Paul's Letter to the Phillipians

Philippians 1

1:1 Paul è Timuteu, ghjurnatanti di Ghjesù Cristu, à tutti i santi, a Cristu, Cristu chì sò à Filippu, incù l 'viscuvi e deacons.
1:2 Grazia è pace à voi, da Diu, u nostru Babbu è da u Signore Ghjesù Cristu.
1:3 I ludà à u mio Diu, cu tutti i memòria di voi,
1:4 sempre, in tutte e mio preghere, facennu prichera hè per tutti voi cun aligria,
1:5 per via di u vostru cummunione in u Vangelu di u Cristu, da u primu ghjornu ancu finu à avà.
1:6 I sugnu cunvinta di sta cosa assai: chì quellu chì hà iniziatu sta bè u travagliu in voi vi migliurà è, ind'è u ghjornu di a nascita di Ghjesù.
1:7 So dunque, hè diritta per mè à sentu issu modu di tuttu di voi, perchè tù I tèniri a lu me cori, è perchè, in u mio catene è in la difisa e cunferma di lu Vangelu, voi tutti sò inghjennà di a mo gioia.
1:8 Di Diu hè u mio esse tistimone come, ind'a lu cori di Cristu, I tantu per tutti i di tù.
1:9 E issu ti preiu: chì a vostra carità pò latte di più, è più, cù a cunniscenza è cù tutte e intelligenza,
1:10 tantu chi vi pò esse cunfirmatu in ciò chì hè megliu, in ordine chì vi pò esse sinceru, è senza offisa nantu à u ghjornu di u Cristu:
1:11 chinu cu lu fruttu di la justizzia, per mezu di Ghjesù Cristu, in la so gloria e lode di Diu,.
1:12 Now, Gianfranco, I vulete voi à sapè chì e cose chì tocca à mè hè accadutu per u prugressu di u Vangelu,
1:13 in una tale manera chì u mio catene anu palisatu a Cristu, in ogni locu di u dirittu è in tutte e altre tali lochi.
1:14 E tanti da mezu à i fratelli in lu Signore, addivintannu cunvinta à traversu u mio catene, sò avà assai una curaghjosa a parlà u Verbu di Diu, senza timore.
1:15 sicuru, qualchi fà cusì ancu per via di centu è sdignu; è altri, troppu, fà cusì per via di una bona vuluntà di predicà u Cristu.
1:16 Certi attu fora di carità, sapennu chi aghju statu nominatu di lu difesa di u Vangelu.
1:17 ma autri, fora di sdignu, annunziari Christ insincerely, ddu jornu chi lu so difficultà li pesa a mio catene.
1:18 Ma ciò chì ùn lu conta? Finchè, da tutti i mezi, s'ellu sottu scusa, o in truculent, Cristu hè annunziatu. È à st'ora, I aligria, e nc'est, I vi cuntinuà à aligria.
1:19 Di u sacciu chi sta mè vi vene à u salvamentu, à traversu u to prigheri è sottu à u servìziu di u Spìritu di Ghjesù Cristu,
1:20 par via di u me propriu aspittavanu è spiranza. Per a nenti ti I esse cunfusi. inveci, cu tutti i canusciri, avà cum'è sempre, Cristu sarà glurificatu in u mio corpu,, assicutatu da a vita, o da a morti.
1:21 Per à mè, à campà hè u Cristu, è à more hè intiressi.
1:22 È mentre I campà in u banditu, per mè, ci hè u fruttu di opere. Ma ùn a sò micca ch'e avissi sceglie.
1:23 Per Je cherche constrained trà i dui: avè una brama à esse sciugghiu è à esse cù u Cristu, chì hè a cosa luntana megliu,
1:24 ma poi a tene in a carne hè necessariu per u vostru nome.
1:25 È avè sta sicuru, Lu sacciu ca ju ti stà è ch'e ti cuntinuà à stà cun tutti i di tù, per u vostru prugressu è di a to gioia in la fede,
1:26 cusì chì u vostru esultazione pò latte à Cristu per mè, à traversu u mio ritornu à voi dinò.
1:27 chì solu u to cumpurtamentu esse degni di u Vangelu di u Cristu, cusì, s'ellu I vultà è vede voi, o s'ellu, assenza, I sente circa tù, ancora, vi pò suppurtari, però cun unu spiritu, cù una menti, ca travagghia inseme per a fede di u Vangelu.
1:28 È à nunda esse spavintati da u aversàrii. Per ciò chì hè per elli hè un 'occasioni di punition, hè à voi un 'occasioni di a salvezza, e chistu è da Diu.
1:29 Per stu hè statu datu à voi nantu à nomi di u Cristu, micca solu cusì chì vi pò crede in ellu, Ma ancu cusì chì vi pò soffre cun ellu,
1:30 tra in u listessu lotta, di un tipu chi voi dinù aghju vistu in mè, è chì tù avà sò intesu da mè.

