Paul's Letter to the Galatians

Galati 1

1:1 Paolo, un Apostolo, non dagli uomini e non attraverso l'uomo, ma per mezzo di Gesù Cristo,, e Dio Padre, che lo ha risuscitato dai morti,
1:2 e tutti i fratelli che sono con me: alle chiese di Galazia.
1:3 Grazia a voi e pace da Dio Padre, e dal nostro Signore Gesù Cristo,
1:4 che ha dato se stesso per conto dei nostri peccati, in modo che egli ci libererà da questa età presente malvagio, secondo la volontà di Dio, nostro Padre.
1:5 Per lui è la gloria nei secoli dei secoli. Amen.
1:6 Mi chiedo che siete stati così rapidamente trasferito, da colui che vi ha chiamati mediante la grazia di Cristo, oltre ad un altro vangelo.
1:7 Per non vi è altra, tranne che ci sono alcune persone che si disturbano e che vogliono sovvertire il vangelo di Cristo.
1:8 Ma se qualcuno, anche noi stessi o un angelo dal cielo, erano a predicare un vangelo diverso da quello che abbiamo predicato a voi, sia anatema.
1:9 Come abbiamo detto prima, così ora lo ripeto:: Se qualcuno ha predicato un vangelo per voi, diverso da quello che avete ricevuto, sia anatema.
1:10 Per am ora persuadere gli uomini, o Dio? O, sono io cercando di piacere agli uomini? Se io fossi ancora gradevole uomini, allora non sarei servo di Cristo.
1:11 Per avrei capito, fratelli, che il Vangelo che è stato predicato da me, non è secondo l'uomo.
1:12 E io non l'ho ricevuto da uomo, né ho imparato che, se non attraverso la rivelazione di Gesù Cristo.
1:13 Per avete sentito parlare di mio ex comportamento all'interno del giudaismo: che, oltre misura, Ho perseguitato la Chiesa di Dio e combattuto contro il suo.
1:14 E io superando nel giudaismo la maggior parte dei miei eguali tra i miei simili, aver dimostrato di essere più abbondante in zelo verso le tradizioni dei padri.
1:15 Ma, quando gli piacque che, dal seno di mia madre, mi aveva messo a parte, e chi mi ha chiamato per la sua grazia,
1:16 per rivelare il suo Figlio in me, così perché lo evangelizzare in mezzo ai pagani, Non ho prossima cerco il consenso di carne e sangue.
1:17 Nemmeno io vado a Gerusalemme, a coloro che erano apostoli prima di me. Anziché, Sono andato in Arabia, e accanto ritornai a Damasco.
1:18 E poi, dopo tre anni, Sono andato a Gerusalemme per consultare Cefa; e sono rimasto con lui per quindici giorni.
1:19 Ma ho visto nessuno degli altri Apostoli, tranne James, il fratello del Signore.
1:20 Ora quello che scrivo: vedere, davanti a Dio, non sto mentendo.
1:21 Il prossimo, Sono andato nelle regioni della Siria e Cilicia.
1:22 Ma ero sconosciuto, di persona alle chiese della Giudea, che erano in Cristo.
1:23 Per avevano sentito solo: "Lui, che in precedenza ci perseguitava, ora evangelizza la fede, che una volta ha combattuto ".
1:24 E glorificavano Dio in me.

