlioli sò nati.
10:22 I figlioli di Semme era Elam, Assur, Arpacschad, e Lud, e Aram.
10:23 I figlioli di Aram era Uz, e Hul, e Gether, e Mash.
10:24 ma in verità, Arpacschad incinta Schela, da quellu chì hè natu Heber.
10:25 È à Heber dui figlioli: lu nomu di l 'unu era Peleg, di a so ghjorni, a terra, fù spartutu, è nomi di u so fratellu era Ghjocthan.
10:26 Stu Ghjocthan incinta Almodad, e Sheleph, e Hazarmaveth, Jerah
10:27 e Hadoram, e Uzal è Diklah,
10:28 e Obal è Abimael, Sheba
10:29 e Òfiru, e Seba è Huscham. Tutti issi eranu i figlioli di Ghjochthan.
10:30 È a so casa si stindia da amante, cum'è una sojourns, ancu à Sefar, una muntagna in u livante.
10:31 Quessi sò i figlioli di Semme, secondu à i so parenti, e lingue, è i rigioni ind'a so nazioni.
10:32 Chisti sunnu li famigghi di Noè, secondu a so populi è nazioni. A nazione vinni divisu, secondu à issi, nantu à a terra dopu à u gran piena.

I Muvrini 11

11:1 Ora a terra, era di una lingua è di u listessu discorsu.
11:2 È, quand'elli sò avanzavanu da livanti, si trova una piaghja in u paese di Schinear, è si ne stete in lu.
11:3 È ognuna li disse à u so prossimu,, "Veni, femu Mattoni, e li sfatica incù u focu ". È avianu Mattoni invece di materiali, e Afghanistan invece di muratura.
11:4 E iddi rissiru:: "Veni, femu una cità è una torra, cusì chì u so altezza pò arrivari a lu celu. E femu i nostri nomu famosu davanti à noi sò spartuti in tutte e terre. "
11:5 Allora u Signore, esciuti per vede a cità è a torra, quali i figlioli di Adam stati costruzzioni.
11:6 È li disse:: "Eccu!, u pòpulu hè unita, è tutte e hannu una lingua. È postu chì ùn sò cuminciatu a fari stu, ch'elli ùn vi ccussì da i so piani, finu à ch'elli sò compie u so travagliu.
11:7 dunque, ghjuntu, adurèmulu scinni, è in chì locu confound a so lingua,, tantu chì ùn pò sente, ognunu a la vuci di so 'prossimu ".
11:8 È cusì, u Signore li divisi da chì locu in tutti li terri, e si calmonu à custruisce a cità.
11:9 È per sta ragiuni, u so nomu fù chjamatu 'Babel,'Parchì in chì locu la lingua di la terra sana addivintò cunfusa. E da poi in u, u Signore li stati tutta la facci di tutti i rughjona.
11:10 Quessi sò i sèculi di Semme. Semme hè centu anni, quand'ellu incinta Arpacschad, dui anni dopu à u gran piena.
11:11 E doppu si incinta Arpacschad, Semme abitanti di cincu centu anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
11:12 Next, Arpacschad abitanti di trenta-cinqui anni, e allura iddu incinta Schela.
11:13 E doppu si incinta Schela, Arpacschad abitanti di trè centu è trè anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
11:14 listessa, Schela abitanti di trenta anni, e allura iddu incinta Heber.
11:15 E doppu si incinta Heber, Schela abitanti di quattrucentu è trè anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
11:16 Allora Heber abitanti di trenta-quattru anni, è ch'ellu incinta Peleg.
11:17 E doppu si incinta Peleg, Heber vissutu per quattru centu è trenta anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
11:18 listessa, Peleg abitanti di trenta anni, e allura iddu incinta Reu.
11:19 E doppu si incinta Reu, Peleg abitanti di dui centu è nove anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
11:20 Allora Reu abitanti di trenta-dui anni, e allura iddu incinta Serug.
11:21 listessa, dopu à Ghjesù incinta Serug, Reu abitanti di dui centu è sette anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
11:22 in verità, Serug abitanti di trenta anni, e allura iddu incinta Nacoru.
11:23 E doppu si incinta Nacoru, Serug abitanti di dui centu anni, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
11:24 E accussì Nacoru è vissutu per vinti-nove anni, e allura iddu incinta Terah.
11:25 E doppu si incinta Terah, Nacoru è vissutu per centu è dicinnovi anni,, è ch'ellu incinta i figlioli è figliole.
11:26 E Terah abitanti di settanta anni,, e allura iddu incinta Abram, è di Nacoru, e Chàranu.
11:27 E quessi i sèculi di Terah. Terah incinta Abram, Nacoru, e Chàranu. Next Chàranu incinta Lot.
11:28 E Chàranu murìu prima di u so babbu Terah, in u paese di a so pàtria, in Ur di u Chaldeans.
11:29 Dopu ad Abramu, è di Nacoru pigliò e so mòglie. U nomu di a mòglia di Lotu era Sarai. È lu nomu di mòglia di Nacoru hè Milca, la figghia di Chàranu, u babbu di Milca, è u babbu di Iscah.
11:30 Ma Sarai era sterile è emi i zitelli.
11:31 E accussì Terah pigliò u so figliolu Abram, è u so bisfigliolu Lot, u figliolu di Chàranu, è a so figliola-in-lege Sarai, la mugghieri di lu figghiu, Abram, e si li purtau luntanu da a Ur di u Chaldeans, à andà in lu paese di Cananu. È si avvicina Istuveni Chàranu, e si stava ci.
11:32 È i ghjorni di Terah chì passava èranu dui centu è cinque anni, e allura iddu muriu in Chàranu.

I Muvrini 12

12:1 Allora u Signore disse à Abramu: "Départ da u vostru paese, è da u to locu di nàscita, è da a casa di u to babbu,, e vene in u paese chì ti mustrà.
12:2 È ti fà di voi un gran nazione, è ti benedica voi è esalta u vostru nomu, è voi vi esse benedettu.
12:3 I vi benedica, à quelli chì vi benedica, è più à quelli chì vo più, è à voi tutti li famigghi di a terra hà da esse benedettu ".
12:4 E accussì Abramu partì cum'è u Signore, ellu avia urdinatu, è Lotu cun ellu. Abramu era settanta-cinqui anni, quandu si n'andò da Chàranu.
12:5 È ch'ellu pigliò a so moglia Sarai, è Lotu, u figliolu di u so fratellu,, è tuttu u bè ch'elli avianu vinutu à pussede, e la vita ch'elli avianu acquistatu in Chàranu, è si ne vultonu in ordine di andà à u paese di Cananu. E quand'elli ghjunghjenu in lu,
12:6 Abramu, ea menzu li terri mancu à u locu di Sichemme, comu luntanu comu lu cèlibbri valle cuddetti. Avà à chì tempu, i Cananiani hè in lu paese.
12:7 Allora u Signore si fece vede à Abramu, è li disse: à u, "Per a to discindenza, Vi daraghju stu paese. "È ci custruitu un altare à u Signore,, chì era affaccatu à u.
12:8 È passavanu in u da culà à una muntagna, chì hè di punta à l 'est di Bethel, si erettu a so tenda ci, avè Bethel à punente, e Hai u livanti. Iddu dinò custruitu un altare ci à u Signore,, è chjamò nantu à u so nome.
12:9 È Abramu si tramutò, sorte è cuntinuari più nantu, versu lu sud.
12:10 Ma una caristia successa in u paese. È Abramu esciuti di l 'Egittu, à campacci. Di caristia vintu più di u paese.
12:11 E quannu iddu era vicinu a intrata in Egittu, Ghjesù disse à a so moglia Sarai: "I sacciu tu a esse una bella donna,.
12:12 E quandu l'Egizziani vi vede, si diciarà, 'Idda hè a so moglia.' Allora à mè ti mette à a morte, è t'ani tù.
12:13 dunque, I precu voi à dì chì sì u mo surella, tantu ca si pò esse bè cù mè per via di voi, è tantu chì a mio ànima pò campà da u vostru piaciri ".
12:14 e accussi, Quandu Abramu era ghjuntu in Egittu, l 'Egizziani, videndu chì a donna era tantìssimu hè bella.
12:15 E lu Principi signalati à Faraone, è si i so ludà à ellu. È chì a donna era inducted in la casa di Faraone.
12:16 in verità, si trattò Abram bè per via di a so. È avia pècure è boi è sumeri, mâle, è l 'omi cum'è servitori, e servitori e donne, e li scecchi Femmina, è cammelli.
12:17 Ma u Signore ch'elli à Faraone è a so casa, incù gran firiti a causa di Sarai, la mugghieri di Abram.
12:18 È Faraone chjamò ad Abramu, è li disse: à u: "Cosa hè issu chì vo avete fattu à mè? Perchè ùn micca à mè A vi dicu ch'ella hè a vostra moglia?
12:19 Per ciò chì mutivu ùn vi i so puderà esse u to surella, cusì chì I so avissi a pigghiari a mè cum'è una mòglia? avà, Eccu u vostru carrogna, riceve u so andà. "
12:20 È Faraone urdinatu a so ghjente circa Abram. Allora u purtonu via incù a so moglia, è tuttu ciò chì ci era.

I Muvrini 13

13:1 dunque, Abram cullate da l 'Egittu, ellu è a so moglia, e tuttu chiddu chi cci avia, è Lotu cun ellu, versu la riggiuni miridiunali.
13:2 Ma ellu hè assai ricchi da u pusessu di 'oru e argentu.
13:3 E si nni turnò a propositu chi Ghjunse, da u miridianu in Bethel, tuttu u modu di u locu induve nanzu ch'ellu avia erettu a so tenda, trà Bethel è Hai.
13:4 ci, à u locu di l'altare, ch'ellu avia fattu nanzu, iddu dinò chjamatu nantu à u nome di u Signore,.
13:5 Ma Lot dinù, chì era cun Abramu, pècure avutu di pecuri, è u bistiame, e tende.
13:6 Nè hè u paese in gradu di cuntena elli, tantu ca si putissi stia nsemmula. diffunnutu, a so sustanza hè cusì grande ch'elli ùn pudia campà in cumunu.
13:7 E poi ci dinù occasione di un cunflittu trà i pastori di Abram e di Lotu. Avà à chì tempu i Cananiani è i Perizzite vissutu in chì paese.
13:8 dunque, Abramu rispose à Lotu: "Vi dumandu, ch'elli ci fussi nuddu bisbigliu trà mè è voi, è frà a mo i pastori è i vostri pastori. Per noi sò fratelli.
13:9 eccu, l 'au paese hè davanti à i to ochji. Ritirava da mè, ti precu. Sè vo vi andà à a manca, I vi purterà u drittu. Sè voi di sceglie u drittu, I vi passà à a manca. "
13:10 E accussì Lot, mittennusi i so ochji, vistu tuttu u rughjonu attornu a lu Giurdanu, chì fù sè irrigated, davanti à u Signore, overthrew Sodoma è Gomorra. Era cum'è u paradisu di u Signore,, è era cum'è in Egittu, toltu versu Tsoar.
13:11 È Lotu sceltu per sè stessu u rughjonu attornu a lu Giurdanu, e iddu si ritirò da modu di l 'est. È ch'elli eranu spartuti, unu fratellu da a l 'autri.
13:12 Abramu si ne stete in lu paese di Cananu. in verità, Lot ne stete in la cità chì era intornu à u Ghjurdanu, e si stava in Sodoma.
13:13 Ma l '' omi di Sodoma era assai gattivu, e eranu ghjente nanzu u Signore, fora di misura.
13:14 È u Signore disse à Abramu, dopu à Lot statu divisu da u: "Pesa u to ochji, è guardate fora da u locu induve vi sò avà, à u nordu è à u miridianu, di l 'Est ca di l' Ovest.
13:15 Tuttu u paese chì vi vede, I vi darà a voi, è à a to discindenza ancu per sempre.
13:16 È I farà u vostru niputi cum'è a pòlvara di a terra,. Sè ogni omu hè capaci à numaru a pòlvara di a terra,, ch'ellu hà da esse in gradu di numaru u vostru niputi oltri.
13:17 Additta, è marchjà à lu paese in u so lunghezza, e corde. For I vi dò à voi ".
13:18 dunque, muvendu u so tenda, Abramu si n'andò, è si ne stete da i cuddetti, valle di Mamrè, chì hè in Hebron. Eppo custruitu un altare ci à u Signore,.

I Muvrini 14

14:1 Avà hè accadutu in ddu tempu chì Amrafel, Re di Scinear, e ad Arjoc, Re di u Ponte, e Cherdorlaomer, Re di u Elàmiti, Tideal, Re di l 'ONU,
14:2 si n'andò à a guerra contru à Bera, rè di Sodoma, è contru à Bircha, rè di Gomorra, e contra à Schineab, Re di Adma, è contru à Schemeber, Re di Zeboiim, è contru à u rè di Bela, chì hè Tsoar.
14:3 Tutti issi spettàculu in la valle, cavalleria, chì hè avà u Mari di Salt.
14:4 Per ch'elli avìanu sirvutu Cherdorlaomer di dodici anni, è in l 'annu dû XIII si ritirò da ellu.
14:5 dunque, in l 'annu XIV, Cherdorlaomer ghjuntu, è i rè chì èranu cun ellu,. E cci dìattiru li Rephaim à Ashteroth di i dui corna, e lu Zuzim cun elli, e lu Émim à Schavè-Kiriathaim.
14:6 e lu Chorreans in la muntagna di Seir, ancu à a piaghja di Paranu, chì hè in desertu.
14:7 È si ne vultonu è ghjuntu à u funtana di Mischpath, chì hè Cadesse. E cci dìattiru i rughjoni di l 'Amalèciti, e lu Amoreani chì stava in Hazazontamar.
14:8 È u rè di Sodoma, è i rè di Gomorra, e lu re di Adma, e lu re di Zeboiim, è infatti u rè di Bela, chì ghjè Tsoar, iscì. È si jittau a so puntu contr'à elli in la valle di cavalleria,
14:9 dì, contru à Cherdorlaomer, Re di u Elàmiti, Tideal, Re di l 'ONU, e Amrafel, Re di Scinear, e ad Arjoc, Re di u Ponte: quattru rè contru à cinque.
14:10 Avà u valle buscosu avia tanti Dauer di bitume. E accussi i rè di Sodoma è i rè di Gomorra, girannusi nnarrìari, è ch'elli ci casconu. È quelli chì stava, fughjita à a muntagna.
14:11 Allora pigliò tutti i bè di u Sodomites è i Gomorrahites, e tuttu chiddu chi cumprenni pi manciari, è si n'andò,
14:12 nsemi a tutti Lot, U figliolu di u fratellu d'Abram, chi biviant in Sodoma, è i so bè.
14:13 Ed eccu, quellu chì avia nna signalati è à Lotu, u ghjocu, chi biviant in i cuddetti, valle di Mamrè, l 'Amoreanu, chi era u fratellu di Eschol, è u fratellu di Aner. Per sti avia furmatu un accordu cun Abramu.
14:14 Quandu Abramu avia intesu stu, dì, chì u so fratellu Lot era statu fattu prigiuneru, si contu di trè centu è diciottu di i so omi armati è si n'andò in a truvari tutti i strata a Dan.
14:15 È dividendu u so cumpagnia, si falava nantu à elli in la notte,. Eppo li un colpu è li assicutari comu finu à Choba, chì hè nantu à a manu manca di Damascu.
14:16 È ch'ellu purtò daretu tutti i bè, è Lotu u so fratellu, cù i so bè, listessa e donne è a ghjente.
14:17 Allora u rè di Sodoma iscì à scuntrallu, doppu si nni turnaru di a tumbera in Cherdorlaomer, è i rè chì èranu cun ellu in la valle di Schavè, chì hè a valle di u rè di.
14:18 Dopu à a verità, Melchizedek, u rè di Salem, fattu nasciri lu pani e lu vinu, per ch'ellu era un prete di u Diu Altìssimu;
14:19 è u benedisse, è li disse:: "Benedettu sia Abramu da u Diu Altìssimu, chì creò i celi è a terra.
14:20 È benedettu sia u Diu Altìssimu, à traversu u quale prutezzione di i nemichi sò à u to mani. "E cci detti tithing da tuttu.
14:21 Allora u rè di Sodoma, disse à Abramu, "Datimi 'sti animi, è piglià u restu di te ".
14:22 Eppo emi à ellu: "I pesa a mio manu à u Signore Diu, l 'Altìssimu, u maestru di u celu è a terra,
14:23 chì da una linea ind'a un incoddu, ancu à una sola shoelace, I Ùn vi purterà qualcosa di ciò chì hè a toia, paura chì vi dicu, 'I sò s'arricchiu Abram,'
14:24 fora di ciò chì i giovani anu manghjatu, è i sparti di l 'omi chì ghjunse incù mè: antenati, Eschol, è Mamrè. Sti vi purterà u so sparti ".

I Muvrini 15

15:1 e accussi, sse cose aviri statu transacted, a parolla di u Signore, ghjunse à Lotu da una visione, dicendu:: "Ùn àbbia paura, Abram, Sò u vostru prutitturi, è a vostra ricumpenza è tantìssimu hè maiò. "
15:2 È Abramu rispose:: "Signore Diu, ciò chì vi dugnu a mè? I pò andà senza i zitelli. E lu figghiu di l 'Erodu di la mio casa hè sta Eliezer di Damascu ".
15:3 È Abramu aghjuntu: "Ma a mi vo ùn aghju datu prole. Ed eccu, u mo servitore nati in la mio casa sarà mio erede. "
15:4 E subitu a parolla di u Signore, ghjunse à u, dicendu:: "Sta unu ùn sarà u to erede. Ma quellu chì hà da vene da u vostru reni, u listessu vi avete per i vostri aredi. "
15:5 È u si purtò fora, è li disse: à u, "Pigliate in lu celu, e numaru i stiddi, se tu po '. "È li disse:, "So dinù vi u vostru niputi esse".
15:6 Abram cridutu à Diu, e lu statu avissi a ellu disse: ghjustizia.
15:7 Eppo li disse:, "Socu u Signore, chì vi porta luntanu da a Ur di u Chaldeans, accussì comu pi dàriti di sta tarra, e tantu chi tu avissi a pussedi si. "
15:8 Ma li disse:, "Signore Diu, in ciò chì modu pò I esse in gradu di sapè chì ti pussede lu?"
15:9 È u Signore, emi da dicendu:: "Paghjella per mè una vacca di trè anni, è un hà-capra di trè anni, è un muntone di trè anni, dinù una tartaruga-culomba è una fuga. "
15:10 Pigghiannu tutti sti, Ghjesù li divisi pi menzu i media, e misi tutti dui parti upposta unu altru. Ma l 'acelli ch'ellu ùn sparte.
15:11 È acelli falàvanu i carcassi, Ma Abramu li caccionu luntanu.
15:12 È quandu u tramontu di u sole, un sonnu spechju cascò nantu à Abramu, è un sbannutu, maiò è scura, cci traseru.
15:13 E lu statu li disse:: "Tu capunanzu chì a to discindenza avvene serà sojourner in un paese ùn so, e si li vi subjugate in schjavitù è maltratti e li quattru centu anni.
15:14 ma in verità, I vi ghjudicherà u nazione ch'elli vi servinu, è dopu à stu ch'elli vi ghjunghjenu cù gran bè.
15:15 Ma tu ti vai a to babbi in pace è esse intarratu in una bona vichjàia.
15:16 Ma in la quarta generazione, si ritorna ccà. Di l 'anderebbe di u Amoreani ùn sò ancu à compie, ancu à stu prisente tempu. "
15:17 Allora, quandu u sole era tramuntatu, ci vinni un brume scura, è ùn ci fece vede una furnace fumo è una lumera di u focu passava trà quelli chì divisioni.
15:18 Su chi ghjornu, Diu furmò un allianza cun Abramu, dicendu:: "Per a to discindenza I daraghju stu paese, da u fiume di l 'Egittu, ancu à i maiò Euphrates, fiume,:
15:19 u paese di u Kenites è i Kenizzites, u Kadmonites
15:20 e lu Hittite, e lu Perizzites, listessa u Rephaim,
15:21 e lu Amoreani, è i Cananiani, e lu Girgashites, e lu Jebusites ".

I Muvrini 16

16:1 avà Sarai, la mugghieri di Abram, Ùn avia cuncipitu i zitelli. ma, avè una serva Egyptian chjamatu Agar,
16:2 Ella disse à u so maritu: "Eccu!, U Signore m'hà chjusu, paura chì dò a nascita. Entre in a mio serva, tantu ca forsi I pò riceve i figlioli di i so almenu. "E quannu 'accordu a so prichera,
16:3 idda pigghiau Agar u Egyptian, a so serva, deci anni doppu si messe à campà in u paese di Cananu, è hà i so detti à u so maritu comu 'na muggheri.
16:4 È intrì in la so. Ma, quannu si vitti ca idda era incinta, idda stimava a so paris.
16:5 È Sarai disse ad Abramu: "Avete agitu ingiustamenti contru à mè. I detti a mo serva in u vostru senu, chì, quandu hà vistu ch'ella era incinta, mi tinia in disprezzu. Pò u Signore ghjudicherà trà mè è tè. "
16:6 Abram emi à u so da dicendu:, "Eccu!, a vostra serva hè in a to manu, à curà cum'è voi piriculusa. "E cusì, quandu Sarai, a so affrittu, idda pigghiau volu.
16:7 È quandu u Angel di u Signore, u so avia trovu, vicinu à a funtana di l 'acqua in l' desertu, chi hè u modu d'Shur in u disertu,
16:8 Ghjesù disse à i so: "Agar, serva di Sarai, induve vi sò vinutu da? È induve vi tù vai?"E idda arrispunniu, "I fughje da u visu di Sarai, mio paris ".
16:9 E lu Angel di u Signore, disse à i so, «Torna a vostra paris, e sbatterà se sottu a so manu. "
16:10 E di novu li disse:, "I vi multiplica u vostru prole in permanenza, è ùn vi pò contu per via di i so abitanti. "
16:11 Ma dopu li disse:: "Eccu!, vi sò incinta, è voi vi dà a nascita di un figliolu. E tu ti chiami a so nomu Ismaele, perchè, u Signore hà intesu a vostra patimentu.
16:12 Sarà un brionu. A so manu hà da esse contru à tutti i, e tutte e mani, serà contr'à ellu. Eppo vi pitch so tende, luntanu da i lochi di tutta a so frati. "
16:13 Allora hà invucatu u nomu di u Signore, chì avia parlatu à u so: "Sì u Diu, chi mi ha vistu". Per Rispose, "Innò, quì aghju vistu u ritornu di l'unu chi mi vidi ".
16:14 A causa di stu, hà chjamatu chì ancu: 'U bè di l'unu chì campa è chì mi vede.' U listessu hè trà Cadesse è Bered.
16:15 E Agar datu nascita à un figliolu di Abram, chì chjama u so nomu Ismaele.
16:16 Abramu era ottanta-sei anni, quandu Agar datu nascita à Ismaele per ellu.

I Muvrini 17

17:1 in verità, dopu cuminciò à esse novanta nove anni d 'etati, u Signore si fece vede à ellu. Eppo li disse:: "Sò u Diu onniputente. Marchjà in u mio ochji è divintatu cumpleta.
17:2 È ti misi a mo allianza trà mè è voi. È ti multiplica tù assai felice. "
17:3 Abram cascò acostumaus nant'à a so faccia.
17:4 È Diu li disse:: "SÒ, è u mio pattu hè cun voi, è vi sarà u babbu, di tanti nazioni.
17:5 No più vi u vostru nomu esse chjamatu Abram. Ma vi sarà chjamata Abraham, di I vi sò stabbilutu cum'è u babbu, di tanti nazioni.
17:6 È ti facissi voi à cresce assai assai, è ti crià voi à mezu à i nazioni, è rè vi esce da a voi.
17:7 È I vi dà a mo allianza trà mè è voi, è cù u vostru niputi dopu à voi in lu so nove, da un allianza parpetuu: à esse Diu, à voi è à a to discindenza dopu à voi.
17:8 È ti dò à voi è à a to discindenza, u paese di u to sughjornu, tuttu u paese di Cananu, comu nu pussidimentu eterna, e I serà u so Diu. "
17:9 Dinò à Diu disse ad Abràhamu: "È voi chì pigliu u mo allianza, e a to discindenza voi, dopu à a so pusterità.
17:10 Ghjè a mo allianza, chì tù ti osservanu, trà mè è voi, e a to discindenza dopu à voi: Tutti i masci à mezu à voi sarà circumcidit.
17:11 E tu ti circuncì a carne di u vostru prépuce, tantu ca si pò esse un segnu di l'allianza trà mè è voi.
17:12 An giùvani di ottu ghjorni, hà da esse circumcidit à mezu à voi, ogni masculu in u vostru ginirazzioni. So dinù attaccà nés à voi, accussì comu chiddi accatta, sarà circumcidit, ancu quelli chì ùn sò di u vostru scorta.
17:13 E mio allianza sarà cù a vostra carne cum'è un allianza eterna.
17:14 u masciu, a carne di u quale prépuce ùn sarà circumcidit, chì anima serà micca squassata da u so pòpulu. Per ch'ellu hà fattu a mo allianza vacanti ".
17:15 Diu li disse ancu à Abraham: "Vostra moglia Sarai, tù ùn ti chiamu Sarai, ma Sarah.
17:16 È I vi benedica, u so, è da u so ti dugnu un figliolu, quale ti benedica, è ch'ellu hà da esse à mezu à i nazioni, è u rè di i populi albetta da ellu ".
17:17 Abraham cascò nantu u visu, è si ne, disse in lu so core: "Nun ti pari un figliolu pò esse nati à un omu vechju è centu mesi? È vi Sarah dà a nascita à l 'etati di novanta?"
17:18 È li disse: a Diu,, "Sì solu Ismaele avissi a campà in u to ochji."
17:19 È Diu li disse: Abràhamu: "Vostra moglia Sarah ti dà a nascita di un figliolu, e tu ti chiami a so nomu Isaac, e I vi dà a mo allianza cun ellu cum'è un allianza parpetuu, è cù a so discindenza dopu ad ellu.
17:20 listessa, cuncirnendu Ismaele, I vi sò intesu. eccu, I vi benedica, è u allargarla, e I ellu vi multiplica assai. Iddu appruduciunu dodici capi, e I ellu hà da fà in una gran nazione.
17:21 Ma in verità,, I vi dà a mo allianza cun Isaccu, à quale Sarah vi dà a nascita di tù à stu tempu dopu, annata ".
17:22 È quandu avia finitu di parlà cun ellu,, Diu, cullate da Abraham.
17:23 Dopu ad Abràhamu pigliò u so figliolu Ismaele, è tutti quelli chì èranu nati in la so casa, è tutti i quali avia compru, ogni masculu à mezu à a ghjente di a so casa, è ch'ellu circumcidit a carne di u so prépuce promptly, u listessu ghjornu, cum'è à Diu iddu avìa urdinatu.
17:24 Abraham hè novanta nove anni, quand'ellu circumcidit a carne di u so prépuce.
17:25 È u so figliolu Ismaele era compie tredeci anni, à u tempu di u so fècenu.
17:26 U listessu ghjornu, Abraham fù circumcidit cù u so figliolu Ismaele.
17:27 È tutte e l '' omi di a so casa, quelli nati in la so casa, oltri à quelli chì sò compru, ancu i furesteri, stati circumcidit cun ellu.