Philippians 2

2:1 dunque, s'ellu ci hè alcunu cunsulazione in Cristu, ogni solace di carità, ogni addiventanu amici di u Spìritu Santu, ogni sentimenti di commiseration:
2:2 compie a mio gioia da avè u listessu intelligenza, presa à u listessu carità, essa di una menti, cù u listessu sintimentu.
2:3 Chì nunda esse fatta da sdignu, nè in vanu a gloria. inveci, in Megliu, chì ognunu di voi esteem 'altri à esse megliu chè ellu stessu.
2:4 Chì ognunu di voi ùn guardà à esse u vostru propriu, Ma piuttostu a si scrivenu à altri.
2:5 Per sta capisci in voi hè dinù in Cristu:
2:6 chì, si ch'ellu era in la forma di Diu,, ùn guardà parità cù Diu, calcosa à esse pigliatu.
2:7 inveci, si viutò sè stessu, pigghiannu la forma di un servu, esse fatti in u ritrattu di l'omi, e accittà u statu di un omu.
2:8 sè stessu ch'ellu abbassatu, addivintannu ubbidienti ancu à i morti, ancu i morti di u Cross.
2:9 A causa di stu, Diu hà dinù ellu innalzatu e cci ha datu un nomu chi hè sopra à ogni nomu,
2:10 cusì, à u nome di Ghjesù, ogni ghjinochju avissi a santa, di quelli chì in lu celu, di quelli chì nantu a terra, è di quelli chì in lu nfernu,
2:11 e tantu chi ogni lingua avissi a cunfessu chì u Signore Ghjesù Cristu, hè in a gloria di Diu, u Patre.
2:12 e accussi, u mio più amatu, cum'è voi sò sempre ubbiditu, micca solu in a mo prisenza, , ma ancu di più tantu avà in u mio sustegnu: sfurzari a to salvezza cu lu scantu e trimannu.
2:13 Per hè Diu, chì travaglia à voi, sia tantu cum'è à sceglie, e accussì comu fari pi cuntu, in accordu cù a so 'bona vuluntà.
2:14 È fà tuttu senza murmuriànnusi o tricatu.
2:15 So pò tù sia senza sb, sèmplice figlioli di Diu,, senza rietta, in u mezu di una nazione dépravé è perversa, à mezu à i quali tu làcrimi, comu luci in lu mondu,
2:16 presa di u Verbu di vita, sinu à a mo glòria in u ghjornu di u Cristu. For I Ùn sò fàlanu in vanu, nè hannu I affannusu in vanu.
2:17 nc'est, si sugnu a esse immolated per via di u sacrifiziu è serviziu di a to fede, I aligria è ludà incù tutti i di tù.
2:18 È più di stu sicuramenti, tu avissi dinù aligria è ludà, inseme cun mè.
2:19 Avà spergu in u Signore Ghjesù à mandà Timothy à voi prestu, in ordine chì mi pò esse ncuraggiati, quandu I sapè ciò chì vi tocca.
2:20 For I hannu nuddu àutru cù una menti com'è agriculturalist, chì, cu affettu sinceru, hè mancia per voi.
2:21 Per tutti cercanu e cose chì sò d 'iddi stissi, micca ciò chì sò di Ghjesù Cristu.
2:22 So cunnosce sta tistimunianza di Ghjesù: chì cum'è un figliolu cù un babbu, cusì hà si facenu cun mè in u Vangelu.
2:23 dunque, Spergu à mandà à voi ci n'hè, appena ti vede ciò chì ne sarà di mè riguardu.
2:24 Ma speru a lu Signuri ca mi seriu hà dinù u ritornu à voi, appena.
2:25 Avà aghju cunzidiratu lu vole à mandà à voi Epaphroditus, u mo fratellu, è co-female, e lu cumpraturi suldatu, è un sirvia a mio bisogni, ma u vostru apòstulu.
2:26 di sicuru, ch'ellu hà bramatu tuttu di voi, è ch'ellu fù Oghji perchè tù avia intesu ch'ellu era malatu.
2:27 Per ch'ellu era malatu, ancu à i morti, Ma Diu, pigliò pietà nantu ad ellu, è micca solu nantu à u, : ma rintra u seriu dinù, tantu ca ju nun avissi a tristezza nantu à a tristezza.
2:28 dunque, I mandò più famusu, in ordine chì, par veda u novu, pudite aligria, e I pò esse senza duluri.
2:29 e accussi, ellu riceve cù tutti i gioia in lu Signore, è di curà tutti i quelli chì cum'è ellu cun onori.
2:30 Per ellu fù purtatu vicinu ancu à a morte, di u nome di i travagli di u Cristu, dànnulu nantu à a so vita, tantu ca si putissi rigalà ciò chì fù mancava da a vi tocca u mio serviziu.

