Settembre 22, 2018

Lettura

The Letter of Saint Paul to the Corinthians 15: 35-37, 42-49

15:35 Ma qualcuno potrebbe dire:, “Come fare di nuovo i morti?" o, “Che tipo di corpo non tornano con?"
15:36 Come insensato! Ciò che tu semini non può essere riportato in vita, a meno che non muore prima.
15:37 E quello che semini non è il corpo che sarà in futuro, ma un granello ignudo, come di frumento, o di qualche altro seme.
15:42 Così è anche con la risurrezione dei morti. Ciò che si semina nella corruzione deve salire al incorruttibilità.
15:43 Ciò che è seminato ignobile si alzerà verso la gloria. Ciò che è seminato debole deve salire al potere.
15:44 Ciò che si semina un corpo animale sorgerà con un corpo spirituale. Se c'è un corpo animale, v'è anche uno spirituale.
15:45 Proprio come è stato scritto che il primo uomo, Adamo, è stato realizzato con un'anima vivente, così sarà l'ultimo Adamo essere fatta con uno spirito riportati in vita.
15:46 Allora, qual è, All'inizio, non spirituale, ma animali, successivo diventa spirituale.
15:47 Il primo uomo, essendo terrena, era della terra; il secondo uomo, essere celeste, sarà del cielo.
15:48 Tali cose come sono come la terra sono terrena; e cose come sono come i cieli sono celesti.
15:49 E così, proprio come abbiamo portato l'immagine di ciò che è terreno, dobbiamo anche portiamo l'immagine di ciò che è celeste.

Vangelo

Luke 8: 4- 15

8:4 Poi, quando una numerosissima folla stava radunando insieme e di corsa dalle città a lui, ha parlato con un confronto:
8:5 "Il seminatore uscì a seminare la sua semente. Mentre seminava, parte cadde accanto alla strada; e fu calpestato e gli uccelli del cielo lo mangiarono.
8:6 Un'altra parte cadde sulla roccia; e dopo aver spuntati, si seccò, perché non aveva umidità.
8:7 Un'altra parte cadde fra le spine; e le spine, che sale con essa, soffocata esso.
8:8 E un'altra cadde sulla terra buona; e dopo aver spuntati, produceva frutta il centuplo. »Mentre diceva queste cose, gridò, "Chi ha orecchi per intendere, oda ".
8:9 Allora i suoi discepoli lo interrogarono su ciò che questa parabola potrebbe significare.
8:10 Ed egli disse loro:: "A voi è dato di conoscere il mistero del regno di Dio. Ma per il resto, è in parabole, affinché: vedendo, essi non possono percepire, e l'udito, essi non possono capire.
8:11 Ora la parabola è questo: Il seme è la parola di Dio.
8:12 E di quelli adiacenti la strada sono coloro che ascoltano, ma poi viene il diavolo e prende la parola dal loro cuore, per non credendo che siano salvati.
8:13 Ora quelli sulla roccia sono coloro che, quando la sentono, accettare con gioia la parola, ma questi non hanno radici. Così credono per un certo tempo, ma in un tempo di prova, cadono via.
8:14 E quelli che è caduto tra le spine sono coloro che hanno ascoltato, ma mentre vanno avanti, sono soffocati dalle preoccupazioni, dalla ricchezza e dai piaceri della vita, e in modo che non producono frutta.
8:15 Ma quelli che erano sulla terra buona sono coloro che, dopo aver sentito la parola con un cuore buono e nobile, conservarlo, e portano frutto con pazienza.