Galati 2

2:1 Il prossimo, dopo quattordici anni, Sono andato di nuovo a Gerusalemme, portando con me Barnaba e Tito.
2:2 E sono andato fino in base alla rivelazione, e ho discusso con loro il Vangelo che io predico tra i pagani, ma lontano da quelli che sono stati fingendo di essere qualcosa, che talora potrei incorrere, o hanno eseguito, invano.
2:3 Ma anche Tito, che era con me, anche se era un Gentile, non è stato costretto a farsi circoncidere,
2:4 ma solo a causa dei falsi fratelli, che sono stati portati in inconsapevolmente. Sono entrati di nascosto a spiare la nostra libertà, che abbiamo in Cristo Gesù, in modo che essi possano noi ridurre al servitù.
2:5 Noi non cediamo alla loro sottomesse, anche per un'ora, in modo che la verità del Vangelo sarebbe rimasto con te,
2:6 e lontano da quelli che sono stati fingendo di essere qualcosa. (Qualunque cosa avrebbero potuto essere una volta, non significa niente per me. Dio non accetta la reputazione di un uomo.) E coloro che sono stati la pretesa di essere qualcosa non aveva niente da offrirmi.
2:7 Ma era contraria, poiché avevano visto che il Vangelo per i non circoncisi è stata affidata a me, proprio come il Vangelo per la circoncisione è stata affidata a Peter.
2:8 Per lui che stava lavorando dell'Apostolato dei circoncisi a Peter, è stato anche lavorando in me fra le genti.
2:9 E così, quando avevano riconosciuto la grazia che è stato dato a me, Giacomo e Cefa e Giovanni, che sembrava come colonne, ha dato a me ea Barnaba la mano d'associazione, in modo che saremmo andati ai Gentili, mentre quelle andavano al circoncisi,
2:10 Chiediamo solo che dovremmo essere consapevoli dei poveri, che era la cosa che anche io ero sollecito a fare.
2:11 Ma quando Cefa era arrivato ad Antiochia, Rimasi contro di lui per il suo volto, perché era colpevole.
2:12 Per prima certuni arrivati ​​da James, mangiava con i gentili. Ma quando erano arrivati, trasse in disparte e si separò, temendo quelli che erano della circoncisione.
2:13 E l'altro gli ebrei acconsentito alla sua pretesa, in modo che anche Barnaba è stata guidata da loro in quella falsità.
2:14 Ma quando ho visto che non erano a piedi in modo corretto, dalla verità del Vangelo, Ho detto a Cefa davanti a tutti: "Se tu, mentre sei un Ebreo, vivono come i pagani e non gli ebrei, come è possibile che si costringere i pagani a mantenere i costumi degli ebrei?"
2:15 Dalla natura, siamo ebrei, e non di Gentili, peccatori.
2:16 E sappiamo che l'uomo non è giustificato per le opere della legge, ma solo dalla fede in Gesù Cristo. E così noi crediamo in Cristo Gesù, in modo che possiamo essere giustificati per la fede di Cristo, e non dalle opere della legge. Per nessuno sarà giustificato dalle opere della legge.
2:17 Ma se, mentre cerca di essere giustificati in Cristo, ci stiamo anche trovato ad essere peccatori, sarebbe poi Cristo sia il ministro del peccato? Che non sia così!
2:18 Perché se io ricostruire le cose che ho distrutte, io stabilisco come prevaricatore.
2:19 Per mezzo della legge, Sono diventato morto alla legge, in modo che io possa vivere per Dio. Sono stato inchiodato sulla croce con Cristo.
2:20 vivo; eppure ora, non sono io, ma veramente Cristo, vive in me. E se io vivo ora nella carne, Io vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e che si è consegnato per me.
2:21 Non rinnego la grazia di Dio. Infatti, se la giustizia è per la legge, allora Cristo è morto invano.