Philippians 3

3:1 Riguardu à avutri cosi, mio fratelli, aligria in lu Signore. U Populu ùn hè micca sicuru m'annuiavu per mè di scrive a listessa cosa à voi, Ma per voi, ùn hè necessaria.
3:2 Talìati di cani; accura di quelli chì u travagliu u male; accura di quelli chì sò divisive.
3:3 Per noi sò i discìpuli, noi chì serve à Diu, in lu Spìritu Santu, è chì a gloria in Cristu, avè micca sicuru in u banditu.
3:4 campavanu, I putissi stari sicuru dinù in u banditu, per sè qualchissia altru pari hannu canusciri in u banditu, più cusì fà I.
3:5 For I fù circumcidit u VIII ghjornu, di u scorta di Israel, da a tribù di Benjamin, un ghjocu tra Ebrei. Sicondu à u drittu, I era un Fariseu,;
3:6 secondu a soi, I Pirsicutò la Chiesa di Diu,; secondu a ghjustizia chì hè in u drittu, I vissutu senza sb.
3:7 Ma e cose chì era statu à u mio intiressi, u listessu hannu I cunsidarata una perdita, di u nome di u Cristu.
3:8 ma in verità, I guardà tuttu à esse una perdita, perchè di u sapè fà tèrzu di Ghjesù Cristu, u mio Signore, per cui palu aghju suffertu a perdita di tuttu, cunziddirannu lu tuttu a èssiri comu Brandung, tantu ca mi pò vince u Cristu,
3:9 e tantu chi vi pò esse trova in ellu, Ùn avendu u mio ghjustizia, chì hè di u drittu, Ma ciò chì hè di i fidi di nascita di Ghjesù, u ghjustizia in a fede, chì hè di Diu,.
3:10 So ti u sacciu, è a putenza di a so risurrezzione, e lu addiventanu amici di a so Passioni, avè statu cumminati, secondu à a so morte,
3:11 se, da parechji mezi, I pò avè parte à a risurrezzione, chì hè da a morti.
3:12 Si hè micca cum'è s'è aghju digià ricevutu stu, o era digià perfetta. Ma piuttostu I cuntinuazione, cusì chì da certi mezi I pudia avè, chì in ch'e aghju digià statu ghjunta da Cristu.
3:13 I Fratelli, I ùn guardà chì aghju dighjà ghjunta stu. inveci, I fà una cosa: scurdannusi cose chì sò daretu à, e seriu và versu e cose chì sò davanti,
3:14 I cuntinuazione di u scalu, u premiu di a chiamari cilesta di Diu, in Cristu.
3:15 dunque, cum'è tanti di noi cum'è sò esse pirfiziunatu, fàriti 'accordu di stu. E se a qualcosa tù accordiu, Diu vi palesani sta a voi dinù.
3:16 ma in verità, sicondu puntu avemu lompi, adurèmulu esse di u listessu la menti, è adurèmulu fermani in u listessu duminiu.
3:17 Esse Epistemica di mè, Gianfranco, è fighjulatu à quelli chì sò, camminare similaire, cum'è vo avete vistu da u nostru esempiu.
3:18 Di parechje persone, di u qual'e aghju spessu ti lu dissi (è avà vi dicu,, piinghjendu,) sò camminare comu nimici di l 'croce di u Cristu.
3:19 A so fine hè distruzioni; u so diu hè a so lingua; è a so gloria di Cristu hè in i so brutteghji: per ch'elli sò ammugghiateddu a li cosi tirreni.
3:20 Ma u nostru modu di vita hè in lu celu. È da u celu, troppu, avemu awaited lu Sarvaturi, u nostru Signore Ghjesù Cristu,
3:21 chì hà da scambià u corpu di a nostra murtalità, secondu a forma di u corpu di a so gloria, par via di u putere da ch'ellu hè ancu capaci à assughjittà tutte e cose à sè stessu.

