Ch 14 Mark

Mark 14

14:1 Ora la festa di Pasqua è di i pani hè dui ghjorni, luntanu. È i capi di i sacrificadori, è i scribi, circàvanu un mezi da ch'elli putissi deceitfully iddhu è tumballu.
14:2 Ma li dìssenu, "Non nantu à u ghjornu festa, paura chì forse ùn ci pò esse un tamantu à mezu à i populi ".
14:3 È quandu era in Bethania, in a casa di Simone u lepers, è fù persone à manger, una donna, ghjuntu avè un saccu vasettu di prufume, di spikenard preziosu. È rumpia apartu lu saccu alabastru, hà spartu lu più di u so capu.
14:4 Ma ùn ci era qualchi diventatu scandalizatu nella stissi e ca stati dicennu: "Cosa hè a causa di sta ghjetti di u prufume?
14:5 Per stu prufume avissi statu vindutu per più di trè centu dinari e statu datu à i pòvari. "È si murmutulàvanu contru à u so.
14:6 Ghjesù rispose:: "Permette a so. Cosa hè a raghjoni chì vo datti u so? Idda ha fattu 'na bona azioni di mè.
14:7 Per u disgraziatu, avete cun voi sempre. È pè vo vulete, vi sò capaci à fà u bè per elli. Ma tu nun hannu mè sempre.
14:8 Ma ella, hà fattu ciò chì ci pudia. Idda hè ghjuntu in nanzu à versatu mio corpu di inhumation.
14:9 Amen a vi dicu à voi, vòglia chì sta Vangelu sarà annunziatu tutta di u mondu sanu, ciò ch'ella hà fattu dinù sarà ditta, in mimoria di u so ".
14:10 È Judas Ischariot, unu di i dòdeci, n'andò, à i capi di i sacrificadori, in ordine per fà piglià à elli.
14:11 Allora, nantu à sente si, stati ella. È ch'elli ci prumisi ca ci avissi a dari dinari. E si circava un menzu favurèvule da ch'ellu mèttelilu.
14:12 È nantu à u primu ghjornu di i pani, quand'elli immolate i Pasqua, i so discìpuli li disse:, "Unni vuliti noi à vai è priparà per voi à manghjà i Pasqua?"
14:13 È li mandò dui di i so discìpuli, è li disse:: "Vai in la cità. È voi vi risponde à un omu chì purtava una ciaretta d 'acqua; ellu seguità.
14:14 E unni si vi sò intruti, dì à u pruprietariu di a casa, 'U Maestru dice: Induve hè u mio sala, induve I pò manghjà i Pasqua cu mio discìpuli?'
14:15 Eppo vi mostra voi una grande cenacle, tinuti ammubulata. è ci, vi sarà appròntimu per noi. "
14:16 È i so discìpuli partutu è si n'andò in i cità. È si trova cum'è ellu li avia dettu. È si priparavanu a Pasqua.
14:17 Allora, quandu sera ghjuntu, si ghjuntu cù i dòdeci.
14:18 È mentre persone è, mangiare, cun elli, a tavula, Ghjesù li rispose:, "Amen a vi dicu à voi, chì unu di voi, Cu mangia cun mè, à mè vi tradisci. "
14:19 Ma cumincionu à esse di duluri è a diciaraghju, unu in un tempu: "Serà I?"
14:20 È li disse:: "Hè unu di i dòdeci, chì Orsay a manu incù mè in u fornu.
14:21 è infatti, u Figliolu di l'omu và, cum'è si hè stata scritta da ellu. Ma guai à chi 'omu da i quali u figliolu di l'omu hà da esse tradutu. Ci saria megliu per chì omu si avia mai nasciutu. "
14:22 È mentre, mangiare, cun elli, Cristu pigliò u pane. E libert lu, u spizzò, è dete à elli, è li disse:: "I Pagliacci. Ghjè u mio corpu. "
14:23 È avè fattu u sœur, ludava, ch'ellu dete à elli. Allora tutti betu da lu.