Galati 3

3:1 O insensata Galati, che ha affascinato in modo che non si ubbidire alla verità, anche se Gesù Cristo è stato presentato davanti ai tuoi occhi, crocifisso in mezzo a voi?
3:2 Vorrei sapere solo questo da te: Avete ricevuto lo Spirito mediante le opere della legge, o per la predicazione della fede?
3:3 Sei così sciocco che, anche se si è iniziato con lo Spirito, si dovrebbe ora finire con la carne?
3:4 Avete sofferto così tanto senza una ragione? Se è così, allora è vana.
3:5 Dunque, fa colui che distribuisce lo Spirito a voi, e che fa miracoli in mezzo a voi, atto dalle opere della legge, o attraverso la predicazione della fede?
3:6 E 'proprio come è stato scritto: "Abramo credette a Dio, ed era noto per lui fino alla giustizia. "
3:7 Dunque, sapere che coloro che sono di fede, Questi sono i figli di Abramo.
3:8 Così Scrittura, prevedendo che Dio avrebbe giustificato i pagani per la fede, preannunciato ad Abramo: "Tutte le nazioni saranno benedette in te."
3:9 E così, coloro che hanno la fede, sono benedetti col credente Abramo.
3:10 Per tanti quanti sono le opere della legge sono sotto maledizione. Per è stato scritto: "Maledetto chiunque non persevera in tutte le cose che sono state scritte nel libro della legge, in modo da fare loro ".
3:11 E, dal momento che nella legge non si è giustificato con Dio, questo è manifesto: "Per il giusto vive di fede."
3:12 Ma la legge non è di fede; anziché, "Chi fa queste cose, vivrà per esse."
3:13 Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, da quando è diventato una maledizione per noi. Perché è scritto: "Maledetto chi pende da un albero."
3:14 Questo è stato in modo che la benedizione di Abramo passasse raggiungere le genti in Cristo Gesù, in modo che noi ricevessimo la promessa dello Spirito mediante la fede.
3:15 Brothers (Parlo secondo l'uomo), se il testamento di un uomo è stato confermato, nessuno avrebbe respingerla o aggiungere ad essa.
3:16 Le promesse sono state fatte ad Abramo e alla sua discendenza. Non ha detto, "E ai discendenti,"Come se a molti, ma invece, come per uno, lui disse, "E alla tua discendenza,"Che è Cristo.
3:17 Ma lo dico: il testamento confermato da Dio, quale, dopo quattrocento e trenta anni è diventato legge, non annulla, in modo da rendere la promessa vuota.
3:18 Se infatti l'eredità è della legge, allora è più della promessa. Ma Dio donò ad Abramo attraverso la promessa.
3:19 Perché, poi, c'era una legge? E 'stato istituito a causa di trasgressioni, fino a quando la prole sarebbe arrivato, a chi ha fatto la promessa, ordinato da angeli attraverso la mano di un mediatore.
3:20 Ora, un mediatore non è di un, ma Dio è uno.
3:21 Allora, era la legge in contrasto con le promesse di Dio? Che non sia così! Infatti, se una legge fosse stata data, che era in grado di dare la vita, veramente la giustizia sarebbe della legge.
3:22 Ma la Scrittura ha rinchiuso ogni cosa sotto il peccato, cosicché la promessa, per la fede di Gesù Cristo, potrebbe essere dato a coloro che credono.
3:23 Ma prima che la fede è arrivato, ci sono stati conservati per essere inscritta in base alla legge, fede che doveva essere rivelata.
3:24 E così la legge è stata nostro tutore in Cristo, in modo che fossimo giustificati per la fede.
3:25 Ma ora che la fede è arrivata, non siamo più sotto un tutore.
3:26 Per te sono tutti figli di Dio, mediante la fede che è in Cristo Gesù,.
3:27 Infatti, come molti di voi che siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo diventano.
3:28 Non c'è né Ebreo né Greco; non c'è né servo né libero; non c'è né maschio né femmina. Poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù.
3:29 E se siete di Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa.