I Muvrini 18

18:1 Allora u Signore si fece vede à ellu, in i cuddetti, valle di Mamrè, quandu era à pusà à a porta di a so tenda, in l 'assai caldu di u ghjornu.
18:2 E quannu iddu avia, pisendu i so ochji, ci affaccatu à u trè omi, standing, vicinu à u. Quandu ellu li avia vistu, curriu à scuntrà li da a porta di a so tenda, e si li reverenced nant'à a terra.
18:3 È li disse:: "Sè I, O signore, aghju trovu gràzia à i to ochji, ùn passà da u vostru servitore.
18:4 Ma ju ti purtà un pocu acqua, è vi pò lavà i vostri pedi, è u riposu sottu l 'àrbulu.
18:5 È ti misi fora 'na manciata di pani, tantu chi pudeti dà forza à u vostru core; dopu à stu vo vi passà u. Hè per quessa chì vi sò girava latu à u vostru servu. "È dìssenu, "Fai comu vi aghju dettu."
18:6 Abraham rende in la tenda di Sarah, è disse à u so, "Quickly, mmiscari insieme trè misure di u farina di granu bedda e fari pani industriali sutta la cinniri ".
18:7 in verità, iddu stissu a curriri a la mandria, è pigliò un vitellu da a ci, assai prufundezza è assai boni, è ch'ellu dete à un servitore, chì rende e bollita lu.
18:8 listessa, Pigliò burro, è u latti, è u vitellu chi iddu avia bollita, e si cci misi la prima di li. ma in verità, iddu stissu èranu vicinu à elli sottu l 'àrbulu.
18:9 E quannu si avia mangiatu, ch'elli li disse:, "Induva hè Sarah a vostra moglia?"Ghjesù rispose:, "Eccu!, ch'ella hè a la tenda. "
18:10 Eppo li disse:, "Quannu turnava, I vi vene à voi à stu tempu, cù a vita cum'è un cumpagnu di, è a vostra moglia Sarah vi hannu un figliolu. "Protesi stu, Sarah ridiva daretu à a porta di a so tenda.
18:11 Avà eranu tramindui vechji, è in un statu avanzata di a vita, e si avianu cessatu di esse cu Sarah doppu la manera di e donne.
18:12 E idda ridiva ammucciuni, dicendu:, "Dopu à I sò cultivati ​​vecchio, è u mo signore hè anziana, Ellu mmia ti dugnu a lu travagghiu di campa?"
18:13 Allora u Signore disse ad Abràhamu: "Perchè ùn Sarah ridiri, dicendu:: 'How pò I, una vecchia, primurosu di dà a nascita?'
18:14 Hè qualcosa difficiule di Diu,? Sicondu à i annunziu, ch'ellu hà da vultà à voi à stu listessu tempu, cù a vita cum'è un cumpagnu di, è Sara vi hannu un figliu. "
18:15 Sarah nigatu lu, dicendu:, "I micca ridiri." Per ch'ella hè un gran paura. Ma u Signore li disse, "Ùn Hè cusì; per voi ùn ridiri. "
18:16 dunque, quandu a ghjente s'era pisatu, su da a ci, si jittau a so ochji contru à Sodoma. È Abràhamu viaggiu cun elli, li mener.
18:17 È u Signore disse:: "Comu pussutu I piatti chi iò sugnu circa à fà da Abraham,
18:18 dipoi ch'ellu hà da diventà una grande è assai furzutu nazione, è in ellu hà da esse benedettu tutte e nazioni di a terra,?
18:19 Di u sacciu ca nun ti ch'iddu i so figlioli, è a so casa dopu ad ellu, à tene à a strada di u Signore,, è à cuntu cu giudiziu e giustizia, cusì, di u nome di Abraham, u Signore pò purtari quasi tuttu ciò chì Ghjesù hà dettu à ellu ".
18:20 È cusì, u Signore disse:, "The outcry da Sodoma è Gomorra has been multiplicate, è u so piccatu hè divintatu tantìssimu gran.
18:21 I vi iddhu è vede s'ellu si sò cumpiimentu u travagliu di i outcry chì m'hà arrivatu, , o s'ellu ùn hè cusì, in ordine chì mi pò cunnosce. "
18:22 E iddi stissi girava da a ci, è si n'andò versu Sodoma. Ma in verità,, Abraham ancora, c'era in l 'ochji di u Signore,.
18:23 È mentre ch'elli s'avvicinò, dissi: "Mi voi lampà u ghjustu cù u npitiusa?
18:24 Sì ci era una cinquantina di u ghjustu in a cità, vi si pessi incù u restu? È vi vo ùn pietà chì locu di u nome di una cinquantina di u ghjustu, siddu iddi eranu in lu?
18:25 Far sia da a voi a fari sta cosa, è à tumbà u ghjustu cù u npitiusa, è di u ghjustu esse trattati comu l 'npitiusa. Innò, stu ùn hè piaci tu. You ghjudicà tuttu a terra; tu avissi mai fà un tali tribunale. "
18:26 È u Signore li disse:, "Sè aghju trovu in Sodoma cinquanta di u ghjustu in u mezu di i cità, I vi publicava u web locu per via di li ".
18:27 È Abràhamu, emi da dicendu:: "Dapoi avà aghju iniziatu, I vi parla di u mio Signore, si sugnu a pòlvara è malanni.
18:28 Cosa s'ellu ci era cinque menu chè cinquanta di u ghjustu? si tu, nunustanti lu quaranta-cincu, eliminari la web cità?"È li disse:, "I Ùn vi eliminari lu, se I truvà quaranta-cincu ci ".
18:29 E di novu si li disse:, "Ma se quaranta seanza ci, ciò chì si vo fate?"Ellu disse:, "I Ùn vi pare, di u nome di u quaranta ".
18:30 "Vi dumandu,"Disse:, "Ùn a inzergatu, Lord, s'ellu ti parla. Cosa si trenta seanza ci?"Iddu tantu, "I micca ntiraggìscinu, se I truvà trenta ci ".
18:31 "Dapoi avà aghju iniziatu,"Disse:, "I vi parla di u mio Signore. Cosa si vinti seanza ci?"Ellu disse:, "I Ùn vi mette à a morte, di u nome di u vinti ".
18:32 "Ti precu,"Disse:, "Ùn a inzergatu, Lord, se I parlà ancu di più una volta. Cosa si dece seanza ci?"È li disse:, "I ùn lampà si di u nome di i dece."
18:33 È u Signore, niscèru, dopu ch'ellu avia cessatu di parlà à Abraham, chi poi turnau a lu so locu.

I Muvrini 19

19:1 È i dui Angels ghjuntu in Sodoma in la sera, è Lotu era à pusà à a porta di a cità. È quandu ellu li avia vistu, s'arrizzò è si n'andò à scuntralli. Eppo reverenced acostumaus nant'à a terra.
19:2 È li disse:: "Ti precu, mio signori, lingual di latu a la casa di u vostru servitore, è stà ci. Lavà i vostri pedi, è in la matina vo vi s'avanzanu nant'à a vostra strata. "È dìssenu, "Affattu. Ma noi vi stà in la strada. "
19:3 Si stringhjia elli assai assai to turn latu à ellu. E quannu si avia intrinu in la so casa, cci fici 'na festa di li, è ch'ellu cottu pani pani, è manghjonu.
19:4 Ma nanzu si n'andonu à lettu,, l 'omi di i cità, entouré, la casa, da a li picciotti di vechji cucchi, tuttu lu pòpulu.
19:5 È si chjamava fora à Lotu, e si li disse:: "Induva sò l 'omi chì intria in a voi in a notte? i purtemu fora di ccà, cusì chì noi pò sapè elli. "
19:6 Lotu iscì per elli, e mpidennu a porta daretu à ellu, dissi:
19:7 "Ùn, Vi dumandu, mio fratelli, ùn esse voli a rimettu stu male.
19:8 Aghju duie figliole chì cum'è sempre ùn hanu cunnisciutu omu. I li vi purtà fora à voi; poi li cum'è vo futti, furnì chì vo fate micca u male à issi omi, perchè ch'elli sò intruti in sottu l 'ombra di u mo tettu. "
19:9 Ma li dìssenu, "Vai luntanu da culà." È dinò: "Avete intrinu,"Li dìssenu, "Comu un stranieru; duvia tù poi ghjudicherà? dunque, noi vi turmintà voi stessi di più cà elli. "È si mette assai livassi contru à Lotu. È eranu avà à u puntu di crepacori aperta la porte.
19:10 Ed eccu, l '' omi messi fora i so mani, e si tirau Lot in a iddi, e si chiuì la porta.
19:11 E cci dìattiru quelli chì era fora, cu custumi, da u più chjucu à u più grande, tantu ch'elli ùn era in gradu di truvà la porta.
19:12 Allora li disse: Lot: "Ùn avete quì à qualchissia di a toia? Tutti quelli chì sò i toi, Figlioli-in-lege, o figlioli,, o di e figliole, i purtemu fora di sta cità.
19:13 Per noi vi eliminari stu locu, perchè l 'outcry à mezu à elli hè cresce davanti à u Signore,, chì ci mandò à lampà elli. "
19:14 E accussì Lot, nesciri, parlava à i so figlioli-a-lege, chì Andavanu à riceve e so figliole, è li disse:: "Rise su. Chì partenu da stu locu. Di u Signore vi lampà sta cità. "È m'hè parsu a iddi ca nun era di parlà playfully.
19:15 È quandu era la matina, l 'Angels ellu custringgiu, dicendu:, "Additta, piglià a vostra moglia, è i dui figlioli chì vo avete, paura chì tù ùn dinù ùn pèrdite ammenzu a gattivera di i cità ".
19:16 e, siccomu li ignoratu, piglionu a so manu, e la manu di a so moglia, oltri ca di lu so duie figliole, perchè u Signore, ellu fù risparmiari.
19:17 Allora u purtonu fora, e cci misi fora di a cità. È ci si parlava à ellu, dicendu:: "La Fiera Di a to vita. Ùn ùn circà daretu. Nè vi duvite dormir à u web regione circondu. Ma salvà se in la muntagna, paura chì tù ùn dinù pessi. "
19:18 È Lotu li disse:: "Ti precu, u mo signore,
19:19 s'è u vostru servitore, hà trovu grazia davanti à voi, è vi sò glurificatu a vostra pietà, chì tù aghju amparatu à mè in autumaticu mio vita, I Ùn pò esse salvatu nant'à a muntagna, paura chì forse qualchi disgrazia pigghiari pussessu di mè è I more.
19:20 Ci hè una certa cità vicina, à quali I pò fughje; hè un pocu una, e I sarà salvatu in lu. Ùn hè un unu modestu, è ùn vi a mio ànima Live?"
19:21 Eppo li disse:: "Eccu!, ancu avà, Aghju intesu u to prichendu à st'ora, Ùn a overturn la cità in u nomi di u quali vi aghju parlatu.
19:22 Fala è esse salvatu ci. Per ùn ponu fà nunda, finu voi entre ci ". Per stu mutivu, lu nomu di chì a cità hè chjamata Tsoar.
19:23 U sole s'era pisatu più di u paese, è Lotu era intrutu in Tsoar.
19:24 dunque, u Signore, frombu nantu à Sodoma è Gomorra zolfu è focu,, da u Signore, fora di u celu.
19:25 Eppo m'arruvisciau ste cità, è tuttu u rughjonu circondu: tuttu l 'abitanti di a cità di, e tuttu chiddu chi santa da u paese.
19:26 È a so moglia, cerca Nu s'a, fù girava in una statua di u sali.
19:27 Allora Abraham, svighjatu in la matina, in u locu induve ellu avia c'era nanzu cù u Signore,,
19:28 taliaru di fora versu Sodoma è Gomorra, è u web paese di dda riggiuni. E vitti embers svighjatu da u paese cum'è fumu da una furnace.
19:29 Di quandu Diu overthrew la cità di dda riggiuni, ricordu Abraham, si libbirau Lot da l 'armata di l' villes, in ch'ellu avia stava.
19:30 È Lotu cullate da Tsoar, e si stesi nantu à a muntagna, e listessa i so dui figlioli cun ellu, (di iddu si scantava a dormire in Tsoar) è chì stava in una grotta, iddu è i so dui figlioli cun ellu.
19:31 È i maiò disse à i più ghjovani: "U nostru babbu hè vechju, è nimu si mantene in u paese chì pò entre à noi, secondu à a misura di tuttu lu munnu,.
19:32 veni, adurèmulu ellu inebriate cu lu vinu, è adurèmulu vanu cun ellu, cusì chì noi pò esse capaci à prisirvà prole da i nostri patri. "
19:33 E accussì si dete u so vinu babbu, a vìviri dda notti. È i maiò si n'andò à, è ch'ella durmia cù u so babbu,. Ma ellu ùn hà miludia lu, nè quandu a so figliola lasciatu, nè quandu ella s'arrizzò.
19:34 listessa, u ghjornu dopu, l 'anzianu, disse à i più ghjovani: "Eccu!, eri I durmia cù u mo babbu, adurèmulu ci dà vinu à beie sempre dinò sta nuttata, è voi vi vanu cun ellu, cusì chì noi pò salvà prole da i nostri patri. "
19:35 E poi si detti a lu so vinu babbu, a vìviri dda notti dinù, e la figlia giuvini si n'andò à, e durmia cu iddu. È ùn ancu tandu ùn si sò avvistu chì, avendu lasciatu, o quandu ella s'arrizzò.
19:36 dunque, i dui e figliole di Lotu cuncipitu da u so babbu,.
19:37 È i maiò datu nascita à un figliolu, è hà chjamatu u so nomu Moab. Ghjesù hè u babbu di u Moabites, ancu à u prisente ghjornu.
19:38 listessa, lu giuvini, detti a nascita di un figliolu, è hà chjamatu u so nomu Ammon, hè, 'U figliu di u mio populu.' Iddu hè u babbu di u Ammonites, ancu oghje.

I Muvrini 20

20:1 Abraham avanzata da culà in u paese Italia miridiunali, e si stava frà Cadesse è Shur. Eppo sughjurnatu in Guerar.
20:2 È li disse: circa a so moglia Sarah: "Ci hè a mo surella." Cusì, Abimelech, u rè di Guerar, mandatu u so è pigliò.
20:3 Dopu à Diu vinni a Abimelech à traversu un sonniu in a notte, è li disse: à u: "Cosa, vi sarà more per via di a donna chì vo avete fattu. Per ch'ella hà un maritu ".
20:4 in verità, Abimelech micca u so avia toccu, e tantu dissi: "Signuri, ci si mette à a morte di un populu, gnuranti è ghjustu?
20:5 Ùn si micca dì à mè, 'Idda hè a mo surella,,'È ùn hà micca dì, Quellu hè u mo fratellu?'Nta l' sincerità di lu me cori, è lu purezza di u mio mani,, Aghju fattu sta ".
20:6 È Diu li disse:: "È I sapè chì vo avete agitu incù un core sinceru. È dunque mi voi tinutu da sinning contru à mè, è aghju micca fattu voi a tuccari.
20:7 avà, vultà in a so moglia à l 'omu, per ellu hè un prufeta. Eppo vi prega per voi, è voi vi campà. Ma s'è ùn vi sò vuluntà di vultà in a so, cunnosce stu: vi sarà more una morte, tu è tuttu ciò chì hè tòiu. "
20:8 E subitu Abimelech, svighjatu in la notte,, chjamatu tutti i so servitori. E iddu parrava tutti ste parolle in lu so sente, è tutte e ghjente eranu assai a paura.
20:9 Allora Abimelech chjamatu dinù per Abraham, è li disse: à u: "Cosa ci vo fattu à noi? Comu hannu avemu fattu piccatu contru à voi, affinchì tù avissi a purtari accussì granni un piccatu, nantu à mè è nantu à u mio regnu? Avete fattu à noi ciò chì vi devu Ùn a sò fattu ".
20:10 È ellu remonstrating dinò, dissi, "Cosa hà vi vede, affinchì tù avissi a fari sta?"
20:11 Abraham emi: "I parsi a mmia, dicendu:: Pò dassi chì ci hè ùn timore di Diu, in stu locu. E iddi mi messi à morte per via di a mo moglia.
20:12 Eppuru, in altru modu, ch'ella hè ancu cambiatu a mio surella, figliola di u mio babbu, è ùn la figghia di me matri, è i so I pigliò cum'è una mòglia.
20:13 Allora, dopu à Diu m'hà purtatu fora di a casa di u mo babbu, Aghju dettu à a so: 'U vi mostra sta grazia à mè. In ogni locu, à quali noi vi pass, tu vi dicu chi sugnu u to fratellu. ' "
20:14 dunque, Abimelech pigliò pècure è boi,, è l 'omi servitori, è li fimmini servitori, e si li dete à Abraham. E si nni turnò a so moglia Sarah à ellu.
20:15 È li disse:, "U paese hè in a to ochji. Stia unni si vi fariti piaciri ".
20:16 Dopu à Sara, disse: "Eccu!, Aghju datu u vostru fratellu di mille muniti d 'argentu. Stu sarà per voi com'è un velu di a to ochji, à tutti quelli chì sò cun voi, è vòglia chì tù ti viaghju. e accussi, ricordu chì vi stati fattu. "
20:17 Allora quandu Abraham pricatu, Diu guarì Abimelech è a so moglia, è e so serve, è si nascissi.
20:18 Di u Signore era chiusu ogni corpu di la casa di Abimelech, perchè di Sarah, la mugghieri di Abraham.

I Muvrini 21

21:1 Allora u Signore, visitatu Sarah, cum'è avia prumisi; è ch'ellu cumpiimentu ciò ch'ellu avia dettu.
21:2 È firmò incinta, è dete a nascita di un figliolu in la so vichjàia, in u tempu chì Diu avia annunziò à i so.
21:3 È Abràhamu chjamò u nomu di u so figliolu, quale Sarah straziatu per ellu, Isaac.
21:4 E cci circumcidit u VIII ghjornu, cum'è à Diu iddu avìa urdinatu,
21:5 quand'ellu hè centu anni. diffunnutu, a sta tappa di a vita di u so babbu:, Isaac nascìu.
21:6 È Sara disse:: "Diu hà purtatu risati à mè. Quellu chì vi senti di lu vi ride cun mè ".
21:7 è dinò, hà rispostu:: "Protesi stu, chi vulennu cririri Abraham, chi breast-nutricati Sarah un figliolu, à quellu chì hà datu nàscita, nunustanti essendu anziana?"
21:8 È u zitellu criscia è fù weaned. È Abràhamu fece una gran festa di u ghjornu di a so capretti.
21:9 È quandu Sarah avia vistu u figliolu di Agar u gioco Egyptian cù u so figliolu Isaccu,, Ella disse ad Abràhamu:
21:10 "Cast fora sta donna, servu è u so figliolu. Di u figliolu di una donna, u servitore ùn sarà erede cù u mo figliolu Isaccu ".
21:11 Abràhamu pigliò sta bite, di u nome di u so figliolu.
21:12 È Diu li disse:: "Chì ùn parenu currusivu e addirittura a vi tocca lu picciottu è a vostra donna, u servitore. In tutte e chi Sarah hà dettu à voi, sente a so voce. Per u vostru niputi sarà invoked nel Isaac.
21:13 Eppuru ti dinù fà u figliolu di a donna serva in una gran nazione, per ch'ellu hè u vostru niputi. "
21:14 E accussì Abràhamu s'arrizzò a mane, è ripiglià u pane è una peddi d 'acqua, iddu misi lu nantu à a spalla, e si datu lu picciottu, e iddu a so sorti. È quandu ella era partutu, idda granni in u desertu di Scheba.
21:15 E quandu l 'acqua in l' peddi era statu cunsumà, hà righjittatu u carusu, sottu à unu di l 'arburi chì era ddà.
21:16 E idda si luntanu, è si messe in una zona di luntanu, Istuveni un arcu pò ghjunghje sin'à. Per Rispose, "I Ùn ti vede more u miu." E cusì, pusà di punta à u so, pisò a so voce, è piense.
21:17 Ma Diu, 'ntisi la vuci di lu picciottu. È un ànghjulu di Diu, chjamatu a Agar da u celu, dicendu:: "Chi stai facendu, Agar? Ùn àbbia paura. Di Diu, hà schivà la vuci di lu picciottu, da u locu induv'ellu hè.
21:18 Arrìzzati. Piglià lu picciottu e ci danu Demuci a manu. For I farà di l 'na granni nazioni. "
21:19 E Diu, apertu i so ochji. È postu chì una surgente d'acqua, ch'ella si n'andò, è pienu di a so peddi, e idda desi lu picciottu a vìviri.
21:20 È Diu era cun ellu. Eppo cresce, è si ne stete in lu desertu:, e addivintau un giuvanottu, un tireur.
21:21 È ch'ellu campava in u disertu di Paranu, è a so mamma pigliò una moglia per ellu da u paese d'Egittu.
21:22 In listessu tempu, Abimelech è Phicol, u capu di u so 'esercitu, disse ad Abràhamu: "Diu hè cun voi in tuttu ciò chì vo fate.
21:23 dunque, ghjurà da Diu, chì vi ferà micca male di mè, è a mio ntô, è a mio scorta. Ma sicunnu a misericordia chì aghju fattu à voi, vi ferà à mè è à a tarra, à chì vo avete vutau comu un parè ".
21:24 È Abràhamu disse:, "I vi ghjurà".
21:25 Eppo via Abimelech per via di una surgente d'acqua, chi i so servitori, avia pigliatu da la forza.
21:26 E Abimelech emi, "I nun lu sacciu ca nun sta cosa, ma voi dinù ùn svilò lu à mè, nè aghju intesu di u, nanzu oghje. "
21:27 E accussì Abràhamu pigliò pècure è boi,, è ellu li dava a Abimelech. E tutti dui di elli un colpu un pattu.
21:28 È Abràhamu risirvati e sette arrecani feminile da a banda.
21:29 Abimelech li disse:, "Cosa scopu hannu sti setti arrecani Femmina, chì vi sò causatu addritta traballat?"
21:30 Ma li disse:, "U vi ghjunghjerà sette arrecani feminile da a mio manu, tantu ca si pò esse una tistimunianza di mè, chì aghju compru stu beni. "
21:31 Per stu mutivu, chì locu hè statu chjamatu Scheba, perchè ci sia d 'iddi micca ghjurà.
21:32 Allora mossa un pattu di u nomi di u bè di ghjuramentu.
21:33 Allora Abimelech è Phicol, u capu di u so 'esercitu, s'arrizzò, è si ne vultonu in lu paese di i Palestinians. in verità, Abraham piantò un alivetu in Beer Scheba, è ci chjamò nantu à u nome di u Signore, Diu eternu.
21:34 È ch'ellu era un settler in u paese di i Palestinians per parechji ghjorni.

I Muvrini 22

22:1 Dopu à mannu sti cosi, Diu tistati Abraham, è li disse: à u, "Abraham, Abraham. "È li rispose:, "Ccà sugnu."
22:2 Ghjesù li disse:: "Paghjella a to ùnicu, figliolu Isaccu, chì ti tengu caru, è vai in lu paese di a visione. E ci u vi sarà prupostu comu un olucaustu nantu à una di e muntagne, ch'e vi mostra à voi ".
22:3 E accussì Abraham, pigghiavanu up in a notte, harnessed u so sceccu, piglià cun ellu dui nnamurati, è u so figliolu Isaccu,. È quandu era tagliata legnu di u olucaustu, un viaghju versu u locu, comu Diu, ellu avia urdinatu.
22:4 Allora, u terzu ghjornu, mittennusi i so ochji, vide à u locu à una distanza.
22:5 È li disse à i so servitori: "Aspetta ccà, cu lu sceccu. I e lu carusu vi fala più nanzu à chì postu. Dopu avemu timendu, hà da vultà à voi ".
22:6 Iddu macari si lu lignu di lu olucaustu, e misi lu nantu à u so figliolu Isaccu,. È ellu stessu purtatu in lu so focu, li manu e una spada. E comu li dui cuntinuatu nantu nsemmula,
22:7 Isaccu disse à u so babbu:, "I mo babbu." È li rispose:, "Chì voli, figliolu?"" Eccu!,"Disse:, "U focu è in legno. Induve hè u vittima di l 'olucaustu?"
22:8 Ma Abràhamu disse:, "Diu, ellu stessu vi derà a vittima di u olucaustu, u mo figliolu. "Cusì cuntinuaru u nsemmula.
22:9 E arrivaru a lu postu chì Diu, avia amparatu à u. Ci si custruitu un altare, e si misi u legnu in ordine à u. E quannu iddu avia liatu u so figliolu Isaccu,, cci messa nantu à l 'altare nantu à u munzeddu di legnu.
22:10 E arrivò fora a so manu, e pigghiau pussessu di l 'spada, in ordine à sacrificà u so figliolu.
22:11 Ed eccu, un ànghjulu di u Signore, chjamati fora da u celu, dicendu:, "Abraham, Abraham. "È li rispose:, "Ccà sugnu."
22:12 Eppo li disse:, "Ùn ingrandà a to manu nantu à u zitellu, è ùn fà nunda per ellu. Ora I sapiri chi vi paura à Diu, postu chì vo ùn avete ammazzata a to ùnicu figghiu di palu mio. "
22:13 Abraham, pisendu i so ochji, e vitti arreri li spaddi un muntone à mezu à i tanghi, cunsideratu da i corna, chì pigliò è offra un olucaustu, invece di u so figliolu.
22:14 E iddu chiamò lu nomu di ddu paisi: 'U Signore Sees. Cusì, ancu à stu ghjornu, si hè dettu: 'On a muntagna, u Signore vi vede. '
22:15 Allora u Angel di u Signore, chjamati fora à Abraham una seconda volta da u celu, dicendu::
22:16 "Par me propriu certu, I sò ghjuratu, dice u Signore,. Perchè tù aghju fattu sta cosa, è ùn sò ammazzata a to ùnicu figghiu di palu u mio,
22:17 I vi benedica tù, è ti multiplica u vostru niputi comu li stiddi di lu celu, e comu l 'rena chi hè u mari. U vostru niputi ti pussede u porte di i so nimici.
22:18 È in u vostru niputi, tutte e nazioni di a terra hà da esse benedettu, perchè tù ubbiditu à a mio voce. "
22:19 Abraham ritornu à i so servitori, e si n'andonu à Ber Scheba nsemmula, e si stava ci.
22:20 Dopu à mannu sti cosi, hè statu dettu à Abraham chì Milca, listessa, avia parturitu i figlioli di u so fratellu, Nacoru:
22:21 nantu, u primunatu, e Buz, u so fratellu, Chemuel, u babbu di u Syrians,
22:22 e Chesed, e Documenti, listessa Pildash, e Jidlaph,
22:23 oltri Betuellu, di quellu chì hè natu Rebecca. Sti ottu Milca hà parturitu di Nacoru, u fratellu d'Abràhamu.
22:24 in verità, a so cuncubina, chjamatu Reuma, dete à Thebach, e Gaham, Tahasch, e Maacah.