14:24 È li disse:: "Ghjè u mo sangue, di a nova allianza, chi sarà hangar di tanti.
14:25 Amen a vi dicu à voi, chì ti facciu più vivu da stu fruttu di a vigna,, nzinu a ddu jornu, quannu ti vìviri novu in u regnu di Diu. "
14:26 È avè cantatu un innu, si n'andò fora à la muntagna di l'Olivi.
14:27 È Ghjesù li disse:: "U vi tutti arrassarisi da mè in sta nuttata. Per chì hè statu scrittu: 'I vi batta u pastore, è i pecuri sarà sparnucciatu. '
14:28 Ma dopu aghju rinvivitu, Andaraghju davanti à voi a Galilea. "
14:29 Tandu à Petru li disse:, "Ancu s'è tutti vi sò falatu luntanu da voi, ma nun ti ".
14:30 È Ghjesù li disse:, "Amen a vi dicu à voi, chì issu ghjornu, in sta nuttata, nanzu u ghjallu hè ribocca so voce volte, tu mi dicisti trè volte ".
14:31 Ma iddu parrava più, "Anchi si I ci vole more, lungo, cun voi, I Ùn vi dicisti tu. "È tutti i parrava similaire dinù.
14:32 E si n'andonu à un duminiu, Paese, da u nomu di Getsemani. È li disse à i so discìpuli, "Posa quì, mentri ti preiu ".
14:33 E pigghiò Peter, è James, è John cun ellu. E accuminciò a èssiri a paura è wearied.
14:34 È li disse:: "I mo anima è dulenti, ancu à i morti. Statti quì è esse attenti. "
14:35 E quannu iddu avia, si misi supra un pocu manere, si lampò prostrate nant'à a terra. Eppo fècenu sta chì, s'ella era pussibule, l 'ora pudia passà luntanu da u.
14:36 È li disse:: "abba, Babbu, tutti i cosi sò pussibuli à vo. Piglià stu sœur da mè. Ma lascia corre, micca cum'è I sarà, ma comu ti ".
14:37 È si n'andò, è truvò addurmintati. È li disse: Peter: "Simon, sò vo addurmintati? tù ùn era capaci à esse attenti per una ora?
14:38 Watch è priari, tantu chì ùn si pò entre in tentazione. U spiritu infatti hè vuluntaria, Ma u banditu hè debuli. "
14:39 È ci andava dinò, Ghjesù pricava, dicendu li stissi e parolle.
14:40 È nantu à vultà, si truvò addurmintati ma dinò, (di i so ochji èranu pisanti) è ch'elli ùn sapete cumu a arrispùnniri a ellu.
14:41 Eppo ghjunse di u terzu tempu, è li disse:: "Dormi avà, è piglià riposu. Hè abbastanza. L'ora hè ghjuntu. eccu, u Figliolu di l'omu hà da esse tradutu in i mani di i piccatori.
14:42 Arrìzzati, amuninni. eccu, quellu chì m'hà da piglià hè vicinu. "
14:43 E mentri iddu era ancora parlà, Judas Ischariot, unu di i dòdeci, ghjunghjì, e cun ellu era un grande ghjente cù spade e club, mandatu da i capi di i sacrificadori, è i scribi, è l 'anziani.
14:44 Avà u so betrayer avia datu li un segnu, dicendu:: "Si i quali I ti basgià, ghjè iddu. Pigghiari pussessu di l ', e cci porta luntanu cautiously. "
14:45 È quandu era ghjuntu, subitu: dicimi vicinu à u, dissi: "Ti salutu, Master!"È u basgiò.
14:46 Ma erunu li manu nantu ad ellu, è u tinia.
14:47 Poi un certu unu di quelli chì, standing, dicimi una spada, un colpu à u servitore di u suvranu sacrificadore, è tagghiò arechja.
14:48 È in risposta, Ghjesù li disse:: "Ti vi misi fora à apprehend à mè, cum'è s'ellu un latrone, cù spade e club?