Galati 4

4:1 Ma io dico che, durante il tempo di un erede è un bambino, egli non è diverso da un servo, anche se lui è il proprietario di tutto.
4:2 Per lui è sotto tutori e custodi, fino al momento che è stato predeterminato dal padre.
4:3 Così anche noi, quando eravamo bambini, sono stati asserviti alle influenze del mondo.
4:4 Quando venne la pienezza del tempo è arrivato, Dio mandò il suo Figlio, formata da una donna, costituite conformemente alla legge,
4:5 in modo che egli potesse riscattare coloro che erano sotto la legge, in modo che noi ricevessimo l'adozione di figli.
4:6 Dunque, perché voi siete figli, Dio ha mandato lo Spirito del suo Figlio nei nostri cuori, grida: "Abba, Padre."
4:7 E così ora lui non è un servo, ma un figlio. Ma se è un figlio, allora egli è anche un erede, attraverso Dio.
4:8 Ma allora, sicuramente, mentre ignorante di Dio, avete servito quelli che, dalla natura, non sono dèi.
4:9 Ma ora, dal momento che avete conosciuto Dio, o piuttosto, dal momento che siete stati conosciuti da Dio: come è possibile trasformare via di nuovo, alle influenze deboli e indigenti, che si desiderio di servire di nuovo?
4:10 Servite i giorni, e mesi, e tempi, e anni.
4:11 Ho paura per te, che talora Forse ho lavorato invano in mezzo a voi.
4:12 Brothers, Ti scongiuro. Essere come lo sono io. Poiché io, anche, sono come te. Non mi hai ferito a tutti.
4:13 Ma si sa che, nella debolezza della carne, Ho predicato il Vangelo a voi per un lungo periodo di tempo, e che le prove sono nella mia carne.
4:14 Non hai disprezzare o rifiutare me. Ma invece, mi hai accettato come un angelo di Dio, anche come Cristo Gesù.
4:15 Dunque, dove è la vostra felicità? Per offro a voi testimonianza che, se si potrebbe fare, avresti cavati gli occhi e che li avrebbe dato a me.
4:16 Allora, sono diventato vostro nemico dicendovi la verità?
4:17 Essi non sono imitando bene. E sono disposti a escludervi, in modo che li si potrebbe imitare.
4:18 Ma essere imitatori di ciò che è buono, sempre in senso buono, e non solo quando io sono presente con voi.
4:19 I miei figli piccoli, Io sto dando alla luce di nuovo, fino a quando non sia formato Cristo in voi.
4:20 E vorrei volentieri essere presente con voi, anche adesso. Ma vorrei cambiare la mia voce: per mi vergogno di te.
4:21 Dimmi, voi che volete essere sotto la legge, non avete letto la legge?
4:22 Perché è scritto che Abramo ebbe due figli: una per una serva, e uno da una donna libera.
4:23 E colui che fu del servo è nato secondo la carne. Ma che era della donna libera nasce dalla promessa.
4:24 Queste cose sono dette attraverso un'allegoria. Per questi rappresentano i due testamenti. Certamente quello, sul monte Sinai, dà vita fino alla servitù, che è Agar.
4:25 Per Sinai è un monte dell'Arabia, che è legato alla Gerusalemme del tempo presente, e serve con i suoi figli.
4:26 Ma che Gerusalemme che è sopra è libero; lo stesso è nostra madre.
4:27 Per è stato scritto: "Rallegrarsi, O sterile, se non si concepisca. Burst avanti e gridare, anche se non si danno nascita. Per molti sono i figli della desolata, anche più di lei che ha un marito. "
4:28 Ora noi, fratelli, come Isacco, sono figli della promessa.
4:29 Ma proprio come allora, lui che era nato secondo la carne perseguitava che era nato secondo lo Spirito, così anche ora.
4:30 E che cosa dice la Scrittura? "Caccia via il servo donna e suo figlio. Per il figlio di un servo donne non devono essere un erede con il figlio di una donna libera ".
4:31 E così, fratelli, non siamo i figli della serva, ma piuttosto di una donna libera. E questa è la libertà con cui Cristo ci ha liberati.