I Muvrini 23

23:1 Avà Sarah vissutu per centu è vinti-sett'anni.
23:2 E idda murìu versu a la cità di Arba, chì hè Hebron, in lu paese di Cananu. È Abràhamu, ghjunse à lu dolu e pienghje di u so.
23:3 È quandu era santu, su da u duviri funerali, parlava di i figlioli di Heth, dicendu::
23:4 "Sugnu un parè e un Sojourner à mezu à voi. Datimi la manu dritta di un sipolcru à mezu à voi, cusì chì I intarrà u mio mortu. "
23:5 I figlioli di Heth emi da dicendu::
23:6 "Francisc noi, O signore, tù sì un capu di Diu, à mezu à noi. Intarrà u to mortu in u nostru sepulchers sceltu. È nimu saranu capaci à drammaturgu voi da sipulcrale u vostru mortu ind'a so memoriale. "
23:7 Abràhamu s'arrizzò, è ch'ellu reverenced à u pòpulu di u paese, dì, i figlioli di Heth.
23:8 È li disse:: "Sì si nni futti a vostra anima chi ti deve intarrà u mio mortu, à mè à sente, e intercede u mio nomi cun Efron, u figliolu di Tsochar,
23:9 tantu ca iddu mi putissi dari lu lettu, Caverna, ch'ellu hà à u fini luntanu di a so campu. Si pò trasfiriri la à mè per as assai soldi, comu hè tene à a to ochji, di u pusessu di un sipolcru ".
23:10 Avà Efron, campava in u mezu di i figlioli di Heth. È Efron, tantu à Abraham in u sente di quellu chì fù u custatu à a porta di a so cità, dicendu::
23:11 "Chì hè mai esse cusì, u mo signore, ma vi deve pagà più attenti à ciò ch'e dicu. U campu di I vi trasfiriri a voi, e la grotta chì hè in lu. In prisenza di i figlioli di u mo pòpulu, intarrà u to mortu. "
23:12 Abraham reverenced in l 'ochji di u pòpulu di u paese.
23:13 E iddu parrava à Efron, standing, in u mezu di u populu: "Vi dumandu à sente à mè. I vi dugnu soldi di u campu di. pigli, e accussì ti intarrà u mio mortu in lu ".
23:14 È Efron, emi: "I mo signore, à mè à sente.
23:15 A terra chì vi dumandà hè quattrucentu sicli d 'argentu. Hè u prezzu trà mè è voi. Ma quantu hè issu? Intarrà u to mortu. "
23:16 È quandu ad Abràhamu avia intesu stu, si pisava fora li sordi chi Efron, avia dumandatu, in u sente di i figlioli di Heth, quattrucentu sicli d 'argentu, di u muneta publicu assicurati.
23:17 È avè cunfirmatu chì u campu di, à quali ci hè una doppia, Caverna, négligence Mamrè, tempu appartinni a Efron, tramindui è u sepolcro, è tutti i so 'àrburi, incù tutti i so limiti circondu,
23:18 Abràhamu pigliò lu cum'è un pusessu, in l 'ochji di i figlioli di Heth è di tutti chì fù chì intria in a porta di a so cità.
23:19 So dunque, Abraham sippillutu a so moglia Sarah in u doppiu grotta di u campu di chì supranava Mamrè. Ghjè Hebron, in lu paese di Cananu.
23:20 È u campu fù cunfirmatu à Abraham, incù l 'rutta chi era in lu, comu nu pussidimentu voltu à i figlioli di Heth.

I Muvrini 24

24:1 Avà Abraham hè vechju è di parechji ghjorni,. E lu Signuri cci avia benedettu in tutte e cose.
24:2 E dissi a lu servu a più vechja di a so casa, chì hè in u cumandante di tutte e chi iddu avia: "Place a to manu sottu à u mo fiancu,
24:3 tantu ca mi pò fà vi ghjurà da u Signore, u Diu di u celu è a terra, chì ùn vi sarà à piglià una mòglia pè u mo figliolu da u e figliole di i Cananiani, à mezu à i quali I campà.
24:4 Ma chì vi hà da viaghjà à u mo paese è locu di nàscita, è da a ci piglià una mòglia pè u mo figliolu Isaccu. "
24:5 U servitore emi, "Sì a donna ùn hè micca voli vene cù mè in stu paese, ci vole I cumannari a to figliolu daretu à u locu da quali vo partutu?"
24:6 È Abràhamu disse:: "Talìati chì tù nun portanu u mo figliolu daretu à chì postu.
24:7 U Signore, Diu di u celu,, chi mi pigliò da a casa di u mo babbu, è da u paese di a mo pàtria, chì parlava à mè è ghjuratu di mè, dicendu:, 'A vostra niputi ti dugnu stu paese,'Sè vi manda u so Angel davanti à voi, è voi vi purterà da ci una mòglia pè u mo figliolu.
24:8 Ma s'ellu a donna ùn hè micca voli à seguitate vi, tù ùn ti si tenerà da u ghjuramentu. Solu ùn portanu u mo figliolu daretu à chì locu. "
24:9 dunque, u servitore serbit a so manu sottu à u fiancu di Abraham, u so signore, è hà ghjuratu a ellu nant'à u so parolla.
24:10 È pigliò dece cammelli da a banda di u so signore, è si n'andò in stese, purtava cun ellu e cose da tutti i so bè. E si misi fora, e continuò, di a cità di Nacoru, in a Mesoputamia.
24:11 È quand'ellu avia fattu i cammelli ghjàcenu fora di lu paisi, vicinu à una surgente d'acqua, in la sera, in u tempu quandu e donne sò avvezzi à andati à piglià acqua, dissi:
24:12 "O Signore,, u Diu di u mo signore Abràhamu,, risponde cun mè oghje, ti precu, è mostra grazia à u mo signore Abràhamu,.
24:13 eccu, I tengu vicinu à a funtana di l 'acqua, e figliole di l 'abitanti di sta cità vi ne vanu à piglià l' acqua.
24:14 dunque, u ragazza francese a qual'e diciaraghju, 'Pizzu a to ciaretta, tantu ca mi po 'beie,'È ch'ella vi arrispùnniri, 'Drink. In fattu, I vi dà u to cammelli, un apperitivu dinù,'U listessu una hè quella chì tù aghju da manghjà per u vostru servitore, Isaac. E par stu, I vi capisce chì tù aghju amparatu grazia à u mo signore ".
24:15 Ma ellu ùn era ancu à compie ste parolle in sè stessu, quandu, eccu, Rebecca iscì, a figliola di Betuellu,, figliolu di Milca, u mòglia di Nacoru, u fratellu d'Abràhamu, avè una ciaretta nantu à a spalla.
24:16 Ci hè un cuntu distintu ragazza, è una più bella a vèrgine, è scunnisciutu da omu. E idda vinni a lu veranu, e idda cci inchì a so ciaretta, è tandu era di vultà.
24:17 È u servitore corse à scuntralla, è li disse:, "Mi purtà cù un pocu acqua, à beie da a to ciaretta."
24:18 E idda emi, "U Pianu, u mio maestru. "E idda subitu capivoltu i ciaretta nantu à u so bracciu, e idda cci detti 'na vivu.
24:19 È dopu à biì, hà aghjuntu, "In fattu, I Pigliaraghju 'acqua di a to cammelli, dinù, finu à ch'elli tutti vivu. "
24:20 E jennu fora la brocca in i sizzioni, idda corse daretu à u bè di piglià acqua; è avè tiratu, ch'ella dete à tutti i cammelli.
24:21 Ma ellu fù Basílica u so nasu, vulennu pi sapiri siddu lu Signore avia causatu u so viaghju, per riesce, o micca
24:22 Allora, dopu à i cammelli, betu, l 'omu, sciu bancarella d'oru, pisanu dui sicli, è u listessu numeru di braccialetti, dece sicli in pesu.
24:23 È disse à u so: "Di quale sì tù? Dimmi, hè ci ogni locu in la casa di u to babbu, à stà?"
24:24 idda emi, "Sò a figliola di Betuellu,, u figliolu di Milca, à quellu chì hà datu a nascita di Nacoru. "
24:25 È hà cuntinuvatu, dicendu:, "Ci hè assai assai paglia è fenu cun noi, è un postu spaziosa a dormir. "
24:26 L'omu ellu stessu si prusternonu davanti, è ch'ellu curato u Signore,,
24:27 dicendu:, "Benedettu sia u Signore,, u Diu di u mo signore Abràhamu,, chì ùn hà pigliatu a so misericordia, è a verità da u mo signore, e chi mi ha purtatu nant'à un viaghju diretta à a casa di u fratellu di u mio Signore ".
24:28 E accussì la ragazza corse, è hà dettu tuttu ciò chì ci avia intesu in a casa di a so mamma.
24:29 Avà Rebecca avia un fratellu,, chjamatu à Làbanu, chì si n'andò fora prestu à l 'omu, induve u veranu hè.
24:30 È quandu avia vistu u bancarella è braccialetti à e mani di a so surella,, è ch'ellu avia intesu tutte e parolle esse ripetutu, "Ghjè ciò chì l'omu fece à mè,"Andò à l 'omu chì èranu da i cammelli, è vicinu à u branu d' acqua,
24:31 è li disse: à u: "Rinsignate, O benedettu di u Signore,. Perchè ùn vi tengu fora,? I sò preparatu a casa, è un locu per i cammelli. "
24:32 È u si purtò in i so ospiti, ind'i quartieri. Eppo unharnessed i cammelli, è ch'ellu distribuite paglia è fenu, è acqua per lavà i so pedi, è chì di l'omi chì ghjuntu cun ellu.
24:33 E lu pani era appughjata fora in i so ochji. Ma li disse:, "I Ùn vi Mangiare, finu à ch'e aghju dettu a mo parole. "Iddu cci arrispunniu, "Luna".
24:34 Allora li disse:: "Socu u servitore d'Abràhamu.
24:35 È u Signore hà benedettu u mio maestru essendu, è ch'ellu hè diventatu maiò. E cci ha datu pècure è boi, argentu è d'oru, servitori l 'omi è donne, servitori, cammelli è sumeri.
24:36 è Sara, l 'moglia di u mo signore, hà datu nascita à un figliolu di u mo signore in la so vichjàia, e cci ha datu tuttu ciò ch'ellu avia.
24:37 È u mo signore m'hà fattu ghjurà, dicendu:: 'Ùn ti piglià una mòglia pè u mo figliolu da i Cananiani, in lu paese ch'e stia.
24:38 Ma tu ti ghjunghje à a casa di u mo babbu, è vi sarà à piglià una mòglia di u me propriu parintia per u mo figliolu.
24:39 ma in verità, I rispose u mo signore, Ciò chì si a donna ùn hè micca voli vene cù mè?'
24:40 'U Signore,,'Ghjesù rispose:, 'In u quale a vista I marchjà, hà da mandà u so Angel cun voi, e si vi dilli a vostra strada. E tu ti piglià una mòglia pè u mo figliolu da a mio so parintia è da a casa di u mo babbu.
24:41 Ma vi sarà nucenza di a mo vindetta, se, quandu vo vi site a mio parenti chiudi, ch'elli ùn vi lassàlli sta a voi '.
24:42 e accussi, oghje I ghjuntu à a surgente d'acqua, è aghju dettu:: 'O Signore,, u Diu di u mo signore Abràhamu,, s'è vo avete direttu a mi manera, in ch'e avà marchjà,
24:43 eccu, I tengu vicinu à a surgente d'acqua, è u so virginità, chì ti ne vanu à piglià l 'acqua, vi sentu da mè, "Datimi un pocu acqua, à beie da a to ciaretta."
24:44 È ch'ella vi dicu à mè, "You beie, è ti dinù pè u to cammelli. "Chì u listessu esse a donna, chì u Signore hà preparatu per u figliolu di u mo signore.
24:45 E mentri mi parsi di più di sti cosi ind'u nella mmia, Rebecca apparsu, chjusa cù una ciaretta, chì hà purtatu nantu à a spalla. E idda scinníu di lu branu, è fù, acqua. E aghju dettu à a so, 'Datimi un pocu à beie.'
24:46 E ci metti rapidamenti sutta la brocca da u so bracciu, è li disse: à mè, 'You beie, è à u to cammelli I vi puru distribuisce bere. 'I betu, e idda pianuri i cammelli.
24:47 È i so I interrugati, dicendu:, 'Di quale sì tù?'È ch'ella emi, 'Sugnu la figghia di Betuellu, u figliolu di Nacoru, chì Milca. 'È cusì, I pinnuluni a bancarella nant'à u so, a nova a so faccia, e I mette i braccialetti à a so manu.
24:48 È si lampò prostrate, I Adore u Signore,, libert u Signore,, u Diu di u mo signore Abràhamu,, chi mi ha purtatu longu u stradellu drittu accussì comu a pigghiari la figghia di u fratellu di u mio signore à u so figliolu.
24:49 Per stu mutivu, s'è tù avissi agisce secondu a misericordia è verità, cù u mo signore, dimmi tantu. Ma siddu voi futti altrimenti, dì chì à mè dinù, tantu ca mi pò iri o à u drittu, o à a manca. "
24:50 È Làbanu, è Betuellu, emi: "A parolla hè secondu da u Signore. Noi ùn sò capaci di parlà di qualcosa altru à voi, fora di ciò chì ci futti.
24:51 si, Rebecca hè in a to ochji. Piglià idda è cuntinuà nantu, è ch'ella sia a mòglia di u figliolu di u to signore, cum'è u Signore hà dettu. "
24:52 Quandu u servitore d'Abràhamu avia intesu stu, lampassi à u tarrenu, si curato u Signore,.
24:53 È duvia parturì robba d 'argentu e d'oru, oltri panni, li dete à Rebecca cum'è un tributu. listessa, ch'ellu offra rigali à i so fratelli è a so mamma.
24:54 È un manciati accuminciò, è ch'elli feasted è betu nsemmula, è si passonu ci. È aghjurnà a la matina, u servitore disse:, "À mè Quantu, tantu ca ju pùazzu turnari a mio maestru. "
24:55 È i so fratelli, è madre tantu, "Chì i ragazza stà per almenu dece ghjorni, cun noi, e doppu chi, ch'ella vi cuntinuà nantu. "
24:56 "Nun essiri vuluntaria,"Disse:, "Sùbitu à mè, di u Signore hà direttu a mi manera. à mè liberallu, tantu ca mi po 'viaghju à u mo signore ".
24:57 E iddi rissiru:, "Chjamemu i nosci, è dumandà a so vulintà. "
24:58 è quandu, avè statu chjamatu, ch'ella ghjunghjì, si vosi sapiri, "Si tu vai cu st'omu?"È Rispose, "I vi vai."
24:59 dunque, ch'elli isciutu u so e so nutrice, è u servitore d'Abràhamu è a so cumpagni,
24:60 vulennu crescita di a so surella,, da dicendu:: "Sì a nostra surella,. Pò vi fà cresce a migghiara di migghiara. È pò a to discindenza pussedi i porti di i so nemichi ".
24:61 e accussi, Rebecca e so serve, ghjustu nantu à i cammelli, seguita l 'omu, ca prestu ritornu à u so maestru.
24:62 Allora, in listessu tempu, Isaccu fù camminare longu a strada chì cunduce à u bè, chjamatu hè: 'Di lu Unu chì campa è chì vede. Per chì stava in lu paese Italia miridiunali.
24:63 E iddu avia iutu fora à midità in lu campu di, cum'è possu fù avà ricusendu. E quannu iddu avia, pisendu i so ochji, vitti cammelli avanzavanu da luntanu.
24:64 listessa, Rebecca, Videndu Isaac, esciuti da u cammellu.
24:65 È hà dettu à u servu, "Quale hè chì omu chì ancianos à scuntrà à noi à u campu di?"È disse à i so, "Chì hè u mo signore." E cusì, ripiglià prestu u so mantellu, idda stissa hà cupartu.
24:66 Tandu a serva ci spiega a Isaccu, tuttu ciò ch'ellu avia fattu.
24:67 Eppo i so purtatu in la tenda di Sarah a so mamma, è si i so accettatu cum'è moglia. Eppo i so amatu tantu assai assai, chì si occupée lu duluri chi cci befell à a morte di a so mamma.

I Muvrini 25

25:1 in verità, Abràhamu pigliò un altru moglia, chjamatu Keturah.
25:2 È hà parturitu a iddu Zimran, e Jokshan, e Flores, e Midian, e Ishbak, e Schua.
25:3 listessa, Jokshan incinta Sheba è Dedan. I figlioli di Dedan era Asshurim, e Letushim, e Leummim.
25:4 e criu, da Midian nasciu Ephah, e Epher, e Henoc, e Abida, e Eldaah. Tutti issi eranu i figlioli di Keturah.
25:5 È Abràhamu datu tuttu ciò ch'ellu avia à Isaac.
25:6 Ma à i figlioli di u concubines visture doni generosu, e si li siparatu da u so figliolu Isaccu,, Mentre ch'ellu era sempre vissutu, versu i rughjoni urientali.
25:7 Avà i tempi di a vita d'Abràhamu, eranu centu è settanta-cinqui anni.
25:8 è ricusendu, hè mortu in un bon vichjàia, è à un palcu avanzata di a vita, è piena di ghjorni. È fù riunitu à u so pòpulu.
25:9 È i so figlioli ad Isaccu è Ismaele ellu intarratu in lu lettu, Caverna, chì fù situata in u campu di Efron, di u figliolu di Tsochar u Hittite, à traversu da u rughjonu di Mamrè,
25:10 ch'ellu avia acquistatu da i figlioli di Heth. Ci fù intarratu, cù a so moglia Sarah.
25:11 È dopu à a so passari, Diu benedisse u so figliolu Isaccu,, calau vicinu à a surgente, chjamatu 'di u One chì stà è chì vede.'
25:12 Quessi sò i sèculi di Ismaele, u figliolu d'Abràhamu, chì Agar u Egyptian, servidore l'Sarah, dete à u.
25:13 E sti sò i nomi di i so figlioli, secondu a so 'lingua e nove. U primunatu di Ismaele hè Nebajoth, tandu Kedar, e Adbeel, e Mibsam,
25:14 listessa Mishma, e Dumah, e Massa,
25:15 Samla, e Tema, e Jetur, e Naphish, e Kedemah.
25:16 Quessi sò i figlioli di Ismaele. E quessi i so nomi è u so furtizzi è paesi: i dòdeci principi di a so tribù.
25:17 E l'anni di a vita di Ismaele chì passava eranu centu è trenta-e sette. è ricusendu, iddu murìu e vinni pusatu cun u so pòpulu.
25:18 Avà ch'ellu avia vissutu da a Seba Istuveni Shur, chì strapiomba in Egittu comu si avvicinava a Assyrians. Si passava luntanu in a vista di tutti i so fratelli.
25:19 listessa, Quessi sò i sèculi di Isaac, u figliolu d'Abràhamu. Abraham incinta Isaac,
25:20 chì, quandu era quarantina di anni,, pigghiò Rebecca, l 'soru di Làbanu, a figliola di Betuellu, i Sirianu da a Mesoputamia, cum'è una mòglia.
25:21 E Isaccu, si u Signore nantu à nomi di a so moglia, perchè ch'ella era sterile. E cci 'ntisi, e cci detti cuncizzioni di Rebecca.
25:22 Ma lu sciccuzzu ribelli tribulatu in lu so senu. So Rispose, "Sè era à esse cusì incù mè, ciò chì bisognu c'era di incinta?"È ch'ella si n'andò à cunsultà u Signore,.
25:23 e rispunniri, dissi, "Two nazione sò in u vostru senu hè benedettu, e dui populi vi pò divide fora di u vostru senu hè benedettu, è un populu sarà a superari pi l 'àutri pirsuni, è i maiò hà da essa u più. "
25:24 Avà u tempu era ghjuntu à dà a nascita, Ed eccu, gemelli stati scupertu in u so senu.
25:25 Quellu chì partutu prima hè rossu, e sanu pilusi cum'è un main; è u so nomu fù chjamatu Esaù. At una volta l 'àutri partutu è ch'ellu tinia pede di u so fratellu, a so manu; è a causa di issu si fu chiamatu Jacob.
25:26 Isaac hè sissanta anni, quandu i figlioli sò nati à ellu.
25:27 È cum'è generale, Esaù, addivintau un cacciadore astuti è un omu di agricultura, ma Jacob, un omu semplice, stava in tende.
25:28 Isaccu avia voglia di Esaù, perchè ci davanu da a so caccia; è Rebecca amatu Jacob.
25:29 Allora Ghjacobbu bollita un picculu sciaccanu. Esaù, u, quandu avia ghjuntu, stanca da u campu di,
25:30 li disse:, "Datimi stu ragout rossu, per ju sugnu assai stancu ". Per stu mutivu, u so nomu fù chjamatu Edome.
25:31 Ghjacobbu disse:, "À mè Sell u vostru dirittu di u primunatu."
25:32 Ghjesù rispose:, "Cosa, Iò moru, ciò chì vi u dirittu di u primunatu vuluntarii per mè?"
25:33 Ghjacobbu disse:, "So tandu, fattu ghjurà à mè. "Esaù, u ghjuratu di u, è ch'ellu vindutu a so dritta di u primunatu.
25:34 e accussi, piglià u pane è u pastu di a lintichja, si nutria, è biì, è si n'andò, dannu a picca a pisu à avè vindutu a dritta di u primunatu.

I Muvrini 26

26:1 Allora, quandu una caristia occasione di visità u paese, dopu chi barrenness chi era accadutu in i ghjorni d 'Abraham, Isaccu, si n'andò à Abimelech, Re di u Palestinians, in Guerar.
26:2 È u Signore si fece vede à ellu, è li disse:: "Ùn scinni in Egittu, ma firmamu in u paese chì ti dicu,
26:3 e campacci in lu, è ti saraghju cun voi, è ti benedica tù. Per à voi è à a to discindenza I daraghju tutti sti rughjoni, cumplettani u ghjuramentu chì mi prumisi a Abràhamu, u to babbu,.
26:4 È ti multiplica u vostru niputi comu li stiddi di lu celu. È ti darà a vostra ntô tutti sti rughjoni. È in u vostru niputi vi esse benedettu tutte e nazioni di a terra,,
26:5 perchè Abraham ubbiditu à a mio voce, eppo mio urdunanze è cumandamenti, e osserva l 'òrdini è la liggi. "
26:6 E accussì Isaac firmati in Guerar.
26:7 È quand'ellu fù interrugati da a ghjente di u locu di a so moglia, Ghjesù rispose:, "Ci hè a mo surella." Per ch'ellu era paura à Palesu u so à esse u so carrogna, cridìannu ca forsi si avissi u messe à a morte per via di a so bellezza.
26:8 È quandu assai parechji ghjorni, avia passatu, è ch'ellu avia firmati in u listessu locu, Abimelech, Re di u Palestinians, girannu pi menzu 'na finestra, vittu essendu scummove cun Rebecca, a so moglia.
26:9 È u chjamò, dissi: "Hè chjara chì idda hè a vostra moglia. Perchè ùn vi cumputus, ricunniscimu her to be a vostra surella?"Ghjesù rispose:, "Aviu a paura, paura I putissi moriri a causa di a so ".
26:10 E Abimelech disse:: "Perchè chì tù ci burdened? Calchissia da lu populu avissi mai nimu cù a vostra moglia, è tù avissi purtatu un gran piccatu, nantu à noi. "È si urdinatu tuttu lu populu, dicendu:,
26:11 "Quellu chì hà toccu a moglia di issu omu chì more una morti."
26:12 Allora Isaccu, suminatu in chì paese, è si truvò, in chì listessu annu, unu volte. È u Signore, u benedisse.
26:13 È l 'omu s'arricchiu, e cuntinuau prospering oltri crescita, finu a iddu addivintò assai granni.
26:14 listessa, avia li pussidimenti di pecuri è di muntagnera, è un assai grande famiglia. A causa di stu, u Palestinians li purtonu invìdia,
26:15 tantu, a ddu tempu, ch'elli destructeur tuttu lu puzzu chì i servitori di u so babbu Abràhamu avia compru, li Culinaria cù tarra.
26:16 Hè arrivatu a un puntu induve Abimelech stessu disse ad Isaccu, "Vai luntanu da noi, per voi avete fattu assai assai di più putente chè noi. "
26:17 e movendi, pùa si n'andò versu a Dracula di Guerar, e si stava ci.
26:18 Nannuccia, si compru n'àutri puzzu, chì i servitori di u so babbu Abràhamu avia compru, è chì, dopu à a so morte, u Philistins avia pricidentimenti destructeur. È i chjamò da u listessu nomi chì u so babbu li avia chjamatu nanzu.
26:19 Allora zappatu in u Dracula, e si trova 'acqua vivant.
26:20 Ma in chì locu dinù i pastori di Guerar Scrissi contra lu pasturi di Isaac, da dicendu:, "Hè a nostra acqua." Pi sta ragiuni, chjamò u nomu di u bè, per via di ciò chì era accadutu, 'Caterina.'
26:21 Allora compru u sempre un altru unu. È nantu à chì unu dinù ch'elli cummattuta, e iddu chiamò, 'Cunciliu.'
26:22 Avanzavanu versu da a ci, si compru un altru bè, più ch'elli ùn presentata. E accussì si chjama u so nomu, 'Latitude,'dicendu:, "Avà, u Signore ci s'hè sviluppata è ci volse à fà cresce à traversu u paese."
26:23 Eppo cullate da chì locu in Beer Scheba,
26:24 induve u Signore si fece vede à ellu nant'à u listessu a notte, dicendu:: "Sò u Diu d'Abràhamu u vostru babbu,. Ùn àbbia paura, di Socu cun voi. I vi benedica tù, è ti multiplica u vostru niputi per via di u mo servitore Abraham. "
26:25 E accussi iddu stessu un altare ci. Eppo invoked u nomu di u Signore,, è stese a so tenda. Eppo urdinatu di i so servitori à scavà una surgente.
26:26 quandu Abimelech, e Ahuzzath, u so amicu, e Phicol, u capu di i militari, avianu ghjuntu da Guerar à chì postu,
26:27 Isaccu disse:, "Perchè sò vi vene à mè, un omu chì vo noia, è quellu chì vi sò cacciati da mezu à voi?"
26:28 Allora emi: "Avemu vistu chì u Signore hè cun voi, è dunque avemu dettu: Chì ci sarà un ghjuramentu trà noi, è adurèmulu avvià un pattu,
26:29 cusì chì vo pudete micca fà à noi ogni tipu di u male, cum'è avemu toccu nunda di a toia, è ùn sò causatu ogni preghjudiziu à voi, Ma cù a pace noi voi isciutu, iunceru da a benedizzione di u Signore ".
26:30 dunque, cci fici li una festa, è dopu à u manghjà è vivu,
26:31 arisen in la matina, ch'elli ghjuratu di unu altru. E Isaac mandò quetu à u so postu.
26:32 Allora, eccu, u listessu ghjornu i servitori di Isaac ghjunse, cantu à ellu circa una surgente ch'elli avianu compru, è disse:: "Avemu trovu 'acqua."
26:33 dunque, iddu chiamò, 'Abundance.' È lu nomu di la cità fu criata comu 'Scheba,'Ancu à u prisente ghjornu.
26:34 in verità, à quaranta anni di etati, Esaù pigliò e so mòglie: Judith, la figghia di Beeri, u Hittite, e Basmath, figliola di Elon, di u listessu locu.
26:35 Allora sia fattu la menti di Isaac è Rebecca.

