Ch 6 Luke

Luke 6

6:1 Ora avvenne che, al secondo prima di sabato, mentre passava attraverso il campo di grano, i suoi discepoli stavano separando le spighe di grano e di mangiare, da sfregandole con le mani.
6:2 Allora alcuni dei farisei dissero loro:, "Perché stai facendo quello che non è lecito nei sabati?"
6:3 E rispondendo alle loro, Gesù ha detto:: "Non avete letto questo, ciò che fece Davide, quando ebbe fame, e quelli che erano con lui?
6:4 Come entrò nella casa di Dio, e ha preso il pane della Presenza, e mangiò, e lo diede a quelli che erano con lui, anche se non è lecito ad alcuno mangiarlo, tranne soli sacerdoti?"
6:5 Ed egli disse loro:, "Il Figlio dell'uomo è signore, anche del sabato ".
6:6 Ed è accaduto che, in un altro sabato, entrò nella sinagoga, e ha insegnato. E c'era un uomo lì, e la sua mano destra secca.
6:7 E gli scribi ei farisei osservate se avrebbe curare di sabato, in modo che essi possano in tal modo trovare una accusa contro di lui.
6:8 Ancora veramente, egli conosceva i loro pensieri, e così disse all'uomo che aveva la mano inaridita, "Alzati e stare in mezzo". E che sale, lui si è fermato.
6:9 Allora Gesù disse loro:: "Vi chiedo se è lecito nei sabati di fare del bene, o di fare il male? Per dare la salute ad una vita, o per distruggerlo?"
6:10 E guardando intorno a tutti, egli disse all'uomo, "Estendere la mano." Ed egli estese. E la sua mano fu risanata.
6:11 Poi erano pieni di follia, e hanno discusso tra loro, che cosa, in particolare, che potrebbero fare di Gesù.
6:12 Ed è accaduto che, in quei giorni, uscì a monte a pregare. Ed era nella preghiera di Dio per tutta la notte.
6:13 E quando la luce del giorno era arrivato, chiamò i suoi discepoli. E scelse dodici di loro (che nominò anche apostoli):
6:14 Simon, il quale ha soprannominato Pietro, e Andrea suo fratello, Giacomo e Giovanni, Filippo e Bartolomeo,
6:15 Matteo e Thomas, Giacomo d'Alfeo, e Simone, chiamato Zelota,
6:16 e Giuda di Giacomo, e Giuda Iscariota, che era un traditore.
6:17 E scendendo con loro, si trovava in un luogo pianeggiante con una moltitudine dei suoi discepoli, e una moltitudine copiosa di persone provenienti da tutta la Giudea, da Gerusalemme e la costa, e Tiro e Sidone,
6:18 che era venuto in modo che essi possano ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie. E quelli che erano tormentati da spiriti immondi, venivano guariti.
6:19 E tutta la folla cercava di toccarlo, perché il potere è andato da lui e guarì tutti.
6:20 E alzando gli occhi verso i suoi discepoli, lui disse: "Beati voi poveri, perché vostro è il regno di Dio.
6:21 Beati voi che ora avete fame, per sarete saziati. Beati voi che ora piangete, perché riderete.
6:22 Beato vi sarà quando gli uomini vi hanno odiato, e quando avranno voi separati e rimproverato, e gettato il vostro nome come se il male, a causa del Figlio dell'uomo.
6:23 Rallegratevi in ​​quel giorno ed esultate. Poiché ecco, la vostra ricompensa è grande nei cieli. Per queste stesse cose che i loro padri con i profeti.
6:24 Ancora veramente, guai a voi che siete ricchi, perché avete la vostra consolazione.
6:25 Guai a voi che siete soddisfatti, per avrete fame. Guai a voi che ora ridete, perché sarete afflitti e piangerete.
6:26 Guai a voi quando gli uomini vi avrà benedetti. Per queste stesse cose che i loro padri con i falsi profeti.
6:27 Ma io vi dico che sono in ascolto: Amate i vostri nemici. Fate del bene a coloro che vi odiano.
6:28 Benedite coloro che vi maledicono, e pregate per coloro che vi calunniano.
6:29 E a chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l'altra. E da lui che toglie il cappotto, non rifiutare la tunica.
6:30 Ma la distribuzione a tutti coloro che chiedono di te. E non chiedere di nuovo di colui che porta via ciò che è tuo.
6:31 Ed esattamente come si vorrebbe la gente ti trattano, li trattano anche lo stesso.
6:32 E se amate quelli che vi amano, ciò che il credito è dovuto a voi? Anche i peccatori amano coloro che li amano.
6:33 E se si vuole fare del bene a coloro che vi fanno del bene, ciò che il credito è dovuto a voi? Davvero, anche i peccatori si comportano in questo modo.
6:34 E se si prestito a coloro da cui sperate ricevere, ciò che il credito è dovuto a voi? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori, per ricevere lo stesso nel ritorno.
6:35 così veramente, amate i vostri nemici. Fare del bene, e dare, sperando in nulla in cambio. E allora la vostra ricompensa sarà grande, e sarete figli dell'Altissimo, perché egli è benevolo verso gli ingrati ei malvagi al.
6:36 Dunque, misericordioso, proprio come il Padre vostro è misericordioso.
6:37 Non giudicare, e voi non sarete giudicati. Non condannate, e voi non sarete condannati. Perdonare, e vi sarà perdonato.
6:38 Dare, e vi sarà dato a voi: una buona misura, premuto e scosso insieme e traboccante, avranno luogo su grembo. Certamente, la stessa misura che si utilizza per misurare, saranno utilizzati per misurare di nuovo a voi ancora una volta.”
6:39 Ora ha detto loro un altro confronto: "Come può un cieco guida un cieco? Avrebbero non entrambi cadere in un pozzo?
6:40 Il discepolo non è da più del maestro. Ma ciascuno di essi verrà perfezionato, se è come il suo maestro.
6:41 E perché si vede la goccia che è nell'occhio del tuo fratello, mentre la trave che è nel tuo occhio, non si considera?
6:42 O come puoi dire al tuo fratello:, 'Fratello, mi permetta di rimuovere la pagliuzza dal tuo occhio,'Mentre tu stesso non vedono il registro nel tuo occhio? Ipocrita, prima rimuovere il registro dal tuo occhio, e poi si vede chiaramente, in modo che si può portare fuori la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello.
6:43 Poiché non c'è albero buono che produce frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni.
6:44 Per ogni albero si riconosce dal suo frutto. Per essi non si raccolgono fichi dalle spine, né si raccolgono l'uva dal rovo.
6:45 Un uomo buono, dal buon deposito del suo cuore, offre ciò che è buono. E l'uomo malvagio, dal magazzino del male, offre ciò che è male. Per dall'abbondanza del cuore, la bocca parla.
6:46 Ma perché mi chiami, 'Signore, Signore,'E non fate quello che dico?
6:47 Chiunque viene a me, e ascolta le mie parole, e li fa: Vi rivelo ciò che egli è come.
6:48 Egli è come un uomo che, costruendo una casa, che ha scavato in profondità e ha posto le fondamenta sulla roccia. Poi, quando le acque del diluvio vennero, il fiume stava correndo contro quella casa, e non era in grado di muoversi. Perché era fondata sulla roccia.
6:49 Ma chi ascolta e non fa: egli è come un uomo che, costruendo la sua casa sulla terra, senza fondamento. Il fiume si precipitò contro di essa, e presto cadde, e la rovina di quella casa è stata grande ".