Giona

Giona 1

1:1 And the word of the Lord came to Jonah the son of Amittai, detto:
1:2 Rise and go to Nineveh, la grande città, and preach in it. For its malice has ascended before my eyes.
1:3 And Jonah rose in order to flee from the face of the Lord to Tarshish. And he went down to Joppa and found a ship bound for Tarshish. And he paid its fare, and he went down into it, in order to go with them to Tarshish from the face of the Lord.
1:4 But the Lord sent a great wind into the sea. And a great tempest took place in the sea, and the ship was in danger of being crushed.
1:5 And the mariners were afraid, and the men cried out to their god. And they threw the containers that were in the ship into the sea in order to lighten it of them. And Jonah went down into the interior of the ship, and he fell into a painful deep sleep.
1:6 And the helmsman approached him, e gli disse:, “Why are you weighed down with sleep? Salire, call upon your God, so perhaps God will be mindful of us and we might not perish.”
1:7 And a man said to his shipmate, "Venire, and let us cast lots, so that we may know why this disaster is upon us.” And they cast lots, and the lot fell upon Jonah.
1:8 Ed essi gli risposero:: “Explain to us what is the reason that this disaster is upon us. What is your work? Which is your country? And where are you going? Or which people are you from?"
1:9 Ed egli disse loro:, “I am Hebrew, and I fear the Lord God of heaven, who made the sea and the dry land.”
1:10 And the men were greatly afraid, e gli dissero:, «Perché hai fatto questo?" (For the men knew that he was fleeing from the face of the Lord, because he had told them.)
1:11 Ed essi gli risposero:, “What are we to do with you, so that the sea will cease for us?” For the sea flowed and swelled.
1:12 Ed egli disse loro:, “Take me, and cast me into the sea, and the sea will cease for you. For I know that it is because of me that this great tempest has come upon you.”
1:13 And the men were rowing, so as to return to dry land, but they did not succeed. For the sea flowed and swelled against them.
1:14 And they cried out to the Lord, e hanno detto, “We beseech you, Signore, do not let us perish for this man’s life, and do not attribute to us innocent blood. Per te, Signore, have done just as it pleased you.”
1:15 And they took Jonah and cast him into the sea. And the sea was stilled from its fury.
1:16 And the men feared the Lord greatly, and they sacrificed victims to the Lord, and they made vows.

Giona 2

2:1 And the Lord prepared a great fish to swallow Jonah. And Jonah was in the belly of the fish for three days and three nights.
2:2 And Jonah prayed to the Lord, his God, from the belly of the fish.
2:3 Ed egli rispose:: “I cried out to the Lord from my tribulation, and he heeded me. From the belly of hell, I cried out, and you heeded my voice.
2:4 And you have thrown me into the deep, nel cuore del mare, and a flood has encircled me. All your whirlpools and your waves have passed over me.
2:5 E io ho detto: I am expelled from the sight of your eyes. Tuttavia, veramente, I will see your holy temple again.
2:6 The waters surrounded me, even to the soul. The abyss has walled me in. The ocean has covered my head.
2:7 I descended to the base of the mountains. The bars of the earth have enclosed me forever. And you will raise up my life from corruption, Signore, mio Dio.
2:8 When my soul was in anguish within me, I called to mind the Lord, so that my prayer might come to you, to your holy temple.
2:9 Those who in vain observe vanities, abandon their own mercy.
2:10 But I, with a voice of praise, will sacrifice to you. I will repay whatever I have vowed to the Lord, because of my salvation.”
2:11 And the Lord spoke to the fish, and it vomited Jonah onto dry land.

Giona 3

3:1 E la parola del Signore è venuto a Giona per la seconda volta, detto:
3:2 Salire, e va 'a Ninive, la grande città. E predicate in essa la predicazione che vi dico:.
3:3 E Giona si alzò, e andò a Ninive, secondo la parola del Signore. E Ninive era una grande città di tre giornate di cammino.
3:4 E Giona cominciò ad entrare in viaggio di un giorno la città del. E gridò e disse:, "Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta".
3:5 E gli uomini di Ninive credettero a Dio. E hanno proclamato un digiuno, e hanno messo su tela di sacco, dal più grande fino al minimo.
3:6 E la parola fino al re di Ninive. Ed egli si alzò dal trono, e ha gettato via la sua veste da se stesso e era vestito di sacco, e si è seduto nella cenere.
3:7 E gridò e disse: "In Ninive, dalla bocca del re e dei suoi capi, sia detto: Gli uomini e le bestie e buoi e pecore non possono assaggiare nulla. Non si eserciteranno mangiare o bere acqua.
3:8 E lasciare che uomini e bestie si coprano di sacco, e far loro gridano al Signore con forza, e può l'uomo essere convertito dalla sua via malvagia, e dal dell'iniquità che è nelle loro mani.
3:9 Chissà se Dio può trasformare e perdonare, e può allontanarsi dalla sua ira furiosa, in modo che non potremmo perire?"
3:10 E Dio vide le loro opere, che erano stati convertiti dalla loro condotta malvagia. E Dio ha avuto pietà di loro, per quanto riguarda il danno che aveva detto che avrebbe fatto per loro, e lui non l'ha fatto.

Giona 4

4:1 E Giona era afflitto da una grande afflizione, e lui era arrabbiato.
4:2 Ed egli pregò il Signore, e ha detto, "Ti scongiuro, Signore, Era questo non la mia parola, quando ero ancora nella mia terra? A causa di ciò, Sapevo in anticipo a fuggire in Tarsis. Io so che tu sei un Dio clemente e misericordioso, paziente e di grande compassione, e perdonando nonostante cattiva volontà.
4:3 E adesso, Signore, Vi chiedo di prendere la mia vita da me. Perché è meglio per me morire che vivere ".
4:4 E il Signore disse, "Pensi davvero che lei ha ragione di essere arrabbiato?"
4:5 E Giona uscì della città, e si è seduto di fronte al est della città. E lui stesso un rifugio fatto lì, e lui era seduto sotto l'ombra, fino a che non poteva vedere cosa sarebbe accaduto alla città.
4:6 E il Signore Dio ha preparato un edera, ed è salito sopra la testa di Giona, in modo da essere un ombra sul suo capo, e proteggerlo (poiché aveva lavorato duro). E Giona si rallegrò causa dell'edera, con grande gioia.
4:7 E Dio ha preparato un verme, quando l'alba si avvicinava il giorno successivo, e ha colpito l'edera, e prosciugato.
4:8 E quando il sole era sorto, il Signore ha ordinato un vento caldo e la masterizzazione. E il sole picchiava sulla testa di Giona, e ha bruciato. E ha fatto una petizione per la sua anima che egli potrebbe morire, e ha detto, "E 'meglio per me morire che vivere".
4:9 E il Signore disse a Giona, "Pensi davvero che lei ha ragione di essere arrabbiato perché dell'edera?"Ed egli disse, "Sono diritto di essere arrabbiato fino alla morte."
4:10 E il Signore disse, "Tu soffri per l'edera, per cui non avete faticato e che non ha causato a crescere, se fosse nato durante una notte, e durante una notte perito.
4:11 E sarò io non risparmierò Ninive, la grande città, in cui ci sono più di cento e venti mila uomini, che non conosce la differenza tra loro diritto e sinistra, e molte bestie?"