I Muvrini 27

27:1 Avà Isaac hè vechju, è i so ochji eranu nuvolati, e accussì nun potti vidiri. È chjamò u so figliolu maiò, Esaù, è li disse: à u, "I mo figliolu?"È li tantu, "Ccà sugnu."
27:2 U so babbu, li disse:: "U vidi ca sugnu vecchiu, è ùn a sò micca u ghjornu di a mio morte.
27:3 Piglià a vostra arme, u porta frecce e la arcu, è vai fora. È quandu voi avete fattu calcosa da caccia,
27:4 fà da un picculu mangiata di mè, cum'è voi sapete mi piace, è purtalla, tantu ca mi pò manghjà è a mio ànima ti benedica voi nanzu di more. "
27:5 È quandu Rebecca avia intesu stu, è ch'ellu avia surtita in u campu di a rializzari ordine di u so babbu:,
27:6 Ella disse à u so figliolu à Ghjacobbu: "Aghju intesu u to babbu, di parlà incù u vostru fratellu, Esaù, u, è disse à u,
27:7 Purtate à mè da a vostra caccia, è à mè fari manciari, tantu ca mi pò manghjà è vi benedica, in l 'ochji di u Signore, nanzu ch'e more.
27:8 dunque, avà u mo figliolu, accordu a mio pinseri,
27:9 è vai drittu drittu à a banda, è purtà à mè dui di i megliu ghjovanu capri, cusì chì da li I pò fà carri di u vostru babbu,, comu si mangia turnatu.
27:10 Allora, quandu vo purtate sti in è ch'ellu hà manghjatu, si pò binidisci voi nanzu ch'ellu mori ".
27:11 Iddu a so rispose:: "U sacciu chi u mo fratellu, Esaù, hè pilutu, e sugnu liscia.
27:12 Sè u mo babbu ùn ripone e mani nantu à mè è miludia lu, Socu a paura ch'ellu ùn si pensa à mè voli à mock ellu, è ti purtà una vindetta nantu à mmia, invece di una benedizzione. "
27:13 È a so mamma li disse:: "Chì sta vindetta esse nantu à mè, u mo figliolu. Eppuru sente a mio voce!, e andà direttamente à fà ciò chì aghju dettu. "
27:14 Si n'andò fora, e si purtò, e cci detti a so mamma. Idda preparatu a robba, cum'è ella sapia u so babbu, li piacia.
27:15 E idda iddu vistutu cu l 'assai fina panni di Esaù, chì hà avutu a casa cù i so.
27:16 E idda ora inturniavanu a so mani, cu tanticchia di pelts da u ghjovanu capri, è hà cupartu u so collu ok.
27:17 E idda cci detti 'u picculu sciaccanu, e idda ci apprisintau arrè lu pani chi idda avia industriale.
27:18 Quandu ch'ellu avia purtatu sti in, dissi, "I mo babbu?"È li rispose:, "Je suis à sente. Quale sì, u mo figliolu?"
27:19 È Ghjacobbu rispose:: "Sò Esaù, u vostru primunatu. Aghju fattu cum'è mè ti urdinatu. Additta; pusà è manghjà da a mio caccia, affinchì a to ànima mi benedica à mè. "
27:20 È dinò ad Isaccu disse à u so figliolu, "Comu si tu capaci à truvà lu in tantu prestu, u mo figliolu?"Ghjesù rispose:, "Era la vuluntà di Diu,, tantu chì ciò chì I cerca ncuntrau cu mia prestu. "
27:21 Isaccu disse:, "Veni quì, tantu ca mi po 'tuccari tù, u mo figliolu, e pò determinà s'ellu tù sì u mo figliolu Esaù, o micca. "
27:22 Si avvicina è u so babbu:, e quannu cci avia avutu, Isaccu disse:: "A voce infatti hè a voce di Jacob. Ma i mani, sò i mani di Seir. "
27:23 È ch'ellu ùn ci hà cunnisciutu, parchì a so manu sbattia fattu ellu parenu simile à quellu chì a più vechja. dunque, ellu libert,
27:24 dissi, "Sì tù u mo figliolu Esaù?"Ghjesù rispose:, "Sò."
27:25 Allora li disse:, "Dite mi lu manciari da u vostru caccia, u mo figliolu, affinchì a mio ànima ti benedica voi. "E quannu avìa manciatu ciò chì fù prisintata, ch'ellu dinù fattu nasciri lu vinu per ellu. È dopu à finì lu,
27:26 Ghjesù li disse:, "Veni à mè, è dammi un basgiu, u mo figliolu. "
27:27 Iddu si avvicina è u basgiò. E subbitu iddu cci parìa lu profumu di li so panni. e accussi, ellu libert, dissi: "Eccu!, l odore di u mo figliolu hè cum'è quellu di un campu p'aviri, chì u Signore hà benedettu.
27:28 Pò Ddiu dà à voi, da a guazza di u celu è di a grassa di a terra,, una mansa di grana è vinu.
27:29 E pò i populi voi sèrviri, e pò a tribù voi agricultural. Pò tù sia u maestru di u to fratelli, e pò i figlioli di a to mamma fondu davanti à voi. Quellu chì vo chiôssà, Ch'ellu sia benedettu, è quellu chì vi blessés, Ch'ellu esse pienu di benedizzioni. "
27:30 Appena avia Isaac compie u so parolle, è Ghjacobbu partì, Quandu Esaù, ghjunghjì.
27:31 E si purtaru lu manciari 'patri cottu da u so caccia, dicendu:, "Additta, u mio babbu, è manghjà da a caccia è di u to figliolu, affinchì a to ànima mi benedica à mè. "
27:32 Isaccu disse:, "Ma quale si?"È li rispose:, "Sugnu u to figliolu primunatu, Esaù. "
27:33 Isaac diventa scantu e assai spaventu. È stupiti cavallieri ciò chì pò esse cridutu, dissi: "Allora quale hè iddu chì un pocu fa mi purtau la preda da a so caccia, da ch'e aghju manghjatu, davanti à voi ghjuntu? È ellu I benedisse, è ch'ellu hà da esse benedettu ".
27:34 Esaù, u, avendu intesu e parolle di u so babbu:, gridò fora cu 'na gran outcry. e, essa cunfusi, dissi, "Ma mi benedica dinù, u mo babbu. "
27:35 È li disse:, "U vostru sand ghjunse deceitfully, è ch'ellu ricevutu u to benedizzione. "
27:36 Ma iddu tantu: "Rendini hè u so nomu chiamatu Jacob. Perchè à mè hè postu ancu un altru tempu. My scavalcatu pigliò luntanu davanti à, è avà, sta seconda volta, ch'ellu hà arrubatu mio benedizzione. "È dinò, Ghjesù disse à u so babbu:, "Ti vo micca riservatu à una benedizzione per mè dinù?"
27:37 Isaccu rispose:: "I cci hannu numinatu cum'è u vostru patrone, è aghju nenti tutti i so fratelli è i so servitori. I ci anu rinfurzatu cù a grana è vinu, è dopu à sta, u mo figliolu, ciò chì più faraghju per voi?"
27:38 È Esaù disse:: "Tu Mi solu una benedizzione, babbu? ti precu, Benedisci ancu. "E quandu si piense cù una trumbetta voce,
27:39 Isaccu fù cummossu, è li disse: à u: "In a grassa di a terra,, è in a guazza di u celu, da sopra à,
27:40 vi u vostru benedizzione esse. You vivrà da a spada, è voi vi dà u vostru fratellu,. Ma u tempu vi ghjunghjini quandu voi vi è scuzzulate è publicava i so pastoghje da a to collu. "
27:41 dunque, Esaù, u sempre odiatu Jacob, di l 'binidizioni cù quali u so babbu: ellu avia benedettu. È li disse in lu so core, "I ghjorni vi site per u dolu di u mio babbu, è ti tumbà u mio fratellu, Jacob ".
27:42 Sse cose sò signalati à Rebecca. È mandà e li chiacchiari di u so figliolu à Ghjacobbu, Disse à u, "Eccu!, u to fratellu, Esaù, u si minacciavanu di tumbà tù.
27:43 dunque, avà u mo figliolu, sente a mio voce!. Arrìzzati, è fughje à u mio fratellu, chì Làbanu, in Chàranu.
27:44 È voi vi stia cun ellu, per uni pochi di ghjorni,, sinu à u furore di u vostru fratellu di subsides,
27:45 è u so furore finisci, è ch'ellu forgets ciò chì vo avete fattu per ellu. dopu à issu, I ti mandu per voi, è vi vene da culà à qui. Perchè ùn mi pò CLAMPATES di tutti i mo figlioli in un ghjornu?"
27:46 È Rebecca disse ad Isaccu, "I sugnu stanca di la me vita per via di u e figliole di Heth. Sè Jacob accunsentu una moglia da u scorta di sta tarra, I nun avissi a essiri vuluntaria à campà. "

I Muvrini 28

28:1 E accussì Isaac chjamatu per Jacob, e cci benedettu, e cci urdinatu, dicendu:: "Nun essiri vuluntaria di a accittari na carrogna da a la famigghia di Cananu.
28:2 ma vai, e viaghju a Mesoputamia di Syria, a la casa di Betuellu, babbu di a to mamma, è ci accunsente di se una mòglia trà e figliole di Làbanu, u to ziu maternu.
28:3 È pò à Diu trou vi benedica, e pò li causari voi à cresce, è dinù a multiplica, tantu chi vi pò esse elettu à mezu à a ghjente.
28:4 È pò ci dà u benedizzioni di Abràhamu, à voi, è à a to discindenza dopu à voi, tantu chi pudeti pussedi u paese di u vostru tù, ch'ellu prumittiu di u vostru missiavu. "
28:5 È quandu Isaac ellu avia accittata, mittennu fora, si n'andò in a fonte di Syria, à Làbanu, u figliolu di Betuellu, i Sirianu, u fratellu, a Rebecca, a so mamma.
28:6 ma Esaù, postu chì u so babbu avia benedettu à Ghjacobbu, è ci avia mandatu in Mesopotamia di Syria, à piglià una mòglia da a ci, è chì, dopu à a benedizzione, cci avìa urdinatu, dicendu:: 'Ùn ti cacci una mòglia trà e figliole di Cananu,'
28:7 è chì Jacob, retta i so parenti, era andatu in Syria,
28:8 avè testimunianze dinù chì u so babbu, ùn hà mancu cu favuri nantu à e figliole di Cananu,
28:9 si n'andò à Ismaele, è pigliò cum'è una mòglia, accantu à quelli chì avia nanzu, Mahalath, la figghia di Ismaele, noms de l'Abraham, l 'surella di Nebajoth.
28:10 Intantu Jacob, Dopu partutu da Scheba, cuntinuatu nantu à Chàranu.
28:11 È quandu era ghjuntu à un certu locu, induve si avissi u riposu dopu à u tramontu di u soli, Pigliò un pocu di petre chì ripone ci, e li Ghjesù sottu la testa, durmia in lu listessu locu.
28:12 E vitti a so sonnu: una scala si tense nantu à a terra,, cù u so cima, u celu cunt, dinù, l 'Angels di Diu, castigu e falà da u,
28:13 è u Signore,, appuiatu supra la scala, dicendu à u: "Sugnu lu Signore, u Diu d'Abràhamu u vostru babbu,, è u Diu d'Isaccu. u paese, in cui vi dormiri, I vi darà a voi è à a to discindenza.
28:14 È u to discindenza sarà cum'è a pòlvara di a terra,. Voi vi si sparse subitu à u Lingua, è à l 'Est, è à u Nordu, è à u Meridian. È à voi è in i vostri prole, tutti i tribù di a terra sarà benedettu.
28:15 È I sarà u vostru guardianu vòglia chì tù ti viaghju, e ti portanu tu daretu in issu paese. Nè vi voi I salutari, finu à ch'e aghju fattu tuttu ciò chì aghju dettu. "
28:16 È quandu à Ghjacobbu avia arruspigghiatu da u sonnu, dissi, "Ssu, u Signore hè in stu locu, e I ùn cunnosce lu ".
28:17 È ghjera spavintati, dissi: "Comu terribili stu locu hè! Stu hè nunda altru chè à a casa di Diu, è a porta di u celu ".
28:18 dunque, Jacob, arisen in la matina, pigliò a petra ch'ellu avia misu sutta la testa, e si arrizzò cum'è munimentu, scennu ogghiu supra lu.
28:19 E iddu chiamò lu nomu di la cità, 'Bethel,'Ca prima fu chiamatu Luz.
28:20 E, priparatu un votu, dicendu:: "Sì à Diu vi esse cun mè, e mi vi surviglià longu a strada da ch'e marchju, è mi dà pane à manghjà e piante à saccone,
28:21 è s'e vi tornatu prosperously à a casa di u mo babbu, tandu, u Signore hà da esse u mio Diu,
28:22 e sta petra, ch'e aghju erettu cum'è un munimentu, sarà chjamata 'la casa di Diu.' E da tutti i cosi chi vi darà à mè, I vi porghju tithing à voi ".

I Muvrini 29

29:1 E accussì Jacob, mittennu fora, ghjuntu in u paese urientali.
29:2 E vitti un bè in un campu, è dinù trè banda di pecuri persone vicinu à u. Di l 'armali vìnniru gula da lu, è a so bocca hè chjusu cù una grandi petra.
29:3 È lu usu hè, quandu tutti i pecuri stati riunì, chiddu ri ittàri luntanu la petra. È quandu u calore avìa statu FRAICHIS, si misi lu in più di a bocca di u bè dinò.
29:4 È disse à i pastori, "I Fratelli, da induve si?"Allora rispòsenu. "Da Chàranu."
29:5 È li dumandonu, dissi, "Nun sai Làbanu, u figliolu di Nacoru?"Li disse:, "Avemu u sacciu."
29:6 ellu disse:, "Is ch'ellu bè?"" È hè assai bè,"Li dìssenu. "Ed eccu, a so figliola Rachel avvicinava cù a so banda. "
29:7 È Ghjacobbu rispose:, "Ci hè sempre assai possu stà, è ùn hè tempu di vultà in u calore di u STAZZU. Sott'a la pècura a vìviri prima, e poi porta li spaddi a pascura. "
29:8 iddi emi, "Avemu ùn pò, finu a tutti l 'animali sò riunite è noi smarisce a petra da a bocca di u bè, cusì chì noi pò acqua e pècure. "
29:9 Iddi èranu ancora parlà, Ed eccu, Rachel ghjuntu cù pecuri di u so babbu,; per ch'ella pastured la banda.
29:10 Quandu Ghjacobbu, u so avia vistu, è si resenu contu ch'ella era a so prima cucinu maternu, è chì stanu i pecuri di u so ziu Làbanu, si livò la petra ca chiuriu u bè.
29:11 È avè pianuri a banda, iddu u so basgiò. E si misiru a so voce, si piense.
29:12 Eppo à palesu a so chi iddu era un fratellu di u so babbu,, è u figliolu di Rebecca. e accussi, nivicari, hà annunciatu à u so babbu,.
29:13 E quannu iddu avia intesu chì Jacob, figliolu di a so surella,, era ghjuntu, curriu à scuntrallu. È ellu abbraccia, e vasannulu qualessa, si purtò in la so casa. Ma quandu ellu avia intesu a raghjone di u so viaghju,
29:14 si emi, "Sì u mio elle e mio carne." È dopu à i ghjorni d 'unu mese, sò compie,
29:15 Ghjesù li disse:: "Sè tù sì u mo fratellu, vi mi voi sèrviri di nenti? dimmi ciò chì fà tù avissi accittari ".
29:16 in verità, avia dui figlioli: lu nomu di l 'anzianu, hè Leah; e criu lu giuvini fu chiamatu Rachel.
29:17 Ma, mentri Leah hè krmarja-boiteux, Rachel avutu un aspettu eleganti è hè attrattiva à eccu.
29:18 è Ghjacobbu, amare a so, dissi, "I vi servinu voi di sette anni, per a vostra figlia giuvini Rachel ".
29:19 Làbanu, emi, "Hè megliu chì u so I dà à voi chè à un altru omu; stà cun mè. "
29:20 dunque, Jacob sirvutu di sette anni di Rachel. E sti paria cum'è solu una pochi di ghjorni, per via di a maestà di amore.
29:21 È disse à Làbanu, "Sott'a U mio moglia à mè. Per avà u tempu hè stata à cumpienda, tantu ca ju pùazzu turnari a la so. "
29:22 Eppo, Chjamò un gran fudda di i so amichi di a festa, accordu di u so matrimoniu.
29:23 E at night, si purtò à a so figliola Lea disse:,
29:24 dannu a so figliola una serva, chjamatu Zilpa. Dopu à Ghjacobbu, era andatu à a so, secondu a tradizione, quandu la matina era ghjuntu, vitti Leah.
29:25 È disse à u so babbu-in-lege, "Cosa hè chì vi pruponemu di fari? Hà micca voi I serviri di Rachel? Perchè sò à mè tù arrubatu?"
29:26 Làbanu, emi, "Ùn Hè u ghjuvevule in stu locu per dà u più chjucu à u matrimoniu prima.
29:27 Compie una settimana di ghjorni, incù stu season. E poi ti dugnu 'stu unu di voi dinù, di u serviziu chì vo vi derà à mè per un altru sette anni ".
29:28 Iddu accittò à a so pricò. È dopu à a settimana avia passatu, Pigliò Rachel cum'è una mòglia.
29:29 à u so, u babbu, avia datu Bilha cum'è u so servitore.
29:30 e, avè a noms de uttinni lu matrimoniu si Bramati, si megliu l 'amuri di lu sicunnu prima di l' antica, è si facenu cun ellu un altru sette anni.
29:31 Ma u Signore,, postu ch'ellu stimava Leah, aprì lu so senu, Ma a so surella, ristau sterile.
29:32 avè anch'ella, idda desi a nascita di un figliolu, è hà chjamatu u so nomu Reuben, dicendu:: "U Signore vide mio umiliazione; avà u mio maritu mi tinarà. "
29:33 È dinò Firmò incinta, è parturì un figliolu, è hà dettu, "Pirchì lu Signuri 'ntisi chi ti fù trattatu cù disprezzu, Hà dinù datu issu unu a mia. »E idda chjamatu u so nomu Simeon.
29:34 È firmò incinta una terza vota, è hà datu nascita à un altru figliolu, è hà dettu: "Avà listessa me 'maritu vi unificà cù mè, perchè I cci hannu ntê tri figghi. "È perchè di sta, hà chjamatu u so nomu Levi.
29:35 A voce chjara tempu Firmò incinta, è parturì un figliolu, è hà dettu, "Solu avà vi Palesu a lu Signuri." E di sta ragiuni, ch'ella chjamò di Ghjuda. È hà cessatu da zitellu-axial.

I Muvrini 30

30:1 Allora Rachel, discerning Traduzioni ch'edda hè nfertili, purtonu invìdia a so surella, è cusì hà dettu à u so maritu, "Datimi i zitelli, altrimenti I vi more. "
30:2 Jacob, esse infuriatu, tantu à u so, "Staghjoni I in lu locu di Diu, chì vi hà spugliata di u fruttu di u vostru senu hè benedettu?"
30:3 Ma Rispose: "I hannu un serva Bilha. Andà à a so, tantu ca idda pò dà nascita à mio pedi, e I pò avè i figlioli da a so. "
30:4 E idda cci detti 'Bilha in matrimoniu.
30:5 E quandu u so maritu era andatu in a so, Firmò incinta, è parturì un figliolu.
30:6 È Rachella disse:, "U Signore hà bè per mè, è ch'ellu hà schivà mio voce, dàrimi un figliolu. "È perchè di sta, hà chjamatu u so nomu Dan.
30:7 È à cuncepì dinò, Bilha straziatu un altru,
30:8 circa quale Rachella disse:, "Diu, à mè hè paragunatu cun u mio surella, è aghju vintu. "È ch'ella chjamò Nèftali.
30:9 Leah, videndu chi idda avia desisted da zitellu-axial, trasmessa Zilpa, a so serva, à u so maritu.
30:10 e idda, dopu à avè li parturì un figliolu cu granni fatica trava,
30:11 dissi: "Ucria!"È per sta ragiuni, hà chjamatu u so nomu Gad.
30:12 listessa, Zilpa straziatu un altru.
30:13 È Lea disse:, "Sta unu hè di a mo felicità. diffunnutu, e donne à mè briongu benedettu. "A causa di stu, ch'ella chjamò Asèriu.
30:14 Allora Reuben, sorte in lu campu di à u tempu di a racolta di furmentu, mandrakes trovu. Quessi si purtò à a so mamma Leah. È Rachella disse:, "Datimi 'na purzioni di mandrakes di u vostru figliolu."
30:15 idda emi, "Dunqua si parenu comu un picculu mpurtanza tali à voi, chì vi sò usurped da a mia me 'maritu, quannu tu ti dinù piglià mandrakes di u mo figliolu?"Disse: Rachel, "Iddu vi dormiri cun voi sta notte, perchè di mandrakes di u vostru figliolu."
30:16 È quandu Jacob ritornu da u campu di a sera, Leah iscì à scuntrallu, è hà dettu, "Tu mi entre à mè, perchè I vi sò pigliatu pè u ricumpenza di mandrakes di u mo figliolu. "E mentri durmia cù i so chi a notte.
30:17 E Diu, 'ntisi a so prichere. È firmò incinta, è parturì un quintu figliolu.
30:18 È hà dettu, "Diu hà datu una ricumpensa à mè, perchè aghju datu u mo serva a me 'maritu. "È si chjama u so nomu Issàcaru.
30:19 cuncepì dinò, Leah straziatu un sestu figliolu.
30:20 È hà dettu: "Diu m'hà donu cun una bona dota. è avà, a stu turnu, me 'maritu hà da esse cun mè, perchè aghju incinta di sei figlioli, per ellu. "È dunque hà chjamatu u so nomu Zabulone.
30:21 dopu à u, hà straziatu un figlia, chjamatu Dina.
30:22 u Signore,, listessa ricurdò Rachel, u so schivà è aprì u corpu.
30:23 È firmò incinta, è parturì un figliolu, dicendu:, "Diu hà livatu mio vituperiu."
30:24 È hà chjamatu u so nomu Joseph, dicendu:, "U Signore hà aghjuntu à mè un altru figliolu."
30:25 Ma quandu Joseph nascìu, Ghjacobbu rispose à u so babbu-in-lege: "À mè Quantu, tantu ca mi pò vultà à u mo paese nativu è di u mio paese.
30:26 dammi mio mòglie, e mio zitelli, per quellu chì vi sò sirvutu, tantu ca mi pò andà in. Sai la schjavitù cun ch'e vi sò sirvutu ".
30:27 Làbanu disse:: "Luna I truvà gràzia à i vostri ochji. Aghju amparatu da sperienza chì Diu m'hà benedettu per via di voi.
30:28 Scegli a to piccati, ca ti dugnu. "
30:29 Ma iddu tantu: "U sacciu comu I vi sò sirvutu, e comu granni a vostra pusessu divintò a mio manu.
30:30 You avutu pocu nanzu I ghjunse à voi, è avà vi sò truvatu ricchizzi. E lu Signuri ti hà benedettu dipoi u mio arrivu. Hè ghjustu, dunque, chì à ghjornu eiu dinù ùn derà di a mio casa ".
30:31 È Làbanu disse:, "Cosa ti dò à voi?"Ma, disse, "I vulete nunda. Ma s'è vo vi fate ciò I dumandu, I vi nutriscia è surviglià dinò u to pècure.
30:32 Andate versu à tutte e to pècure è siparari tutti i pecuri di piuvìcina frisgiulatu, o maculata; è tuttu ciò chì vi pò s'oscurò o CHIGNIEZ o frisgiulatu, cum'è assai à mezu à i pecuri cum'è à mezu à i capri, sarà u mo piccati.
30:33 E mio ghjustizia vi risponde à u mio nomi di dumani, quandu u tempu di stabilimentu Ghjuntu davanti à voi. È tuttu ciò chì ùn hè micca frisgiulatu, o CHIGNIEZ o s'oscurò, cum'è assai à mezu à i pecuri cum'è à mezu à i capri, sti vi pruvà à mè à esse un latru. "
30:34 È Làbanu disse:, "I tèniri favuri di sta dumanda."
30:35 E su chi ghjornu ch'ellu siparatu lu idda-capre, è i pecuri, è i si-capre, è i muntoni cun variegations o cù blemishes. Ma ogni unu di i banda chì era di una culore, hè, di biancu o di piuvìcina neru, si rimesse in a mani di i so figlioli.
30:36 E si stabiliu una distanza di trè ghjorni viaghju trà sè è u so figliolu-in-lege, chì pastured u restu di a so banda.
30:37 Allora Ghjacobbu, presa, rami virdi di na cruna, è amandule, è arburi sciaràbulu, li debarked in parte. È quandu u abbaiari fù livau, in la parti chi stati striata, cumparisci lu jancu, ancu i parti chi arristaru tuttu, arristò verde. e accussi, in stu modu u so culori hè statu fattu frisgiulatu.
30:38 E si li misi a lu sizzioni, induva l'acqua hè spartu, cusì chì quandu e pècure èranu ghjunti à beie, si avissi lu rami nanzu i so ochji, è in i so ochji si putissi incinta.
30:39 E lu successu chì, in l 'assai caldu di partendu da nsemmula, i pecuri ochji nantu à i rami, e si purtò lu CHIGNIEZ è i frisgiulatu, quelli chì pichjulati cun culore presentate.
30:40 È Ghjacobbu, spartutu a banda, e si misi li rami in la sizzioni davanti à l 'ochji di i muntoni. Avà tuttu ciò chì hè bianca, o nìura appartinutu à Làbanu, ma, in verità, l 'àutri appartinni a Jacob, di l 'pècure vènunu caricati à mezu à una altra.
30:41 dunque, quandu u primu à ghjunghja stati arrampicata u pelu, Jacob misa l 'arvulu a la sizzioni d'acqua davanti à l' ochji di u pilone è i pecuri, tantu ca si putissi incinta, mentre ch'elli èranu girannu nantu à elli.
30:42 Eppuru quandu lu tardu arrivi e l 'ùrtimu a incinta stati chì in, ch'ellu ùn hà postu issi. È cusì quelli chì ghjunghjenu tardi addivintau Làbanu, l', è quelli chì ghjunghjenu i primi addivintò Jacob l'.
30:43 È l 'omu s'arricchiu cavallieri limitu, e nun avìa assai pècure, donne, servitori è servitori omi, cammelli è sumeri.