Galati 5

5:1 Restare fermo, e non essere disposti ad essere di nuovo tenuto dal giogo della servitù.
5:2 Ecco, io, Paolo, dire a voi, che se sei stato circonciso, Cristo sarà di alcun beneficio per voi.
5:3 Io ancora una volta testimonianza, su ogni uomo circoncidere se stesso, che egli è obbligato ad agire secondo tutta la legge.
5:4 Stai per essere svuotato di Cristo, voi che vengono giustificati dalla legge. Hai caduto in disgrazia.
5:5 Per nello spirito, per fede, attendiamo la speranza di giustizia.
5:6 Per in Cristo Gesù, né la circoncisione né incirconcisione prevale su qualsiasi cosa, ma la fede che opera per mezzo della carità.
5:7 È stato eseguito bene. Quindi, ciò che ha impedito, che non avrebbe ubbidire alla verità?
5:8 Questo tipo di influenza non è da lui, chi ti sta chiamando.
5:9 Un po 'di lievito corrompe tutta la massa.
5:10 Ho fiducia in te, nel Signore, che si accetta niente del genere. però, colui che disturba si porterà il giudizio, chiunque egli sia.
5:11 E per quanto riguarda me, fratelli, se io predico ancora la circoncisione, perché sto ancora soffrendo persecuzioni? Per poi lo scandalo della croce sarebbe stata fatta vuoto.
5:12 E vorrei che coloro che ti disturba sarebbero strappati via.
5:13 Per te, fratelli, sono stati chiamati a libertà. Solo non è necessario effettuare la libertà in un'occasione per la carne, ma invece, servire l'un l'altro attraverso la carità dello Spirito.
5:14 Per tutta la legge è adempiuta da una sola parola: "Amerai il tuo prossimo come te stesso."
5:15 Ma se vi mordete e divorate a vicenda, stare attenti che non distruggervi gli uni dagli altri!
5:16 Allora, dico: Camminare nello Spirito, e non sarà possibile soddisfare i desideri della carne.
5:17 Per la carne desidera contro lo spirito, e lo spirito contro la carne. E poiché questi sono uno contro l'altro, Non si può fare quello che vuoi.
5:18 Ma se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la legge.
5:19 Ora le opere della carne sono manifeste; loro sono: fornicazione, lussuria, omosessualità, indulgenza verso se stesso,
5:20 la porzione di idoli, uso di droga, ostilità, litigiosità, gelosia, ira, liti, dissensi, divisioni,
5:21 invidia, omicidio, ebbrezza, orge, e simili. A proposito di queste cose, Io continuo a predicare a voi, come ho predicato a voi: che coloro che agiscono in questo modo non è ottenere il regno di Dio.
5:22 Ma il frutto dello Spirito è la carità, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, pazienza,
5:23 mansuetudine, fede, modestia, astinenza, castità. Non esiste una legge contro queste cose.
5:24 Per coloro che sono di Cristo hanno crocifisso la loro carne, insieme con i suoi vizi e desideri.
5:25 Se pertanto viviamo dello Spirito, dovremmo anche camminare secondo lo Spirito.
5:26 Cerchiamo di non diventare desideroso di gloria vuoto, provocando l'un l'altro, invidiando l'un l'altro.

Galati 6

6:1 E, fratelli, se un uomo è stato superato da alcun reato, voi che siete spirituali dovrebbe incaricare qualcuno come questo con uno spirito di clemenza, visto che voi stessi potrebbe anche essere tentati.
6:2 Portare pesi gli uni degli, e così rendi adempiere la legge di Cristo.
6:3 Per se qualcuno ritiene di essere qualcosa, anche se può essere nulla, egli inganna se stesso.
6:4 Quindi lasciate che ognuno di dimostrare la propria opera. E in questo modo, egli avrà gloria in se stesso solo, e non in un altro.
6:5 Per ognuno deve portare il proprio fardello.
6:6 E lasciò che viene insegnata la Parola discutere con colui che sta insegnando a lui, in ogni senso buono.
6:7 Non scegliere di vagare fuori strada. Dio non è quello di essere ridicolizzata.
6:8 Per qualunque cosa l'uomo avrà seminato, che ancora mieterà. Per chi semina nella sua carne, dalla carne egli anche raccoglierà corruzione. Ma chi semina nello Spirito, dallo Spirito egli raccoglierà vita eterna.
6:9 E così, Non siamo carenti di fare il bene. Per a tempo debito, mieteremo a colpo sicuro.
6:10 Dunque, mentre abbiamo tempo, dovremmo fare opere di bene verso tutti, e soprattutto verso coloro che sono della famiglia della fede.
6:11 Considerare che tipo di lettere che ho scritto, di mia propria mano.
6:12 Infatti, come molti di voi come desiderio di piacere nella carne, costringono a farsi circoncidere, ma solo in modo che non soffrano la persecuzione della croce di Cristo.
6:13 E ancora, né fare essi stessi, che sono circoncisi, mantenere la legge. Anziché, vogliono farvi circoncidere, in modo da potersi gloriare della vostra carne.
6:14 Ma lungi da me per la gloria, che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo è crocifisso a me, io per il mondo.
6:15 Per in Cristo Gesù, né la circoncisione né incirconcisione prevale in alcun modo, ma vi è una nuova creatura.
6:16 E chi segue questa regola: possono la pace e misericordia su di loro, e su tutto l'Israele di Dio.
6:17 Per quanto riguarda le altre questioni, lasciare che nessuno mi procuri fastidi. Per io porto le stigmate del Signore Gesù nel mio corpo.
6:18 La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia con il vostro spirito, fratelli. Amen.