14:49 Daily, I era cun voi à u insignamentu di tèmpiu, è tù ùn pigghiari pussessu di mè. Ma in stu modu, l 'politica sò cumpiimentu. "
14:50 Tandu i so discìpuli, lascendu daretu à, tuttu fughje luntanu.
14:51 Avà un certu ghjovanu ci seguita, avè nunda ma un linzolu bedda più sè stessu. Allora pigliò pussessu di l '.
14:52 ma ellu, riggittannu i linu finu, scappò da a li nudi.
14:53 È ch'elli purtonu di Ghjesù à u suvranu sacrificadore. È tutte e sacrificadori è i scribi, è l 'anziani cuncorse.
14:54 Ma Petru u seguita da una distanza, ancu in a corte di u suvranu sacrificadore. E iddu s'assittau cu la grazia à u focu, è ellu stessu rinfriscà.
14:55 ma in verità, i capi di i sacrificadori è i web cunzigghiu circava servi contru à Ghjesù,, tantu ca si cci putissi eva a morte, è si trova nimu.
14:56 Per parechji parrava falzi servi contru ad ellu, Ma i so servi micca affattu.
14:57 È certi sò, svighjatu, straziatu falzi tistimone contru ad ellu, dicendu::
14:58 "Perchè avemu intesu u dì, 'I vi arruvinà stu tempiu, fatta cù e mani, è ind'a trè ghjorni I vi custruì un altru, micca fatta cù e mani. "
14:59 È i so servi micca affattu.
14:60 E lu suvranu sacrificadore, svighjatu in mezu à i so, dumanda à Ghjesù, dicendu:, "Ùn avete nunda à dì in risposta à i cosi chì sò purtati contru à voi da issi passi?"
14:61 Ma ellu hè mutu è detti senza risposta. Nannuccia, u suvranu sacrificadore ellu dumanda, è li disse: à u, "Sì tù chì u Cristu, u Figliolu di u Diu, Benedettu?"
14:62 Allora Ghjesù disse:: "Sò. E tu ti vede u Figliolu di l'omu à pusà à a manu dritta di la putenza di Diu, è chjusa cù i nivuli di u celu. "
14:63 Allora u suvranu sacrificadore, nun c'era dubbiu: i so panni,, dissi: "Pirchì nun avemu sempri bisognu di i tistimoni?
14:64 Avete intesu u i'mpiu. Cumu ùn si parenu à voi?"È tutti i ellu cundannati, comu cuscenza à i morti.
14:65 È qualchi accuminciò a jttari nantu ad ellu, è à copre u so visu è à batta u cu pugni, è a diciaraghju, "Induvina." E i servitori ellu creata incù u palme e so mani,.
14:66 Mentre Petru era in la corti sottu, unu di l 'serve di u suvranu sacrificadore ghjuntu.
14:67 È quandu ella avia vistu à Petru riscalda sè stessu, idda fissu fissu, è hà dettu: "You dinù era cù Ghjesù di Nazaretta."
14:68 Ma ellu nigatu lu, dicendu:, "I nè sapè, nè capisce ciò chì voi dicendu." È si n'andò fora, in fronte di a corte; è un ghjallu cantò.
14:69 poi dinò, quandu un maidservant ellu avia vistu, ch'ella cuminciò a diri a lu quà, "Per stu hè unu di li".
14:70 Ma ellu nigatu è dinò. E dopu un pocu, dinò quelli chì si tense vicinu li disse: Peter: "In verità,, vi sò unu di li. Per tè, troppu, sò un Galileu. "
14:71 Allora cuminciò to curse è à ghjurà, dicendu:, "Per I nun lu sacciu st'omu, circa quale vi sò lingua. "
14:72 E subitu u ghjallu cantò dinò. E Petru si rammintò a parolla chì Ghjesù avia dettu à u, "Prima u gaddu ​​canta volte, tu mi dicisti trè volte. "E accuminciò a chianciri.