I Muvrini 31

31:1 ma dopu, sintì e parolle di i figlioli di Làbanu, dicendu:, "Jacob hà fattu tuttu ciò chì hè u nostru babbu di, è ghjera allargatu da a so capacità, ch'ellu hè divintata famosa. "
31:2 listessa, si osserva chi facci di Làbanu, ùn hè u listessu versu d 'iddu comu era eri, è à u ghjornu nanzu.
31:3 Most ntî, u Signore hè dicendu à u, «Torna à u paese di a to patri e to your generazioni, è ti saraghju cun voi. "
31:4 Mandò è chiamata di Rachella è Lea, in lu campu, unni pastured u calore,
31:5 è li disse:: "I vede chi facci di u vostru babbu, ùn hè micca u listessu versu mè cum'è era eri, è à u ghjornu nanzu. Ma u Diu di u mio babbu, hè statu cun mè.
31:6 È tù sai chì aghju sirvutu a to 'patri cu tutti i mio forza.
31:7 ancu tantu, u to babbu m'hà circumvented, è ch'ellu hà cambiatu u mo piccati dece volte. È ancu Diu, ùn hè ellu permette a manu addossu à mè.
31:8 Pasquale li disse:, 'U pichjulati hà da esse a to piccati,'Tutti i pecuri datu nascita à spugna pichjulati. ma in verità, quandu dissi lu cuntrariu, 'U vi purterà ciò hè biancu di a to piccati,'Tuttu u calore dà a nascita à sò bianchi.
31:9 E ghjè Diu, chì hà fattu bè di u to babbu, è datu à mè.
31:10 Per dopu à u tempu era ghjuntu di i pecuri à incinta, I pisendu mio ochji, è aghju vistu in lu mio sonnu chi lu masci arrampicata à i femini era di frisgiulatu, è frisgiulati, e colori presentate.
31:11 E lu Angel di Diu disse à mè a mio sonnu, 'Jacob.' È I emi, 'Ccà sugnu.'
31:12 È li disse:: 'Pesa u to ochji, è vede chì tutti i masci arrampicata à i femini sò frisgiulatu, maculata, è dinù pichjulati. Per aghju vistu tuttu ciò chì Làbanu, hà fattu à voi.
31:13 Sò u Diu di Bethel, induve tù untu a petra è fattu un votu à mè. Avà a mio zitella, è chì partenu da a sta terra, ritornu à u paese di a to pàtria. ' "
31:14 È Rachella è Lea, emi: "Ti avemu qualcosa à manca daretu à mezu à i risorsi è una làscita di a casa di u nostru babbu?
31:15 Hà micca noi ci cunsidaratu com'è i furesteri, è noi vindutu, e cunsumà i nostri prezzi,?
31:16 Ma Diu hà livatu ricchizzi di u nostru babbu, è datu sti à noi è à a nostra figlioli. dunque, fà tuttu ciò chì Diu vi hà urdinatu. "
31:17 E accussì di Ghjacobbu s'arrizzò, è avè serbit i figlioli è e so mòglie nantu à i cammelli, Ghjesù iscì.
31:18 E si pigghiò tutti i so bè è pècure, è tuttu ciò ch'ellu avia acquistatu a Mesoputamia, è ch'ellu andai à u so babbu Isaccu, in lu paese di Cananu.
31:19 À chì tempu, Làbanu, era andatu à tonde e la pecura, e accussì Rachel arrubbatu ìduli di u so babbu,.
31:20 È Ghjacobbu ùn hè vuluntaria di a cunfessu per u so babbu-in-liggi chi fu fujutu.
31:21 È quandu era partutu luntanu incù tutti sti cosi chì era rendini u so, e, avè tagliatu u fiume,, pichjava sempre in u versu la muntagna di Galaad,
31:22 hè statu dettu à Làbanu, u terzu ghjornu, chì Ghjacobbu avia scappatu.
31:23 È piglià i so fratelli cun ellu, cci assicutau per sette ghjorni. Eppo aghjustò a lu Munti di Galaad.
31:24 E vitti in un sonniu, Diu, disse à Ghjesù, "Talìati chì vo micca di parlà di qualcosa currusivu e addirittura contru à Ghjacobbu."
31:25 È avà à Ghjacobbu avia erettu a so tenda nantu à a muntagna. È quandu si, cù i so fratelli, ellu avia Grecia, si misi a so tenda in lu listessu locu in muntagna di Galaad.
31:26 È disse à Ghjacobbu:: "Perchè chì vi mette in stu modu, partenza da mè in sicretu, cù e mo figliole cum'è s'elle di a spada?
31:27 Perchè tù vulissi à fughje senza mio sapè fà è senza mi diceva, però ju putissi v'aghju purtatu avanti cu allegria, è canti, e timbrels, e lyres?
31:28 Tù ùn mi sò permessa di basgià i mo figlioli è figliole. Avete agitu foolishly. è avà, diffunnutu,
31:29 A mo manu hà u putere di rende vi cù u male. Ma u Diu di u vostru babbu, li disse: à mè eri, 'Talìati chì vo micca di parlà di qualcosa tirannu contru à Ghjacobbu.'
31:30 Si pò esse chi tu vulissi pi jiri a vostra propria, è chì tù ripigliò di a casa di u to babbu,. Ma perchè aghju voi arrubati mio dii?"
31:31 Ghjacobbu rispose:: "I partinu, scunnisciutu à voi, perchè aghju a paura chì voi ùn caccià u to figliole da a viulenza.
31:32 ma, postu chì vo mi accusant di cabbina, cù quale vo truvarete u to numi, Chì ci pò feritu à u visu di i nostri fratelli. Search; nunda di a toia chì vo truvarete cù mè, pigli luntanu. "Ora quannu mi dicìa: stu, ch'ellu ùn sà chì Rachella era arrubatu l 'ìduli.
31:33 E accussì Làbanu, intrendu in la tenda di Ghjacobbu, è di Leah, è di tutti l 'serve, ùn li hà trovu. È quandu era intrutu in la tenda di Rachel,
31:34 idda piatte prestu l 'ìduli sottu letti di l'cammellu, e idda si messe nantu à elli. E quannu iddu avia da u web so tenda, è ùn truvò nunda,
31:35 hà rispostu:: "Ùn esse infuriatu, u mo signore, chi sugnu impussibile à ricuddà up in a to ochji, parchì hè avà hè accadutu à mè, secondu à a tradizione di e donne. "So a so ricerca primurosu di ceda.
31:36 è Ghjacobbu, essa vota, dissi cu sdignu: "Per chi curpa di u mio, , o di ciò chì u piccatu di u mio, hannu voi divintatu cusì lassàrilu contru à mè
31:37 è da tutti i muri di a casa me? Cosa sò vi trovu da tutti i bè di a vostra casa,? Postu si quì davanti à i mio fratelli, è u to fratelli, è ch'elli li ghjudicherà trà mè è voi.
31:38 Per ciò chì ragiuni hannu I stata cun voi per vinti anni? U to pècure è ch'ella-capre ùn era sterile;; i muntoni di u vostru calore ùn aghju micca cunsuma.
31:39 Nè I svilò à voi ciò chì fù pigliatu da l 'animali salvatichi. I rimpiazzati tuttu ciò chì hè guastatu. Ricchi era persu da cabbina, vi piglia si da mè.
31:40 Ghjornu è a notte, I statu brusgiatu da u caldu è di u fretu, e sonnu fughjia da a mio ochji.
31:41 È in stu modu, di vinti anni, I vi sò sirvutu à a vostra casa,: quattordici anni per a vostra figliole, è sei di u vostru calore. Avete dinù hà cambiatu u mo piccati dece volte.
31:42 Sè u Diu di u mio babbu, Abraham è l 'pi lu scantu di Isaac ùn avia statu vicinu à mè, forse da avà tù avissi m'hà mandatu via nudu. Ma Diu, taliaru di buntà pè u mio patimentu è lu travagghiu di e mio mani, e si tu, minacciò eri. "
31:43 Làbanu, li rispose:: "I mo figliole è figlioli, è u to calore, e tuttu chiddu chi vi guarda sò nimici. Cosa ti pò fà à i mo figlioli è figliulini?
31:44 veni, dunque, femu ci entre in un pattu, tantu ca si pò esse una tistimunianza trà mè è tè. "
31:45 E accussì di Ghjacobbu pigliò una petra, e si arrizzò cum'è un memoriale.
31:46 È disse à i so fratelli, "Dite scure." È si, vedere insieme piatra, fattu un sipolcru, è si manghjonu u cavalcò.
31:47 È Làbanu, chiamò, 'Tomba di tistimuniatu,'È à Ghjacobbu, 'Pile di Inna;'Ognunu d' iddi, secondu à u medicale di a so lingua.
31:48 È Làbanu disse:: "Sta sipolcru sarà una tistimunianza trà mè è voi stu ghjornu." (È per sta ragiuni, u so nomu hè stata chjamata Galaad, hè, 'Tomba di tistimuniatu.')
31:49 "Chì u Signore, e ricchezze è ghjùdice trà noi, quandu noi vi aghju rinunziatu à da una altra.
31:50 Sè vo maltratti e mo figliole, e se tu purtà in altre mòglie di più di li, nimu hè una tistimunianza di u nostru parolle, francu à Diu, ca û capunanzu. "
31:51 E di novu, disse à Ghjacobbu:. "Cosa, sta tomba è a petra chì aghju erettu trà mè è voi,
31:52 sarà una tistimunianza. stu sipolcru,"A vi dicu, "È a petra, ch'elli sò per a tistimunianza, in casu sia I croce cavallieri si andava versu la tù, o vi passà fora lu pinzari a manu addossu à mè.
31:53 Di maghju, u Diu d'Abràhamu, è u Diu di Nacoru, u Diu di u so babbu,, ghjudicherà trà noi. "Cusì, Jacob juraru da u timore di u so babbu Isaccu.
31:54 È dopu ch'ellu avia immolated offerte nantu à a muntagna, chjamò i so fratelli à manghjà u pane. E quannu si avia mangiatu, si passonu ci.
31:55 in verità, Làbanu, s'alzò in a notte, è ch'ellu basgiò i so figlioli è figliole, è ellu i benedisse. È turrò à u so postu.

I Muvrini 32

32:1 listessa, Jacob cuntinuatu nant'à u viaggiu chi iddu avia iniziatu. E lu Angels di Diu, riscontru.
32:2 Quandu ellu li avia vistu, dissi, "Quessi sò i Encampments di Diu." È si chjama lu nomu di ddu paisi Mahanaim, hè, 'Encampments.'
32:3 Eppo dinù mandatu messageri davanti à ellu à u so fratellu, Esaù, u, in u paese di Seir, in u rughjonu di Edome.
32:4 Eppo li urdinatu, dicendu:: "Tu ti parla in sta via di u mo signore Esaù: 'U vostru fratellu, Jacob dici sti cosi: "Aghju sughjurnatu cun Làbanu, è aghju fattu cun ellu finu à u prisente ghjornu.
32:5 I sò boi, e li scecchi, e pècure, è l 'omi cum'è servitori, e servitori e donne. È avà I mandà un imbasciadore di u mio signore, tantu ca mi pò truvà gràzia à i vostri ochji. " '"
32:6 È i messageri ritornu à Jacob, dicendu:, "Avemu andò à u vostru fratellu, Esaù, u, Ed eccu, si juncu à risponde à voi cun quattrucentu omi. "
32:7 Jacob hè assai a paura. È in lu so spaventu, si divide u pòpulu chì èranu cun ellu,, listessa u calore, è i pecuri, è i boi, è i cammelli, in dui cumpagnii,
32:8 dicendu:: "Sè Esaù, andat a una cumpagnia, è mena lu, l 'àutri cumpagnia, chì hè manca daretu, hà da esse salvu. "
32:9 È Ghjacobbu rispose:: "Diu di u mio babbu, Abraham, è Diu di u mio babbu, Isaac, O Signore, ca mi dissiru: 'Torna a to tarra, è à u postu di u vostru pàtria, è ti fà bè per voi. '
32:10 I sugnu menu chè ogni di u vostru compassions è a to verità, chì vi sò cumpiimentu di u vostru servitore. Cù mio bastone I tagliatu più di stu Jordan. È avà I turnari cu dui cumpagnii.
32:11 à mè riscattari da a manu di u mo fratellu, Esaù, u, per ju sugnu assai a paura di u, paura chì forse si pò vene, è aduprà davanti la matri cu la i figlioli.
32:12 You micca dì chì vo ùn fà bè par mè, è chì tù avissi allargamentu mio prole, comu la rena di u mare,, chì, per via di a so ghjente, Ùn si pò contu. "
32:13 E quannu iddu avia cuncegnu chì a notte, si siparatu, da ciò ch'ellu avia, doni di u so fratellu, Esaù, u:
32:14 dui centu idda-capre, na vintina li-capre, dui centu pecuri, è vinti muntoni,
32:15 trenta cammelli fatta cù u so ghjovanu, quarantina di vacchi, è vinti viteddi, vinti idda-scecchi, è dece di e so ghjovanu.
32:16 Eppo i mandò da i mani di i so servitori, ogni banda traballat, è li disse à i so servitori: "Pass nanzu à mè, è chì ùn ci sia un spaziu trà e pècure è banda ".
32:17 Eppo urdinatu a prima, dicendu:: "Sè vo succede à scuntrà u mo fratellu, Esaù, u, e si vi Dumande: "Di quale sì tù?"o, "Induve vai?"o, "Quale sò issi chì vo seguitate?"
32:18 vi sarà arrispùnniri: "U vostru servitore Ghjacobbu, l'. Iddu li hà mandatu un rigalu à u mo signore Esaù. È ch'ellu hè dinù vinia dopu à noi. "
32:19 similaire, iddu detti ordini a seconda, è u terzu, è à tutti quelli chì seguita u calore, dicendu:: "Làbanu sti stissi palori a Esaù, quandu ellu si truvà.
32:20 È voi vi aghjunghje: 'U vostru servitore Ghjacobbu, ellu stessu seguita dinù, dopu à noi, di li disse:: "I ellu vi calmari cù i rigali chì andà avanti, è dopu à sta, I vi vidu; forse ch'ellu serà misericurdiosu a mia. " '"
32:21 E accussi i doni si n'andò davanti ad ellu, ma iddu stissu passonu chì a notte in u campu.
32:22 È quandu era ghjuntu a mane, Pigliò i so dui altre, è u listessu numeru di serve, cù i so òndeci figlioli, e si 'ncruciati supra lu transit di Jabbok.
32:23 È avè messu nantu à tutte e cose chì facìani parte di u,
32:24 iddu arristau sulu. Ed eccu, un omu wrestled cu iddu nzinu a la matina.
32:25 E quannu vitti chi nun avissi a essiri capaci di a superari pi iddu, si tuccò lu balai di a so coscia, e subitu si secca.
32:26 Eppo li disse:, "À mè Quantu, per avà l 'arba ascends. "Iddu tantu, "I Ùn vi publicava tù, quannu mi benedica. "
32:27 Dunque li disse:, "Cumu ti chjami?"Ghjesù rispose:, "Jacob".
32:28 Ma li disse:, "U vostru nome ùn vi pò chjamà à Ghjacobbu, ma Israel; per sè vo avete fattu forte contr'à Diu,, how much più vi vo giustizia contra l 'omi?"
32:29 Jacob ellu dumanda, "Dimmi, da ciò chì nomu sò vi chiamati?"Iddu tantu, "Perchè ùn vi dumandu u mo nome?"È u benedisse in u listessu locu.
32:30 È Ghjacobbu chjamò u nomu di u locu Peniel, dicendu:, "Aghju vistu à Diu faccia a faccia, e mio anima hè statu salvu. "
32:31 E subitu lu suli rosula nantu ad ellu, dopu ch'ellu avia tagliatu cavallieri Peniel. Ma in verità,, si so'casa nant'à i so pedi.
32:32 Per stu mutivu, i figlioli d'Israele, ancu à u prisente ghjornu, Nun manciu lu trou chì secca in còscia l'Jacob, perchè toccu u balai di a so coscia e lu statu destructeur.

I Muvrini 33

33:1 Allora Ghjacobbu, mittennusi i so ochji, vide Esaù, agghicaru, e cun ellu quattru centu omi. Eppo spartutu i figlioli di Leah è Rachel, è di tutti l 'serve.
33:2 E si cci misi la dùie serve, è i so figlioli à u principiu. cambiatu, Lea è i so figlioli, era in l 'secunnu postu. Allora Rachel è Ghjiseppu era noms.
33:3 e avanzannu, si reverenced prostrate nant'à l 'nterra e sette volte, sinu à u so fratellu si avvicina.
33:4 E accussì Esaù, corse à scuntrà u so fratellu, e cci ricordu. È ellu dicimi da u so coddu e vasannulu, si piense.
33:5 E si misiru i so ochji, vitti la e donne è i so figlioli, è li disse:: "Cosa ti sti vulete per elli?"È" Sì si riguardanti à voi?"Iddu tantu, "Quessi sò i figlioli chì Diu hà datu cum'è un donu à mè, u to servitore. "
33:6 Allora u serve è i so figlioli, si avvicina è si prusternonu davanti.
33:7 listessa Leah, cù i so figlioli,, ghjunse vicinu à. E quannu si avia reverenced similaire, Infine, tutte e, Joseph e Rachel reverenced.
33:8 È Esaù disse:, "Cosa sò issi impresi chì aghju fattu riunioni?"Iddu tantu, "So pò I truvà gràzia nanzu u mio maestru."
33:9 Ma li disse:, "I me resterà, u mo fratellu; chì ste sia per te ".
33:10 È Ghjacobbu rispose:: "Ti precu, lassai micca esse cusì. Ma s'e aghju trovu gràzia à i to ochji, riceve un picculu rigalu da a mio manu. Per aghju guardatu a vostra faccia cum'è I avissi a taliari nantu à l 'aspettu di Diu. Esse di gràzia à mè,
33:11 è piglià a benedizzione ch'e aghju purtatu à voi, è chì Diu, chì bestows tutte e cose, hà datu cum'è un donu à mè ". U fattu si c'havi, à l 'insistence di u so fratellu,,
33:12 dissi, "Andemu nantu nsemmula, è ti viaghja voi u vostru viaghju. "
33:13 È Ghjacobbu rispose:: "I mo signore, sai chì aghju cun mè prupone chì sò pocu, e pècure, è i meruli incù ghjovanu. Sè I causari issi a lu travagghiu troppu in camminare, tuttu u calore hà da more in un ghjornu.
33:14 Pò lu fariti mio signore à voltu à u so servitore. È ti seguitate pocu à pocu in u so passi, cum'è assai comu I vede u mo cigna a picca a pudè, fin'a arrivare a mio signore in Seir. "
33:15 Esaù, emi, "Ti precu, chì almenu parechji di i populi chì sò cun mè pò tene à viaghja voi nant'à a strada. "Ma li disse:, "Ùn ci hè micca bisognu di. Aghju bisognu di una cosa solu: per truvà gràzia à i vostri ochji, u mo signore. "
33:16 E accussì Esaù, u ritornu quellu ghjornu, da u modu chi iddu avia ghjuntu, di Seir.
33:17 È Ghjacobbu andò à Succoth, induve, avè custruì una casa, è rizzò e tende, chjamò u nomu di ddu postu Succoth, hè, 'Camping.'
33:18 Eppo 'ncruciati supra a Salem, una cità di u Shechemites, chì hè in lu paese di Cananu, doppu si nni turnaru da a Mesoputamia di Syria. E si stava vicinu à a cità.
33:19 Eppo compru a parte di u campu di a quale ellu avia erettu a so tende da i figlioli di Hamor, u babbu di Sichemme, di centu arrecani.
33:20 E Vicario un altare ci, si invoked supra lu in u più forti à Diu di Israel.

I Muvrini 34

34:1 Allora Dina, la figghia di Leah, si n'andò fora per vede e donne di dda riggiuni.
34:2 È quandu Sichemme, u figliolu di Hamor u Eviani, u capu di u paese, u so avia vistu, si lampò in amore cù u so. E accussi iddu u so pigliatu è durmia cù i so, stragranni la vergine da la forza.
34:3 È a so anima era vicinu liatu à u so, e, dipoi ch'ella hè pena, iddu u so soothed cu smorfii.
34:4 È vai à Hamor, u so babbu:, dissi, "Avè sta figghjola per mè cum'è un aceddi."
34:5 Ma quandu à Ghjacobbu avia intesu stu, postu chì i so figlioli eranu assenza, è ch'ellu fù accupata in pasturing u bistiame, si stete mutu sinu à vinianu daretu.
34:6 Allora, quandu Hamor, u babbu di Sichemme, era andatu fora di parlà à Ghjacobbu,
34:7 eccu, i so figlioli ghjuntu da u campu di. È à sente ciò chì era accadutu, eranu assai arraggiatu, perchè ch'ellu avia fattu una cosa chalky in Israele, è, in violating una figliola di Ghjacobbu, avia locu un attu ch'ella.
34:8 E accussì Hamor parrava a li: "L'anima di u mio figliolu Sichemme hà stannu nta particularmente à a vostra figlia. u so dà à ellu cum'è una mòglia.
34:9 È adurèmulu cilibrari nozzi cù unu cu un altru. Dacci u vostru figliole, è riceve i nostri figlioli.
34:10 È campà cun noi. U paese hè in u vostru putiri: cultivà, prufissioni, è pussedi si. "
34:11 E Sichemme disse ancu à u so babbu è à i so fratelli: "Luna I truvà gràzia à i vostri ochji, è tuttu ciò chì vo vi mintuveghjani, Vi daraghju.
34:12 Cresce la dota, e rigali dumanda, è ti liberu dari ciò chì vo vi dumandu. Solu dammi issu ragazza comu na muggheri ".
34:13 I figlioli di Ghjacobbu rispose: Sichemme è u so babbu cun bugia, essa lassàrilu à u campo di a so surella,:
34:14 "Avemu ùn sò capaci à fà ciò chì vi dumandu, nè di dà a nostra surella a un omu nè. per noi, issu hè ch'ella è abominable.
34:15 Ma noi pò farimi in stu, accussì comu a esse alliati cù voi, s'è tù sì voli divintari comu nuàutri, e se tuttu u sessu maschili à mezu à voi sarà circumcidit.
34:16 Allora noi vi cumprinzibbili dà è riceve u to figliole oltri a nostra; è noi vi campà cun voi, è noi lignu p'addivintari un populu.
34:17 Ma s'è vo ùn vi pò circumcidit, avemu da piglià a nostra figliola è ritirava. "
34:18 A so offerta cunfortanu Hamor è u so figliolu Sichemme.
34:19 Nè hà u ghjuvanottu causari ogni fiuritura; in fattu si n'hè ghjuntu à cumpiimentu ciò chì fù dumandata. Per ch'ellu hà amatu la ragazza assai assai, è ch'ellu fù bè-cunnisciuta da a casa di u so babbu:.
34:20 È chì intria in a porta di a cità, si parlava à u populu:
34:21 "Chisti omi sò paci, e vonnu à campà à mezu à noi. Chì li cummerciu in u paese è cultivà u, di, essendu spaziosa è Genuva, hè in bisognu di cultura. Ci hà da riceve e so figliole è e mòglie, è noi vi dà li a nostra.
34:22 Ci hè una cosa chì impedisce tantu granni 'na bona: siddu avemu vi circuncì i nostri masci, imitannu lu rituali di a so nazione,.
34:23 È a so sustanza, è u bistiame, e tuttu chiddu chi si pussedi, hà da esse a nostra, s'è solu noi vi obbricu à stu, e accussi, in inseme, vi furmari unu pòpulu ".
34:24 Allora tutti prumessu à circuncì ogni unu di i masci.
34:25 Ed eccu, u terzu ghjornu, quandu lu duluri di la ferita hè più, dui di i figlioli di Ghjacobbu!, Simeone è Levia, i fratelli di Dina, sinceramente intrutu in la cità cù spade. È si mette à a morte di tutti i masci.
34:26 Iddi tombu Hamor è Sichemme nsemmula, ripiglià a so surella, Dina da a casa di Sichemme.
34:27 E quannu avìanu partutu, l '' altri i figlioli di Ghjacobbu, falava nantu à l 'unn, e si cci fici la cità a vindetta di i gang.
34:28 Ripiglià a so pecura, è muntagnera, e li scecchi, è imposta ghjetti à tuttu altru chì era in a so casa, è in i so campi,,
34:29 si piglia a so figlioli è e so mòglie prigiuneru.
34:30 Quannu si avia sinceramente di tennis sti prudigi, Ghjacobbu rispose à Simeone è Levia: "Tu mi sò frasturnati, è voi avete fattu à mè tirannia di i Cananiani è i Perizzites, l 'abitanti di sta terra. Ci sò uni pochi. iddi, vedere stessi nsemmula, pò aduprà à mè falà, e poi tutti I è a mo casa, vi pò s'asciucau. "
34:31 iddi emi, "Una si poi a nostra surella, comu 'na lesbiche?"