Philippians 4

4:1 e accussi, me fratelli è più amatu e più chjamà, mio gioia e mio curona: addritta ferma in issa manera, in lu Signore, più amatu.
4:2 I dumandu Euodia, è ti precu Syntyche, aviri lu stissu si capisci in u Signore,.
4:3 È I dinù dumandu tù, cum'è u mio veru cumpagnu, a li quelli chì e donne chì hanu affannusu incù mè in u Vangelu, cù Clement è u restu di u mio assistenti, quale nomi sò in u libru di A Vita.
4:4 Aligria in lu Signore, sempre. Nannuccia, A vi dicu, aligria.
4:5 Rallègrinu u vostru pudori esse cunnisciutu à tutti l 'omi. U Signore hè vicinu à.
4:6 Esse bramosu di nunda. Ma in tutti i cosi, cù prichera, cù atti di lode, Chì a to prichendu esse fattu cunnosce à Diu.
4:7 E accussì ti la paci di Diu,, chi vinci tuttu intelligenza, surviglià a to cori è menti in Cristu.
4:8 Riguardu à u restu, Gianfranco, ciò chì hè vera, ciò chì hè arancia, ciò chì hè ghjustu, ciò chì hè santu, ciò chì hè degnu d'esse amatu, ciò chì hè di bona emis, s'ellu ci hè ogni virtù, s'ellu ci hè ogni disciplina praiseworthy: midità in issi.
4:9 Tutti i cosi chì tù aghju amparatu è accettatu è intesu è vistu in mè, fà sti. E accussì ti lu Diu di la paci sia cun voi.
4:10 Ora I aligria in lu Signore tantìssimu, perchè infini, dopu à qualchi tempu, u to sentimenti per mè sò maestri di novu, cum'è pricidentimenti tu si 'ntisi. Per voi avìa statu preoccupied.
4:11 I nun sugnu dicendu sta comu si fora di bisognu. Per chì aghju amparatu chì, in qualunque statu ju sugnu, hè abbastanza.
4:12 I sapè esse abbassatu, e sacciu quantu à latte. I sugnu priparatu di qualcosa, partutu: sia à esse piena o à esse a fame, sia à hannu abbunnanza, o à suppurtà scarsizza.
4:13 Tuttu hè pussibule in u quale mi hà da cunfurtà.
4:14 ma in verità, vo avete fattu bè di sparte a mo tribulazione.
4:15 Ma sapete dinù, O Philippians, chi à u principiu di u Vangelu, quandu mi misi fora da a Macedonia, micca una sola, église, spartutu incù mè in u pianu di dannu e pigghiànnusi, francu tu sula.
4:16 Per voi ancu mandatu à Tissalònica, una volta, è po un secondu tempu, per ciò chì hè interessante à mè.
4:17 U Populu ùn hè chì Cercu un donu. inveci, I cercanu i frutti chì abbunna à a vostra prò.
4:18 Ma aghju tuttu in abbunnanza. I sò stati pieni à, avè ricevutu da Epaphroditus e cose chì voi mandatu; chistu è un ciauru di ducizza, un sacrifiziu accittabbili, piacia à Diu,.
4:19 È pò u mio Diu rializzari tutte e to primure, secondu a so 'ricchizzi a so gloria in Cristu.
4:20 È à Diu, u nostru Babbu esse a gloria sempre è mai. amen.
4:21 Fannu ogni santu in Cristu.
4:22 I fratelli chì sò cun mè vi fannu. Tutti i santi vi fannu, Ma soprattuttu à quelli chì sò di soi l'Caesar.
4:23 Pò l 'grazia di u nostru Signore Ghjesù Cristu sia cù u vostru spiritu. amen.