I Muvrini 35

35:1 About stu tempu, Diu disse à Ghjacobbu:, "Additta è cullà à Bethel, è campà ci, è fà un altare à Diu, chi ti est cumpartu a voi quandu vi fughje da u vostru fratellu, Esaù, u ".
35:2 in verità, Jacob, Chjamò insieme tutta a so casa,, dissi: "Cast luntanu i dii stranieri chì sò in u vostru mezu è nucente, è dinù cambià u to panni.
35:3 Additta, è adurèmulu cullà à Bethel, cusì chì noi pò fà un altare ci à Diu, chi mi schivà à u ghjornu di a mio tribulazione, è chì m'hà accumpagnatu u mio viaghju ".
35:4 dunque, si cci detti tutti i dii stranieri chì avìanu, e lu bancarella chì era in u so zitellu. E poi li intarratu sottu à l 'arvulu Térébinthe, chì hè fora di a cità di Sichemme.
35:5 E quand'elli avianu misi fora, u spaventu di Diu, occupatu tutti li cità vicini, è ch'elli ùn anima assicùtanu li comu si ritirò.
35:6 e accussi, Ghjacobbu ghjunse à Luz, chì hè in lu paese di Cananu, chjamatu dinù Bethel: iddu è tutti i populi cun ellu.
35:7 Eppo custruitu un altare ci, e si chiamava lu nomu di ddu paisi, 'Casa di Diu.' Perchè ci Diu apparse a iddu, quannu scappò da u so fratellu.
35:8 About u listessu tempu, Ghjacumu, u nutrice di Rebecca, muriu, è ch'ella fù intarratu in a basa di Bethel, sutta un arvulu. È u nome di u locu fù chjamata, 'Chêne di Lazarus.'
35:9 Allora Diu apparse dinò à Jacob, doppu si nni turnaru da a Mesoputamia di Syria, e cci benedettu,
35:10 dicendu:: "U vi ùn più esse chiamatu Jacob, per u vostru nomu sarà Israel. "È si chjamò, Israel,
35:11 è li disse: à u: "Sò u Diu onniputente: cresce è multiplicate. Tribù è populi di e nazioni hà da esse da voi, è i rè si ne vanu da u vostru reni.
35:12 E la terra ca mi desi ad Abràhamu, ad Isaccu, I vi darà a voi, è à a to discindenza dopu à voi ".
35:13 E iddu si ritirò da ellu.
35:14 in verità, si crea un munumentu di petra, in lu locu duva Diu avia dettu à u, scennu da vinu più di lu, è oliu scennu,
35:15 e si chiamava lu nomu di ddu paisi, 'Bethel.'
35:16 Allora, in partenza da a ci, si ghjuntu in primavera in u paese chì cunduce à Ephrath. è ci, quandu Rachel statu à sente a nascita,
35:17 parché hè un nascita difficiule, ch'ella si messe à esse in periculu. E la levatrice a disse à i so, "Ùn àbbia paura, per voi vi hannu stu figghiu puru. "
35:18 Allora, quandu a so vita fù movendi perchè di u dulore, è a morti hè avà prussimu, hà chjamatu u nomu di u so figliolu Benoni, hè, U figliolu di u mio dulore. ma in verità, u so babbu: ellu chjama Benjamin, hè, U figliolu di a manu dritta.
35:19 E accussì Rachella morse, è ch'ella fù intarratu in lu modu chì cunduce à Ephrath: stu locu hè Betlemme.
35:20 È Ghjacobbu, costruiu un munumentu più di u so sipolcru. Ghjè u munumentu à sipolcru l'Rachel, ancu à u prisente ghjornu.
35:21 In partenza da a ci, si rizzò e so tende fora di i Torre di i veschi.
35:22 È quand'ellu fù vivant à chì rughjonu, Reuben iscì, e durmia cu Bilha u cuncubina di u so babbu:, chì ùn hè un picculu mpurtanza comu esse ammucciatu da ellu. Avà i figlioli di Ghjacobbu, eranu dudici.
35:23 I figlioli di Leah: Reuben a prima nati, e Simeone, e Levi, è Ghjuda, e Issàcaru, e Zabulone.
35:24 Figlioli di Rachella: Ghjiseppu è Beniaminu.
35:25 I figlioli di Bilha, serva di Rachel: Dan è Nèftali.
35:26 I figlioli di Zilpa, serva di Lea,: Gad è Asèriu. Quessi sò i figlioli di Ghjacobbu!, chì nascinu à ellu in Mesopotamia di Syria.
35:27 È tandu chì si n'andò à u so babbu Isaccu, à Mamrè, i cità di Arba: stu locu hè Hebron, induve Abraham e Isaac sughjurnatu.
35:28 È i ghjorni di Isaac eranu stallazione: centu è ottanta anni.
35:29 È ghjera cunsumati da vichjàia, murìa. E iddu fu misa cun u so pòpulu, essa vechju è pienu di ghjorni. È i so figlioli, Esaù, e Jacob, ellu intarratu.

I Muvrini 36

36:1 Avà sti sò i sèculi di Esaù, chì ghjè Edome.
36:2 Esaù pigliò e so mòglie di e figliole di Cananu: Ada, figliola di Elon u Hittite, e tribù la figghia di Dischon, figliola di Tsibeon u Eviani,
36:3 e Basmath, la figghia di Ismaele, surella di Nebajoth.
36:4 Allora Ada straziatu Ghjaelam. Ana incinta Reuel.
36:5 Tribù incinta Ghjeusch, Ghjaelam, è rivolta. Quessi sò i figlioli di Seir, chì nascinu à ellu in lu paese di Cananu.
36:6 Allora Esaù pigliò e so mòglie, è i figlioli, e figliole, e ogni arma di a so casa, è i so bè, è u bistiame, è ciò ch'ellu era capaci à fabricà in lu paese di Cananu, è si n'andò in un altru regione, Niu da u so fratellu Jacob.
36:7 Per ch'elli èranu assai ricchi, è ùn era in gradu di campà inseme. Nè hè u paese di u so sughjornu capaci à mantena elli, per via di a ghjente di e so pècure.
36:8 È Esaù, abitanti di a muntagna di Seir: ch'ellu hè Edome.
36:9 So quessi i sèculi di Esaù, u babbu di Edome, in a muntagna di Seir,
36:10 e sti sò i nomi di i so figlioli: Ghjaelam u figliolu di Ada, la mugghieri di Esaù, listessa Reuel, u figliolu di Basmath, a so moglia.
36:11 E Ghjaelam avutu figlioli: amicu, Omar, Zepho, e Elifaz, e Kenez.
36:12 Avà abitazioni hè u cuncubina di Ghjaelam, u figliolu di Esaù. E idda cci nascì Amalek. Quessi sò i figlioli di Ada, la mugghieri di Esaù.
36:13 È i figlioli di Reuel era Nahath è u paese, Schamma è Mizza. Quessi sò i figlioli di Basmath, la mugghieri di Esaù.
36:14 listessa, chisti eranu i figlioli di tribù, la figghia di Dischon, figliola di Tsibeon, la mugghieri di Esaù, chì hà parturitu a ellu: Ghjeusch, Ghjaelam, è rivolta.
36:15 Quessi sò i capi di i figlioli di Seir, Figlioli di Ghjaelam, u primunatu di Esaù: capu rossu, capu Omar, capu Zepho, capu Kenez,
36:16 capu rivolta, capu Elifaz, capu Amalek. Quessi sò i figlioli di Ghjaelam, in lu paese di Edome, e sti i figlioli di Ada.
36:17 listessa, Quessi sò i figlioli di Reuel, u figliolu di Esaù: capu Nahath, capu u paese, capu Schamma, capu Mizza. E stanu i capi di Reuel, in lu paese di Edome. Quessi sò i figlioli di Basmath, la mugghieri di Esaù.
36:18 Avà sti sò i figlioli di tribù, la mugghieri di Esaù: capu Ghjeusch, capu Ghjaelam, capu rivolta. Quessi sò i capi di tribù, la figghia di Seir, è a moglia di Esaù.
36:19 Quessi sò i figlioli di Seir, e chisti, c'eranu i so capi: issu hè Edome.
36:20 Quessi sò i figlioli di Seir, u Horiani, l 'abitanti di u paese: Horiani, e Tsibeon, e Tsibeon, e Dischon,
36:21 e Hemdan, e Dischan, e rignassi nantu. Quessi sò i capi di u Oriani, i figlioli di Seir, in lu paese di Edome.
36:22 Avà Horiani pruduciutu figlioli: Hori è Heman. Ma la soru di Horiani hè abitazioni.
36:23 E sti sò i figlioli di Tsibeon: Aja, è Ana, e Ebal, e Shepho, e Onam.
36:24 E sti sò i figlioli di Tsibeon: Aiah è Dischon. Ghjè u Ana chi trovu la surgenti calda in lu desertu:, Quand'ellu fù pasturing i sumeri di u so babbu Tsibeon.
36:25 È ch'ellu avia un figliolu Hemdan, è una figliola tribù.
36:26 E sti sò i figlioli di Hemdan: Bilhan, e Esheban, e Ithran, e Cheran.
36:27 listessa, Quessi sò i figlioli di Dischan: Uts, e Zaavan, e Will.
36:28 Allora rignassi nantu avutu figlioli: Ou e Aran.
36:29 Quessi sò i capi di u Oriani: capu Horiani, capu Tsibeon, capu Tsibeon, capu Dischon,
36:30 capu Hemdan, capu mille, capu Disan. Quessi sò i capi di u Oriani ca lu cuvirnaru in u paese di Seir.
36:31 Avà voltu à i figlioli d'Israele avutu un rè, u rè chì un'unità in lu paese di Edome eranu issi:
36:32 Bela u figliolu di Botsra, è u nome di a so cità era postu.
36:33 Allora Bela morse, è Huscham, U figliolu di u paese da i Themaniti, , rignò à so postu.
36:34 È quandu Huscham era mortu, Hadad di i tarri di u Bedad, rignò à so postu.
36:35 listessa, issu unu ad avè muriu, Samla u figliolu di Bedad, rignò à so postu. Pigghiau arrè falà Midian in i rigioni di Moab. È u nome di a so cità era Avith.
36:36 È quandu Adad era mortu, Saullu di Rehoboth, rignò à so postu.
36:37 listessa, issu unu essendu mortu, Saul, di u fiume, Runtu, , rignò à so postu.
36:38 E quannu dinù avianu passatu luntanu, abusi Child, u figliolu di Acbor, successi a lu regnu di.
36:39 listessa, issu unu essendu mortu, Secondu e in lu so locu; è u nome di a so cità era Pau. È a so moglia hè statu chjamatu Alva, la figghia di Matred, figlia di Mezahab.
36:40 dunque, sti era u nomi di i capi di Esaù, da u so famiglie, e piazze, è in lu so vucabbulariu: capu abitazioni, capu Alvah, capu Edome,
36:41 capu tribù, capu elah, capu Pinon,
36:42 capu Kanez, capu rossu, capu Mibzar,
36:43 capu Magdiel, capu Iram. Quessi sò i capi di Edome vivant à u paese di u so regnu: chistu è Esaù, u babbu di Idumeao.

I Muvrini 37

37:1 Avà di Ghjacobbu stete in lu paese di Cananu, induve u so babbu sughjurnatu.
37:2 E quessi so nove. Ghjiseppu, quandu era sidici anni,, fù pasturing la banda cù i so fratelli, quannu era ancora un picciutteddu. È ch'ellu era cù i figlioli di Bilha è Zilpa, mòglie di u so babbu:. Eppo accusatu u so fratelli di u so babbu, di un dilittu più piccatu.
37:3 Avà Israel amatu Joseph, sopra tutti i so figlioli, pirchì cci avia cuncipitu in la so vichjàia. E iddu cci fici 'na nica, spugna di parechji culori.
37:4 Tandu i so fratelli, videndu ch'ellu era stimata da u so babbu, di più cà tutti i so altri figlioli, frecce, e si nun era capaci à dì qualcosa tranquillamenti à ellu.
37:5 Allora hè ancu accadutu chi si cùntanu la visioni di un sognu à i so fratelli, per chì mutivu un grande s'ellu si messe à esse assuvata.
37:6 È li disse:, "Listen to mio sonniu chì aghju vistu.
37:7 I pinsau noi stati lià mannelle in lu campu di. E mio mannella paria a risurrezzione, è addritta, è u to mannelle, standing, in un cerchju, reverenced mio mannella. "
37:8 Sò frati emi: "Cosa vi esse u nostru rè? O vi avemu esse sughjettu à u vostru regnu?"Cusì, sta materia di i so sonnii è e parolle furnì kindling à a so centu è s'ellu.
37:9 listessa, vitti un altru sognu, ch'ellu ci spiega a so 'frati, dicendu:, "I vistu da un sonniu, comu si lu suli, e la luna, è òndeci stelle à mè eranu reverencing. "
37:10 E quannu iddu avia riguardanti stu à u so babbu è fratelli, u so babbu u minacciò, è li disse:: "Cosa ùn si dì à voi, stu sognu chì vo avete vistu? t'avissi, e a to mamma, è u to fratelli voi agricultural nantu à a terra,?"
37:11 dunque, i so fratelli eranu invidia di u. ma in verità, u so babbu cunziddiratu l 'àutru ind'u.
37:12 E, mentri i so fratelli eranu allughjatu à Sichemme, pasturing pècure di u so babbu,,
37:13 Israele disse:: "U vostru frati sò pasturing i pecuri à Sichemme. veni, I vi mandà vi à elli. "E quandu Ghjesù rispose:,
37:14 "Socu prontu,"Ghjesù li disse:, "Vai, è vede s'è tuttu hè prospering cù u vostru frati è i boi, e lagnanza contru à mè ciò chì hè pusitivu. "So, avè statu mandatu da u valle di Hebron, ch'ellu ghjunghjì à Sichemme.
37:15 È un omu trovu u girandulava in un campu, e cci dumannò ciò ch'ellu fù à inventà.
37:16 So ci emi: "I cercanu mio fratelli. Dì mi induve si pasculari e pècure. "
37:17 È l'omu disse:: "Ci sò arritirata da stu locu. Ma aghju intesu li disse:, 'Andemu à Dothan.' "Accorta, Joseph cuntinuava in u dopu à i so fratelli, e si li trovu à Dothan.
37:18 e, quand'elli ci avia vistu da luntanu, prima ch'ellu li si avvicina, dicideru di tumballu.
37:19 E iddi rissiru: unu à un antru: "Eccu!, u avvicinamenti sunnieghja.
37:20 veni, adurèmulu tumballu, è u lamponu in i vechji stellate. È adurèmulu dì: 'Una bestia salvatica u male ci hà manghjatu. È tandu si hà da diventà apparenti ciò chì i so sonnii farà per ellu. "
37:21 ma Reuben, nantu à sente stu, s'impignò à ellu libarà da e so mani,, è li disse::
37:22 "Ùn pigliammu a so vita, nè sangu sparsu. Ma mittitilu 'nta sta jisterna, chì hè in u desertu, e accussì tena u to mani nnòqua. "Ma, disse sta, vulennu pi riscattari ellu da i so mani,, accussì comu a iddu di vultà à u so babbu:.
37:23 e accussi, appena Ghjunse à i so fratelli, ch'elli ci livaru assai prestu di la Maddalena, chi era judo-lunghezza è spugna di parechji culori,
37:24 è si u lamponu in un vechju stellate, chì tinia senza acqua,.
37:25 È à pusà davanti à manghjà u pane, vittiru qualchi ismailita, viaggiaturi veni da Galaad, cù i so cammelli, portante, arumi, e risina, è oliu di mirra in Egittu.
37:26 dunque, Ghjuda disse à i so fratelli: "Cosa vi sirvaria à noi, s'è tumbà u nostru fratellu, è nascondere u so sangue?
37:27 Hè megliu ch'ellu esse vindutu à u principi ismailita, e poi i nostri mani, ùn vi pò imbruttata. Per ch'ellu hè u nostru fratellu, è a nostra carne. "A so fratelli accordu a so parolle.
37:28 E quandu i marcanti Midianite stati passari, si cci nisciu da u stellate, è ch'elli ci faci a lu principi ismailita di vinti sordi d 'argentu. E sti cci purtau in Egittu.
37:29 e Reuben, vultà à u stellate, ùn truvà lu picciottu.
37:30 E nun c'era dubbiu: i so panni,, andò à i so fratelli, è disse:, "U meu ùn hè micca presente, e accussì induve sarà I vai?"
37:31 Allora pigliò u so Maddalena, è ch'elli ammugliava in u sangue, di u caprettu, ch'elli avianu tombu,
37:32 parvene à quelli chì facianu u so babbu,, e iddi rissiru:: "Avemu trovu stu. Vede s'ellu hè u Maddalena di u vostru figliolu, o micca. "
37:33 È quandu u babbu, ricunnisciute è, dissi: "Hè a Maddalena di u mo figliolu. Una bestia salvatica u male ci hà manghjatu; una bestia hà manghjatu Joseph. "
37:34 E muvia i so panni, ch'ellu fù vistutu in haircloth, luttu u so figliolu per un longu tempu.
37:35 Allora, quandu tutte e di i so figlioli di riunì a cappella a tristezza di u so babbu,, ch'ellu ùn hè vuluntaria di a accittari cunsulazione, , ma li disse:: "I ti scinni in dolu à u mo figliolu à l 'infernu." E mentri iddu stati in piinghjendu,
37:36 u Madiàniti in Egitto vindutu Joseph à Potifar, un eunucu di Faraone, karate di i suldati.

I Muvrini 38

38:1 About u listessu tempu, Ghjuda, falà da a so 'frati, girannusi versu un omu Adullàmitu, chjamatu Hira.
38:2 E vitti ci la figghia di un omu chjamatu SHUA, di Cananu. È ripiglià a so cum'è una mòglia, Ghjesù intrì in a so.
38:3 È firmò incinta, è parturì un figliolu, è hà chjamatu u so nomu Er.
38:4 È à cuncepì dinò prole, avè datu nascita à un figliolu, ch'ella chjamò Onan.
38:5 listessa, hà straziatu un terzu, quale hà chjamatu Schela, dopu à u quale a nascita, hà cessatu di purtà u più.
38:6 Allora Ghjuda datu una mòglia di u so primunatu Er, cui nomu era Tamar.
38:7 E lu dinù hè accadutu chì Er, u primunatu di Ghjuda, hè gattivu, in l 'ochji di u Signore, è fù tombu da u.
38:8 dunque, Ghjuda disse à u so figliolu Onan: "Rinsignate a moglie di u vostru fratellu di, è assuciatu incù u so, tantu chi pudeti addivà prole à u vostru fratellu. "
38:9 iddu, sapendu chì i figlioli di a nascerà Ùn saria a so, quandu Ghjesù intrì prima in la moglia di u so fratellu,, mandava a so sumente nantu à a terra,, paura chì i zitelli deve esse nati in nomu di u so fratellu,.
38:10 È per sta ragiuni, u Signore, ellu creata falà, perchè hà fattu una cosa abumineghju.
38:11 A causa di stu tentativu, Ghjuda disse à i so Tamar figlia-in-lege, "Be 'na vedova in a casa di u to babbu,, sinu à u mo figliolu Schela Cresce up. "Per ch'ellu era a paura, paura ch'ellu dinù putissi moriri, cum'è i so fratelli ùn. Idda si n'andò, è hà vissutu in a casa di u so babbu,.
38:12 Allora, dopu à parechji ghjorni, avia passatu, la figghia di SHUA, la mugghieri di Ghjuda, muriu. E quannu accittau cunsulazione dopu à u so dolu, Ghjesù cullò nantu à a shearers di i so pecuri à Timnah, iddu è Hira, u herdsman di a banda Adullàmitu.
38:13 E lu statu signalati à Tamar chì u so babbu-in-liggi era andatu fin'à Timnah à tonde e la pecura.
38:14 È un'antra via i so vistimenti di vèduva, idda pigghiau, su un velu. È cambià i so panni, ch'ella si messe à l 'incontru chì cunduce à Timnah, perchè Schela era crisciuta, è ch'ella ùn ci avia ricevutu cum'è un sposu.
38:15 È quandu Ghjuda vide, allura pinsau a so à esse una prustituita. Per ch'ella avia cupartu u so visu, paura ch'ella sia ricunnisciuta.
38:16 È chì intria ind'è a so, dissi, "Pirmittiti si junciu cun voi." Per ellu ùn a so micca cunnosce a esse a so figliola-in-lege. E idda emi, "Cosa ti dugnu a mè, a gudiri mè cum'è una cuncubina?"
38:17 ellu disse:, "I vi mandà vi un caprettu da a banda." È dinò, hà rispostu:, "I vi permette ciò chì vo vulete, se tu dammi un impegnu, sinu à pudeti mandà ciò chì tù prumetti. "
38:18 Ghjuda disse:, "Chi vuliti a esse datu di un impegnu?"Idda emi, "U vostru anellu è Bracciale, è u bastone chì voi tèniri in a to manu. "Thereupon, la donna, da unu scontru sessuale, anch'ella.
38:19 E idda si livò, è si n'andò. È un'antra via i panni chi idda avia aduttatu, ch'ella fù vistutu in i so vistimenti di vèduva.
38:20 Allora Ghjuda mandatu un caprettu da a so pastore, l 'Adullàmitu, tantu ca si putissi avìri lu impegnu ca ci avia datu a la donna,. ma, Quand'ellu fù micca u so avia trovu,
38:21 ch'ellu dumanda a ghjente di u locu: "Induva hè a donna chì si messe à l 'incontru?"È tutti i emi, "Ci hè statu ùn prustituita in stu locu".
38:22 Turrò à Ghjuda, è li disse: à u: "I ùn hà trovu u so. nc'est, l '' omi di u locu dittu chi un lesbiche avia mai ristò ddà ".
38:23 Ghjuda disse:: "Chì a idda a so vulintà à parimenti. sicuru, ch'ella ùn hè capaci à accusallu à noi di na minzogna. Aghju mandatu u caprettu chì I avia prumisi, è tù ùn hà trovu a so. "
38:24 Ed eccu, dopu à trè mesi, si cuntavani à Ghjuda, dicendu:, "Tamar, a vostra figlia-in-lege, ha fattu impudicità è i so pitturina pare esse allargatu. "È Ghjuda disse:, "Elaburà her, tantu ca idda pò esse brusgiatu. "
38:25 Ma quandu ella hè purtatu fora di u castigu, hà mandatu à u so babbu-in-lege, dicendu:: "I cuncipitu da l 'omu a cui sti cosi si scrivenu. Arricanusciri li cui anellu, e Bracciale, e chiddi ca sta hè. "
38:26 ma ellu, ricunniscenza i doni, dissi: "Ci hè di più ghjustu cà sugnu. For I Ùn a so micca eddi à u mo figliolu Schela. "Però, iddu u so sapia micca di più.
38:27 Allora, in lu mumentu di nascita, cumpareru unioni à u corpu. e accussi, in l 'assai vacanza di i figlioli, unu stese a manu, in u quali l 'levatrice attaccatu un filu rossu, dicendu:,
38:28 "Sta unu vi vai fora prima."
38:29 Ma in verità,, dicimi daretu a so manu, l 'àutri iscì. È chì a donna rispose:, "Perchè hè u Spartuta divisu per voi?"È per sta ragiuni, hà chjamatu u so nomu Perez.
38:30 dopu à issu, u so fratellu iscì, in u quale a manu hè u filu rossu. E idda lu chiamavanu paese.

I Muvrini 39

39:1 Intantu, Ghjiseppu fù purtatu in Egittu. e Putiphar, un eunucu di Faraone, un capu di l 'esercitu, un omu Egyptian, iddu accattatu da a manu di u principi ismailita, da ch'ellu fù purtatu.
39:2 È u Signore era cun ellu, è ch'ellu era un omu chì si stende in tuttu ciò chì hà fattu. E si stava in la casa di u so signore,
39:3 chì a cunniscia assai bè chì u Signore era cun ellu, è chi tutti i cosi chi stati fatti da ellu eranu diretti da a so manu.
39:4 E Joseph trovu gràzia à l 'ochji di u so signore, e si sirvìanu. e, avè statu misa a rispunsevule di tuttu da ellu, si cuvirnaru la casa, chì tuccava à ellu è tutti ciò chi era statu ricevutu à u.
39:5 È u Signore benedettu in la casa di u Egyptian, perchè di Ghjiseppu, è ch'ellu multiplicate tutta a so vita,, cum'è assai in i palazzi, com'è in li campi.
39:6 Nè ùn si sà nunda di altre chè u pani chì si manghjò. Avà Joseph hè bella a forma, e granni in aspettu.
39:7 e accussi, dopu à parechji ghjorni,, a so amante à a so ochji nantu Ghjiseppu, è hà dettu, "Dormi cun mè."
39:8 E senza accunzintennu à tutti à l 'attu di gattivu, Ghjesù disse à i so: "Eccu!, u mo signore hà mandatu à tutte sse cose à mè, è ch'ellu ùn sà ciò ch'ellu hà in a so casa,.
39:9 Nè hè ci qualcosa chì ùn hè micca in u mio putere, o ch'ellu ùn hà mandatu à mè, francu tù, per voi sò a so moglia. Comu poi mi ponu fà stu attu di u male è u piccatu contru à u mio Diu?"
39:10 Cu tali e parolle cum'è issi, tutta l 'ogni ghjornu, a donna fù pestering u ghjovanu, è ch'ellu fù pappajaddu a adultère.
39:11 Allora si hè accadutu, nant'à un certu ghjornu, chì Joseph intrì in la casa di, è ch'ellu facia qualcosa, senza alcunu tistimoni.
39:12 e idda, pigliannusi cu l 'orlu di u so vistimentu, dissi, "Dormi cun mè." Ma ellu, Chì sumena daretu à u mantellu, in a so manu,, fughje è si n'andò fora.
39:13 È quandu a donna, videndu lu vistimentu, in a so manu, è idda stissa esse cotti cù disrespect,
39:14 ch'ella chjamò a idda a ghjente di a so casa,, e idda li disse:: "Cosa, ch'ellu hà purtatu in un omu Hebrew pi poi noi. Ghjesù intrì versu mè, in ordine per junciu cun mè; è quandu I avia gridò fora,
39:15 è ch'ellu avia intesu a mio voce, lascendu daretu à u mantellu, chi I tinia, è ch'ellu scappò fora ".
39:16 Cum'è una pezza, dunque, di i so fideli,, idda mantinutu lu mantellu, e idda mustrau lu in a so maritu, quandu turnau 'ncasa.
39:17 È hà dettu: "A serva Hebrew, chì tù aghju purtatu in a mè, S'avvicinò à mè a poi à mè.
39:18 E quannu iddu avia intesu à mè gridanu, lascendu daretu à u mantellu, chi I tinia, è ch'ellu scappò fora ".
39:19 u so patrone, nantu à sente ste cose, e aviri fiducia eccessivu in e parolle di u so carrogna, hè assai arraggiatu.
39:20 Eppo messu Ghjiseppu in prigiò, induve eranu firmati i prigiuneri di u rè di, è ch'ellu fù chjusu in chì locu.
39:21 Ma u Signore hè cun Ghjiseppu, e, avè pietà di u, iddu ci detti piaciri a la vista di lu capu di la prigiuni,
39:22 chì messu in a so manu, tutti i prighjuneri chì eranu tinia a cunniscenza. È tuttu ciò chì fù fattu, hè sottu u.
39:23 Nè hà iddu stissu sacciu nenti, avè incaricatu tutte e cose di u. Di u Signore era cun ellu, e si jittau tuttu ciò ch'ellu hà.

I Muvrini 40

40:1 Mentri sti cosi Andavanu à, memoria chì dui eunuchs, u mundschenk di u rè d'Egittu, e lu MILLER di a grana, fattu u so signore.
40:2 è Faraone, essa in còllera cun elli, (avà a unu statu in u cumandante di i cupbearers, l 'altru di u millers di a grana)
40:3 mandò à a prigiò di u capu di i militari, in cui Joseph dinù hè un prigiuneru.
40:4 Ma la masse di a prigiò li rimesse à Ghjiseppu, chi sirvìanu a elli dinù. Certi a picca tempu passatu da, mentri iddi eranu tinia a cunniscenza.
40:5 È tramindui vistu un sognu listessu nant'à una notte,, quale Bresciano deve esse riguardanti unu altru.
40:6 È quandu Joseph era intrutu in a li in la matina, è li avia vistu tristu,
40:7 Ghjesù li cunsultò, dicendu:, "Cumu hè a to spressione più oghje chè un cinquinu?"
40:8 iddi emi, "Avemu vistu un sognu, è ùn ci hè nimu à avellu intesu per noi. "È Ghjiseppu li disse:, "Dunqua ùn spiigazione chì appartene à Diu? Spiigò per mè ciò chì vo avete vistu ".
40:9 U mundschenk capu ci spiega u so sonnu di prima. "I vitti nall'acqua addivintasti un vite,
40:10 su chi eranu trè tinnaroni, chì cresce à pocu à pocu in ciuri, e, dopu à i fiori,, si cumuli in uva,.
40:11 È a cuppa di Faraone hè a mio manu. dunque, I pigliò la racina, e li I sprimuta in a cuppa, chi I tinia, è aghju datu a cuppa di Faraone ".
40:12 Joseph emi: "Ghjè a spiigazione di u sonniu. I trè tinnaroni sò u dopu trè ghjorni,
40:13 dopu à chì Faraone vi ricordu u vostru serviziu, è ch'ellu hà da stallà vi à u vostru anzianu postu. E tu ci darà la tazza, secondu à a vostra ufficiu, cum'è voi stati abbituatu a fari davanti à.
40:14 mi ricordu solu, quandu si hà da esse bè cù voi, è fà à mè sta misericordia, di u distinu di Faraone, à mè cumannari fora di sta prigiò.
40:15 For I sò stati arrubati da u paese di l'Ebrei, è quì, innocently, I fù ghjittatu in u teatru. "
40:16 U capu MILLER di a grana, vidennu chi avia li camurrìi unraveled u sonniu, dissi: "Anche: I vistu un sognu: chì aghju avutu trè curbelle di tardi, sopra u mio capu,
40:17 è in una curbella, chì ghjera u più altu, I purtatu tutti i cibi chì sò fatti da l 'arte di cucina, è l 'acelli manghjatu da a lu ".
40:18 Joseph emi: "Ghjè a spiigazione di u sonniu. I trè curbelle sò u dopu trè ghjorni,
40:19 dopu à chì Faraone vi portanu luntanu u vostru capu, è ancu voi suspend da una croce, è l 'acelli vi scippanu a vostra carne. "
40:20 U terzu ghjornu dopu, hè l 'anniversariu di Faraone. E facennu un gran festa di i so servitori, s'arricurdò, duranti lu manciati, u capu mundschenk è u capu MILLER di a grana.
40:21 E si di mantene li una à u so postu, à prisentà u calice;
40:22 l 'àutri cci coddu nantu una furca, e accussì la virità di lu pobbe di sonnii fù pruvati.
40:23 E anchi si iddu avanzata incù tantu pruspirità, u capu mundschenk scurdò lu so spiigà di sonnii.

I Muvrini 41

41:1 Dopu à dui anni, À Faraone, videndu un sonniu. Iddu pinsava iddu a esse, debout, sopra un fiume,
41:2 da chì cullate e sette vacche, tantìssimu hè bella e stout in. Allora pastured in lochi ària.
41:3 listessa, un altru sette attruvatu da u fiume,, chalky è sè Emaciated. Allora pastured u listessu banca, di u fiume,, in lochi verde.
41:4 È si manghjonu quelli chì aspettu e cundizione di corpu fu accussì la grotte. Faraone, avè statu risanatu,
41:5 durmia dinò, e vitti un altru sognu. Sette spiche di a grana crisciuta nant'à una canna, piena è bè furmatu-.
41:6 listessa, lucca arechje di a grana, di u listessu numaru, s'arrizzò, magre è creata incù -ligne,
41:7 devour tutte e la biddizza di la prima. Faraone, Quand'ellu fù risanatu dopu à u so riposu,
41:8 e quandu la matina ghjuntu, essa spavintati cù timore, mandatu à tutti i interpreti di l 'Egittu, è à tutte e di i maghi. È quandu si chiama, ch'ellu ci spiega a li so sonniu; ma ùn ci hè nimu chì pò avellu intesu.
41:9 Allora Finarmenti lu capu mundschenk, ricordu, dissi, "I cunfessi u mio peccatu.
41:10 u rè, essa in còllera cun i so servitori, urdinò à mè è u capu MILLER di a grana à esse custretti in a prigiò di u capu di i militari.
41:11 ci, in una nuttata, tramindui di noi, videndu un sonniu presaging l 'avvene.
41:12 In chi locu, ci hè un Hebrew, un servitore di u listessu lu cumannanti di l 'militari, à quale avemu spiegata i nostri sonnii.
41:13 Ricchi avemu intesu fù pruvati pü da u ballò, di u fastidiu,. Di I hè di mantene a mio ufficiu, è ch'ellu fù suspesi nant'à una croce ".
41:14 subitu, da auturità di u rè di, Ghjiseppu fù purtatu fora di prigiò, e si cci rasata. È cambià a so pesca, si cci prisenta à u.
41:15 Eppo li disse:, "Aghju vistu sonnii, è ùn ci hè nimu chì li pò unfold. Aghju intesu chì vo sò assai saggiu a Ricerche ste ".
41:16 Joseph emi, "Apart da mè, Diu vi rispunnì favorably à Faraone. "
41:17 dunque, Faraone spiigheti ciò ch'ellu avia vistu: "I pinsau seriu à esse si tense u banca di un fiume,
41:18 e sette vacche pichjò da u fiume,, tantìssimu hè bella è piena di carne. Allora pasculavanu in una fattura di un verde ària.
41:19 Ed eccu, ci seguita dopu à sti, un altru sette vacche, cu tali deformity è emaciation cum'è I avìa mai vistu in lu paese d'Egittu.
41:20 These devoured and consumed the first,
41:21 giving no indication of being full. But they remained in the same state of emaciation and squalor. Awakening, but being weighed down into sleep again,
41:22 I saw a dream. Seven ears of grain sprang up on one stalk, full and very beautiful.
41:23 listessa, another seven, magre è creata incù -ligne, rose up from the stalk.
41:24 And they devoured the beauty of the first. I explained this dream to the interpreters, and there is no one who can unfold it.”
41:25 Joseph emi: “The dream of the king is one. What God will do, he has revealed to Pharaoh.
41:26 The seven beautiful cows, and the seven full ears of grain, are seven years of abundance. And so the force of the dreams is understood to be the same.
41:27 listessa, the seven thin and emaciated cows, which ascended after them, and the seven thin ears of grain, which were struck with the burning wind, are seven approaching years of famine.
41:28 These will be fulfilled in this order.
41:29 eccu, there will arrive seven years of great fertility throughout the entire land of Egypt.
41:30 dopu à issu, there will follow another seven years, of such great barrenness that all the former abundance will be delivered into oblivion. For the famine will consume all the land,
41:31 and the greatness of this destitution will cause the greatness of the abundance to be lost.
41:32 Now, as to what you saw the second time, it is a dream pertaining to the same thing. It is an indication of its firmness, because the word of God shall be done, and it shall be completed swiftly.
41:33 avà, let the king provide a wise and industrious man, and place him over the land of Egypt,
41:34 so that he may appoint overseers throughout all the regions. And let a fifth part of the fruits, throughout the seven fertile years
41:35 that now have already begun to occur, be gathered into storehouses. And let all the grain be stored away, under the power of Pharaoh, and let it be kept in the cities.
41:36 And let it be prepared for the future famine of seven years, which will oppress Egypt, and then the land will not be consumed by destitution.”
41:37 The counsel pleased Pharaoh and all his ministers.
41:38 È li disse:, “Would we be able to find another such man, who is full of the Spirit of God?"
41:39 dunque, he said to Joseph: “Because God has revealed to you all that you have said, would I be able to find anyone wiser and as much like you?
41:40 You will be over my house, and to the authority of your mouth, all the people will show obedience. Only in one way, in the throne of the kingdom, will I go before you.”
41:41 è dinò, Pharaoh said to Joseph, "Eccu!, I have appointed you over the entire land of Egypt.”
41:42 And he took the ring from his own hand, and he gave it into his hand. And he clothed him with a robe of fine linen, and he placed a necklace of gold around his neck.
41:43 And he caused him to ascend upon his second swift chariot, with the herald proclaiming that everyone should bend their knee before him, and that they should know that he was governor over the entire land of Egypt.
41:44 listessa, the king said to Joseph: “I am Pharaoh: apart from your authority, no one will move hand or foot in all the land of Egypt.”
41:45 And he changed his name and called him, in the Egyptian tongue: ‘Savior of the world.’ And he gave him as a wife, Asenath, the daughter of Potiphera, priest of Heliopolis. And so Joseph went out into the land of Egypt.
41:46 (Now he was thirty years old when he stood in the sight of king Pharaoh.) And he traveled throughout the regions of Egypt.
41:47 And the fertility of the seven years arrived. And when the grain fields were reduced to sheaves, these were gathered into the storehouses of Egypt.
41:48 And now all the abundance of grain was stored away in every city.
41:49 And there was such a great abundance of wheat that it was comparable to the sands of the sea, and its bounty exceeded all measure.
41:50 Allora, before the famine arrived, Joseph had two sons born, whom Asenath, the daughter of Potiphera, priest of Heliopolis, bore for him.
41:51 And he called the name of the firstborn Manasseh, dicendu:, “God has caused me to forget all my labors and the house of my father.”
41:52 listessa, he named the second Ephraim, dicendu:, “God has caused me to increase in the land of my poverty.”
41:53 e accussi, when the seven years of fertility that occurred in Egypt had passed,
41:54 the seven years of destitution, which Joseph had predicted, began to arrive. And the famine prevailed throughout the whole world, but there was bread in all the land of Egypt.
41:55 E siccomu a fame, u pòpulu briunò à Faraone, dumandemu di viveri. È li disse:: "Vai à Ghjiseppu. È fà tuttu ciò ch'ellu hà da dì tù. "
41:56 Allora chì a caristia cresce ogni ghjornu in tuttu u paese. E Joseph rapiu tutti i storehouses è vindutu à l 'Egizziani. Per chì a caristia li avianu marturiatu dinù.
41:57 È tutte e pruvince ghjunse à l 'Egittu, à cumprà da manghjà è a temper la disgrazia di u so destitution.

I Muvrini 42

42:1 Allora Ghjacobbu, hearing that food was being sold in Egypt, said to his sons: “Why are you negligent?
42:2 I have heard that wheat is being sold in Egypt. Go down and buy necessities for us, so that we may be able to live, and not be consumed by destitution.”
42:3 e accussi, when ten brothers of Joseph went down to buy grain in Egypt,
42:4 Benjamin was kept at home by Jacob, who said to his brothers, “Lest perhaps he may suffer harm on the journey.”
42:5 È si intria in u paese d'Egittu cù l '' altri chi un viaggiu a cumprà. Per chì a caristia hè in lu paese di Cananu.
42:6 È Ghjiseppu era guvernatore in lu paese d'Egittu, è a grana fù vindutu sottu à a so direzzione di u populu. È quandu a so frati cci avia reverenced
42:7 è ch'ellu li avia ricunnisciutu, iddu parrava assai, comu si à i furesteri, li dumandonu: «Induva ùn vi vene da a?"Allora emi, "Da u paese di Cananu, to buy viveri necessariu. "
42:8 And although he knew his brothers, he was not known by them.
42:9 And remembering the dreams, which he had seen in another time, Ghjesù li disse:: “You are scouts. You have come in order to see which parts of the land are weaker.”
42:10 E iddi rissiru:: "Ùn Hè cusì, u mo signore. But your servants have arrived in order to buy food.
42:11 We are all sons of one man. We have come in peace, nor do any of your subjects devise evil.”
42:12 È ellu rispose:: “It is otherwise. You have come to examine the unguarded parts of this land.”
42:13 Ma li dìssenu: “We, u to servitori, are twelve brothers, the sons of one man in the land of Canaan. The youngest is with our father; the other is not living.”
42:14 ellu disse:: “This is just as I have said. You are scouts.
42:15 I will now continue to put you to the test. By the health of Pharaoh, you will not depart from here, until your youngest brother arrives.
42:16 Send one of you and bring him. But you will be in chains, until what you have said is proven to be either true or false. altrimenti, by the health of Pharaoh, you are scouts.”
42:17 dunque, Ghjesù li rimesse in cunniscenza di trè ghjorni.
42:18 Allora, u terzu ghjornu, Ghjesù li purtò fora di prigiò, è li disse:: "Fai comu aghju dettu, è voi vi campà. For I paura à Diu.
42:19 Sè vo sò paci, chì unu di i vostri fratelli esse liatu in prigiò. Allora vi pò andà luntanu è a purtari l 'grana chì tù aghju compru à a vostra casa.
42:20 È purtà u vostru fratellu chjucu à mè, tantu ca mi pò esse capaci à calculà u to parolle, è vi pò micca more. "È fattu mentre ch'ellu avia dettu,
42:21 è si parlava à una altra: "Avemu meritu à soffre sse cose, perchè avemu fattu piccatu contru à u nostru fratellu,, vidìannu lu ag di a so 'anima, quandu à noi ci addumannava è ùn avemu ci sente. Per chì mutivu, stu tribulazione hè ghjuntu nantu à noi ".
42:22 e Reuben, unu di li, dissi: "Ùn Avete a vi dicu à voi, 'Ùn piccatu contru à u carusu,'È tù ùn avaristi sente à mè? vede, u so sangue hè tortu. "
42:23 Ma ch'elli ùn sapete chì Joseph capiu, perchè era di parlà à elli à traversu un pobbe.
42:24 E si girava sè luntanu tempu è piense. è vultà, iddu parrava a iddi.
42:25 And taking Simeon, and binding him in their presence, he ordered his ministers to fill their sacks with wheat, and to replace each one’s money in their sacks, and to give them, in addition, provisions for the way. And they did so.
42:26 Allora, having loaded their donkeys with the grain, they set out.
42:27 È unu di elli, opening a sack to give his beast of burden fodder at the inn, looked upon the money at the sack’s mouth,
42:28 and he said to his brothers: “My money has returned to me. vede, it is held in the sack.” And they were astonished and troubled, e iddi rissiru: a unu altru, “What is this that God has done to us?"
42:29 And they went to their father Jacob in the land of Canaan, and they explained to him all the things that had befallen them, dicendu::
42:30 “The lord of the land spoke harshly to us, and he considered us to be scouts of the province.
42:31 And we answered him: ‘We are peaceful, and we do not intend any treachery.
42:32 We are twelve brothers conceived of one father. One is not living; the youngest is with our father in the land of Canaan.’
42:33 And he said to us: ‘Thus will I prove that you are peaceful. Release one of your brothers to me, and take necessary provisions for your houses, and go away,
42:34 and bring your youngest brother to me, so that I may know that you are not scouts. And this one, who is held in chains, you may be able to receive again. And thereafter, you shall have permission to buy what you want.’ ”
42:35 Having said this, when they poured out their grain, each found his money tied to the mouth of his sack. And all were terrified together.
42:36 Their father Jacob said, “You have caused me to be without children. Joseph is not living, Simeon is held in chains, and Benjamin you would carry away. All these evils have fallen back upon me.”
42:37 And Reuben answered him, “Put my two sons to death, if I do not lead him back to you. Deliver him into my hand, and I will restore him to you.”
42:38 Ma li disse:: “My son will not go down with you. His brother is dead, and he is left alone. If any adversity will befall him in the land to which you travel, you would lead my grey hairs down with sorrow to the grave.”

I Muvrini 43

43:1 Intantu, the famine pressed heavily on all the land.
43:2 And having consumed the provisions that they had brought out of Egypt, Jacob said to his sons, “Return and buy us a little food.”
43:3 Judah answered: “The man himself declared to us, under the attestation of an oath, dicendu:: ‘You will not see my face, unless you bring your youngest brother with you.’
43:4 If therefore you are willing to send him with us, we will travel together, and we will buy necessities for you.
43:5 But if you are not willing, we will not go. For the man, as we have often said, declared to us, dicendu:: ‘You will not see my face without your youngest brother.’ ”
43:6 Israel said to them, “You have done this for my misery, in that you revealed to him that you also had another brother.”
43:7 But they responded: “The man questioned us in order, concerning our family: whether our father lived, if we had a brother. And we answered him respectively, according to what he demanded. How could we know that he would say, ‘Bring your brother with you?' "
43:8 listessa, Judah said to his father: “Send the boy with me, so that we may set out and be able to live, lest we and our little ones should die.
43:9 I accept the boy; require him at my hand. Unless I lead him back and restore him to you, I will be guilty of a sin against you for all time.
43:10 If a delay had not intervened, by now we would have returned here a second time.”
43:11 dunque, their father Israel said to them: “If it is necessary to do so, then do what you will. Take, in your vessels, from the best fruits of the land, and carry down gifts to the man: a little resin, e meli, and storax ointment, oil of myrrh, turpentine, and almonds.
43:12 Also, take with you double the money, and carry back what you found in your sacks, lest perhaps it was done in error.
43:13 But also take your brother, and go to the man.
43:14 Then may my Almighty God cause him to be pleased by you. And send your brother, whom he holds, back with you, along with this one, Benjamin. Ma cum'è per mè, without my children, I will be like one who is bereaved.”
43:15 dunque, the men took the gifts, and double the money, and Benjamin. And they went down into Egypt, and they stood in the presence of Joseph.
43:16 And when he had seen them and Benjamin together, he instructed the steward of his house, dicendu:: “Lead the men into the house, and kill victims, and prepare a feast, because they will be eating with me at midday.”
43:17 He did what he had been ordered to do, and he brought the men into the house.
43:18 è ci, being terrified, dìssenu: unu à un antru: “Because of the money, which we carried back the first time in our sacks, we have been brought in, so that he may unleash a false accusation against us, and by violence subjugate both us and our donkeys into servitude.”
43:19 Per stu mutivu, approaching the steward of the house at his door,
43:20 dìssenu: “We beg you, signore, to hear us. We came down once before to buy food.
43:21 And having bought it, when we arrived at the inn, we opened our sacks and found the money in the mouths of the sacks, which we now have carried back in the same amount.
43:22 But we have also brought other silver, so that we may buy those things that are necessary for us. It is not on our conscience who had placed it in our bags.”
43:23 Ma iddu tantu: "Pace esse cun voi. Ùn àbbia paura. Your God, and the God of your father, has given you the treasure in your sacks. As for the money that you gave to me, I held it as a test.” And he led Simeon out to them.
43:24 And having led them into the house, he brought water, and they washed their feet, and he gave fodder to their donkeys.
43:25 But they also prepared the gifts, until Joseph entered at midday. For they had heard that they would eat bread there.
43:26 And so Joseph entered his house, and they offered him the gifts, holding them in their hands. And they reverenced prone on the ground.
43:27 ma ellu, gently greeting them again, questioned them, dicendu:: “Is your father, the old man about whom you spoke to me, in good health? Is he still alive?"
43:28 And they answered: “Your servant, u nostru babbu, is safe; he is still alive.” And bowing, ch'elli ci reverenced.
43:29 Allora Ghjiseppu, mittennusi i so ochji, saw Benjamin, his brother of the same womb, è li disse:, “Is this your little brother, about whom you spoke to me?” And again, dissi, “May God be compassionate to you, u mo figliolu. "
43:30 And he hurried out, because his heart had been moved over his brother, and tears gushed out. And going into his chamber, si piense.
43:31 And when he had washed his face, coming out again, he composed himself, è li disse:, “Set out bread.”
43:32 And when it was set out, separately for Joseph, and separately for his brothers, likewise separately for the Egyptians, who ate at the same time, (for it is unlawful for Egyptians to eat with Hebrews, and they consider feasting in this way to be profane)
43:33 they sat before him, the firstborn according to his birthright, and the youngest according to his state of life. And they wondered exceedingly,
43:34 taking the portions that they received from him. And the greater portion went to Benjamin, so much so that it exceeded five parts. And they drank and became inebriated along with him.

I Muvrini 44

44:1 Then Joseph instructed the steward of his house, dicendu:: “Fill their sacks with grain, as much as they are able to hold. And place each one’s money at the top of the sack.
44:2 But place my silver bowl, and the price that he gave for the wheat, in the mouth of the sack of the youngest.” And so it was done.
44:3 And when morning arose, they were sent away with their donkeys.
44:4 And now they had departed from the city and had set out a short distance. Allora Ghjiseppu, sending for the steward of his house, dissi: “Rise up and pursue the men. And when you have overtaken them, dì: ‘Why have you returned evil for good?
44:5 The cup that you have stolen, it is that from which my lord drinks, and in which he is accustomed to discern signs. You have done a very sinful thing.’ ”
44:6 He did as he had been ordered. And having overtaken them, he spoke to them according to the order.
44:7 Allora emi: “Why does our lord speak in this way, as though your servants had committed such a shameful act?
44:8 The money, which we found at the top of our sacks, we carried back to you from the land of Canaan. So in what way does it follow that we would steal, from the house of your lord, gold or silver?
44:9 Whichever of your servants will be found to have what you seek, may he die, and we shall be the servants of my lord.”
44:10 È li disse:: “Let it be according to your verdict. With whomever it will be found, let him be my servant, but you will be unharmed.”
44:11 e accussi, they quickly placed their sacks down to the ground, and each one was opened.
44:12 And when he had searched, beginning with the oldest, all the way to the youngest, he found the cup in Benjamin’s sack.
44:13 ma ch'elli, tearing their garments and burdening their donkeys again, returned to the town.
44:14 And Judah, first among his brothers, entered to Joseph (for he had not yet departed from the place) and together they all fell down before him to the ground.
44:15 È li disse:: “Why would you choose to act in this way? Could you be ignorant that there is no one like me in the knowledge of discerning signs?"
44:16 And Judah said to him, “What could we answer to my lord? And what would we be able to say, or to justly claim? God has discovered the iniquity of your servants. vede, we have all become servants to my lord, both we, and he with whom the cup was found.”
44:17 Joseph emi: “Far be it from me that I should act in this way. He who stole the cup, he will be my servant. But you may go away free to your father.”
44:18 Allora Ghjuda, toltu da vicinu, disse confiant: "Ti precu, u mo signore, chì u vostru servitore di parlà una parolla in u vostru zitellu, è ùn esse infuriatu cù u vostru servitore. Per voi sò dopu à Faraone.
44:19 I mo signore, vi dumanda u to servitori, nanzu: 'Ùn avete un babbu o un frateddu?'
44:20 È noi voi rispose:, u mo signore: 'Ci hè u nostru babbu, un vicchiareddu, è un picciottu, chì hè natu in u so vichjàia. U so fratellu di u listessu corpu hè mortu, e iddu sulu veni lassatu di a so mamma è babbu, ca àmanu cambiatu Minuet '.
44:21 E tu cci a to servitori, 'Ellu Purtate à mè, è ti crià mio ochji nantu ad ellu.
44:22 Avemu pruposti à u mo signore: 'U picciottu ùn hè in gradu di lascià u so babbu:. Per sè, cci manna luntanu, ch'ellu hà da more. '
44:23 E tu cci a to servitori: 'Chè u vostru fratellu chjucu arriva cun voi, tù ùn ti vede a mo faccia ogni più.
44:24 dunque, quandu noi era andatu à u vostru servitore, u nostru babbu, avemu spiigheti à ellu tuttu ciò chì u mio signore avia parlatu.
44:25 È u nostru babbu, li disse: 'Torna è noi cumprà un pocu di furmentu.'
44:26 È noi li disse:: Avemu ùn pò andà. Sè u nostru fratellu, bassistu fala cun noi, noi vi misi fora nsemmula. altrimenti, in u so sustegnu, noi ùn ghjocanu à vede u visu di l'omu. '
44:27 À ch'ellu emi: 'U sacciu chi me moglia incinta volte da mè.
44:28 Unu si n'andò fora, è vi dissi, "A bestia divuratu." È dapoi tandu, ch'ellu ùn hè affaccatu.
44:29 Sè vo pigliari stu unu dinù, è qualcosa chi succèri a ellu nant'à u modu, tu cunduceranu mio capelli grisgiu falà cù lu duluri di la fossa '.
44:30 dunque, if I would have gone to your servant, u nostru babbu, with the boy not present, (though his life depends upon the life of him)
44:31 and if he were to see that he is not with us, he would die, and your servants will lead his grey hairs down with sorrow to the grave.
44:32 Let me be your very own servant, for I accepted this one into my trust, and I promised, dicendu:: ‘Unless I lead him back, I will be guilty of a sin against my father for all time.’
44:33 And so I, u vostru servitore, will remain in place of the boy, in ministry to my lord, and then let the boy go up with his brothers.
44:34 For I cannot return to my father without the boy, lest I appear as a witness to the calamity that will oppress my father.”

I Muvrini 45

45:1 Ghjiseppu era impussibile di slanciu di sè stessu ogni più, stannu nill'acqua tantis. dunque, si urdinatu chì tutti ci vai fora, è chì ùn stranieri deve esse à mezu à elli, è ricunnisciutu unu altru.
45:2 Eppo, pisendu a so voce cù piinghjendu, chì u Egizziani u sintinu, rilazione cù u web, casa di Faraone.
45:3 È disse à i so fratelli: "Sò Ghjiseppu. Hè u mio babbu sempri vivu?"I so fratelli eranu capaci di a arrispùnniri, essa spavintati da un assai granni scantu.
45:4 E dissi a iddi mildly, "Approcciu versu di mia." E quannu avìanu s'avvicinò da vicinu da, dissi: "Sò Ghjiseppu, u to fratellu, chì tù faci in Egittu.
45:5 Ùn àbbia paura, è ch'elli ùn parenu à voi à esse un hardship chi mi faci in sti rughjoni. Di Diu m'hà mandatu davanti à voi in Egittu per u to salvamentu.
45:6 For it is two years since the famine began to be upon the land, and five years more remain, in which there can be neither plowing, nor reaping.
45:7 And God sent me ahead, so that you may be preserved upon the earth, and so that you would be able to have food in order to live.
45:8 I was sent here, not by your counsel, but by the will of God. He has caused me to be like a father to Pharaoh, and to be the lord of his entire house, as well as governor throughout all the land of Egypt.
45:9 Hurry, and go up to my father, e diri a iddu: ‘Your son Joseph commands this: God has caused me to be lord of the entire land of Egypt. Come down to me, do not delay,
45:10 and you will live in the land of Goshen. And you will be next to me, you and your sons and the sons of your sons, your sheep and your herds, and all that you possess.
45:11 And there I will pasture you, (for there are still five years of famine remaining) lest both you and your house perish, along with all that you possess.’
45:12 eccu, your eyes and the eyes of my brother Benjamin can see that it is my mouth speaking to you.
45:13 You will report to my father about all my glory, and about all that you have seen in Egypt. Hurry, and bring him to me.”
45:14 And then falling upon the neck of his brother Benjamin, he embraced him and wept. e listessa, Benjamin wept at the same time on his neck.
45:15 And Joseph kissed all his brothers, and he cried over each one. dopu à issu, they were emboldened to speak to him.
45:16 And it was overheard, and the news spread by word throughout the king’s court. The brothers of Joseph had arrived, and Pharaoh was gladdened along with all his family.
45:17 And he told Joseph that he should command his brothers, dicendu:: “ ‘Burden your beasts, and go into the land of Canaan,
45:18 and take from there your father and kindred, and come to me. And I will give you all the good things of Egypt, so that you may eat from the marrow of the land.’ ”
45:19 “And you may even instruct that they take wagons from the land of Egypt, in order to transport their little ones as well as their wives. And say: ‘Take your father, and come quickly, as soon as possible.
45:20 You need not give up anything from your household, for all the riches of Egypt will be yours.’ ”
45:21 And the sons of Israel did just as they were commanded. And Joseph gave them wagons, according to the command of Pharaoh, and provisions for the journey.
45:22 listessa, he ordered two robes for each of them to be brought. ma in verità, to Benjamin he gave three hundred pieces of silver along with five of the best robes.
45:23 And he sent just as much money and clothing to his father, adding also ten male donkeys, with which to transport all the riches of Egypt, and as many female donkeys, carrying wheat and bread for the journey.
45:24 Thus he sent away his brothers, and as they set out he said, “Do not become angry on the way.”
45:25 And they ascended out of Egypt, and they arrived in the land of Canaan, to their father Jacob.
45:26 Allora hà dettu à u, dicendu:: “Your son Joseph is alive, and he is ruler throughout all the land of Egypt. When Jacob heard this, he was stirred up, as if from a deep sleep, yet he did not believe them.
45:27 To the contrary, they explained the entire matter in order. And when he had seen the wagons, and all that he had sent, his spirit revived,
45:28 è li disse:: "Hè abbastanza per mè, if my son Joseph is still alive. I will go and see him before I die.”

I Muvrini 46

46:1 e Israel, mittennu fora cun tuttu ciò ch'ellu avia, ghjuntu à u Liceu di u juramentu. È sacrificà zeru ci à u Diu di u so babbu Isaccu,
46:2 cci 'ntisi, da una visione in lu notte, ellu li chiacchiari, è disse à u: "Jacob, Jacob ". E cci li rispose, "Eccu!, ccà sugnu. "
46:3 Diu li disse:: "Socu u più forti à Diu di u vostru babbu,. Ùn àbbia paura. Scinni in Egittu, per ci ti fà di voi un gran nazione.
46:4 I ti scinni cun voi à u locu, e ti portanu tu torna da a ci, vultà. Also, Ghjiseppu hà postu a so manu nantu à a to ochji.
46:5 Allora Ghjacobbu s'arrizzò da u Liceu di u juramentu. È i so figlioli pigliavanu, incù i so figlioli è e so mòglie, in i carri chì Faraone avia mandatu à a purtari lu vecchiu,
46:6 rilazione cù tuttu ciò ch'ellu avia in lu paese di Cananu. Eppo ghjunse in Egittu cun tutta a so discindenza:
46:7 i so figlioli è i so figliulini, e so figliole, è tutta a so Descendance nsemmula.
46:8 Now these are the names of the sons of Israel, who entered into Egypt, he with his children. The firstborn is Reuben.
46:9 The sons of Reuben: Hanoch and Pallu, and Hezron and Carmi.
46:10 The sons of Simeon: Jemuel and Jamin and Ohad, and Jachin and Zohar, and Shaul, the son of a Canaanite woman.
46:11 The sons of Levi: Gershon and Kohath, and Merari.
46:12 The sons of Judah: Er and Onan, and Shelah, and Perez and Zerah. Now Er and Onan died in the land of Canaan. And sons were born to Perez: Hezron and Hamul.
46:13 The sons of Issachar: Tola and Puvah, and Job and Shimron.
46:14 The sons of Zebulun: Sered and Elon and Jahleel.
46:15 These are the sons of Leah, whom she bore, along with his daughter Dinah, in Mesopotamia of Syria. All the souls of her sons and daughters are thirty-three.
46:16 The sons of Gad: Ziphion and Haggi, and Shuni and Ezbon, and Eri and Arodi, and Areli.
46:17 The sons of Asher: Imnah and Jesua, and Jessui and Beriah, and also their sister Sarah. The sons of Beria: Heber and Malchiel.
46:18 These are the sons of Zilpah, whom Laban gave to his daughter Leah. And these she bore to Jacob: sixteen souls.
46:19 Figlioli di Rachella, the wife of Jacob: Ghjiseppu è Beniaminu.
46:20 And sons were born to Joseph in the land of Egypt, whom Asenath, the daughter of Potiphera, priest of Heliopolis, bore for him: Manasseh and Ephraim.
46:21 The sons of Benjamin: Bela and Becher, and Ashbel and Gera, and Naaman and Ehi, and Rosh and Moppim, and Huppim and Ard.
46:22 These are the sons of Rachel, whom she bore to Jacob: all these souls are fourteen.
46:23 The sons of Dan: Hushim.
46:24 The sons of Naphtali: Jahzeel and Guni, and Jezer and Shillem.
46:25 These are the sons of Bilhah, whom Laban gave to his daughter Rachel, and these she bore to Jacob: all these souls are seven.
46:26 All the souls who went into Egypt with Jacob and who went out from his thigh, besides the wives of his sons, were sixty-six.
46:27 Now the sons of Joseph, who were born to him in the land of Egypt, were two souls. All the souls of the house of Jacob, who went into Egypt, were seventy.
46:28 Allora li mandò Ghjuda nanzu di sè stessu, à Ghjiseppu, in ordine, pi dinunziari a lu, e tantu chi iddu avissi iddu scuntrà in Gosen.
46:29 È quandu era ghjuntu ci, Joseph harnessed u so carru, è si n'andò à scuntrà u so babbu à u listessu locu. E iddu vidennu, si lampò nantu à u so collu, e, ammenzu Ma, si piense.
46:30 È u babbu disse à Ghjiseppu, "Ora ti mori filici, parchì aghju vistu u to visu, è ti partu daretu vivu. "
46:31 And he said to his brothers and to all his father’s house: “I will go up and report to Pharaoh, and I will say to him: ‘My brothers, and my father’s house, who were in the land of Canaan, have come to me.
46:32 And these honorable men are pastors of sheep, and they have the task of feeding the flock. Their cattle, è muntagnera, and all that they were able to hold, they have brought with them.’
46:33 And when he will call you and will say, ‘What is your work?'
46:34 You will respond, ‘Your servants are pastors of honor, from our infancy even to the present time, both we and our fathers.’ Now you will say this so that you may be able to live in the land of Goshen, because the Egyptians detest all pastors of sheep.”

I Muvrini 47

47:1 And so Joseph entered and reported to Pharaoh, dicendu:: “My father and brothers, their sheep and herds, and everything that they possess, have arrived from the land of Canaan. Ed eccu, they stand together in the land of Goshen.”
47:2 listessa, he stood in the sight of the king five men, the last of his brothers.
47:3 E li dumanda:, “What do you have for work?” They responded: “Your servants are pastors of sheep, both we and our fathers.
47:4 We came to sojourn in your land, because there is no grass for the flocks of your servants, the famine being very grievous in the land of Canaan. And we petition you that you may order us, u to servitori, to be in the land of Goshen.”
47:5 And so the king said to Joseph: “Your father and brothers have come to you.
47:6 The land of Egypt is in your sight. Cause them to live in the best place, and deliver to them the land of Goshen. And if you know there to be industrious men among them, appoint these as foremen over my cattle.”
47:7 dopu à issu, Joseph brought in his father to the king, and he stood him in his sight. He blessed him,
47:8 and he questioned him: “How many are the days of the years of your life?"
47:9 iddu tantu, “The days of my sojourn are one hundred and thirty years, few and unworthy, and they do not reach even to the days of the sojourning of my fathers.”
47:10 And blessing the king, he went outside.
47:11 cambiatu, Joseph gave his father and brothers a possession in Egypt, in the best place of the land, in Rameses, as Pharaoh had instructed.
47:12 And he fed them, along with all his father’s house, providing portions of food to each one.
47:13 For in the whole world there was a lack of bread, and a famine had oppressed the land, most of all Egypt and Canaan,
47:14 from which he gathered together all the money for the grain that they bought, and he took it into the treasury of the king.
47:15 And when the buyers had run out of money, all Egypt came to Joseph, dicendu:: “Give us bread. Why should we die in your sight, lacking money?"
47:16 And he responded to them: “Bring me your cattle, and I will give food to you in exchange for them, if you do not have money.”
47:17 È, quand'elli li avia purtatu, he gave them food for their horses, e pècure, and oxen, e li scecchi. And he sustained them in that year in exchange for their cattle.
47:18 listessa, they came the second year, e si li disse:: “We will not conceal from our lord that our money is gone; likewise our cattle are gone. Neither are you unaware that we have nothing left but our bodies and our land.
47:19 dunque, why should you watch us die? Both we and our land will be yours. Buy us into royal servitude, but provide seed, lest by the dying off of cultivators the land be reduced to a wilderness.”
47:20 dunque, Joseph bought all the land of Egypt, each one selling his possessions because of the magnitude of the famine. And he subjected it to Pharaoh,
47:21 along with all of its people, from the newest borders of Egypt, even to its furthest limits,
47:22 except the land of the priests, which had been delivered to them by the king. To these also a portion of food was supplied out of the public storehouses, e, per stu mutivu, they were not compelled to sell their possessions.
47:23 dunque, Joseph said to the people: “So, as you discern, both you and your lands are possessed by Pharaoh; take seed and sow the fields,
47:24 so that you may be able to have grain. One fifth part you will give to the king; the remaining four I permit to you, as seed and as food for your families and children.
47:25 Allora emi: “Our health is in your hand; only let our lord look kindly upon us, and we will serve the king with gladness.”
47:26 Da chi tempu, ancu à u prisente ghjornu, in the entire land of Egypt, the fifth part is turned over to the kings, and it has become like a law, except in the land of the priests, which was free from this condition.
47:27 e accussi, Israel lived in Egypt, hè, in the land of Goshen, and he possessed it. And he increased and was multiplied exceedingly.
47:28 And he lived in it seventeen years. And all the days of his life that passed were one hundred and forty-seven years.
47:29 And when he discerned that the day of his death was approaching, he called his son Joseph, è li disse: à u: “If I have found favor in your sight, place your hand under my thigh. And you shall show me mercy and truth, not to bury me in Egypt.
47:30 But I shall sleep with my fathers, and you will carry me from this land and bury me in the sepulcher of my ancestors.” And Joseph answered him, “I will do what you have ordered.”
47:31 È li disse:, “Then swear it to me.” And as he was swearing, Israel adored God, turning to the head of his resting place.

I Muvrini 48

48:1 After these things were done, it was reported to Joseph that his father was sick. And taking his two sons Manasseh and Ephraim, he went directly to him.
48:2 And it was told to the old man, "Eccu!, your son Joseph is coming to you.” And being strengthened, he sat up in bed.
48:3 And when he had entered to him, dissi: “Almighty God appeared to me at Luz, chì hè in lu paese di Cananu, and he blessed me.
48:4 È li disse:: ‘I will increase and multiply you, and I will make you influential among the people. And I will give this land to you, è à a to discindenza dopu à voi, as an everlasting possession.’
48:5 dunque, vostri dui figlioli, who were born to you in the land of Egypt before I came here to you, will be mine. Ephraim and Manasseh will be treated by me just like Reuben and Simeon.
48:6 But the remainder, whom you will conceive after them, will be yours, and they will be called by the name of their brothers among their possessions.
48:7 As for me, when I came from Mesopotamia, Rachel died in the land of Canaan on the very journey, and it was springtime. And I entered Ephrath and buried her next to the way of Ephrath, which by another name is called Bethlehem.”
48:8 Allora, seeing his sons, Ghjesù li disse:: “Who are these?"
48:9 iddu tantu, “They are my sons, whom God gave to me as a gift in this place.” “Bring them to me,"Disse:, “so that I may bless them.”
48:10 For Israel’s eyes were clouded by reason of his great age, and he was unable to see clearly. And when they were placed up against him, he kissed and embraced them.
48:11 And he said to his son: “I have not been cheated out of seeing you. nc'est, God has shown me your offspring.”
48:12 And when Joseph had taken them from his father’s lap, he reverenced prone on the ground.
48:13 And he placed Ephraim on his right, hè, towards the left hand of Israel. Yet truly Manasseh was on his left, dì, towards his father’s right hand. And he placed them both up against him.
48:14 Eppo, extending his right hand, placed it over the head of Ephraim, the younger brother, but the left hand was on the head of Manasseh, who was the elder, so that his hands were crossed.
48:15 And Jacob blessed the sons of Joseph, è li disse:: “God, in whose sight my fathers Abraham and Isaac walked, God who pastured me from my youth until the present day,
48:16 the Angel, who rescues me from all evils: bless these boys. And let my name be invoked over them, and also the names of my fathers, Abraham and Isaac. And may they increase into a multitude across the earth.”
48:17 But Joseph, seeing that his father had placed his right hand over the head of Ephraim, took it gravely. And grasping his father’s hand, he tried to lift it from Ephraim’s head and transfer it onto the head of Manasseh.
48:18 And he said to his father: “It should not have come to pass this way, babbu. For this one is the firstborn. Place your right hand over his head.”
48:19 But refusing, dissi: “I know, u mo figliolu, I know. And this one, diffunnutu, will be among the people and will be multiplied. But his younger brother will be greater than he. And his offspring will increase among the nations.”
48:20 And he blessed them at that time, dicendu:: “In you, Israel will be blessed, and it will be said: ‘May God treat you like Ephraim, and like Manasseh.’ ” And he established Ephraim before Manasseh.
48:21 And he said to his son Joseph: "See, Iò moru, and God will be with you, and he will lead you back to the land of your fathers.
48:22 I give you one part beyond that of your brothers, which I took from the hand of the Amorite with my sword and my bow.”

I Muvrini 49

49:1 Then Jacob called his sons, è li disse:: “Gather together, so that I may announce what will happen to you in the last days.
49:2 Gather together and listen, O sons of Jacob. Listen to Israel, u to babbu.
49:3 Reuben, my firstborn, you are my strength and the beginning of my sorrow: first in gifts, greater in authority.
49:4 You are being poured out like water, may you not increase. For you climbed onto your father’s bed, and you defiled his resting place.
49:5 The brothers Simeon and Levi: vessels of iniquity waging war.
49:6 Let not my soul go by their counsel, nor my glory be within their meeting. For in their fury they killed a man, and in their self-will they undermined a wall.
49:7 Cursed be their fury, because it was obstinate, and their indignation, because it was harsh. I will divide them in Jacob, and I will scatter them in Israel.
49:8 Ghjuda, your brothers will praise you. Your hand will be at the necks of your enemies; the sons of your father will reverence you.
49:9 Judah is a lion’s young. You have gone up to the prey, u mo figliolu. While resting, you have lain like a lion. And just like a lioness, who would rouse him?
49:10 The scepter from Judah and the leader from his thigh will not be taken away, until he who will be sent arrives, and he will be the expectation of Gentiles.
49:11 Tying his young colt to the vineyard, and his donkey, O my son, to the vine, he will wash his robe in wine, and his cloak in the blood of the grape.
49:12 His eyes are more beautiful than wine, and his teeth whiter than milk.
49:13 Zebulun will live at the seashore and by the outpost of ships, reaching as far as Sidon.
49:14 Issachar will be a strong donkey, reclining between the borders.
49:15 He saw that rest would be good, and that the land was excellent. And so he bent his shoulder to carry, and he became a servant under tribute.
49:16 Dan will judge his people just like any other tribe in Israel.
49:17 Let Dan be a snake in the way, a viper in the path, biting the hooves of horses, so that his rider may fall backward.
49:18 I will wait for your salvation, O Signore,.
49:19 Gad, being girded, will fight before him. And he himself will be girded backward.
49:20 Asher: his bread will be fat, and he will provide delicacies to the kings.
49:21 Naphtali is a stag sent forth, offering words of eloquent beauty.
49:22 Joseph is a growing son, a growing son and stately to behold; the daughters run back and forth on the wall.
49:23 But those who held darts, provoked him, and they contend with him, and they envied him.
49:24 His bow sits in strength, and the bands of his arms and hands have been let loose by the hands of the mighty one of Jacob. From there he went forth as a pastor, the stone of Israel.
49:25 The God of your father will be your helper, and the Almighty will bless you with the blessings of heaven above, with the blessings of the abyss that lies beneath, with the blessings of the breasts and of the womb.
49:26 The blessings of your father are strengthened by the blessings of his fathers, until the desire of the hills of eternity shall arrive. May they be at the head of Joseph, and at the summit of the Nazarite, among his brothers.
49:27 Benjamin is a ravenous wolf, in the morning he will eat the prey, and in the evening he will divide the spoil.”
49:28 All these are the twelve tribes of Israel. These things their father spoke to them, and he blessed each one with their proper blessings.
49:29 Eppo li urdinatu, dicendu:: "Je cherche esse stavanu à u mo pòpulu. à mè intarrà u mio babbi, in lu lettu, Caverna, chì hè in u campu di Efron, u Hittite,
49:30 upposta Mamrè, in lu paese di Cananu, chì Abràhamu hà compru, rilazione cù u so campu di, da Efron, u Hittite, cum'è un pusessu di inhumation.
49:31 Ci si cci intarratu, cù a so moglia Sarah. "È ci Isaccu fù intarratu cù a so moglia, Rebecca. Ci dinù Leah minzogni cunsirvatu.
49:32 È avè finitu i cumandamenti da ch'ellu urdinatu di i so figlioli, iddu nisciu cu li peri supra u lettu,, e si passava luntanu. È fù riunitu à u so pòpulu.

I Muvrini 50

50:1 Ghjiseppu, capiscia issa, fell upon his father’s face, weeping and kissing him.
50:2 And he instructed his servant physicians to embalm his father with aromatics.
50:3 And while they were fulfilling his orders, forty days passed. For this was the method of embalming dead bodies. And Egypt wept for him for seventy days.
50:4 And when the time for mourning was fulfilled, Joseph spoke to the family of Pharaoh: “If I have found favor in your sight, speak to the ears of Pharaoh.
50:5 For my father made me swear, dicendu:: ‘See, Iò moru. You shall bury me in my sepulcher which I dug for myself in the land of Canaan.’ Therefore, I shall go up and bury my father, and then return.”
50:6 And Pharaoh said to him, “Go up and bury your father, just as he made you swear.”
50:7 So as he went up, all the elders of the house of Pharaoh went with him, along with every patriarch in the land of Egypt,
50:8 and the house of Joseph with his brothers, except their little ones and flocks and also the herds, which they left behind in the land of Goshen.
50:9 listessa, he had in his company chariots and horsemen. And it became a crowd without restraint.
50:10 And they arrived at the threshing place of Atad, which is situated beyond the Jordan. There they spent seven full days celebrating the funeral rites with a great and vehement lamentation.
50:11 And when the inhabitants of the land of Canaan had seen this, dìssenu, “This is a great Lamentation for the Egyptians.” And for this reason, the name of that place was called, “The Lamentation of Egypt.”
50:12 e accussi, the sons of Jacob did just as he had instructed them.
50:13 And carrying him into the land of Canaan, they buried him in the double cave, which Abraham had bought along with its field, da Efron, u Hittite, cum'è un pusessu di inhumation, upposta Mamrè.
50:14 And Joseph returned into Egypt with his brothers and all those of his company, having buried his father.
50:15 Avà ch'ellu era mortu, i so fratelli erani a paura, e iddi rissiru: a unu altru: "Forsi avà si pò ricùardu u preghjudiziu ch'ellu permessu è rindia di tuttu u male chì avemu fattu a iddu."
50:16 So iddi mandatu un missaghju à ellu, dicendu:: "U vostru babbu, à noi urdinatu nanzu murìa,
50:17 chi no rispundimu: Da ste parolle à vo da ellu: 'Ti precu a scurdari a gattivera di i vostri fratelli, e lu piccatu e malignità ch'elli praticavanu contru à voi. 'Malgradu quessa, noi voi pitizioni à lintà i servitori di u Diu di u vostru babbu, da stu iniquità. "Protesi stu, Ghjiseppu piense.
50:18 È i so frati si n'andò à ellu. E reverencing prostrate nant'à a terra, dìssenu, "Ci sò i to servitori."
50:19 È ellu rispose:: "Ùn àbbia paura. Sò avemu pussutu risistiri a vuluntà di Diu,?
50:20 You messa u male contru à mè. Ma Diu, si ne hè in bona, tantu ca si putissi mè fin'à, cum'è vo 'istante disciuplicà, e tantu chi si putissi purtari circa u salvamentu di tanti pòpuli.
50:21 Ùn àbbia paura. I vi pasculari voi è i vostri figlioli. "È ellu li preghiera, e iddu parrava mildly è MONSIGNANI.
50:22 Eppo vissutu in l 'Egittu cù tutti i la casa di u so babbu:; è ch'ellu puntu per centu è dece anni. E vitti i figlioli di Ephraim à a terza generazione. listessa, i figlioli di Machir, u figliolu di Manassèiu, eranu nati nant'à ghinocchia di Ghjiseppu.
50:23 Dopu à sse cose, hè accadutu, Ghjesù disse à i so fratelli: "Diu vi visita voi dopu à a mio morte, è ch'ellu hà da fà vi acchianu da stu paese in u paese chì hà ghjuratu a Abraham, Isaac, è à Ghjacobbu. "
50:24 È quand'ellu avia fattu li ghjurà è avia dettu, "Diu vi visita vi; purtà u mio osse cun voi da stu locu,"
50:25 murìa, having completed one hundred and ten years of his life. And having been embalmed with aromatics, he was laid to rest in a coffin in Egypt.